Mano Nera (estorsione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Mano Nera (in lingua inglese Black Hand) furono delle bande che praticavano estorsioni all'interno delle comunità italiane nelle città statunitensi all'inizio del XX secolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine prese piede nei primi del Novecento e derivava dall'abitudine degli estorsori di inviare lettere minatorie alle loro vittime, le quali erano contrassegnate dall'emblema del teschio e tibie incrociate o dall'impronta di una mano nera, accompagnate da minacce di morte, di sfregi e di danneggiamenti[1][2]: questa tipologia di crimine si diffuse da New York a Chicago, San Francisco e New Orleans, compiuta da strozzini siciliani, calabresi e napoletani.[2][3]

I principali capibanda che compirono questo tipo di estorsione furono i siciliani Giuseppe Morello e Ignazio Lupo, che strangolavano e bruciavano le vittime che rifiutavano di pagare[2], e i cumparielli napoletani Enrico Alfano e Pellegrino Morano.[4]

Nel romanzo Vita di Melania G. Mazzucco ambientato nella New York di inizio Novecento vengono descritti vari episodi criminosi legati alla Mano Nera.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Viandante - Sicilia 1903
  2. ^ a b c lacndb.com::American Mafia
  3. ^ Il Viandante - Sicilia 1890
  4. ^ lacndb.com::American Mafia

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]