Il Cristo proibito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il Cristo proibito
Paese di produzione Italia
Anno 1951
Durata 105 min (95 min)
Colore B/N
Audio sonoro
Rapporto 1,33:1
Genere drammatico
Regia Curzio Malaparte
Soggetto Curzio Malaparte
Sceneggiatura Curzio Malaparte
Produttore Eugenio Fontana per Exelsa Film
Fotografia Gabor Pogany
Montaggio Giancarlo Capppelli
Musiche Curzio Malaparte Ugo Giacomozzi
Scenografia Orfeo Tamburi
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Il Cristo proibito è l'unico film realizzato da Curzio Malaparte per la Excelsa Film di Roma.

Malaparte può esserne considerato unico autore, infatti curò il soggetto, i dialoghi, la sceneggiatura, il commento musicale e la regia.

Il film come le sue opere scritte, scatenò polemiche, e la critica si pronunciò con giudizi contrastanti, ma le cinque edizioni (italiana, francese, inglese, spagnola, tedesca) valsero alla pellicola un successo fuori Italia e il Gran Premio d'Onore Fuori Classe al Festival Cinematografico di Berlino nel 1951.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1953 il National Board of Review of Motion Pictures l'ha inserito nella lista dei migliori film stranieri dell'anno.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Martellini, Invito alla lettura di Malaparte, Mursia, 1977.
  • Laura, Luisa e Morando Morandini, Il Morandini 2007, Zanichelli, 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema