Luciano Emmer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luciano Emmer nel 1951

Luciano Emmer (Milano, 19 gennaio 1918Roma, 16 settembre 2009) è stato un regista e sceneggiatore italiano. Ha realizzato numerosi film e alcuni tra i più importanti documentari d'arte.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Conquistata negli anni quaranta rinomanza internazionale con numerosi documentari artistici realizzati con Enrico Gras, nel 1950 esordì nel film a soggetto, all'insegna di un neorealismo minore ed episodico, con Domenica d'agosto.

Diresse poi altri film: Le ragazze di Piazza di Spagna (1952), Terza liceo (1953) e La ragazza in vetrina (1960), dopo il quale Emmer abbandonò il cinema per la pubblicità e la televisione.

Nel 1990 Emmer tornò al cinema di finzione realizzando Basta! Ci faccio un film, cui seguirono Una lunga lunga lunga notte d'amore (2001) e L'acqua... il fuoco (2003).

Negli ultimi anni girò due film per la televisione: Le fiamme del paradiso (2006), ambientato nel Seicento e Il cardo rosso (2007), film drammatico ambientato nell'Ottocento.

È stato tutor e docente presso l'Accademia ACT MULTIMEDIA di Cinecittà.

I documentari d'arte[modifica | modifica wikitesto]

Per i suoi documentari artistici, Emmer inventò interessanti e suggestivi moduli formali, che caricò di significato affettivo: a differenza di Pier Paolo Pasolini, che propose un manierismo neorealista, visionario e colmo di citazioni d'arte nella ripresa della realtà degradata, Emmer partì dall'opera artistica limitandosi a interpretarla con le riprese.

Carosello[modifica | modifica wikitesto]

Emmer lavorò anche come regista pubblicitario: la stessa sigla del primo Carosello, quella coi vari siparietti che si aprivano uno dopo l'altro, era stata girata proprio da Luciano Emmer. Un'intera generazione di artisti passò davanti alla sua macchina da presa per interpretare gli spot mandati in onda dalla celebre trasmissione preserale: da Totò («Mi faccio un brodo? Ma me lo faccio doppio!») a Walter Chiari («Solo io mi chiamo Yoga»), da Mina (Industria Italiana della Birra) a Carlo Dapporto (Durban's), da Paolo Panelli («Ercolino sempre in piedi») a Aldo Fabrizi («Avanti c'è posto»), da Dario Fo («Supercortemaggiore, la potente benzina italiana») a Sandra Milo («Confidenziale»), da Alighiero Noschese («Un Ramazzotti fa sempre bene!») a Pippo Baudo e Alberto Rabagliati («La famiglia senza guai»), dal Quartetto Cetra («Tricofilina? Sì sì») a Marisa Del Frate («Voglio la caramella che mi piace tanto»), da Edoardo Vianello («Voglio la Vespa!») a Umberto Bindi («Dieta Salus!»).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Anna Medici e Marcello Mastroianni nel film Domenica d'agosto

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guglielmo Moneti, Luciano Emmer, Il Castoro Cinema n. 155, Editrice Il Castoro, 1992
  • Ghezzi Enrico, Francia di Celle Stefano, Mister(o) Emmer l'attenta distrazione, Associazione Cinema Giovani, Torino, 2004

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 1102424