Massimo Listri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Massimo Listri (1953) è un fotografo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Massimo Listri è nato nel 1953 da Pier Francesco Listri, giornalista e scrittore.

Iniziò molto giovane la sua carriera di fotografo con ritratti in bianco e nero di Eugenio Montale, René Clair, Carlo Bo, Pier Paolo Pasolini, Federico Zeri.[1]

Durante i suoi anni universitari contribuì a numerosi servizi fotografici per pubblicazioni su architettura e arte. Dal 1981 collaborò con l’editore Franco Maria Ricci per la rivista FMR su cui pubblicò nell’arco di venti anni i suoi lavori su palazzi, ville e architetture di tutte le epoche.

Ha pubblicato decine di libri in Europa e in USA[2]. Ha esibito le sue opere con mostre personali in numerosissimi musei in tutto il mondo, tra cui i Musei Vaticani. il Kunsthistorische Museum di Vienna, Palazzo Reale di Milano, Palazzo Pitti a Firenze, Museo di Arte Moderna di Buenos Aires, Morgan Library & Museum di New York, Museo di Arte moderna di Bogotà, Museo Nacional San Carlos a Città del Messico, Palazzo Reale di Torino, Palazzo del Quirinale a Roma, Museo Benaki di Atene, Schusev State Museum a Mosca, Galeria Nacional de Bellas Artes a Santo Domingo, Museo de Arte Italiano a Lima.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata, su eosarte.it. URL consultato il 29 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2017).
  2. ^ Copia archiviata, su massimolistri.com. URL consultato il 29 novembre 2016 (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2499367 · LCCN (ENn83146362 · WorldCat Identities (ENlccn-n83146362