Pierre Klossowski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pierre Klossowski

Pierre Klossowski (Parigi, 9 agosto 1905Parigi, 12 agosto 2001) è stato uno scrittore, traduttore e pittore francese. Intellettuale ai margini della cultura accademica, le sue idee proliferarono nelle filosofie del periodo detto del post-strutturalismo (Gilles Deleuze e Michel Foucault in particolare), ed egli collaborò anche con André Gide e Georges Bataille.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dello storico dell'arte e pittore tedesco di origini aristocratiche polacche Erich Klossowski (1875-1949) e della pittrice polacca di origine ebraica Baladine Klossowska (nata Elisabeth Dorothea Spiro; 1886-1969), e fratello del pittore Balthus (il cui vero nome era Balthazar Klossowski), dopo la separazione dei genitori, la madre fu compagna di Rainer Maria Rilke il quale fu, con André Gide (al quale Klossowski a 18 anni fece da segretario e curatore de I Falsari), uno dei mentori di Pierre.

Fu, assieme a Georges Bataille, tra i principali promotori della Nietzsche-renaissance che, nella vita culturale francese degli anni '60, pose al centro dell'attenzione un Nietzsche riletto alla luce del pensiero della differenza (i suoi testi su Nietzsche sono: Nietzsche et le cercle vicieux e Nietzsche, il politeismo e la parodia, dove l'"eterno ritorno" si rivela una tonalità emotiva, una Stimmung, prima di assurgere a pensiero dell'affermazione del saṃsāra).

Inoltre spetta proprio a lui un ruolo chiave nell'esegesi di un'opera complessa come quella del Marchese de Sade (nei due saggi, pubblicati poi assieme: Sade mon prochain e Le philosophe scélérat; ricordiamo che il secondo "corregge" l'impianto radicalmente teologico del primo, che ruotava interamente sulla nozione di un Dio che, morendo, portava via con sé anche la classica concezione di Io e il conseguente concetto di identità, in quanto non vi sarebbe Io senza un Dio che presieda alla sua unità).

Tra i suoi romanzi ricordiamo la trilogia Les lois de l'hospitalité (Le leggi dell'ospitalità), composta da: La Révocation de l'Edict de Nantes; Roberte ce soir e Le Souffleur; nei quali viene condotta una riflessione parallela sulle due tematiche apparentemente più distanti tra loro: teologia ed erotismo. Altra opera letteraria importante è Le Baphomet (tutti quanti riediti in Italia dalla casa editrice ES). Ebbe particolare rilievo come traduttore. Fu entusiasticamente accolta la sua versione dell'Eneide di Virgilio.

Fortunato fu l'incontro, avvenuto negli anni settanta, con il teatro di Carmelo Bene; incontro che prese la forma di due saggi importantissimi sul modo di recitare dell'attore italiano (Cosa mi suggerisce il gioco ludico di Carmelo Bene e Généreux jusqu'au vice) e che avrebbe dovuto consolidarsi appieno nella Biennale di Venezia 89-90 (diretta da Bene, che poi diede le dimissioni) con una messa in scena de Il bafometto, che però non ebbe luogo. Spesso messa in secondo piano è la sua importante opera pittorica, orientata a una reinvenzione della figurazione, attraverso un ripensamento dell'idea di simulacro. La sua intera produzione andrebbe riletta in questa chiave anche alla luce del lavoro svolto da suo fratello Balthus.

Morì nel 2001, a 96 anni.

Bibliografia originale[modifica | modifica wikitesto]

  • 1947 - Sade mon prochain, Paris, Seuil.
  • 1950 - La vocation suspendue, Paris, Gallimard.
  • 1953 - Roberte ce soir, Paris, Éditions de Minuit.
  • 1956 - Le bain de Diane, Paris, J.-J. Pauvert.
  • 1959 - La révocation de l'Édit de Nantes, Paris, Éditions de Minuit.
  • 1960 - Le souffleur ou le théâtre de société, Paris, J.-J. Pauvert.
  • 1963 - Un si funeste désir, Paris, Gallimard.
  • 1965 - Le baphomet, Paris, Mercure de France.
  • 1967 - Sade mon prochain précédé de Le philosophe scélérat, Paris, Seuil.
  • 1968 - Origines cultuelles et mytiques d'un certain comportement des dames romaines, Montpellier, Fata Morgana
  • 1969 - Nietzsche et le cercle vicieux, Paris, Mercure de France
  • 1970 - La monnaie vivante, Paris, E. Losfeld.
  • 1974 - Les derniers travaux de Gulliver suivi de Sade et Fourier, Montpellier, Fata Morgana.
  • 1980 - Les Tarots de Gianni Novak, Paris, Franco Maria Ricci.
  • 1984 - La ressemblance, Marseille, Ryoân-ji.
  • 1988 - Le Mage du Nord. Johann Georg Hamann, Montpellier, Fata Morgana.
  • 1994 - L'adolescent immortel, Paris, Editions Lettres Vives.

Traduzioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1930 - Friedrich Hölderlin, Poèmes de la follie, Paris, Editions Fourcade;
  • 1930 - Franz Kafka, Le verdict, Bifur, 5;
  • 1936 - Walter Benjamin, L'œuvre d'art à l'époque de sa reproduction mécanisée, Paris, Alca;
  • 1936 - Max Scheler, Le sens de la souffrance, Paris, Aubier-Montaigne;
  • 1937 - Walter Benjamin, L'angoisse mytiques chez Goethe, Les Cahiers du Sud, main-juin.
  • 1938 - Søren Kierkegaard, Antigone, Paris, Les Nouvelles Lettres;
  • 1945 - Franz Kafka, Pages du Journal intime, Fontaine, mai;
  • 1946 - Johann Georg Hamann, Métacritique du purisme de la raison pure, Deucalion, 1;
  • 1948 - Johann Georg Hamann, Les méditations bibliques avec une étude de Hegel, Paris, Minuit;
  • 1948 - Tertulliano, Du sommeil, des songes et de la mort, La Licorne, hiver;
  • 1954 - Friedrich Nietzsche, Le Gai Savoir, Paris, Club français du livre;
  • 1959 - Svetonio, Vie des douze César, Paris, Club français du livre;
  • 1959 - Gilles de Rais, Minutes, Paris, Club français du livre;
  • 1961 - Ludwig Wittgenstein, Tractatus logico-philosophicus, Paris, Gallimard;
  • 1962 - Lǐ Yú, Jeou-P'ou-T'ouan ou la chaircomme tapis de prière, Paris, J.-J. Pauvert;
  • 1964 - Virgilio, L'Énéide, Paris, Gallimard;
  • 1967 - Correspondance entre Rainer Maria Rilke et Lou von Salomé, Le Nouveau commerce, printemps-été.
  • 1971 - Martin Heidegger, Nietzsche, Paris, Gallimard;
  • 1976 - Friedrich Nietzsche, Fragments posthumes, Paris, Gallimard.

Opere tradotte in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alain Arnaud, Pierre Klossowski, Paris, Éditions du Seuil, 1990, ISBN 978-2-02-011495-0.
  • Piero Burzio, Ferite del lógos. Pierre Klossowski e la filosofia della religione, Dronero, L'Arciere, 2001, ISBN 88-86398-95-6.
  • Jean Decottignies, Klossowski, notre prochain, Paris, Editions Henri Veyrier, 1985, ISBN 978-2-85199-377-9.
  • Jean Decottignies, Pierre Klossowski. Biographie d'un monomane, Villeneuve d'Ascq, Presses Universitaires du Septentrion, 1997, ISBN 978-2-85939-523-0.
  • Anne-Marie Lugan-Dardigna, Klossowski. L'homme aux simulacres, Paris, Navarin, 1986, ISBN 2-86827-044-1.
  • Jean-Pol Madou, Démons et simulacres dans l'œuvre de Pierre Klossowski, Paris, Méridiens Klincksiek, 1987, ISBN 978-2-86563-182-7.
  • Aldo Marroni, Klossowski e la comunicazione artistica, Palermo, Centro Internazionale Studi di Estetica, 39, 1993.
  • Aldo Marroni, Pierre Klossowski. Sessualità, vizio e complotto nella filosofia, Milano, Costa & Nolan, 1999, ISBN 978-88-7648-383-7.
  • Aldo Marroni, Laws of perversion and hospitality in Pierre Klossowski, "Journal of European Psychoanalysis", 25, 2007.
  • Aldo Marroni, L'arte dei simulacri. Il dèmone estetico di Pierre Klossowski, Milano, Costa & Nolan, 2009, ISBN 978-88-7437-124-2.
  • Thierry Tremblay, Anamnèses. Essai sur l'œuvre de Pierre Klossowski, Paris, Éditions Hermann, 2012, ISBN 978-2-7056-8277-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27066848 · ISNI (EN0000 0001 2022 8289 · SBN IT\ICCU\CFIV\021839 · LCCN (ENn50052598 · GND (DE118563416 · BNF (FRcb119098665 (data) · NLA (EN49862116 · BAV ADV10292211 · NDL (ENJA00445906 · WorldCat Identities (ENn50-052598