Jean Starobinski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jean Starobinski

Jean Starobinski (Ginevra, 17 novembre 1920) è un critico letterario svizzero, di lingua francese, storico delle idee e teorico della letteratura.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia letteratura classica all'Università di Ginevra e, successivamente, anche medicina, conseguendo il titolo di dottorato in entrambe le discipline. Ha insegnato letteratura francese alla Johns Hopkins University di Baltimora, a quella di Basilea oltre che a quella di Ginevra, dove ha tenuto dei corsi di storia delle idee e di storia della medicina.

I suoi libri, tradotti in una dozzina di lingue, sono stati di valido aiuto per la critica contemporanea, arricchendo di nuovi punti di vista su vasti temi il panorama critico letterario. Si è occupato in numerose opere della creazione poetica nella poesia contemporanea e dei problemi dell'interpretazione: i suoi saggi sull'arte del XVII secolo sono ormai considerati dei classici.

È annoverato nella cosiddetta "Scuola di Ginevra" di critica letteraria.

La sua esperienza di medico e di psichiatra lo spingono a studiare la storia della malinconia (in Trois Fureurs, 1974); fu inoltre il primo a pubblicare, nel 1964, le ricerche di Ferdinand de Saussure sugli anagrammi.

Jean Starobinski è membro dell'Académie des sciences morales et politiques dell'Institut de France e di numerose altre accademie francesi, europee ed statunitensi. È stato insignito della laurea honoris causa da numerose università europee e statunitensi.

Nel 1984 ha vinto il Premio Balzan per la storia e critica delle letterature. Nel 1998 ha vinto il Premio Grinzane Cavour e il Grand Prix national des lettres.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Montesquieu (1953), trad. it. Carla Coletti, Genova: Marietti, 1989, n.ed. trad. it. Mario Marchetti, Torino: Einaudi, 2002.
  • Rousseau e la fantasticheria (1960), trad. it. Maria Grazia Meriggi, in Jean-Jacques Rousseau, Le fantasticherie del passeggiatore solitario, Milano: Rizzoli, 1979.
  • La scoperta della libertà (1964), trad. it. Milano: Fabbri, 1965.
  • Il concetto di nostalgia (1966), trad. it. Alessandro Serra, in Antonio Prete (a cura di), Nostalgia. Storia di un sentimento, Milano: Raffaello Cortina, 1992.
  • Democrito parla (1968), trad. it. Francesco Fonte Basso, in Robert Burton, Anatomia della malinconia, Venezia: Marsilio, 1983.
  • L'occhio vivente. Studi su Corneille, Racine, Stendhal, Freud (1970), trad. it. Giuseppe Guglielmi e Giorgetto Giorgi, Torino: Einaudi, 1975.
  • 1789: i sogni e gli incubi della ragione, trad. it. Silvia Giacomoni, Milano: Garzanti, 1981; Milano: Abscondita, 2010.
  • Jean-Jacques Rousseau e il pericolo della riflessione (1971), trad. it. Giuseppe Guglielmi, in Ernst Cassirer - Robert Darnton - Jean Starobinski, Tre letture su Rousseau, Bari: Laterza 1994.
  • Jean-Jacques Rousseau. La trasparenza e l'ostacolo (1975), trad. it Rosanna Albertini, Bologna: Il mulino, 1989.
  • Tre furori (1974), trad. it. Silvia Giacomoni, Milano: Garzanti, 1978, n.ed. Milano: SE, 2003.
  • La scala delle temperature. Saggio su Madame Bovary (1980), trad. it. Carlo Gazzelli, Genova: Il melangolo, 1984.
  • La coscienza e i suoi antagonisti (1981), trad it. Marina Astrologo e Simona Cigliana, Roma: Theoria, 1995, n.ed. Milano: SE, 2000.
  • Montaigne. Il paradosso dell'apparenza (1982), trad. it. Mario Musacchio, Bologna: Il mulino, 1984.
  • L'ordine del giorno (1982), trad. it. Carlo Gazzelli, Genova: Il melangolo, 1990.
  • Ritratto dell'artista da saltimbanco (1983), trad. it. Corrado Bologna, Torino: Bollati Boringhieri, 1984.
  • Introduzione (1985), in Sigmund Freud, L'interpretazione dei sogni, trad. it. Filippo Pogliani, Milano: Rizzoli, 1986.
  • La malinconia allo specchio. Tre letture di Baudelaire (1989), trad. it. Daniela De Agostini, Milano: Garzanti, 1990.
  • Il rimedio nel male. Critica e legittimazione dell'artificio nell'età dei lumi (1989), trad. it. Antonio Martinelli, Torino: Einaudi, 1990.
  • Storia del trattamento della malinconia dalle origini al 1900, trad. it. Franco Paracchini, Milano: Guerini, 1990.
  • La maschera e l'uomo, intervista di Guido Ferrari, Milano: Jaca Book, 1990.
  • Prefazione (1991), trad. it. Elisabetta Risari, in Italo Calvino, Romanzi e racconti, Milano: Mondadori, 1991, volume 1, pp. IX-XXXIII.
  • A piene mani. Dono fastoso e dono perverso (1994), trad. Antonia Perazzoli Tadini, Torino: Einaudi 1995.
  • Rousseau e Tasso (1993: «Lezione Natalino Sapegno»), trad. Fiorella Puglisi, Torino: Bollati Boringhieri, 1994.
  • Diderot e la pittura (1995), trad. it. Fernanda Littardi, Milano: TEA, 1995.
  • Azione e reazione. Vita e avventure di una coppia (1999), trad. it. Carmelo Colangelo, Torino: Einaudi, 2001.
  • Virgilio in Freud (2001), in Ivano Dionigi (a cura di), Di fronte ai classici, Milano: Rizzoli, 2007.
  • La poesia dell'invito (2001), trad. it. Carlo Gazzelli, Genova: Il melangolo, 2003.
  • Le ragioni del testo, a cura di e trad. it. Carmelo Colangelo, Milano: Bruno Mondadori, 2003.
  • Le incantatrici (2005), trad. it. Carlo Gazzelli, Torino: EdT, 2007.
  • L'invenzione della libertà 1700-89 (2006), trad. it. Manuela Busino Maschietto, Milano: Abscondita, 2008.
  • Amleto e Freud, trad. M. Caruso De Vidovich, in Ernest Jones, Amleto e Edipo, Milano: ES, 2008.
  • L'inchiostro della malinconia, trad. Mario Marchetti, Torino: Einaudi, 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN39384431 · ISNI (EN0000 0001 0889 3809 · LCCN (ENn79061191 · GND (DE119016907 · BNF (FRcb11925439m (data)