Gene Lockhart

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gene Lockhart

Gene Lockhart (London, 18 luglio 1891Santa Monica, 31 marzo 1957) è stato un attore, cantante e compositore popolare canadese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una coppia con ascendenze inglesi, scozzesi ed irlandesi, Gene Lockhart fece il suo debutto sulle scene all'età di sei anni come danzatore scozzese con la Kilties Band, un gruppo musicale al seguito del 48° Reggimento Canadese[1]. La sua carriera iniziò come cantante e scrittore di canzoni[2], con concerti in Canada spesso apparendo sulle scene con la cantante Beatrice Lillie[1].

Giunto negli Stati Uniti, proseguì la carriera sul palcoscenico, comparendo - fra le altre - nell'operetta Ruddigore di Gilbert e Sullivan, e in riviste quali Handy Man, Sure Fire, Bunk of 1926, di cui fu anche autore, e Ah, Wilderness con George M. Cohan, in scena nella stagione 1933-1934, in cui Lockhart interpretò il personaggio dello zio Sid, ruolo che rimase sempre il suo favorito tra quelli interpretati in teatro[1].

Grazie alla performance in Ah, Wilderness, Lockhart ottenne un contratto con la casa produttrice RKO e uno dei suoi primi ruoli fu nel film By Your Leave (1934), per la regia di Lloyd Corrigan[1], che fu l'inizio per l'attore di una lunga e prolifica carriera di caratterista, tra i più eminenti di Hollywood[2], ugualmente a suo agio nella parte del turpe "cattivo" ma anche in ruoli di personaggi gentili e positivi[2].

Tra gli oltre 140 titoli della sua filmografia, incluse molte pellicole girate sotto l'etichetta della Warner Brothers, da ricordare Un'americana nella Casbah (1938), per il quale Lockhart ottenne una nomination all'Oscar al miglior attore non protagonista[1]. Tra i suoi ruoli più famosi, quello del giudice nel film Il miracolo della 34ª strada (1947).

La figlia June Lockhart è diventata a sua volta un'affermata attrice di cinema e televisione[1].

A Gene Lockhart è dedicata una stella al numero 6307 di Hollywood Boulevard, a Hollywood.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Arthur F. McClure, Alfred E. Twomey e Ken Jones, More Character People, The Citadel Press, 1984, pag. 113
  2. ^ a b c Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. II, pag. 316

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 66676408 · LCCN: n86138588 · GND: 117076104 · BNF: cb14200028f (data)