Mario D'Aleo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mario D'Aleo
Mario D'Aleo.jpg
16 febbraio 1954 – 13 giugno 1983
Nato aRoma
Morto aPalermo
Cause della morteAgguato da parte di Cosa nostra
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataEsercito italiano
ArmaArma dei Carabinieri
Anni di servizio1973 - 1983
GradoCapitano
Comandante diCompagnia carabinieri di Monreale
DecorazioniValor civile gold medal BAR.svg Medaglia d'oro al valor civile
Studi militariAccademia militare di Modena
voci di militari presenti su Wikipedia

Mario D'Aleo (Roma, 16 febbraio 1954Palermo, 13 giugno 1983) è stato un ufficiale dell'Arma dei Carabinieri.[1]

Assassinato da cosa nostra, è stato insignito della Medaglia d'oro al valor civile alla memoria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Capitano dei carabinieri, insieme ad altri 2 colleghi, Giuseppe Bommarito e Pietro Morici, venne ucciso da Cosa Nostra[2] in un attentato a Palermo il 13 giugno 1983 in via Cristoforo Scobar, da un commando composto da tre persone che colpirono i militari mentre si trovavano a bordo della loro auto di servizio.[3]

Un'altra immagine di D'Aleo in uniforme

D'Aleo aveva preso il posto di Emanuele Basile, anch'egli ucciso in un agguato di mafia.

Dopo la sua morte gli è stata conferita la Medaglia d'oro al valor civile.[4]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor civile (alla memoria) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor civile (alla memoria)
«Comandante di Compagnia Carabinieri operante in zona ad alto indice di criminalità organizzata, pur consapevole dei gravi rischi cui si esponeva, con elevato senso del dovere e sprezzo del pericolo svolgeva tenacemente opera intesa a contrastare la sfida sempre più minacciosa delle organizzazioni mafiose. Barbaramente trucidato in un proditorio agguato tesogli con efferata ferocia, sacrificava la sua giovane vita in difesa dello Stato e delle istituzioni. Palermo, 13 giugno 1983[5]»
— 31 agosto 1983

LA CASERMA DI PALAZZO ADRIANO HA PRESO IL SUO NOME NEL 2016

Memoria[modifica | modifica wikitesto]

Mario D'Aleo è ricordato ogni anno il 21 marzo nella Giornata della Memoria e dell'Impegno di Libera, la rete di associazioni contro le mafie, che in questa data legge il lungo elenco dei nomi delle vittime di mafia e fenomeni mafiosi.

In suo ricordo e del Capitano Emanuele Basile la giornalista Michela Giordano ha scritto il Libro Quando rimasero soli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN220779345 · ISNI (EN0000 0003 6051 708X
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie