Il Cristo proibito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Cristo proibito
Paese di produzione Italia
Anno 1951
Durata 105 min (95 min)
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 1,33:1
Genere drammatico
Regia Curzio Malaparte
Soggetto Curzio Malaparte
Sceneggiatura Curzio Malaparte
Produttore Eugenio Fontana per Exelsa Film
Fotografia Gabor Pogany
Musiche Curzio Malaparte Ugo Giacomozzi
Scenografia Orfeo Tamburi
Interpreti e personaggi
Premi

Il Cristo proibito è l'unico film realizzato da Curzio Malaparte per la Excelsa Film di Roma.

Malaparte può esserne considerato unico autore, infatti curò il soggetto, i dialoghi, la sceneggiatura, il commento musicale e la regia.

Il film come le sue opere scritte, scatenò polemiche, e la critica si pronunciò con giudizi contrastanti, ma le cinque edizioni (italiana, francese, inglese, spagnola, tedesca) valsero alla pellicola un successo fuori Italia e il Gran Premio d'Onore Fuori Classe al Festival Cinematografico di Berlino nel 1951.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Nel 1953 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei migliori film stranieri dell'anno.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Luigi Martellini, Invito alla lettura di Malaparte, Mursia, 1977.
  • Laura, Luisa e Morando Morandini, Il Morandini 2007, Zanichelli, 2006.
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema