Clan Motisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Clan Motisi
Area di originePagliarelli, Palermo, Sicilia
Aree di influenzaPalermo
Periodo1936 - in attività
BossLorenzo Motisi, Ignazio Motisi, Matteo Motisi, Giovanni Motisi
AlleatiClan dei Corleonesi
RivaliClan Inzerillo
Clan Bontade
AttivitàRacket, traffico di droga, corruzione, estorsione, appalti, frode, gioco d'azzardo, usura, omicidio

il Clan Motisi è uno storico clan mafioso di Palermo, con sede nel quartiere Pagliarelli. È stato fondato da un Motisi sconosciuto.

Lorenzo Motisi, temuto boss palermitano, ottenne un seggio nella Commissione come capomandamento di Pagliarelli. Lo sostituì alla fine degli anni ottanta Ignazio Motisi (Palermo, 1º gennaio 1934), che prese anche il rango di capomandamento.

Matteo Motisi (Palermo, 16 aprile 1918 - 5 settembre 2003) rilevò poi l'organizzazione nel 1983, e si schierò al fianco dei Corleonesi durante la Seconda Guerra di Mafia. Nonostante fosse in precedenza alleata con il clan di Stefano Bontade, Motisi si schierò contro di questi e contro gli Inzerillo, di cui uccise ben 22 membri.

Quando Motisi fu condannato all'ergastolo per l'omicidio di Rocco Chinnici, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, il clan fu rilevato da suo nipote, Giovanni Motisi (Palermo, 1º gennaio 1959), già latitante dal 1998 e stretto alleato di Bernardo Provenzano.

Boss del clan Motisi[modifica | modifica wikitesto]

  • Motisi sconosciuto
    1936 - 195?
  • Lorenzo Motisi
    195? - 1978
  • Ignazio Motisi (Palermo, 1º gennaio 1934) nell'aprile 1988 fu scagionato dall'accusa di aver ordinato, tra il 1977 e il 1985, 33 omicidi. A Motisi, da tempo latitante, venivano tra l'altro attribuite le uccisioni del colonnello dei carabinieri Giuseppe Russo, del segretario provinciale della dc palermitana Michele Reina, del presidente della Regione siciliana Piersanti Mattarella, del segretario regionale comunista Pio La Torre, del capitano dei carabinieri Mario D'Aleo, del commissario di polizia Giuseppe Montana, del vice questore Antonino Cassarà e dell'agente Roberto Antiochia. Ignazio Motisi era stato già assolto con formula piena nel primo processo a Cosa nostra.
    1978 - 1983
  • Matteo Motisi (Palermo, 16 aprile 1918 - 5 settembre 2003)
    1983 - 2000
  • Giovanni Motisi (Palermo, 1º gennaio 1959) dal 1998 latitante.
    2000 - Attualmente
Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia