Luciano Emmer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Luciano Emmer nel 1951

Luciano Emmer (Milano, 19 gennaio 1918Roma, 16 settembre 2009) è stato un regista e sceneggiatore italiano. Ha realizzato numerosi film e alcuni tra i più importanti documentari d'arte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Conquistata negli anni quaranta rinomanza internazionale con numerosi documentari artistici realizzati con Enrico Gras, nel 1950 esordì nel film a soggetto, all'insegna di un neorealismo minore ed episodico, con Domenica d'agosto.

Diresse poi altri film: Le ragazze di Piazza di Spagna (1952), Terza liceo (1953) e La ragazza in vetrina (1960), dopo il quale Emmer abbandonò il cinema per la pubblicità e la televisione.

Nel 1990 Emmer tornò al cinema di finzione realizzando Basta! Ci faccio un film, cui seguirono Una lunga lunga lunga notte d'amore (2001) e L'acqua... il fuoco (2003).

Negli ultimi anni girò due film per la televisione: Le fiamme del paradiso (2006), ambientato nel Seicento e Il cardo rosso (2007), film drammatico ambientato nell'Ottocento.

È stato tutor e docente presso l'Accademia ACT MULTIMEDIA di Cinecittà.

I documentari d'arte[modifica | modifica sorgente]

Per i suoi documentari artistici, Emmer inventò interessanti e suggestivi moduli formali, che caricò di significato affettivo: a differenza di Pier Paolo Pasolini, che propose un manierismo neorealista, visionario e colmo di citazioni d'arte nella ripresa della realtà degradata, Emmer partì dall'opera artistica limitandosi a interpretarla con le riprese.

Carosello[modifica | modifica sorgente]

Emmer lavorò anche come regista pubblicitario, la stessa sigla del primo Carosello, dove dei siparietti si aprivano uno dopo l'altro, è stata girata proprio da Luciano Emmer, e che un'intera generazione di artisti è passata davanti alla sua macchina da presa per interpretare gli spot mandati in onda dalla celebre trasmissione preserale: da Totò («Mi faccio un brodo? Ma me lo faccio doppio!») a Walter Chiari («Solo io mi chiamo Yoga»), da Mina (Industria Italiana della Birra) a Carlo Dapporto (Durban's), da Paolo Panelli («Ercolino sempre in piedi») a Aldo Fabrizi («Avanti c'è posto»), da Dario Fo («Supercortemaggiore, la potente benzina italiana») a Sandra Milo («Confidenziale»), da Alighiero Noschese («Un Ramazzotti fa sempre bene!») a Pippo Baudo e Alberto Rabagliati («La famiglia senza guai»), dal Quartetto Cetra («Tricofilina? Sì sì») a Marisa Del Frate («Voglio la caramella che mi piace tanto»), da Edoardo Vianello («Voglio la Vespa!») a Umberto Bindi («Dieta Salus!»).

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Anna Medici e Marcello Mastroianni nel film Domenica d'agosto

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Guglielmo Moneti, Luciano Emmer, Il Castoro Cinema n. 155, Editrice Il Castoro, 1992
  • Ghezzi Enrico, Francia di Celle Stefano, Mister(o) Emmer l'attenta distrazione, Associazione Cinema Giovani, Torino, 2004

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 1102424