Rinzivillo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Famiglia Rinzivillo
Nomi alternativiFamiglia di Gela
Area di origineGela, Sicilia, Italia
Aree di influenzaProvincia di Caltanissetta in Sicilia. Altri territori includono Milano, Genova, Veneto in Italia.
Periodoc. 1900 - in attività
AlleatiMadonia, Bardellino, Emmanuello e Fiandaca
AttivitàRacket, narcotici, estorsione, corruzione, gioco d'azzardo, contrabbando, omicidio, riciclaggio di denaro e usura

I Rinzivillo sono un clan mafioso originario di Gela, in Sicilia, alleato con i Madonia di Caltanissetta:[1] in particolare il loro referente sarebbe Giuseppe "Piddu" Madonia e tramite questi la parte di Cosa Nostra fedele ai Corleonesi di Bernardo Provenzano.[2] Hanno insediamenti a Busto Arsizio e nel milanese.[3][4] Secondo la Direzione nazionale antimafia la famiglia sarebbe retta da Crocifisso, Salvatore e Antonio Rinzivillo.[5]

Anni ottanta: le guerre di mafia[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni ottanta del XX secolo i Rinzivillo furono protagonisti di una guerra di mafia che lasciò sul campo 120 morti.[6]

Gli arresti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 furono spiccati 88 mandati di custodia cautelare contro presunti affiliati della cosca Rinzivillo.[7] L'indagine, denominata Tagli pregiati, portò al sequestro di 22 imprese.[8][9]

Organizzazione sul territorio[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la relazione della DNA presentata nel 2009 alla Commissione parlamentare Antimafia, a Gela esistono due principali tronconi di Cosa Nostra: i Rinzivillo e gli Emmanuello.[2] I secondi, stando alla relazione, avrebbero una maggiore presenza militare sul territorio, mentre i primi curerebbero principalmente gli interessi economici, con una rete di collegamenti fra la Sicilia, il Lazio e l'Italia settentrionale,[2] anche per la debolezza militare dovuta ai numerosi arresti subiti negli anni.[10] La disputa tra i due gruppi criminali sarebbe iniziata nel 1999[11] e a partire da quell'anno avrebbe scatenato una faida fra i due gruppi.[10]

Lazio[modifica | modifica wikitesto]

Nel Lazio la famiglia Rinzivillo è stata coinvolta in diverse inchieste della Direzione distrettuale antimafia di Roma, con un coinvolgimento che la DNA definisce la conferma della presenza di Cosa Nostra nella regione.[12] Il cuore del business dei Rinzivillo sarebbe infatti la commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli.[13] In particolare, la famiglia Rinzivillo è stata coinvolta nelle indagini sulle presunte infiltrazioni mafiose al mercato ortofrutticolo di Fondi,[12] che ha portato alla richiesta di scioglimento per il Comune laziale.[14] Secondo la DNA, in particolare, al mercato ortofrutticolo di Fondi vi sarebbe un collegamento operativo fra camorra, 'ndrangheta e Cosa Nostra, che attraverso la famiglia Rinzivillo permetterebbe la connessione con il mercato ortofrutticolo di Vittoria.[12]

Secondo la DNA, inoltre, tramite Fondi i Rinzivillo sarebbero in affari con i Casalesi e con i Santapaola-Ercolano.[15]

Italia settentrionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel Nord Italia, secondo la DNA, i Rinzivillo e gli Emmanuello sono attivi a Genova insieme ai Fiandaca, Alessandria, Torino, Busto Arsizio e nel Veneto.[16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fabio Abati, Igor Greganti, Polo Nord - La nuova terra dei padrini del Sud, Milano, Selene, 2008, Pagina 104., ISBN 88-7894-085-2.
  2. ^ a b c Roberto Alfonso, Elaborati di sintesi sulle principali forme di criminalità mafiosa di origine italiana e sulle "mafie straniere": Cosa nostra, in Relazione annuale sulle attività svolte dal Procuratore nazionale antimafia e dalla Direzione nazionale antimafia nonché sulle dinamiche e strategie della criminalità organizzata di tipo mafioso nel periodo 1º luglio 2007 – 30 giugno 2008, pagina 102., presentata alla Commissione parlamentare Antimafia dalla DNA.
  3. ^ Davide Carlucci, Era la cupola a decidere gli omicidi ma i mafiosi non andranno a giudizio, in La Repubblica, dorso Milano, 12 giugno 2009, p. 9. URL consultato il 30 novembre 2009.
  4. ^ Nino Amadore, La zona grigia. Professionisti al servizio della mafia, Palermo, La Zisa, 2007, Pagina 97., ISBN 88-95709-02-0.
  5. ^ Francesco Paolo Giordano, Distretto di Caltanissetta, in Relazione annuale sulle attività svolte dal Procuratore nazionale antimafia e dalla Direzione nazionale antimafia nonché sulle dinamiche e strategie della criminalità organizzata di tipo mafioso nel periodo 1º luglio 2007 – 30 giugno 2008, pagina 440., presentata alla Commissione parlamentare Antimafia dalla DNA.
  6. ^ Alessandro Fulloni, Rinzivillo: Scotland Yard arresta la moglie del boss, in Corriere della Sera, 19 gennaio 2007, p. 7. URL consultato il 30 novembre 2009 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  7. ^ Bianca Scicolone, Stangata alla famiglia Rinzivillo. In una notte 88 arresti, in Girodivite, 14 dicembre 2006. URL consultato il 30 novembre 2009.
  8. ^ Amadore, pagina 96
  9. ^ (EN) Karen McVeigh, How the godfather's wife from Rochdale 'made it big in the mob', in The Guardian, 28 maggio 2007. URL consultato il 30 novembre 2009.
  10. ^ a b Francesco Paolo Giordano, Distretto di Caltanissetta, in Relazione annuale sulle attività svolte dal Procuratore nazionale antimafia e dalla Direzione nazionale antimafia nonché sulle dinamiche e strategie della criminalità organizzata di tipo mafioso nel periodo 1º luglio 2007 – 30 giugno 2008, pagina 420., presentata alla Commissione parlamentare Antimafia dalla DNA.
  11. ^ Francesco Paolo Giordano, Distretto di Caltanissetta, in Relazione annuale sulle attività svolte dal Procuratore nazionale antimafia e dalla Direzione nazionale antimafia nonché sulle dinamiche e strategie della criminalità organizzata di tipo mafioso nel periodo 1º luglio 2007 – 30 giugno 2008, pagina 418., presentata alla Commissione parlamentare Antimafia dalla DNA.
  12. ^ a b c Alfonso, pagina 103
  13. ^ Francesco Paolo Giordano, Criminalità organizzata nel settore agricolo, in Relazione annuale sulle attività svolte dal Procuratore nazionale antimafia e dalla Direzione nazionale antimafia nonché sulle dinamiche e strategie della criminalità organizzata di tipo mafioso nel periodo 1º luglio 2007 – 30 giugno 2008, pagina 270., presentata alla Commissione parlamentare Antimafia dalla DNA.
  14. ^ Marco Nese, Veltroni a Fondi esorta il premier: sciolga il Comune o vince la mafia, in Corriere della Sera, 23 agosto 2009, p. 15. (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  15. ^ Francesco Paolo Giordano, Criminalità organizzata nel settore agricolo, in Relazione annuale sulle attività svolte dal Procuratore nazionale antimafia e dalla Direzione nazionale antimafia nonché sulle dinamiche e strategie della criminalità organizzata di tipo mafioso nel periodo 1º luglio 2007 – 30 giugno 2008, pagina 273., presentata alla Commissione parlamentare Antimafia dalla DNA.
  16. ^ Francesco Paolo Giordano, Distretto di Caltanissetta, in Relazione annuale sulle attività svolte dal Procuratore nazionale antimafia e dalla Direzione nazionale antimafia nonché sulle dinamiche e strategie della criminalità organizzata di tipo mafioso nel periodo 1º luglio 2007 – 30 giugno 2008, pagina 421., presentata alla Commissione parlamentare Antimafia dalla DNA.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia