Franco Maria Ricci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Franco Maria Ricci (Parma, 2 dicembre 1937Fontanellato, 10 settembre 2020) è stato un grafico, editore e designer italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato in una famiglia aristocratica di origine genovese, dopo la laurea in geologia all'Università degli Studi di Parma, ha lavorato per Gulf Oil in Turchia[1] e nel 1963 ha iniziato la sua attività di editore e artista grafico a Parma, Ha progettato marchi, manifesti, pubblicazioni e si è dedicato allo studio dell'opera e dello stile di Giambattista Bodoni, di cui ha ristampato il Manuale Tipografico. L'inatteso successo che è seguito ai 900 esemplari di quella ristampa lo ha portato a investire ulteriori energie nella creazione di volumi estremamente raffinati.

Nel 1965 ha fondato la casa editrice FMR a Parma, che ha pubblicato edizioni d'arte e letterarie di pregio. Vanno ricordate certamente le collane I segni dell'uomo, La Biblioteca di Babele curata da Jorge Luis Borges, Quadreria, Oratio dominica, Morgana, Le guide impossibili, Grand Tour. Tra le grandi opere si segnalano la ristampa dell'Encyclopédie di Diderot e d'Alembert (18 voll., 1970) e l'Enciclopedia dell'arte ART FMR (15 voll., 1990).

Ha pubblicato il Codex Seraphinianus scritto dall'artista Luigi Serafini tra il 1976 e il 1978 e stampato nel 1981.

Nel 1982, insieme a Laura Casalis e alcuni collaboratori come Giulio Confalonieri, Massimo Listri, Vittorio Sgarbi e Giovanni Mariotti, ha dato vita al periodico FMR, rivista d'arte che ha segnato il più grande successo della casa editrice tanto da avere edizioni in italiano, inglese, francese e spagnolo.

Nell'ottobre 2002 ha ceduto la casa editrice FMR all'azienda editoriale Art'è di Marilena Ferrari (1952-2012).

A partire dal 2005 si è dedicato, dopo anni di progettazione in collaborazione con l'architetto Pier Carlo Bontempi, alla costruzione di un labirinto costituito da diversi tipi di bambù nella campagna presso Fontanellato. Il Labirinto della Masone è stato aperto al pubblico nel 2015.

Sempre in quest'ultimo periodo ha fondato una casa editoriale che ha curato un piccolo numero di pubblicazioni di grande pregio edite da Franco Maria Ricci Editore.

Ha poi trasformato il Labirinto della Masone in un centro culturale organizzando mostre mercato di libri antichi di pregio, convegni di studio sull'utilizzo del bambù, mostre di pittura, concerti di musica classica.

Da tempo debilitato da una lunga malattia, è morto d'infarto nella sua casa di Fontanellato il 10 settembre 2020.[2]

Il 29 dicembre 2020 gli eredi riacquistano il marchio FMR[3].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordre des Arts et Lettres - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordre des Arts et Lettres
— 1981
Comandante dell'Ordre des Arts et Lettres - nastrino per uniforme ordinaria Comandante dell'Ordre des Arts et Lettres
— 2005

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Franco Maria Ricci su Art News, su arte.rai.it, Rai. URL consultato il 22 novembre 2018 (archiviato il 22 novembre 2018).
  2. ^ È morto Franco Maria Ricci, su ansa.it, 10 settembre 2020.
  3. ^ Franco Maria Ricci riacquista il marchio Fmr che rinascerà come editrice e come rivista, su primaonline.it. URL consultato il 31 gennaio 2021.

2. Nel 2017 in occasione del suo 80º compleanno è stato realizzato il film documentario "Ephemere. La bellezza inevitabile" con la regia di Simone Marcelli, in cui si ripercorrono la vita e le amicizie dell'editore.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56740143 · ISNI (EN0000 0001 0857 746X · SBN IT\ICCU\RAVV\058050 · Europeana agent/base/11739 · LCCN (ENn80143343 · GND (DE129191035 · BNF (FRcb12930091r (data) · ULAN (EN500465461 · BAV (EN495/300294 · WorldCat Identities (ENlccn-n80143343