Famiglia di Corleone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la famiglia immaginaria protagonista degli eventi del libro Il padrino e dei film ad esso ispirati, vedi Famiglia Corleone.
Famiglia di Corleone
Luciano Leggio.jpg
Luciano "Lucianeddu" Leggio, potente boss della famiglia di Corleone, fu uno dei capi che trasformarono Cosa Nostra da fenomeno rurale a metropolitano.
Nomi alternativifamiglia Leggio
Area di origineCorleone, Sicilia, Italia
Aree di influenzaProvincia di Palermo in Sicilia
PeriodoInizio XX secolo - in attività
AlleatiFamiglie mafiose Greco, Calò, Madonia, Bontate, Cuntrera-Caruana, Nuvoletta, Bardellino, De Stefano e Commisso
AttivitàRacket, stupefacenti, usura, gestione dell'edilizia, estorsione, rapina, omicidio, gioco d'azzardo, traffico di armi, corruzione, racket sindacali, frode, contrabbando, ricettazione

La famiglia di Corleone, chiamata anche famiglia Leggio,[1] è una famiglia mafiosa basata a Corleone, in Sicilia. Non è da confondere, come spesso avviene, con la fazione di Cosa Nostra dei Corleonesi, di cui la famiglia era parte, così come altre famiglie siciliane.

Nata come un gruppo di gabellotti e ladri di bestiame al servizio dei signorotti locali, la famiglia di Corleone divenne molto potente già negli anni'50, crescendo fino a soppiantare le famiglie palermitane negli anni'80, quando uscì vincitrice dalla seconda guerra di mafia (1981-1982). Lo status di supremazia dentro cosa nostra durò per 10 anni, quando il regime sanguinario e anti-statale di Salvatore "Totò u Curtu" Riina portò nei primi anni '90 ad una dura repressione che portò la cosca alla disfatta, con molti membri in prigione al 41 bis.

Oggi la famiglia conta circa 70 "uomini d'onore[2], di cui molti in prigione, ed a capo del mandamento di Corleone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Michele Navarra, dottore di Corleone e capofamiglia negli anni'40 e '50.

La famiglia ha origini all'inizio del '900, quando fu probabilmente fondata da Angelo Gagliano, parente di Tommaso Gagliano (che diventerà il boss dell'odierna famiglia Lucchese di New York). Gagliano rimase al potere fino al 1930, quando fu assassinato. A succedergli fu Calogero Lo Bue, padrino vecchio stampo che si dedicò principalmente ad attività quali contrabbando, estorsione e ricettazione. La sua leadership dovette anche affrontare la repressione fascista, che stava indebolendo le cosche del palermitano, anche se la famiglia di Corleone non fu particolarmente colpita. Nel 1945, terminata la guerra, Angelo Di Carlo, nipote di Gagliano, ritornò dagli Stati Uniti dopo aver prestato servizio nei Marines, depose pacificamente Lo Bue, ritenuto "non adatto ai tempi", che si ritirò a vita privata. Di Carlo avrebbe mantenuto una forte influenza nella famiglia anche negli anni successivi, venendo anche considerato come il "capo anteriore".

Era di Navarra[modifica | modifica wikitesto]

Di Carlo pose alla guida della famiglia il cugino Michele Navarra, rispettato dottore locale e "uomo d'onore".[1] Navarra e Di Carlo ebbero anche una breve disputa con Vincenzo Collura noto come Mr. Vincent, ritornato anche lui dagli States, su chi avrebbe dovuto comandare la famiglia, ma Collura rinunciò in cambio della posizione di viceboss.

Dopo aver ottenuto il comando della cosca di Corleone, Navarra fece assassinare Liborio Ansalone, comandante dei vigili urbani locali che nel 1926 aveva collaborato con gli uomini del prefetto Cesare Mori per fare arrestare numerosi mafiosi a Corleone.[3] Navarra iniziò un regime di supremazia locale, prima prendendo il controllo dell'ospedale di Corleone, uccidendone il primario, probabilmente nel 1946, che all'epoca era Carmelo Nicolosi.[4] In seguito Navarra iniziò a supportare già nel 1946 il Movimento Indipendentista Siciliano, per poi schierarsi con la Democrazia Cristiana nel 1948 e i suoi leader locali Calogero Volpe, Salvatore Aldisio e Bernardo Mattarella[5]., facendovi confluire voti anche tramite il controllo delle imprese pubbliche, come l'Azienda Siciliana Trasporti[6], usata anche per altri fini illeciti.

Navarra iniziò anche un conflitto con gli esponenti del sindacalismo locale, come Placido Rizzotto, segretario della Camera del Lavoro di Corleone e leader socialista assassinato nel 1948. L'omicidio era dovuto anche al fatto che Rizzotto aveva osato appendere il suo pupillo Luciano Leggio all'inferriata della villa comunale.[7]

Col tempo sarà proprio Leggio a diventare un problema per Navarra, poiché mentre questi desiderava mantenere la mafia un fenomeno rurale, Leggio voleva espanderla a fenomeno metropolitano, con agganci con i grandi politici nazionali, imprenditori e funzionari. In particolare, Navarra non tollerava le idee politiche di Leggio (che supportava il PLI locale), compromettendo i suoi rapporti con la DC, e il suo atteggiamento favorevole alla costruzione di una diga (per cui avrebbe preso l'appalto) che gli avrebbe fatto perdere il controllo dei pozzi.[8] Nel 1958 Navarra organizzò quindi l'eliminazione di Leggio, che però fu solo ferito da un commando. Saputo del fallimento, Navarra non fece in tempo a ritentare l'omicidio.[9] Il 2 agosto 1958, Navarra ed il suo giovane collega Giovanni Russo furono crivellati dai colpi di un mitra Thompson, mentre erano a bordo si una Fiat 1100.

Era di Leggio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Luciano Leggio.
L'arresto nel maggio 1964 di Luciano Leggio.

Dopo la morte di Navarra, dentro la cosca di Corleone, Leggio iniziò ad avviare un'epurazione intestina. Il 6 settembre 1958 i killer di Leggio uccisero i 3 capidecina della famiglia, ossia Marco e Giovanni Marino e Pietro Maiuri, rei di essere stati troppo vicini a Navarra. Nei mesi successivi ci furono diversi omicidi e casi di lupara bianca perpetrati da Leggio,[10] che voleva "ripulire" la famiglia dalla vecchia guardia: uno dei pochi superstiti fu Angelo Di Carlo, che mantenne probabilmente il ruolo di consigliori della cosca. Contemporaneamente alle esecuzioni, la famiglia di Corleone mise i piedi anche a Palermo, poiché Leggio aveva acquistato un'officina meccanica e un garage, dove veniva macellata illegalmente la carne che veniva poi rivenduta evadendo il fisco. Inoltre Leggio strinse alleanza con le famiglie dei mafiosi Angelo La Barbera, Rosario Mancino, Vincenzo Rimi e Salvatore "Ciaschiteddu" Greco, con cui i rapporti si sarebbero compromessi già nei primi anni '60.[11]

Sotto la guida di Leggio, la cosca visse i suoi anni d'oro, grazie anche ai lucrosi appalti truccati ed ai racket metropolitani su cui la cosca stava mettendo le mani. Tuttavia, la guerra di mafia del 1963, in cui morirono anche dei poliziotti, scatenò un giro di vite su Cosa Nostra che portò all'arresto di Leggio il 14 maggio 1964, che venne processato per gli omicidi avvenuti a Corleone 6 anni prima.[12] Durante l'arresto, le forze dell'ordine trovarono un catetere, che portò all'ammissione da parte di Leggio di soffrire del morbo di Pott.[13] Leggio fu però assolto durante il processo di Bari nel 1968, che vide invece la condanna dell'alleato Angelo La Barbera.

Nel 1970, la leadership di Leggio a Corleone divenne sempre più traballante, essendosi trasferito a Milano[14] e venendo spesso rappresentato alla Commissione provinciale da Salvatore Riina, suo braccio destro. A Milano, Leggio divenne coinvolto nei sequestri di persona, oltre che in estorsioni e strozzinaggio. Qui si legò anche a figure della 'Ndrangheta calabrese, come Domenico "Mico" Tripodo ed al suo vice Paolo De Stefano.[15][16][17] Un altro socio "milanese" di Leggio era Lorenzo Nuvoletta,[18][19] che era a capo di una famiglia mafiosa operante nel napoletano, come clan camorristico, ma che era anche una costola locale di Cosa Nostra, essendo Lorenzo ed i suoi fratelli "punciuti", ossia membri ufficiali della mafia siciliana.

Nel 1975, Leggio fu definitivamente condannato dal giudice Cesare Terranova all'ergastolo per l'omicidio di Michele Navarra, venendo incarcerato nel carcere di Nuoro. Leggio fu rimpiazzato da Totò Riina, che iniziò un regime sanguinario assieme a Bernardo Provenzano che terminò con le repressioni statali negli anni'90.

Il regime ferreo di Riina[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Corleonesi e Bombe del 1992-1993.
Foto segnaletica di un giovane Totò Riina.

Già in precedenza feroce sicario di Leggio, Riina divenne il suo successore quando questi fu confinato all'ergastolo in Sardegna. Anche se per un periodo Riina operò come reggente della cosca, questi era troppo ambizioso per restare sotto gli ordini di Leggio, da cui si staccò sempre di più. Sotto Riina, se da un lato la famiglia di Corleone crebbe il proprio potere, venendo coinvolta nel traffico di droga internazionale e nell'estorsione ai grandi gruppi imprenditoriali, dall'altro iniziò la sua disfatta, poiché l'atteggiamento anti-statale e violento di Riina attirò le attenzioni dei media e delle autorità, che colpirono duramente la cosca e l'intera Cosa Nostra. Spalleggiato dall'amico e consigliere Bernardo Provenzano, feroce quanto lui nelle esecuzioni, iniziò a pianificare la lenta ma decisa distruzione della "vecchia guardia" di Cosa Nostra: Giuseppe di Cristina da Riesi, Giuseppe Calderone da Catania, Gaetano Badalamenti da Cinisi, Stefano Bontate da Villagrazia e Salvatore Inzerillo da Passo di Rigano, insieme a tutti i loro alleati.

Riina non solo ereditò i contatti con i Tripodo di Reggio Calabria ed i Nuvoletta di Napoli, ma ne acquisì anche altri, tra cui Benedetto Santapaola da Catania, Michele Greco da Croceverde,[20] Francesco Messina Denaro da Castelvetrano e Carmelo Colletti da Ribera, con cui complottò l'eliminazione dei rappresentanti della Commissione. Con questi individui formò una fazione dentro Cosa Nostra molto consistente: i "Corleonesi".

Il primo a cadere sotto i sicari di Riina fu Giuseppe Di Cristina, capofamiglia di Riesi, che nel 1978 fu ucciso a Palermo per aver informato i Carabinieri dei movimenti, la composizione e l'organizzazione dei Corleonesi. Nello stesso anno viene assassinato dai killer di Santapaola, su permesso di Riina, il capomafia catanese Giuseppe Calderone, che era anche il segretario della Commissione.[16] Nel 1981 si arriverà ad un vero e proprio conflitto, noto come "Seconda guerra di mafia", tra gli alleati di Riina e quelli del nuovo "capo di tutti i capi" Stefano Bontate, che assieme all'alleato ed amico Salvatore Inzerillo viene ucciso con poco tempo di distanza l'uno dall'altro. Sommariamente all'omicidio dei boss avviene anche quello dei parenti stretti, come il resto degli Inzerillo, che vengono eliminati uno ad uno ed i pochi sopravvissuti lasciano la Sicilia per fuggire a New York sotto la protezione dei parenti Gambino. Riina però commise anche l'errore di liquidare i parenti di un suo vecchio rivale, il soldato di Porta Nuova Tommaso Buscetta. Questi, che anni prima, intuendo l'imminente epurazione, era fuggito in Brasile, venne arrestato nel 1984 e, come ritorsione per i danni subiti, divenne un collaboratore di giustizia: le sue dichiarazioni portarono alla creazione del cosiddetto Maxiprocesso, durato dal 1986 al 1987, che sentenziò condanne a mafiosi alleati di Riina e Provenzano come Michele Greco,[21]. Giuseppe Calò, Benedetto Santapaola, Francesco Madonia, Bernardo Brusca ed altri come Gaetano Badalamenti, così come i mafiosi americani coinvolti nella Pizza Connection, la rete di narcotraffico messa in piedi dalla mafia americana e quella siciliana tramite pizzerie in tutto il Nord America.[2]

Vedendosi indebolita la sua posizione, Riina continuò la sua strategia stragista al fine di porre fine all'apparato statale italiano in Sicilia, perpetrato con l'omicidio di uomini come Piersanti Mattarella, Carlo Alberto dalla Chiesa e Pio La Torre, ma questi rispose con ancora più dure repressioni che portarono alla legge sulla confisca dei beni dei mafiosi, al 41 bis e alla presenza militare in Sicilia. Riina dovette anche affrontare i malumori interni alla famiglia di Corleone, poiché Provenzano era stanco dell'attenzione che Riina attirava verso Cosa Nostra e preferiva che questa ritornasse ad essere la società segreta di un tempo. A Provenzano si affiancarono diversi capimafia.[22] Il culmine furono le bombe del 1992-1993, in cui morirono i magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e venne danneggiato il patrimonio pubblico artistico.

Era di Provenzano[modifica | modifica wikitesto]

Foto segnaletica di Bernardo Provenzano, eseguita dopo la cattura, l'11 aprile 2006.

Nel 1993 Riina fu imprigionato e condannato a molteplici ergastoli, mentre Provenzano prese il comando della famiglia e si diede alla macchia. A reggere la cosca per un breve periodo vi fu anche il cognato di Riina, Leoluca Bagarella, che venne tuttavia imprigionato a vita nel 1995. Provenzano,verrà catturato nel 2006 dopo una latitanza record di ben 43 anni,verrà ricordato come l'ultimo boss della famiglia poiché gia verso metà degli anni '90 il clan dei corleonesi si è avviato alla fine. Dopo l'arresto di Riina, che era subentrato a Michele Greco alla guida della Commissione, la Commissione non ebbe più un segretario, ma solo dei capi informali, tra cui Matteo Messina Denaro.[2]

Stato attuale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'azzeramento dei membri di spicco nel 1993, che aveva portato anche alla scomparsa dei "Corleonesi", e l'arresto di Provenzano nel 2006, la cosca di Corleone si avviò verso la fine. Oggi si stima abbia circa 70 "uomini d'onore"[2], molti dei quali in prigione o anziani. Il capofamiglia attuale sarebbe Rosario Lo Bue o almeno fino al suo arresto avvenuto nel 2008. Già dalla metà degli anni '90, la famiglia di Corleone avrebbe perso influenza a Palermo, mantenendo il controllo solo dell'area meridionale della Provincia di Palermo.

Leadership storica[modifica | modifica wikitesto]

Capofamiglia (ufficiale e reggente)[modifica | modifica wikitesto]

Sottocapo[modifica | modifica wikitesto]

Consigliere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Storia della mafia: dalle origini ai giorni nostri, Salvatore Lupo, 1997
  2. ^ a b c d Strutture - Cosa Nostra e 'Ndrangheta a confronto, Francesco Gaetano Moiraghi e Andrea Zolea, 2013
  3. ^ Città Nuove Corleone
  4. ^ http://archiviopiolatorre.camera.it/img-repo/DOCUMENTAZIONE/Antimafia/01_rel_p03_2.pdf
  5. ^ Il Viandante - Sicilia 1947
  6. ^ "Boss della mafia siciliana" Archiviato il 26 novembre 2006 in Internet Archive.
  7. ^ "Placido Rizzotto"
  8. ^ "Sangue e acqua a Corleone"
  9. ^ Attilio Bolzoni, Il capo dei capi, pag.35-37
  10. ^ Omicidio Navarra, la verità viene a galla, Dino Paternostro, 29 agosto 2004
  11. ^ E LEGGIO SPACCO' IN DUE COSA NOSTRA - Repubblica.it » Ricerca
  12. ^ Articolo sull'arresto di Luciano Liggio, Città Nuove Corleone, 2003
  13. ^ La mafia agricola - Documenti della Commissione Parlamentare Antimafia VI LEGISLATURA (PDF).
  14. ^ Il contesto mafioso e don Tano Badalamenti - Documenti del Senato della Repubblica XIII LEGISLATURA (II parte) (PDF).
  15. ^ La quarta mafia - Documenti della Commissione Parlamentare Antimafia VI LEGISLATURA (PDF).
  16. ^ a b 1981-1983: Esplode la seconda guerra di mafia
  17. ^ Ordinanza contro Michele Greco+18 per gli omicidi Reina-Mattarella-La Torre (PDF).
  18. ^ Copia archiviata (PDF), su csm.it. URL consultato il 5 febbraio 2007 (archiviato dall'url originale il 5 febbraio 2007).
  19. ^ Relazione sulla camorra Archiviato il 30 agosto 2008 in Internet Archive.
  20. ^ 'La Mattanza Dei Corleonesi' In Tre Anni Oltre Mille Morti - La Repubblica.It
  21. ^ lacndb.com::Italian Mafia
  22. ^ Il fiume è in piena[collegamento interrotto] Antimafiaduemila.com
  23. ^ Patto Cosa nostra-Camorra, condannati Gaetano Riina e i Casalesi Archiviato il 15 luglio 2014 in Internet Archive., Antimafia, 25 marzo 2014
Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sicilia