Trattativa Stato-mafia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Una trattativa indubbiamente ci fu e venne, quantomeno inizialmente, impostata su un do ut des. L'iniziativa fu assunta da rappresentanti delle istituzioni e non dagli uomini di mafia.»

(Corte d'Assise di Firenze, 2012, nelle motivazioni al capitolo dei contatti tra pezzi delle Istituzioni e Cosa nostra inerente alla sentenza d'appello della strage di via dei Georgofili.[1])

Con la locuzione "trattativa Stato-mafia" si fa riferimento ai contatti che secondo la sentenza di primo grado del 20 aprile 2018 sarebbero avvenuti a partire dal 1992 in seguito all'omicidio dell'onorevole Salvo Lima tra esponenti delle Istituzioni e rappresentanti di Cosa nostra[2]. La trattativa sarebbe stata portata avanti a partire dall'inizio della cosiddetta "stagione stragista" al fine di giungere a un accordo, il cui fulcro ipotizzato sarebbe stato, in sintesi, quello di porre fine alle stragi mafiose in cambio di un'attenuazione della lotta alla mafia stessa da parte dello Stato italiano (in particolare in seguito all'attività del pool di Palermo guidato da Giovanni Falcone che aveva condannato nel Maxiprocesso di Palermo centinaia di criminali mafiosi) per giungere a delle forme di reciproca convivenza[3]. La trattativa Stato-mafia sarebbe stato quindi il risultato del ricatto della mafia esercitato attraverso le stragi, al fine di costringere lo Stato a un compromesso. Le varie ipotesi sono state a lungo oggetto di inchieste giornalistiche e di indagini giudiziarie, ormai concluse[4][5][6][7][8][9][10][11]. Secondo alcune fonti, si sarebbe anche potuto parlare, al plurale, di "trattative Stato-mafia"[12][13].

Contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Il maxiprocesso[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Seconda guerra di mafia e Maxiprocesso di Palermo.
I magistrati anti mafia (da sinistra a destra) Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Antonino Caponnetto

L'estrema violenza con cui avvenne la seconda guerra di mafia pose fine alla tradizionale convivenza tra cosa nostra e lo Stato. Con il miglioramento delle metodologie investigative e la creazione del pool antimafia da parte del magistrato Rocco Chinnici (ucciso dalla mafia il 29 luglio 1983 e succeduto da Antonino Caponnetto) fu possibile dare inizio a una serie di indagini contro il fenomeno mafioso siciliano. Grazie all'acquisizione delle testimonianze dei boss mafiosi Salvatore Contorno e Tommaso Buscetta e al continuo lavoro di diversi magistrati tra cui Giovanni Falcone e Paolo Borsellino le indagini portarono all'istruzione e allo svolgimento del maxiprocesso di Palermo. Il processo di primo grado cominciò il 10 febbraio 1986 nell'aula bunker del carcere dell'Ucciardone per poi proseguire con l'appello il 22 febbraio 1989 e infine in Cassazione dove, in seguito alla sostituzione del giudice Corrado Carnevale detto "l'ammazza sentenze", il processo fu concluso il 30 gennaio 1992. La sentenza fu molto severa e vide la condanna della maggior parte degli oltre quattrocento imputati a pesanti pene detentive, mentre i boss furono condannati all'ergastolo.[14]

Origini della trattativa[modifica | modifica wikitesto]

La reazione di Riina al maxiprocesso[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la testimonianza del capomandamento Giovanni Brusca già a partire dal 1990 il capo di cosa nostra, Salvatore Riina, organizzò numerose riunioni della commissione regionale e provinciale per discutere dello sviluppo del maxiprocesso e del suo possibile esito che fino a quel momento sembrava essere favorevole a cosa nostra[15]. Nel corso del maxiprocesso si ebbe un periodo di "sommersione" dell'attività stragista mafiosa che terminò il 9 agosto 1991 con l'omicidio del magistrato Antonino Scopelliti avvenuto in Calabria per depistare gli inquirenti[16]. La volontà del magistrato Giovanni Falcone di sostituire il giudice Carnevale nell'ambito del maxiprocesso però iniziò a destare serie preoccupazioni all'interno dell'organizzazione criminale.[17]

Secondo la testimonianza di Filippo Malvagna, nipote del boss catanese Giuseppe Pulvirenti, alla fine del 1991, quando ormai era a tutti chiaro l'esito che avrebbe avuto il maxiprocesso, si tenne nei pressi di Enna una riunione della commissione regionale in cui fu deciso di dare inizio a una serie di azioni terroristiche contro lo Stato e le istituzioni che sarebbero state rivendicate dalla sigla "Falange Armata", in modo da evitare almeno inizialmente il diretto collegamento con cosa nostra.[18] Secondo quanto raccontato da Malvagna in quella riunione Riina pronunciò la frase: «Qua bisogna prima fare la guerra per poi fare la pace».[19]

Secondo i boss Giovanni Brusca e Antonino Giuffrè nel dicembre del 1991 il "capo dei capi" Salvatore Riina organizzò una riunione della commissione provinciale di Palermo per ribadire la decisione di iniziare una guerra contro lo Stato già comunicata precedentemente alla commissione regionale. Nel corso della riunione Riina decretò, con il silenzio-assenso di tutti i capimandamento, l'uccisione dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e del parlamentare siciliano della Democrazia Cristiana Salvo Lima, reo di non aver difeso gli interessi di cosa nostra nel corso del maxiprocesso.[20]

L'omicidio Lima[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Salvo Lima.
Il parlamentare democristiano Salvo Lima

Secondo la testimonianza di Francesco di Carlo, Salvo Lima, membro democristiano della corrente andreottiana, costituì fin dagli anni sessanta il punto di contatto tra la mafia e le istituzioni[21]. Stando alle dichiarazioni di Giovanni Brusca e Antonino Giuffrè, Salvo Lima era tramite i cugini Salvo il diretto referente politico di Salvatore Riina e più in generale di tutti i massimi esponenti di Cosa nostra, come Michele Greco e Stefano Bontate, quest'ultimo ucciso per volere di Riina nel corso della seconda guerra di mafia ed era per lo più incaricato della gestione degli appalti da assegnare a Cosa nostra.[22]

Sul finire degli anni ottanta il disinteresse di Lima verso il maxiprocesso provocò l'ira di Riina e dell'intera commissione che, come già citato, in una riunione del dicembre del 1991 dichiarò la sua volontà di eliminare alcuni uomini delle istituzioni particolarmente avversi alla mafia e tutti quei politici vicini a Cosa nostra che non erano riusciti a difenderla nel corso del maxiprocesso[23]. Per l'affiliato Francesco di Carlo oltre a Lima, Falcone e Borsellino furono inclusi anche numerosi politici democristiani e socialisti tra questi l'allora presidente del consiglio Giulio Andreotti, il ministro per gli interventi straordinari del Mezzogiorno Calogero Mannino, il ministro delle poste e delle telecomunicazioni Carlo Vizzini, il ministro della difesa Salvo Andò, il ministro di grazia e giustizia Claudio Martelli e il politico imprenditore democristiano Ignazio Salvo.[24][25]

Nel febbraio del 1992, a un paio di settimane dalla sentenza del maxiprocesso Salvo Lima fu convocato per avere un incontro con Salvatore Biondino, stretto collaboratore di Riina, senza presentarsi.[26] In seguito al mancato incontro, anche se ormai la decisione era già stata presa,[27] Salvatore Biondino incaricò Francesco Onorato e Giovanni d'Angelo di organizzare rispettivamente l'omicidio di Lima e del figlio. Dopo circa un mese di pedinamento il 12 marzo 1992 Salvo Lima fu ucciso da Francesco Onorato, mentre per questioni organizzative il figlio fu risparmiato.[28]

La concezione della trattativa[modifica | modifica wikitesto]

I timori del ministro Mannino[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Calogero Mannino e Antonio Subranni.

Il giorno stesso dell'omicidio e poi il 16 marzo 1992 il capo della polizia Vincenzo Parisi e il ministro degli interni Vincenzo Scotti diramarono degli allarmi in cui si faceva riferimento a possibili attentati ai danni del presidente del consiglio Giulio Andreotti, del ministro per gli interventi straordinari del Mezzogiorno Calogero Mannino e del ministro delle poste e delle telecomunicazioni Carlo Vizzini.[29] Secondo quanto dichiarato da Susanna Lima l'omicidio di suo padre fu per molti versi inaspettato e colpì notevolmente la classe politica di allora[30]. Particolarmente colpito e intimorito dall'omicidio Lima fu Calogero Mannino, preminente esponente democristiano in Sicilia e all'epoca dei fatti ministro per gli interventi straordinari del Mezzogiorno, anche lui convocato da Cosa nostra in seguito all'esito del maxiprocesso.[31]

La ricostruzione dei fatti che hanno condotto l'allora ministro Calogero Mannino a sollecitare l'apertura di una trattativa con la mafia è dovuta principalmente alla testimonianza del generale di divisione dei carabinieri Giuseppe Tavormina (all'epoca direttore della Direzione Investigativa Antimafia e conoscente dell'onorevole Mannino) e alla pubblicazione di un'intervista fatta a Mannino da Antonio Padellaro (all'epoca vice direttore de L'Espresso e successivamente fondatore de Il Fatto Quotidiano) subito dopo l'omicidio Lima.[30][32]

Il ministro Mannino, conscio di non essere riuscito a intervenire nel maxiprocesso in difesa di Cosa nostra e quindi preoccupato per la sua incolumità in seguito all'omicidio Lima, si rivolse anziché alla polizia, in cui riponeva scarsa fiducia, a un suo stretto conoscente, Antonio Subranni, all'epoca generale di corpo d'armata dei carabinieri e comandante del Raggruppamento Operativo Speciale.[33] Non potendo intervenire direttamente sulla sicurezza dell'onorevole il generale Antonio Subranni si adoperò per acquisire nuove informazioni e iniziò ad elaborare una strategia che mutasse il corso degli eventi, in quel momento sfavorevole a Mannino e a tutto il governo[34]. Anche se la richiesta di aiuto di Mannino non può essere imputata come unica causa dell'inizio della trattativa è chiaro come questa sia strettamente collegata alla concezione di quella che sarebbe stata poi definita come "trattativa Stato-mafia".[35]

L'omicidio Guazzelli e la strage di Capaci[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Giuliano Guazzelli, Strage di Capaci e Giovanni Falcone.
Istantanea scattata poco dopo la strage di Capaci

Il 4 aprile 1992, a meno di un mese dall'omicidio Lima, il maresciallo dei carabinieri Giuliano Guazzelli fu ucciso da Cosa nostra lungo la strada Agrigento-Porto Empedocle. Secondo quanto dichiarato dal figlio di Guazzelli il padre era un conoscente del ministro Calogero Mannino e intratteneva un rapporto di amicizia con il generale Antonio Subranni con cui si era incontrato qualche giorno prima di essere ucciso.[36] Nonostante il movente dell'assassinio sia incerto, l'omicidio Guazzelli avvenne in coincidenza con i numerosi incontri tenuti tra i generali Antonio Subranni e Giuseppe Tavormina con il ministro Calogero Mannino e l'evento aumentò la sensibilità di Subranni riguardo alla sicurezza propria e dei propri collaboratori.[37]

Il 23 maggio 1992 a circa sei mesi dalla riunione in cui Salvatore Riina dichiarava alla commissione provinciale l'inizio della guerra contro lo Stato avvenne la strage di Capaci in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre agenti di scorta: Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro[38]. In seguito alla strage di Capaci il Consiglio dei ministri nella seduta dell'8 giugno 1992 approvò il decreto-legge "Scotti-Martelli" (detto anche "decreto Falcone"), che introdusse l'articolo 41-bis, cioè il carcere duro riservato ai detenuti di mafia[39]. Il giorno successivo giunse una telefonata anonima a nome della sigla "Falange Armata" in cui si minacciava che il carcere non si doveva toccare.[40][41]

Svolgimento della trattativa[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio della trattativa[modifica | modifica wikitesto]

I primi contatti tra Ciancimino e il capitano dei carabinieri[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Vito Ciancimino, Mario Mori e Papello.
L'arresto di Vito Ciancimino nel 1984, prima dell'inizio della trattativa

Nelle prime settimane del giugno 1992, poco dopo la strage di Capaci e l'introduzione dell'articolo 41-bis, il capitano dei carabinieri Giuseppe De Donno propose a Massimo Ciancimino di organizzare degli incontri con suo padre in modo da ottenere informazioni rilevanti dal punto di vista investigativo relative al fenomeno di tangentopoli e alla nuova strategia mafiosa.[42] il padre di Massimo era Vito Ciancimino, definito come "il più mafioso dei politici ed il più politico dei mafiosi",[43] era un politico della Democrazia Cristiana appartenente al clan dei corleonesi di Salvatore Riina, eletto sindaco di Palermo e assessore ai lavori pubblici durante la sindacatura di Salvo Lima è stato uno dei maggiori artefici del sacco di Palermo.[44] La richiesta e la successiva organizzazione e conferma di un incontro fu possibile grazie al rapporto di familiarità che intercorreva tra il carabiniere Giuseppe De Donno e Massimo Ciancimino, i due infatti entrarono in contatto per la prima volta negli anni ottanta durante il processo di primo grado che coinvolse Vito Ciancimino e la cui indagine fu portata avanti dallo stesso De Donno. Si tennero in tutto altri due o tre incontri che avvennero sempre nella casa di Roma in cui il mafioso risedeva. Il capitano comunicò così l'iniziativa al suo superiore, il colonnello dei carabinieri Mario Mori, all'epoca capo reparto "criminalità organizzata" del raggruppamento operativo speciale (ROS) dell'Arma dei Carabinieri.[42]

Il colonnello Mori quindi informò il generale Subranni; a sua volta Ciancimino e il figlio Massimo contattarono Salvatore Riina attraverso Antonino Cinà (medico e mafioso di San Lorenzo)[41][45][46]. Alla fine del giugno 1992 il capitano De Donno incontrò a Roma la dottoressa Liliana Ferraro, vice direttore degli Affari Penali presso il Ministero della giustizia, alla quale chiese copertura politica al rapporto di collaborazione con Ciancimino; la dottoressa Ferraro, inoltre, lo invitò a riferire al giudice Paolo Borsellino. Il 25 giugno il colonnello Mori e il capitano De Donno incontrarono il giudice Borsellino: secondo quello che viene riferito da Mori e De Donno, durante questo incontro Borsellino discusse con i due ufficiali sulle indagini dell'inchiesta "mafia e appalti"[45][47]. Il 28 giugno Borsellino incontrò a Roma la dottoressa Ferraro, che gli parlò dei contatti tra il colonnello Mori e Ciancimino: tuttavia Borsellino si dichiarò già informato di questi contatti; lo stesso giorno si insediava il Governo Amato I, che nominò l'onorevole democristiano Nicola Mancino come Ministro dell'interno al posto di Vincenzo Scotti.[48] In quel periodo, Salvatore Riina mostrò a Salvatore Cancemi un elenco di richieste dicendo che c'era una trattativa con lo Stato che riguardava pentiti e carcere; sempre in quel periodo, Riina disse anche a Giovanni Brusca che aveva fatto un "papello" di richieste in cambio della conclusione della stagione delle stragi.[41]

La strage di via D'Amelio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Strage di via D'Amelio e Paolo Borsellino.
Via D'Amelio pochi minuti dopo l'esplosione.

Il 1º luglio 1992 il giudice Borsellino, che si trovava a Roma per interrogare il collaboratore di giustizia Gaspare Mutolo, fu invitato al Viminale per incontrare il ministro Mancino; secondo Mutolo, Borsellino tornò dall'incontro visibilmente turbato.[45][49]
Nello stesso periodo, Giovanni Brusca ricevette da Salvatore Biondino la disposizione di sospendere la preparazione dell'attentato contro l'onorevole Mannino perché erano «sotto lavoro per cose più importanti». Secondo Salvatore Cancemi, in quei giorni Riina insistette per accelerare l'uccisione di Borsellino e per eseguirla con modalità eclatanti.[41]

Il 15 luglio Borsellino confidò alla moglie Agnese che il generale Subranni era vicino ad ambienti mafiosi mentre qualche giorno prima le aveva detto che c'era un contatto tra mafia e parti deviate dello Stato, e che presto sarebbe toccato pure a lui di morire.[41][50]
Nello stesso periodo, Riina avrebbe detto a Brusca che la trattativa si era improvvisamente interrotta e c'era «un muro da superare».[41]

Il 19 luglio 1992, con un attentato in via D'Amelio, a Palermo, fu ucciso Paolo Borsellino. Secondo il PM Antonino di Matteo, l'assassinio di Borsellino fu eseguito per «proteggere la trattativa dal pericolo che il dott. Borsellino, venutone a conoscenza, ne rivelasse e denunciasse pubblicamente l'esistenza, in tal modo pregiudicandone irreversibilmente l'esito auspicato».[51] Dal luogo del delitto non verrà mai rinvenuta l'agenda rossa, nella quale il magistrato annotava tutte le sue intuizioni investigative senza separarsene mai. In seguito alla strage di via d'Amelio, il decreto "Scotti-Martelli" fu convertito in legge e oltre 100 detenuti mafiosi, ritenuti particolarmente pericolosi, furono trasferiti in blocco nelle carceri dell'Asinara e di Pianosa e sottoposti al regime del 41 bis, che fu applicato anche ad altri 400 mafiosi detenuti.

Il 20 luglio 1992, il giorno dopo la strage di via d'Amelio, la Procura di Palermo deposita l'istanza di archiviazione dell'indagine definita "Mafia e Appalti"[52], a cui avevano lavorato con grande interesse sia Giovanni Falcone che, successivamente, Paolo Borsellino[53]. Il decreto di archiviazione fu emesso il 14 agosto 1992.[54][55][56]

La vicenda Bellini[modifica | modifica wikitesto]

In quello stesso periodo, il maresciallo dei carabinieri Roberto Tempesta contattò Antonino Gioè (capo della Famiglia di Altofonte) attraverso Paolo Bellini (ex terrorista nero e confidente del SISMI) al fine di recuperare alcuni pezzi d'arte rubati.[57] Tramite Gioè, il boss Giovanni Brusca fece sapere a Tempesta che in cambio del recupero di altre preziose opere d'arte, voleva la concessione degli arresti domiciliari per cinque boss mafiosi, tra i quali il padre Bernardo Brusca. Il maresciallo Tempesta si rivolse ai suoi superiori, il colonnello Mario Mori e il capitano Giuseppe De Donno del ROS, e la risposta fu che "la richiesta era improponibile"; Gioè allora minacciò che avrebbero potuto colpire il patrimonio artistico italiano, facendo riferimento ad un attentato alla torre di Pisa.[57][58]

Lo sviluppo della trattativa e l'arresto di Riina[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Salvatore Riina.
Salvatore Riina in seguito all'arresto

Il 22 luglio il colonnello Mori incontrò l'avvocato Fernanda Contri (segretario generale a Palazzo Chigi) affinché riferisse al presidente del consiglio Giuliano Amato dei contatti intrapresi con Ciancimino.[41]

Il 10 agosto 1992 viene approvato in via definitiva un pacchetto di misure contro la mafia: invio in Sicilia di 7000 uomini dell'esercito; oltre 100 boss mafiosi vengono trasferiti nel carcere dell'Asinara.

Nel settembre 1992 Riina disse a Brusca che la trattativa si era interrotta e quindi ci voleva un altro "colpettino": per questo lo incaricò di preparare un attentato contro il giudice Pietro Grasso, che però non andò in porto per problemi tecnici[41]. Nello stesso periodo, il colonnello Mori incontrò l'onorevole Luciano Violante (all'epoca presidente della Commissione Parlamentare Antimafia) per caldeggiare un incontro riservato con Ciancimino per discutere di problemi politici, che però venne rifiutato da Violante[41][45]. Tra ottobre e novembre 1992, Giovanni Brusca e Antonino Gioè fecero collocare un proiettile d'artiglieria nel Giardino di Boboli a Firenze al fine di creare allarme sociale e panico per riprendere la trattativa con il maresciallo Tempesta che si era interrotta: tuttavia la rivendicazione telefonica con la sigla "Falange Armata" non fu recepita e per questo il proiettile non fu trovato nell'immediatezza ma solo in un momento successivo[59]. In quel periodo, il generale dei carabinieri Francesco Delfino anticipò al ministro Martelli che Riina sarà individuato ed arrestato entro dicembre; il 12 dicembre il ministro Mancino affermò in un convegno a Palermo che Riina stava per essere catturato. Nello stesso mese, il colonnello Mori consegnò una mappa di Palermo a Ciancimino affinché indicasse dove si trovava il covo di Riina.

Tuttavia, il 19 dicembre Ciancimino venne arrestato dalla polizia per un residuo di pena, prima della riconsegna delle mappe[60][61].

Il 15 gennaio 1993, a Palermo, Totò Riina, capo di Cosa Nostra, viene arrestato dai carabinieri del Raggruppamento Operativo Speciale, uomini del colonnello Mori e del generale Delfino, che utilizzarono il neo-collaboratore di giustizia Baldassare Di Maggio per identificare il latitante[41]. Era latitante da ben 23 anni. In seguito all'arresto di Riina, si creò un gruppo mafioso favorevole alla continuazione degli attentati contro lo Stato (Leoluca Bagarella, Giovanni Brusca, i fratelli Filippo e Giuseppe Graviano, Matteo Messina Denaro) ed un altro contrario (Michelangelo La Barbera, Raffaele Ganci, Salvatore Cancemi, Matteo Motisi, Benedetto Spera, Nino Giuffrè, Pietro Aglieri), mentre il boss Bernardo Provenzano era il paciere tra le due fazioni e riuscì a porre la condizione che gli attentati avvenissero fuori dalla Sicilia, in "continente"[62].

Il 9 febbraio 1993 giunse un'altra telefonata anonima a nome della sigla "Falange Armata" che minacciava il ministro Mancino, il capo della polizia Vincenzo Parisi e Nicolò Amato (all'epoca direttore del DAP, la direzione delle carceri)[63]. Il 10 febbraio il ministro Martelli fu costretto a dimettersi a causa dello scandalo di Tangentopoli e fu sostituito dall'onorevole Giovanni Conso[41].

Il 6 marzo 1993 il dottor Nicolò Amato inviò al ministro Conso una lunga nota in cui esprimeva la sua linea di abbandono totale dell'articolo 41-bis per ripiegare su altri strumenti penitenziari di lotta alla mafia, su sollecitazione del capo della polizia Parisi e del Ministero dell'Interno[41].

Il 17 marzo 1993 alcuni sedicenti familiari di detenuti mafiosi dell'Asinara e di Pianosa inviarono una lettera minacciosa al Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro e, per conoscenza, al Papa, al Vescovo di Firenze, al Cardinale di Palermo, al presidente del consiglio Giuliano Amato, ai ministri Mancino e Conso, al giornalista Maurizio Costanzo, all'onorevole Vittorio Sgarbi, al CSM e al Giornale di Sicilia[64]. Il 1º aprile un'altra telefonata anonima a nome della sigla "Falange Armata" minacciò il Presidente Scalfaro e il ministro Mancino.[65][66][67]

Gli attentati del 1993[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Bombe del 1992-1993.

Gli attentati di maggio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Attentato di via Fauro e Strage di via dei Georgofili.

La decisione di cosa nostra di iniziare a commettere nuovi attentati fuori dalla Sicilia fu attuata a Roma la sera del 14 maggio 1993 con l'attentato di via Fauro. L'azione dinamitarda non provocò vittime e avvenne tramite l'esplosione di un ordigno subito dopo il passaggio della vettura che trasportava il giornalista Maurizio Costanzo, in quel periodo impegnato a condurre una serie di trasmissioni antimafia. Pur non essendoci un diretto collegamento con l'attentato il giorno successivo il vicedirettore del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (DAP) Edoardo Fazzioli, su richiesta del direttore Nicolò Amato, revocò 121 decreti di sottoposizione al regime del 41-bis di detenuti comuni non mafiosi. Nel corso del 1993 i provvedimenti di applicazione del 41-bis dimezzarono.[68]

Dipinto danneggiato nella strage di via dei Georgofili

Gli attentati proseguirono il 27 maggio 1993 quando in pieno pomeriggio a Firenze avvenne la strage di via dei Georgofili. Nell'attentato dinamitardo furono ferite trentasette in cinque persero la vita, tra cui due bambine di nove anni e due mesi; l'esplosione inoltre provocò il crollo di un’ala della Torre del Pulci, sede dell’Accademia dei Georgofili e furono danneggiati anche altri palazzi storici tra cui la Galleria degli Uffizi che subì la perdita di tre dipinti e il danneggiamento di oltre duecento opere d'arte. Secondo la testimonianza di Giovanni Brusca l'attentato fu ordinato dal boss Salvatore Riina "per stuzzicare la controparte" ovvero per riprendere la trattativa e ribadire la volontà di mettere fine ai provvedimenti di 41-bis emessi l'anno prima dal ministro Martelli e che sarebbero scaduti il 20 luglio 1993.[68]

Il 4 giugno 1993 Nicolò Amato fu rimosso dalla direzione del DAP per essere nominato rappresentante dell’Italia nel Comitato europeo per la prevenzione della tortura, incarico che però ricoprì per poco tempo.[69] Nonostante la dirigenza decennale del DAP la rimozione di Nicolò Amato fu probabilmente accelerata dal documento del 6 marzo e dai dissidi che intercorrevano con il presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, sempre negati dal presidente. Al posto di Nicolò Amato fu nominato il procuratore generale presso la corte di appello di Trento Adalberto Capriotti.[70]

I procuratori di Palermo si sono accorti che il 14 giugno la Falange Armata tornò a telefonare, "manifestando soddisfazione per la nomina di Capriotti in luogo di Amato". Il telefonista parlò di una "vittoria della Falange". Seguirono altre telefonate di minaccia a Mancino e al capo della Polizia Parisi (il 19 giugno), poi a Capriotti e al suo vice Di Maggio (il 16 settembre).[71]

Il 26 giugno il dottor Adalberto Capriotti, Direttore Generale del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria Pro Tempore, inviò una nota al ministro Giovanni Conso, Ministro di Grazia e Giustizia, in cui spiegava la sua nuova linea di silente non proroga di 373 provvedimenti di sottoposizione al 41 bis in scadenza a novembre, che avrebbero costituito "un segnale positivo di distensione"[41][64].

Gli attentati di luglio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Strage di via Palestro e Attentati alle chiese di Roma.

Il 22 luglio Salvatore Cancemi si consegnò spontaneamente ai carabinieri e manifestò subito la volontà di collaborare con la giustizia, venendo trasferito in detenzione extracarceraria presso la sede romana del ROS, sotto la supervisione del colonnello Mori[64]. Tra il 20 e il 27 luglio il DAP prorogò numerosi provvedimenti di sottoposizione al 41 bis in scadenza che riguardavano alcuni detenuti mafiosi di elevata pericolosità[64]. Il 27 luglio il colonnello Mori incontrò il dottor Di Maggio, suo amico e vicedirettore del DAP, per affrontare il "problema detenuti mafiosi"[41].

La proroga dei provvedimenti di sottoposizione al 41-bis innescò l'immediata reazione da parte di cosa nostra che nella notte tra il 27 e il 28 luglio fece esplodere nell'arco di un'ora tra le undici e mezzanotte tre autobombe. Il primo attentato in odine temporale fu la strage di via Palestro a Milano che provocò la morte di cinque persone e tredici feriti, successivamente davanti alla basilica di San Giovanni in Laterano e alla chiesa di San Giorgio al Velabro avvennero gli attentati alle chiese di Roma,[72] che causarono il ferimento ventidue persone.[73] Il giorno successivo due lettere anonime furono inviate alle redazioni dei quotidiani Il Messaggero e il Corriere della Sera minacciando nuovi e più gravi attacchi.[72]

Da Sicilia Libera alla fondazione di Forza Italia[modifica | modifica wikitesto]

Silvio Berlusconi nel maggio 1994.

Il 22 ottobre 1993 il colonnello Mori incontrò nuovamente il dottor Di Maggio. Nello stesso periodo, l'imprenditore Tullio Cannella (uomo di fiducia di Leoluca Bagarella e dei fratelli Graviano) fondò il movimento separatista "Sicilia Libera", che si radunò insieme ad altri movimenti simili nella formazione della "Lega Meridionale".[74]

Nell'ottobre 1993, il collaboratore di giustizia Gaspare Spatuzza, secondo quanto egli stesso dichiarerà poi, incontrò il boss Giuseppe Graviano in un bar di via Veneto a Roma per organizzare un attentato contro i carabinieri durante una partita di calcio allo Stadio Olimpico[41]; sempre secondo Spatuzza, in quell'occasione Graviano gli confidò che stavano ottenendo tutto quello che volevano grazie ai contatti con Marcello Dell'Utri e, tramite lui, con Silvio Berlusconi.[75]

Il 2 novembre 1993 il ministro Conso non rinnovò circa 334 provvedimenti al 41 bis in scadenza per, a suo dire, "fermare le stragi"[64][75][76].

Tuttavia il 23 gennaio 1994, a Roma, l'attentato all'Olimpico fallì per un malfunzionamento del telecomando che doveva provocare l'esplosione e non fu più ripetuto[75][77].
In quel periodo, secondo Tullio Cannella (divenuto un collaboratore di giustizia), Bernardo Provenzano e i fratelli Graviano abbandonarono il progetto separatista di "Sicilia Libera" per fornire appoggio elettorale al nuovo movimento politico "Forza Italia" fondato da Silvio Berlusconi[74][78]. Secondo il collaboratore di giustizia Nino Giuffrè, i fratelli Graviano trattarono con Berlusconi attraverso l'imprenditore Gianni Jenna per ottenere benefici giudiziari e la revisione del 41 bis in cambio dell'appoggio elettorale a Forza Italia; sempre secondo Giuffrè, anche Provenzano attivò alcuni canali per arrivare a Marcello Dell'Utri e Berlusconi per presentare una serie di richieste su alcuni argomenti che interessavano Cosa Nostra[79][80]. Anche altri collaboratori di giustizia parlarono dell'appoggio fornito da Cosa Nostra a Forza Italia alle elezioni del 1994[64][81]. Il 27 gennaio 1994 a Milano vennero arrestati i fratelli Graviano, che si erano occupati dell'organizzazione di tutti gli attentati: da quel momento, la strategia stragista di Cosa Nostra si fermò[41][64].

Eventi successivi[modifica | modifica wikitesto]

L'abrogazione articolo 41 bis[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Articolo 41 bis.

La seconda richiesta del papello[82] è "annullamento decreto legge 41 bis", che prevede il "carcere duro" per alcune categorie di crimini, tra cui la criminalità organizzata. Per questo nell'ambito dell'indagine sulla trattativa Stato-mafia gli inquirenti hanno focalizzato l'attenzione su episodi con cui avrebbe potuto esserci un nesso, come il fatto che nel 1993 sono stati lasciati scadere circa trecento provvedimenti di carcere duro e la rimozione nel giugno 1993 del responsabile del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria Nicolò Amato.[64][83][84][85][86][87]

Come conseguenza fu revocato l'isolamento a Totò Riina; inoltre furono coinvolte alcune persone che hanno cercato di modificare l'articolo 41 bis o che hanno avuto a che fare con l'articolo. Calogero Mannino, indagato per la trattativa, ha ricevuto un avviso di garanzia in cui "si parla genericamente di "pressioni" che Mannino avrebbe esercitato su "appartenenti alle istituzioni", sulla "tematica del 41 bis", il carcere duro che i capimafia cercavano di far revocare."[88][89] Furono ascoltati sull'argomento anche Carlo Azeglio Ciampi[90] e Oscar Luigi Scalfaro[91], al quale fu chiesto per lettera[92] di revocare il decreto legge 41 bis sul carcere duro[93].

Altri avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Molti sostenitori dell'ipotesi indicano che la trattativa sia avvenuta[94] nel periodo tra la morte dei giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino[95], e che quest'ultimo possa essere stato assassinato anche perché veniva considerato un ostacolo alla trattativa tra Stato e mafia[96], secondo le rivelazioni ancora da accertare di Gaspare Spatuzza[97] e di Giovanni Brusca[98]. Il capitano Giuseppe De Donno disse: "Decidemmo di contattare in qualche modo la mafia attraverso Vito Ciancimino per fermare le stragi, ma non ci fu nessuna trattativa"[99].

Il giornalista Marco Travaglio ha parlato di leggi che sono state proposte e a volte anche approvate da parte di governi sia di centrodestra che di centrosinistra nel corso degli ultimi 15 anni, che potrebbero aver favorito Cosa Nostra e che in alcuni casi rispettano le richieste del Papello per l'alleggerimento del 41 bis. In particolare, ciò riguarderebbe i disegni di legge per la revisione dei processi, la chiusura delle supercarceri di Pianosa e Asinara (nel 1997, con un governo di centrosinistra), le numerose proposte di abolire l'ergastolo (approvate per pochi mesi nel 1999, con il governo D'Alema), i tentativi al Dap per favorire la “dissociazione” dei mafiosi a costo zero, cioè senza che il pentito collabori (a cui si sono opposti tra gli altri il magistrato Alfonso Sabella e il giudice Sebastiano Ardita), l'indulto voluto da Mastella nel 2006 esteso ai reati dei mafiosi diversi da quelli associativi (ma compresi per esempio il voto di scambio e i delitti propedeutici alla commissione di quelli più gravi), la legge del secondo governo Berlusconi che stabilizza il 41 bis rendendone di fatto più facili le revoche.[100]

Processo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Processo sulla trattativa Stato-mafia.

Primo grado[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 maggio 2013 è iniziato il processo relativo alla vicenda della trattativa Stato-mafia. Il 20 aprile 2018 viene pronunciata la sentenza di primo grado, con la quale vengono condannati a dodici anni di carcere Mario Mori, Antonio Subranni, Marcello Dell'Utri, Antonino Cinà, ad otto anni Giuseppe De Donno e Massimo Ciancimino, a ventotto anni Leoluca Bagarella; sono prescritte, come richiesto dai pubblici ministeri, le accuse nei confronti di Giovanni Brusca, e viene assolto Nicola Mancino.[101] La sentenza è stata emessa dalla Corte d'Assise di Palermo presieduta dal dott. Alfredo Montalto, in un'aula stracolma, alla presenza dei Pubblici Ministeri Antonino Di Matteo, Roberto Tartaglia, Francesco Del Bene e Vittorio Teresi.

L'ex ministro Mannino, coimputato ma che aveva scelto il rito abbreviato, è stato assolto il 4 novembre 2015 dall'accusa di minaccia a corpo politico dello Stato "per non aver commesso il fatto". L'assoluzione è stata confermata in Appello, il 3 febbraio 2020, ed in Cassazione, l'11 dicembre 2020, divenendo definitiva.

Il 13 luglio 2020 veniva prescritto poi Massimo Ciancimino che rispondeva di calunnia aggravata all'ex capo della polizia Gianni De Gennaro e concorso in associazione mafiosa e la cui posizione era stata stralciata dai giudici su istanza dei suoi avvocati.[102]

Appello[modifica | modifica wikitesto]

Per gli altri imputati il processo d'appello è iniziato a Palermo nell'aprile 2019.

Nel giugno 2021 la procura generale ha chiesto la conferma delle condanne di primo grado.

Il 23 settembre dello stesso anno la Corte d'assise d'appello di Palermo ha assolto gli ex ufficiali del Ros Mario Mori, Antonio Subranni e Giuseppe De Donno perchè "il fatto non costituisce reato" e l'ex senatore Marcello Dell'Utri "per non aver commesso il fatto", accusati di minaccia a Corpo politico dello Stato, mentre sono prescritte le accuse a Giovanni Brusca, viene ridotta a ventisette anni la pena al boss Leoluca Bagarella e viene confermata la condanna a dodici anni del capomafia Antonino Cinà.[103]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Trattativa Stato – mafia, giudici di Firenze: “E' provata e alimentò la strategia stragista di Cosa nostra” Archiviato il 3 giugno 2016 in Internet Archive.. Giuseppe Pipitone. Il fatto quotidiano. 2 giugno 2016.
  2. ^ Montalto, 2018, p. 845.
  3. ^ Cosa nostra, su treccani.it, Treccani. URL consultato il 5 novembre 2019 (archiviato il 5 luglio 2019).
  4. ^ Sebastiano Ardita, Ricatto allo Stato, Sperling & Kupfer 2011
  5. ^ Stragi: La trattativa mafia-Stato ci fu. Forza Italia non fu mandante delle stragi Archiviato il 6 ottobre 2014 in Internet Archive.. Corriere della Sera. Firenze. Notizie. 12 marzo 2012.
  6. ^ Trattativa Stato-mafia, su repubblica.it, la Repubblica. URL consultato il 5 novembre 2019 (archiviato il 7 dicembre 2018).
  7. ^ "Trattativa Stato-mafia: le cinque cose da sapere sul processo di Palermo e il ruolo di Napolitano", La Stampa 25/09/2014, su lastampa.it. URL consultato il 1º agosto 2017 (archiviato il 1º agosto 2017).
  8. ^ "Trattativa Stato-mafia, Dell’Utri indagato per estorsione a Berlusconi", IlFattoQuotidiano.it 18 luglio 2012, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 1º agosto 2017 (archiviato il 1º agosto 2017).
  9. ^ "Graviano intercettato: adesso Firenze e Caltanissetta valutano se riaprire le indagini su Berlusconi per le stragi", IlFattoQuotidiano.it 9 giugno 2017, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 1º agosto 2017 (archiviato il 1º agosto 2017).
  10. ^ "Trattativa Stato-mafia, altra inchiesta Palermo indaga sul boss Graviano", www.Corriere.it 21 aprile 2018, su corriere.it. URL consultato il 21 aprile 2018 (archiviato il 21 giugno 2018).
  11. ^ "Trattativa Stato-Mafia, sentenza storica: Mori e Dell’Utri condannati a 12 anni. Di Matteo: “Ex senatore cinghia di trasmissione tra Cosa nostra e Berlusconi”", IlFattoQuotidiano.it 20 aprile 2018, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 21 aprile 2018 (archiviato il 22 aprile 2018).
  12. ^ Attilio Bolzoni, Da Garibaldi a Totò Riina tutti i patti tra Stato e mafia, su ricerca.repubblica.it, la Repubblica, 16 dicembre 2011. URL consultato il 5 novembre 2019 (archiviato il 27 luglio 2018).
  13. ^ "“Le trattative Stato-mafia furono due e Berlusconi pagò i clan fino al 1994”", IlFattoQuotidiano.it 9 febbraio 2020., su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 25 febbraio 2020 (archiviato il 25 febbraio 2020).
  14. ^ Salvatore Lupo, Giovanni Falcone, in Dizionario biografico degli italiani, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2013. URL consultato il 6 gennaio 2020.
  15. ^ Montalto, 2018, p. 876.
  16. ^ Montalto, 2018, p. 867.
  17. ^ Montalto, 2018, p. 877.
  18. ^ Con la sigla "Falange armata" furono rivendicati numerosi omicidi e stragi a partire dal 27 ottobre 1990 con l’assassinio dell'educatore carcerario Umberto Mormile. In seguito la "Falange armata" ha rivendicato gli omicidi di Salvo Lima e Giuliano Guazzelli, la strage di Capaci e quella di via d'Amelio e le stragi di Roma, Firenze e Milano.
    Federico Marconi, Il mistero mai risolto della Falange Armata dietro le bombe del '93, in L'Espresso, 28 maggio 2018. URL consultato il 10 gennaio 2020.
  19. ^ Montalto, 2018, pp. 880-883.
  20. ^ Montalto, 2018, pp. 868-880.
  21. ^ Montalto, 2018, p. 897.
  22. ^ Montalto, 2018, pp. 894-896.
  23. ^ Montalto, 2018, pp. 899-900.
  24. ^ Montalto, 2018, p. 892.
  25. ^ Montalto, 2018, p. 906.
  26. ^ Montalto, 2018, p. 909.
  27. ^ Montalto, 2018, p. 915.
  28. ^ Montalto, 2018, pp. 910-913.
  29. ^ Montalto, 2018, p. 955.
  30. ^ a b Montalto, 2018, p. 931.
  31. ^ Montalto, 2018, p. 914.
  32. ^ Montalto, 2018, p. 959.
  33. ^ Montalto, 2018, p. 987.
  34. ^ Montalto, 2018, p. 988.
  35. ^ Montalto, 2018, p. 989.
  36. ^ Montalto, 2018, pp. 1012.
  37. ^ Montalto, 2018, pp. 1018-1019.
  38. ^ Montalto, 2018, pp. 1026-1027.
  39. ^ Montalto, 2018, p. 1179.
  40. ^ A Catania nuove minacce al giudice Lima Archiviato il 6 marzo 2014 in Internet Archive.. La Repubblica. Archivio. 10 giugno 1992.
  41. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Audizione del procuratore Sergio Lari dinanzi alla Commissione Parlamentare Antimafia - Senato della Repubblica - Camera dei deputati - XVI LEGISLATURA. Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno della mafia e sulle altre associazioni criminali, anche straniere (PDF). URL consultato il 27 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2013). (PDF).
  42. ^ a b Montalto, 2018, pp. 1265-1266.
  43. ^ Pisanu, 2013, p. 96.
  44. ^ Pisanu, 2013, p. 95.
  45. ^ a b c d Audizione del procuratore Francesco Messineo dinanzi alla Commissione Parlamentare Antimafia - XVI LEGISLATURA (PDF). URL consultato il 14 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2014).
  46. ^ Montalto, 2018, pp. 1302-1312.
  47. ^ La Cassazione su mafia e appalti: “L'uomo di Gardini volle favorire Cosa nostra” Archiviato il 7 novembre 2014 in Internet Archive.. Davide Milosa. Il fatto quotidiano. 30 luglio 2012.
  48. ^ Governo Amato I Archiviato il 28 febbraio 2014 in Internet Archive.. Senato della Repubblica. XI legislatura, 1992-1994.
  49. ^ Quando Mancino disse a Borsellino di fermare le indagini sui killer di Falcone Archiviato il 4 novembre 2014 in Internet Archive.. Panorama. Cronaca. 15 luglio 2014.
  50. ^ Da Subranni a La Barbera, Servizi e traditori di Stato a contatto con Cosa nostra Archiviato il 6 novembre 2014 in Internet Archive.. Giorgio Bongiovanni e Aaron Pettinari. Antimafia 2000. 30 gennaio 2014.
  51. ^ Borsellino ucciso per proteggere la Trattativa Archiviato il 4 novembre 2014 in Internet Archive.. Lorenzo Baldo. Narcomafie. 29 novembre 2012.
  52. ^ Appalti e migliaia di miliardi dietro le stragi Falcone e Borsellino Archiviato il 6 novembre 2014 in Internet Archive.. Anna Petrozzi. Antimafia 2000.
  53. ^ Borsellino e l'inchiesta mafia-appalti Archiviato il 4 novembre 2014 in Internet Archive.. Giuseppe Pipitone. Live Sicilia. 6 luglio 2012.
  54. ^ Mafia & appalti, una verità scomoda Archiviato il 13 luglio 2013 in Internet Archive.. Luciano Tirinnanzi. Panorama. Cronaca. 12 luglio 2013.
  55. ^ Processo Mannino, il pm: "Il suo nome depurato dai Ros dall'informativa su Mafia e appalti" - Il Fatto Quotidiano, in Il Fatto Quotidiano, 8 ottobre 2014. URL consultato il 17 novembre 2017 (archiviato il 18 novembre 2017).
  56. ^ Gardini e Cosa nostra: quei legami che nessuno ricorda Archiviato il 4 novembre 2014 in Internet Archive.. Nicola Biondo. Archivio 900. 1º ottobre 2006.
  57. ^ a b Torre di Pisa nel mirino della mafia Archiviato il 19 ottobre 2013 in Internet Archive.. Flavio Haver. Corriere della Sera. Archivio. 29 luglio 1995.
  58. ^ Montalto, 2018, p. 1737.
  59. ^ La trattativa tra Gioè-Bellini/Il proiettile nel Giardino di Boboli - Sentenza del processo di 1º grado per le stragi del 1993 (PDF). URL consultato il 3 novembre 2014 (archiviato il 1º marzo 2018). (PDF).
  60. ^ Ciancimino si offrì di far catturare Riina Archiviato il 3 novembre 2014 in Internet Archive..La Repubblica. Cronaca. 24 gennaio 1998.
  61. ^ Ciancimino si offrì di far catturare Riina Archiviato il 22 dicembre 2017 in Internet Archive.. La trattativa. 24 giugno 2013.
  62. ^ La deliberazione della campagna stragista - Sentenza del processo di 1º grado per le stragi del 1993 (PDF). URL consultato il 3 novembre 2014 (archiviato il 4 marzo 2016). (PDF).
  63. ^ Nuove minacce telefoniche della Falange Armata Archiviato il 7 marzo 2014 in Internet Archive.. La Repubblica. Archivio. 3 febbraio 1993.
  64. ^ a b c d e f g h Relazione della Commissione Parlamentare Antimafia XVI LEGISLATURA (PDF). URL consultato il 7 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2014). (PDF).
  65. ^ La mafia, la politica, il 41 bis: un magistrato racconta gli angoli bui della “trattativa” Archiviato il 25 maggio 2017 in Internet Archive. IlFattoQuotidiano.it, 1 ottobre 2011.
  66. ^ Ma chi si cela dietro la sigla Falange Armata? Archiviato il 9 marzo 2014 in Internet Archive.. La Repubblica. Archivio. 28 maggio 1993.
  67. ^ Stato-mafia, l'indagine bis punta sui Servizi: si riapre il mistero della Falange armata Archiviato il 7 marzo 2014 in Internet Archive.. Salvo Palazzolo. la Repubblica. Cronaca. 9 marzo 2013.
  68. ^ a b Pisanu, 2013, p. 108.
  69. ^ Montalto, 2018, p. 2081.
  70. ^ Pisanu, 2013, p. 103.
  71. ^ Stato-mafia, l'indagine bis punta sui Servizi: si riapre il mistero della Falange armata, su repubblica.it. URL consultato il 7 marzo 2014 (archiviato il 7 marzo 2014).
  72. ^ a b Pisanu, 2013, p. 111.
  73. ^ Pisano, 2011, pp. 17-18.
  74. ^ a b Richiesta di archiviazione del proc. pen. n.2566/98 R.G.N.R., nei confronti di Gelli Licio+13 - Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo - Direzione Distrettuale Antimafia (PDF). URL consultato il 27 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 16 gennaio 2014).
  75. ^ a b c Documenti della Commissione Parlamentare Antimafia XVI LEGISLATURA (PDF). URL consultato l'8 maggio 2013 (archiviato il 19 ottobre 2013). (PDF).
  76. ^ Rosario Cattafi al processo Mori, tra segnali obliqui e attacchi mirati Archiviato l'8 dicembre 2012 in Internet Archive.. Antimafia. 3 dicembre 2012.
  77. ^ Valutazione delle prove - Sentenza del processo di 1º grado per le stragi del 1993 (PDF). URL consultato l'11 marzo 2014 (archiviato il 13 dicembre 2016). (PDF).
  78. ^ Ciancimino jr e il biglietto del boss. Dell'Utri parlò con Provenzano Archiviato il 4 dicembre 2009 in Internet Archive.. Francesco Viviano. Repubblica. Cronaca. 2 dicembre 2009.
  79. ^ Giuffré: il boss Graviano era il tramite con Berlusconi Archiviato il 5 ottobre 2013 in Internet Archive.. La Repubblica. Cronaca. 3 dicembre 2002.
  80. ^ Giuffrè, gli obiettivi della confessione Archiviato il 5 ottobre 2013 in Internet Archive.. Giuseppe D'Avanzo. La Repubblica. Cronaca. 4 dicembre 2002.
  81. ^ Trattativa Stato-mafia: indagato Dell'Utri Archiviato il 27 dicembre 2011 in Internet Archive.. Corriere della Sera. Cronaca. 24 novembre 2011.
  82. ^ Trattative tra mafia e Stato. Il papello consegnato ai giudici Archiviato il 4 febbraio 2010 in Internet Archive.. Giovanni Bianconi. Corriere della sera. Cronaca. 15 ottobre 2009.
  83. ^ "Conso: Fu solo mia la scelta di non rinnovare il carcere duro", Salvo Palazzolo, Francesco Viviano, 25 novembre 2010, la Repubblica., su ricerca.repubblica.it. URL consultato il 19 novembre 2017 (archiviato il 10 agosto 2017).
  84. ^ Trattativa e 41 bis, i verbali di Conso: Scelsi Di Maggio al Dap perché andava in tv Archiviato il 18 febbraio 2012 in Internet Archive.. Giuseppe Pipitone. Fatto quotidiano. Giustizia & Impunità. 15 febbraio 2012.
  85. ^ Conso: Nel '93 non rinnovai il 41 bis per l'Ucciardone e evitai altre stragi Archiviato il 16 febbraio 2011 in Internet Archive.. Fatto quotidiano. Fatti. 11 novembre 2011.
  86. ^ Stragi '93, l'ex ministro della Giustizia Conso: escludo ogni trattativa sul carcere duro Archiviato l'11 settembre 2011 in Internet Archive.. Fatto quotidiano. Giustizia & Impunità. 15 febbraio 2011.
  87. ^ "Omicidio Lima, 20 anni dopo Procura chiede rinvio a giudizio per Provenzano", Fr. Par., 12 marzo 2012, Corriere del Mezzogiorno.
  88. ^ Revocato l'isolamento a Totò Riina Archiviato il 2 febbraio 2014 in Internet Archive.. Felice Cavallaro. Corriere della sera. Archivio storico. 13 marzo 2001.
  89. ^ Trattativa, indagato Mannino. I pm: "Pressioni sul 41 bis Archiviato il 20 giugno 2012 in Internet Archive..Salvo Palazzolo. la Repubblica. Palermo. Cronaca. 24 febbraio 2012.
  90. ^ Trattativa Stato-mafia, sentito Ciampi: nel '93 temevo Golpe Archiviato il 23 luglio 2012 in Internet Archive.. Fatto quotidiano. Giustizia & Impunità. 15 dicembre 2010.
  91. ^ Trattativa Stato-mafia, audizioni per Ciampi e Scalfaro Archiviato il 16 gennaio 2011 in Internet Archive.. Fatto quotidiano. Cronaca. 11 dicembre 2010.
  92. ^ La lettera ultimatum dei boss: revocate il carcere duro Archiviato il 21 gennaio 2012 in Internet Archive.. Repubblica. Palermo. Cronaca. 17 novembre 2011.
  93. ^ L'ultimatum dei boss a Scalfaro: ora revocateci il carcere duro Archiviato il 20 marzo 2012 in Internet Archive.. Alessandra Ziniti. Repubblica. Cronaca. 17 novembre 2011.
  94. ^ Trattavano, ma a loro insaputa. Il Fatto quotidiano. 13 novembre 2010.
  95. ^ Il capitano De Donno: "Falcone prese il dossier e disse: ora ci divertiamo Archiviato il 3 novembre 2014 in Internet Archive.. Corriere della sera. Archivio storico. 10 febbraio 1999. pag. 17.
  96. ^ Borsellino ucciso perché contrario alla trattativa Stato-Mafia: uno sguardo alle indagini di Caltanissetta Archiviato il 4 novembre 2014 in Internet Archive.. Nino Amadore. Sole 24 ore. Notizie. 9 marzo 2012.
  97. ^ Borsellino ostacolo nella trattativa Stato-Mafia. RAI news 24. Caltanissetta. 8 marzo 2012.
  98. ^ La trattativa Stato-mafia iniziò dopo l'attentato a Falcone Archiviato il 3 novembre 2014 in Internet Archive.. Corriere della sera. Cronaca. 10 ottobre 2011.
  99. ^ Processo a Mori, De Donno: Non ci fu nessuna trattativa. Il papello? Mai visto Archiviato il 23 giugno 2014 in Internet Archive.. Corriere della sera, Mezzogiorno. 8 marzo 2011.
  100. ^ La legge del Papello prima Conso, poi B. Archiviato l'11 gennaio 2012 in Internet Archive.. Marco Travaglio. Antimafia 2000. Sistemi Criminali. 9 dicembre 2011.
  101. ^ www.ilfattoquotidiano.it, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 21 aprile 2018 (archiviato il 21 aprile 2018).
  102. ^ Trattativa Stato-mafia, prescritta per Ciancimino l’accusa di calunnia a De Gennaro
  103. ^ Trattativa Stato-mafia: assolti carabinieri e Dell'Utri

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]