Emanuele Notarbartolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emanuele Notarbartolo
Emanuele Notarbartolo di San Giovanni

Emanuele Notarbartolo di San Giovanni


Sindaco di Palermo
Durata mandato 26 ottobre 1873 –
30 settembre 1876
Predecessore Domenico Peranni
Successore Francesco Paolo Perez

Dati generali
Suffisso onorifico Marchese di San Giovanni
Partito politico Destra Storica

Emanuele Notarbartolo di San Giovanni (Palermo, 23 febbraio 1834Termini Imerese, 1º febbraio 1893) è stato un banchiere e politico italiano. È considerato la prima vittima eccellente di cosa nostra in Italia.[1]

Fu alla guida del Banco di Sicilia e deputato della Destra Storica. È sepolto nel Cimitero di Santa Maria dei Rotoli a Palermo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Il marchese di San Giovanni nasce in una famiglia aristocratica palermitana, ma presto rimane orfano di entrambi i genitori. Cresciuto in Sicilia, nel 1857 si trasferisce prima a Parigi, poi in Inghilterra, dove conosce Michele Amari e Mariano Stabile, due esuli siciliani che lo influenzeranno molto. Avvicinatosi all'economia e alla storia, diventa sostenitore del liberalismo conservatore (quindi vicino alla Destra storica). Dal 1862 diventa prima reggente, poi titolare, del Banco di Sicilia.

L'impegno militare e politico[modifica | modifica wikitesto]

Arruolatosi nell'armata sarda, si aggrega anche alla spedizione dei Mille con Giuseppe Garibaldi. Nel 1865 lascia l'esercito e diventa assessore alla polizia urbana a Palermo, con Antonio Starrabba, marchese di Rudinì, come sindaco. L'insurrezione della città nel 1866 travolge l'intera classe dirigente e la conseguente sconfitta elettorale allontana per un periodo Notarbartolo dalla politica. Dal 1870 al 1873 è responsabile dell'ospedale, poi il 26 ottobre 1873 viene eletto sindaco di Palermo. Rimane in carica fino al 30 settembre 1876. Durante il suo governo, attua varie opere urbanistiche ed è tra i promotori della costruzione del Teatro Massimo di Palermo. Ma, soprattutto, cerca di debellare il fenomeno della corruzione alle dogane.

L'attività al Banco di Sicilia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1876 si occupa a tempo pieno del Banco di Sicilia, cercando con la sua autorità di riorganizzare il sistema bancario che era stato scosso dopo l'Unità d'Italia. Inoltre il Banco di Sicilia è sull'orlo del fallimento, e l'opera di Notarbartolo evita di far collassare l'economia siciliana. Il suo lavoro al Banco di Sicilia inizia a inimicargli molta gente. Il consiglio della banca è composto principalmente da politici, molti dei quali legati alla mafia locale.

Durante il governo Depretis, gli vengono affiancati due personaggi a lui ostili, tra cui il parlamentare Raffaele Palizzolo. Il deputato era colluso con la mafia locale da anni e le sue speculazioni avventate avevano creato non pochi screzi con Notarbartolo.[senza fonte]

L'omicidio[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1882, mentre si trovava a Caccamo, il marchese fu sequestrato per un breve periodo; per essere liberato fu costretto a pagare un riscatto di 50.000 lire.[2] Il 1º febbraio 1893, nel tragitto in treno tra Termini Imerese e Trabia, venne ucciso con 27 colpi di pugnale da Matteo Filippello e Giuseppe Fontana, legati a cosa nostra.

Il processo agli assassini[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1899 la Camera dei deputati autorizzò il processo contro Raffaele Palizzolo come mandante dell'assassinio. Nel 1901 venne giudicato colpevole e condannato, ma nel 1905 fu assolto dalla Corte d'Assise di Firenze per insufficienza di prove, probabilmente sempre grazie ai suoi appoggi importanti.

Trasposizione televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Il delitto di Emanuele Notarbartolo viene raccontato nella miniserie televisiva del 1980 Il delitto Notarbartolo, di Alberto Negrin, in cui il politico siciliano viene interpretato da Ivo Garrani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Archivio biografico comunale - Emanuele Notarbartolo, URL consultato il 10-12-2010
  2. ^ Giovanni Tessitore Il nome e la cosa: quando la mafia non si chiamava mafia FrancoAngeli Editore, 1997 pag. 145

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leopoldo Notarbartolo Il caso Notarbartolo, Il Vespro, Palermo, 1977
  • Sebastiano Vassalli Il cigno, Einaudi, Torino, 1993
  • Gigi Speroni Il delitto Notarbartolo, Rusconi, Milano, 1993
  • Leopoldo Notarbartolo La città cannibale - Il memoriale Notarbartolo, Edizioni Novecento, Palermo, 1994
  • Giovanni Tessitore Il nome e la cosa: quando la mafia non si chiamava mafia FrancoAngeli Editore, 1997
  • Paolo Valera L'assassinio Notarbartolo, Manni, S. Cesario di Lecce, 2006
  • Napoleone Colajanni, Nel regno della mafia, Edizioni Trabant, Brindisi, 2010
  • Michele Vaccaro, Mafia e potere. L'omicidio Notarbartolo. Ingiustizia è fatta, in "Storia in Rete", giugno 2015, Anno XI, n. 116.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sindaco di Palermo Successore Palermo-Stemma.png
Domenico Peranni 1873-1876 Francesco Paolo Perez
Controllo di autorità VIAF: (EN47564443 · LCCN: (ENn93004798 · GND: (DE119113872