Capodecina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il capodecina o caporegime è un componente di una famiglia di "Cosa nostra", in genere a capo di 10 uomini d'onore.

Il capodecina in genere rapporta il suo operato ai suoi superiori, che possono essere i consiglieri del capofamiglia o addirittura il capofamiglia stesso.

In genere i capidecina vengono definiti anche "colonne" o "fondamenta", poiché sono considerati i burocrati che sorreggono tutto il sistema criminale della famiglia mafiosa. Ad ogni capodecina in genere vengono affidati compiti particolari, possiamo dire che egli è una specie di "ministro" che ricopre una certa carica e che deve rendere conto solo al capo o ai suoi vice.

Jugoslavia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Gradi dell'Armata popolare jugoslava.

Nelle Forze armate della Jugoslavia Socialista capodecina (desetar) era un grado della truppa, il penultimo grado della gerarchia militare.

Nell'Esercito e nella Marina il grado era denominato semplicemente desetar, mentre la denominazione del grado nell'Aviazione era desetar avijacije o capodecina d'aviazione.

In precedenza il grado nelle forze armate dello Stato dei Serbi, Croati e Sloveni e poi del Regno di Jugoslavia la denominazione di tale grado era Kapral (caporale).

Dopo la dissoluzione della Jugoslavia il grado è rimasto in vigore nelle forze armate della Repubblica Federale di Jugoslavia dal 2003 Serbia e Montenegro e infine dopo la separazione tra i due stati nelle forze armate di Serbia e Montenegro. Nelle Forze Armate croate il grado è capodecina (croato: desetnik), mentre nelle forze armate slovene è condottiero (sloveno: Vodnik) e nelle forze armate della Bosnia ed Erzegovina il grado è caporale (Kapral), come all'epoca del Regno di Jugoslavia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]