Nino Aragno Editore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nino Aragno Editore
StatoItalia Italia
Fondazione1999 a Torino
Fondata daNino Aragno
Sede principaleTorino
SettoreEditoria
Sito web

La Nino Aragno Editore è una casa editrice italiana fondata nel 1999[1] a Torino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La casa editrice è stata fondata dall'imprenditore e bibliofilo Nino Aragno.[2] Nel 2000 viene nominato direttore Raffaele Crovi fino al 2007, anno della sua scomparsa. Da quel momento Nino Aragno è direttore unico della casa editrice. Simbolo della casa editrice è il centauro Chirone[3].

La casa editrice pubblica classici del pensiero europeo antichi e moderni.[4] A questi si aggiungono edizioni in collaborazione con il Warburg Institute di Londra, il Collège de France, l’Istituto di giudaistica della Freie Universität di Berlino, l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli e la Fondazione Biblioteca Benedetto Croce.[5]

Collane editoriali[modifica | modifica wikitesto]

Il catalogo di titoli è diviso in 29 collane, tra saggistica e testi inediti, che trattano argomenti di storia, filosofia, arte, letteratura, economia, politica, storia del giornalismo, i classici e la poesia. Tra queste la più importante è la "Biblioteca Aragno" che include anche testi di celebri autori dell'Ottocento e del Novecento.[6]

Tra le pubblicazioni più rilevanti vi sono il Journal di Edmond e Jules de Goncourt, le Memorie di Talleyrand[7] e il carteggio tra Giovanni Gentile e Benedetto Croce.[8] Vi è anche la ristampa del Vorträge (1921-1931)[9] del Warburg Institute e l’edizione delle opere di Aby Warburg.

La collana “Classici del giornalismo”, diretta da Alberto Sinigaglia, attraverso le raccolte di articoli di eminenti giornalisti fornisce una testimonianza del rapporto della cultura italiana con le istituzioni e la politica.

Alla poesia sono dedicate tre collane editoriali, “Licenze poetiche”[10] con le novità contemporanee, “I domani”,[11] progettata da Maria Grazia Calandrone, Andrea Cortellessa e Laura Pugno, che raccoglie la poetica d’avanguardia italiana, e “Castalia”,[12] diretta da Giovanni Tesio, riservata alla poesia dialettale.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 maggio 2009 la Giuria del premio Nazionale Alassio 100 libri – Un Editore per l’Europa, assegna alla Nino Aragno l’undicesima edizione del Premio.[13] Il 25 marzo 2013 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, su proposta del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, conferisce all'editore la Medaglia d’oro ai Benemeriti della Cultura e dell’Arte.[14] Il 3 novembre 2016 riceve il Premio Vittorio De Sica per l’Editoria.[15][16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nino Aragno Editore – Chi siamo, su ninoaragnoeditore.it. URL consultato il 27 aprile 2018.
  2. ^ Franco Fanelli, Conversazione con Nino Aragno, in Vernissage, ottobre 2014.
  3. ^ Paolo Griseri, Aragno: "Io, editore rovesciato, stampo per piacere", in la Repubblica, 15 maggio 2016. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  4. ^ Paolo Mauri, L'editore dei libri impossibili, in la Repubblica, 25 luglio 2009.
  5. ^ Chi siamo, Nino Aragno Editore. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  6. ^ Biblioteca Aragno, Nino Aragno Editore. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  7. ^ Memorie, Nino Aragno Editore. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  8. ^ Carteggio (1896-1900), Nino Aragno Editore. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  9. ^ Bibliothek Warburg Vorträge (1921-1931), Nino Aragno Editore. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  10. ^ Licenze poetiche, Nino Aragno Editore. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  11. ^ I domani, Nino Aragno Editore. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  12. ^ Castalia, Nino Aragno Editore. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  13. ^ A. Viale, Premio Alassio, vincono gli indipendenti. La palma di editore europeo a Nino Aragno conferma la contro tendenza della cultura, in Il Secolo XIX, 12 settembre 2009.
  14. ^ Medaglia d’oro all’editore Nino Aragno testimone del valore della cultura, in La Stampa, 17 aprile 2013.
  15. ^ Nino Aragno, Premi Vittorio De Sica. URL consultato l'8 febbraio 2017.
  16. ^ Consegnati a Roma i Premi De Sica 2016. Nino Aragno premiato per l’editoria, in Corriere della Sera, 4 novembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENno2001090851 · WorldCat Identities (ENno2001-090851
Editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Editoria