Operazione Crimine-Infinito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L’operazione Crimine-Infinito è una maxi-operazione contro la 'Ndrangheta calabrese e le collegate cosche milanesi, portata a termine dalle Direzioni Distrettuali Antimafia (DDA) dei tribunali di Reggio Calabria e Milano a partire dal 2003, i cui sviluppi sono ancora in corso.

Le indagini sono culminate con l'arresto, e successiva condanna, di più di duecento persone, colpevoli di reati quali omicidio, traffico di sostanze stupefacenti, ostacolo del libero esercizio del voto, riciclaggio di denaro proveniente dalle attività illecite quali corruzione, estorsione ed usura: tutti reati resi possibili in forza dell'associazione per delinquere di stampo mafioso, accusa comune a tutti gli imputati, e su cui si è concentrata l'azione investigativa. Essendo il coordinamento tra le due DDA il punto di forza principale per il successo dell'operazione, è opportuno parlare di operazione Crimine–Infinito come unione dei due filoni d'indagine “Crimine” a Reggio Calabria e “Infinito” a Milano.

Indagini[modifica | modifica wikitesto]

Risalenti fino al 2003, si compongono in gran parte di intercettazioni e filmati da parte di Polizia e Carabinieri: importantissimo quello ripreso al Santuario della Madonna di Polsi il 2 settembre 2009[1][2] ed al summit del 31 ottobre 2009 presso il circolo “Falcone e Borsellino” di Paderno Dugnano.[3][4]

Nel filone milanese l'indagine è stata condotta essenzialmente dall'Arma dei Carabinieri, coordinata dal colonnello Roberto Fabiani del Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Monza[5], con alcuni apporti investigativi di altri servizi di Polizia Giudiziaria.[6] Sono state messe a disposizione degli inquirenti 25.000 ore di registrazioni telefoniche (con un costo stimato di 3.673.000 euro, largamente coperto dai sequestri, tramutabili in confische, ai beni degli imputati[7]) e 20.000 ore di intercettazioni ambientali: le indagini sono state ripartite tra i vari nuclei investigativi, con un'attenta selezione di personale in grado di comprendere il dialetto calabrese.[8]

Ai Carabinieri di Desio è stato affidato il filone della locale di Desio e quella di Seregno. Le indagini effettuate sulle locali di Erba e Canzo sono state portate avanti dai ROS di Torino, mentre gli uomini del ROS di Milano si sono concentrati sulle dinamiche che hanno coinvolto la Perego Strade. La Direzione Investigativa Antimafia di Milano si è occupata principalmente del locale di Pavia.[9]

Mentre il processo milanese è stato coordinato dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini con la collaborazione dei pubblici ministeri Alessandra Cecchelli, Alessandra Dolci, Paolo Storari (sostituti procuratori presso il tribunale di Milano) e Salvatore Bellomo (sostituto procuratore di Monza), nella procura reggina la direzione è stata affidata al procuratore aggiunto della DDA di Reggio Calabria Nicola Gratteri, al procuratore capo Giuseppe Pignatone e al procuratore aggiunto Michele Prestipino.[6] Gli stessi hanno anche sostenuto gli impianti accusatori nei successivi processi presso i tribunali di Milano e Reggio Calabria.

Vi sono piste di indagine anche nell'ambito delle inchieste “Tenacia” (Procura di Milano), “Patriarca” (Procura e Squadra Mobile di Reggio Calabria), “Reale” (ROS sezione anticrimine di Reggio Calabria)[10], “Solare” (ROS di Roma),[9] “Circolo formato” della DDA di Reggio e “Minotauro” della procura di Torino.[11]

Comune alle due procure è stata l'indagine indirizzata alla cosiddetta zona grigia, quell'area intermedia tra legale ed illegale che alimenta la mimetizzazione dell'economia mafiosa.[12]

Le indagini sono state messe in pericolo da talpe all'interno delle istituzioni: intercettazioni ambientali hanno permesso agli investigatori di scoprire che Giovanni Zumbo, commercialista in rapporti con amministrazioni pubbliche e forze dell'ordine, rivelò parecchi dettagli dell'operazione agli indagati Pelle e Ficara, imputati nel filone milanese; essi sono stati quindi posti in stato di fermo mesi prima del termine delle indagini, come misura cautelare per la salvaguardia dell'esito delle successive operazioni.[13][14]

Teorie scaturenti dall'indagine[modifica | modifica wikitesto]

  • Diffusione della ‘ndrangheta sul territorio lombardo: in Lombardia almeno 16 locali di ‘ndrangheta operativi, con 500 affiliati.[15]
  • Caratteri tradizionali dell'organizzazione[16]
  • Conformazione: entità unita e strutturata a più livelli collegati gerarchicamente tra loro, con un forte carattere verticistico (in contrasto col rischio di visione frammentaria e localistica della stessa)[17][18]
    • struttura locale denominata appunto “locale
    • struttura intermedia denominata “Lombardia”, rappresentabile come una “colonizzazione” al di fuori del territorio della casa madre
    • struttura di vertice calabrese denominata "Provincia", da cui provengono, o vengono ratificati, tutti gli ordini (“cordone ombelicale”).[19][20]
  • Importanza strategica delle occasioni di riunione[21]:
    • summit a livello di “locale” in cui partecipano tutti gli affiliati
    • summit a livello di “Lombardia” in cui la partecipazione è più ristretta
    • matrimoni e funerali.
  • Importanza del “capitale sociale” dei clan sotto forma di contatti nelle forze dell'ordine e nella pubblica amministrazione.[8][22][23] Dall'indagine sono emerse anche “una serie di iniziative di carattere elettorale” da parte dei boss dell'ndrangheta per entrare nel mondo politico “sia a livello locale che a livello regionale”.[24]

Arresti[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 luglio 2010 il Giudice per le indagini preliminari di Milano Andrea Ghinetti ha emesso un'ordinanza di arresto per 154 persone, con accuse che variano dall'associazione di stampo mafioso al traffico di armi, all'estorsione nonché intimidazione per l'aggiudicazione di appalti o preferenze elettorali.[4] In parallelo, con le stesse motivazioni, è stata emessa dalla DDA di Reggio Calabria un'ordinanza di arresto per altre 156 persone residenti nella regione Calabria.[25]

A queste fanno seguito i blitz del 13 luglio 2010, in cui sono stati impiegati circa 2.000 uomini delle forze dell'ordine.[19][26]

I processi[modifica | modifica wikitesto]

Processo "Infinito"[modifica | modifica wikitesto]

Il processo, presieduto dal Giudice dell'udienza preliminare di Milano Roberto Arnaldi e vietato alle telecamere, è cominciato l'11 maggio 2011 nell'aula bunker di via Uccelli di Nemi a Milano.[27]

Si sono costituite parti civili: la Regione Calabria (prima volta che l'ente è ammessa parte civile al di fuori del proprio territorio regionale), la Regione Lombardia (solo dal 14 giugno), la Presidenza del Consiglio dei ministri, il Ministero dell'Interno, il Ministero della Difesa, il Commissario straordinario antiracket, la Provincia di Monza e della Brianza, i Comuni di Bollate, Desio, Pavia, Seregno, Paderno Dugnano (dal 17 giugno), la Federazione Nazionale Associazioni Antiracket di Tano Grasso, i curatori fallimentari della Perego Strade, l'imprenditore Agostino Augusto (imputato nel processo Bad Boys a Busto Arsizio ed in seguito collaboratore di giustizia).[6][28][29][30]

Una delle linee della difesa è l'accusa di incompetenza territoriale del tribunale di Milano, in quanto sede del vincolo associativo sarebbe la Calabria (“madrepatria” in contrapposizione ai “locali”). Eccezione però respinta dal tribunale in quanto accertato che la struttura denominata “Lombardia”, pur mantenendo costanti rapporti e collegamenti con il vertice calabrese, è da considerarsi autonoma[15] e perciò sede del vincolo associativo trattato nel 416bis: è perciò legittima la competenza del tribunale milanese nell'esprimersi su questo reato. Sono state inoltre documentate una quarantina di summit, sempre all'interno della regione Lombardia, di cui alcuni a Legnano e Pioltello, di competenza quindi del tribunale di Milano.[15][31]

Un'altra linea di difesa volge all'impossibilità di dimostrare l'esistenza di una struttura criminale autonoma e coesa. Nell'ordinanza del 5 luglio si fa però continuamente riferimento alla conferma dell'esistenza della struttura denominata “Lombardia”, di cui fanno parte calabresi ormai trapiantati stabilmente in Lombardia da decenni.

Di rilevante importanza è la collaborazione con la giustizia di Antonino Belnome, condannato il 14 settembre 2011 dal giudice Claudio Castelli ad 11 anni e 6 mesi di reclusione, essendo stato l'esecutore materiale dell'omicidio di Carmelo Novella (capo della struttura “Lombardia” ed accusato dal “Vertice” calabrese di volersi scindere dalla madrepatria).Tale condanna tiene conto dello sconto di pena dovuto al rito abbreviato e della concessione dell'attenuante speciale della collaborazione con la giustizia.[32]

Nella sentenza del 20 novembre 2011 il GUP di Milano Roberto Arnaldi ha condannato in primo grado con rito abbreviato 119 persone, 8 assolti ed 1 deceduto (39 imputati ancora a giudizio con rito ordinario, verranno giudicati dal tribunale presieduto da Luisa Balzarotti).[33]

Nelle motivazioni della sentenza, depositate il 4 giugno 2012,[34] vengono confermate le tesi accusatorie dei pm Boccassini, Dolci e Storari: la sostanziale autonomia e radicamento della 'ndrangheta al nord, nonostante gli stretti rapporti con la Calabria, derivante dalla presenza sul territorio da almeno due generazioni, e i rapporti con i personaggi politici che compongono il cosiddetto "capitale sociale" dei clan.

Le udienze facenti parte del rito ordinario si sono svolte ogni martedì, giovedì e venerdì nell'aula bunker di Piazza Filangieri, di fronte al carcere di San Vittore. Cruciale la figura di Antonino Belnome, esecutore materiale dell'omicidio di Carmelo Novella ed ora collaboratore di giustizia in videoconferenza da una località segreta.

Il 10 gennaio 2013 la Corte di Cassazione ha annullato, senza rinvio, in parte la sentenza del GUP Arnaldi poiché questi ha depositato la motivazione in due momenti,prima incompleta e poi con l'integrazione della parte mancante ma la Cassazione ha annullato l'integrazione su ricorso dei legali di alcuni imputati[35].

La sentenza di primo grado, giunta il 6 dicembre 2012[36] al termine del rito ordinario, ha portato a quarantuno condanne, con pene dai tre ai vent'anni di reclusione, a tre assoluzioni[37] ed al risarcimenti di 6 milioni 600mila euro per le istituzioni coinvolte e costituitesi parti civili[38].

Processo "Crimine"[modifica | modifica wikitesto]

Gli avvisi di garanzia sono stati confermati dalla DDA di Reggio Calabria a 161 indagati il 24 marzo 2011,[39] mentre il processo, presieduto dal GUP Giuseppe Minutoli, si è aperto a Reggio Calabria il 13 giugno 2011. Si sono costituite parti civili la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero dell'Interno, la regione Calabria, la provincia di Reggio Calabria, l'ANAS, le associazioni “Sos Impresa” e “Federazione Antiracket Italiana”.[11]

La requisitoria è stata aperta dal PM Michele Prestipino il 27 settembre[20] e chiusa dal PM Nicola Gratteri il 24 ottobre 2011[40], insieme con i colleghi sostituti procuratori Antonio De Bernardo, Giovanni Musarò e Maria Luisa Miranda: richieste di condanna per 118 su 120 imputati con rito abbreviato (2 richieste di assoluzione per non aver commesso il fatto).[41][42] Altri 40 imputati hanno scelto il rito ordinario, che si celebra al cospetto del tribunale di Locri.

L'8 marzo 2012 il gup di reggio Calabria Giuseppe Minutoli ha condannato 93 persone con rito abbreviato e ne ha assolte altre 34.[43][44]

È stata identificata l'unitarietà dell'organizzazione e l'esistenza di una struttura di vertice detta “Provincia”,[45][46] la quale non era mai stata riconosciuta con sentenza;[47][48] pur essendo accolta l'accusa di associazione mafiosa, non è però stata riconosciuta ad essa l'aggravante della transnazionalità.[49]

Il procuratore generale della Corte di appello di Ancona Vincenzo Macrì (procuratore alla Direzione Nazionale Antimafia dal 2003 al 2010) ha fortemente criticato il sovrastimare la sentenza (definita "epocale" da alcuni giornali[50]), sostenendo che si è indagato sul reato associativo di tipo mafioso di cui art.416bis, puntando sulle gerarchie locali dei clan e sulle frequentazioni, ma non si è indagato su traffici di stupefacenti ed appalti, veri punti di forza della ‘ndrangheta moderna su cui dovrebbe concentrarsi un'indagine che non segua il filone tradizionale che si è visto in Crimine.[51] Le sue dichiarazioni, associate a quelle di altri colleghi calabresi, estranei al pool, sono state smentite dalle sentenze emesse in ordine dal Gup Giuseppe Minutoli, dal Tribunale di Locri presieduto da Alfredo Sicuro, dalle Corti d'Appello presiedute dai giudici Gaeta e Costa ed in ultimo dalla Corte di Cassazione con la sentenza definitiva emessa nel giugno scorso. In buona sostanza quanto sostenuto dai pm De Bernardo, Musarò e Miranda, ha trovato pieno riscontro in ogni grado di giudizio e in ogni tipo di processo, dall'abbreviato all'ordinario. L'opera di delegittimazione avvenuta, all'esito del blitz del luglio 2010, del pool messo in piedi dai Procuratori Pignatone, e dagli aggiunti Prestipino e Gratteri, ha toccato altissimi picchi di compiacenza e disinformazione. Per mesi alcuni organi di stampa hanno tentato di sminuire la portata epocale del processo, ma alla fine la Suprema Corte ha dato ragione alla Dda reggina. Decine e decine le condanne confermate, poche le assoluzioni e una quindicina gli annullamenti con rinvio, che insieme ai cinque ricorsi della Procura Gernale accolti dai giudici capitolini, a breve verranno celebrati nel processo che ripartirà presso un'altra sezione della Corte d'Appello reggina.

Il 18 giugno 2016 infatti, la corte di cassazione riconosce per la prima volta la 'ndrangheta come organizzazione criminale unitaria con una struttura su più livelli e con un vertice collegiale chiamato Provincia o Crimine composto dai rappresentanti dei locali e con poteri su di essi ovunque essi vengano creati[52][53]. La sentenza ha portato a 11 nuove assoluzioni e alcune riduzioni di pena senza rinvio e una decina di annullamenti.

Sviluppi successivi[modifica | modifica wikitesto]

Sempre derivante dall'indagine “Infinito”, questa volta affiancata dall'operazione “Bagliore”, è il processo, in corso alla Corte d'assise di via Freguglia a Milano, per gli omicidi di carmelo Novella, Rocco Stagno e Antonio Tedesco. Il collegio, presieduto da Anna Introini, collega i tre delitti al filone comune della colonizzazione del territorio da parte della criminalità organizzata calabrese.[54]

Ancora derivanti dalle indagini “Infinito” sono stati gli arresti del giudice del Tribunale di Palmi Giancarlo Giusti[55], del presidente della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria Giuseppe Vincenzo Giglio, del consigliere regionale Franco Morelli, del maresciallo capo della Guardia di Finanza Luigi Mongelli.[56]

Il 26 maggio 2017 continua un nuovo ramo dell'operazione infinito: vengono arrestate 24 persone, tra cui presunti affiliati al Locale di Limbiate, un imprenditore ed i il sindaco di Seregno[57][58].

Cultura popolare[modifica | modifica wikitesto]

  • Il 19 maggio 2018 va in onda il documentario di M. Minissi su Rai 3 "Infinito Crimine - Indagine sulla 'Ndrangheta"

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ansa.it: «’Ndrangheta, il summit al santuario», su ansa.it, 14 luglio 2010. URL consultato il 1 maggio 2012.
  2. ^ Direzione Distrettuale Antimafia presso il Tribunale di Reggio Calabria, Operazione Crimine: ordinanza di custodia cautelare, volume 1 pagina 316 (PDF), su genovaweb.org. URL consultato il 15 maggio 2012.
  3. ^ repubblica.it: «’Ndrangheta, il summit nell’aula Falcone ripreso dai Carabinieri», su video.repubblica.it, 13 luglio 2010. URL consultato il 1 maggio 2012.
  4. ^ a b Giudice per le Indagini Preliminari di Milano Andrea Ghinetti, Operazione Infinito: ordinanza di custodia cautelare, pagina 95 (PDF), su stampoantimafioso.it, 5 luglio 2010. URL consultato il 15 maggio 2012.
  5. ^ Carabinieri di Monza, Nucleo Investigativo, Indagine Infinito (PDF), su corrieredellacalabria.it, 7 gennaio 2008. URL consultato il 15 maggio 2012.
  6. ^ a b c Federica Ghisleni, associazioneradioaut.org: «La ‘Ndrangheta in Lombardia: il maxi-processo “Infinito”»., su associazioneradioaut.org, 30 gennaio 2012. URL consultato il 1 maggio 2012.
  7. ^ corrieredellacalabria.it: «Intercettazioni pagate con i soldi dei boss», su corrieredellacalabria.it, 7 novembre 2011. URL consultato il 2 maggio 2012.
  8. ^ a b Morgana Chittari, stampoantimafioso.it: «Infinito, parte quinta. La ‘Ndrangheta alla sbarra»., su stampoantimafioso.it, 26 settembre 2011. URL consultato il 1 maggio 2012.
  9. ^ a b Dario Parazzoli, stampoantimafioso.it: «Processo Infinito. Le indagini della maxi-operazione», su stampoantimafioso.it, 30 settembre 2011. URL consultato il 1 maggio 2012.
  10. ^ Direzione Distrettuale Antimafia presso il Tribunale di Reggio Calabria, Operazione Crimine: ordinanza di custodia cautelare, volume 1 pagina 47 (PDF), su genovaweb.org. URL consultato il 15 maggio 2012.
  11. ^ a b Lucio Musolino, ilfattoquotidiano.it: «‘Ndrangheta, al processo Crimine Regione e Provincia si costituiscono parte civile», su ilfattoquotidiano.it, 13 giugno 2011. URL consultato il 2 maggio 2012.
  12. ^ Tommaso Marelli, stampoantimafioso.it: «Le talpe e la zona grigia»., su stampoantimafioso.it, 2 dicembre 2011. URL consultato il 1 maggio 2012.
  13. ^ Lucio Musolino, corrieredellacalabria.it: «Così “bruciammo” la cimice a casa del boss Pelle», su corrieredellacalabria.it, 20 dicembre 2011. URL consultato il 2 maggio 2012.
  14. ^ Pablo Petrasso, corrieredellacalabria.it: «Gli infedeli: dallo spione al magistrato corrotto. E i rapporti con la politica», su corrieredellacalabria.it, 30 novembre 2011. URL consultato il 2 maggio 2012.
  15. ^ a b c Giudice per le Indagini Preliminari di Milano Andrea Ghinetti, Operazione Infinito: ordinanza di custodia cautelare (PDF), su stampoantimafioso.it, 5 luglio 2010. URL consultato il 15 maggio 2012.
  16. ^ Direzione Distrettuale Antimafia presso il Tribunale di Reggio Calabria, Operazione Crimine: ordinanza di custodia cautelare, volume 1 pagina 489 (PDF), su genovaweb.org. URL consultato il 15 maggio 2012.
  17. ^ Giudice per le Indagini Preliminari di Milano Andrea Ghinetti, Operazione Infinito: ordinanza di custodia cautelare, pagina 181 (PDF), su stampoantimafioso.it, 5 luglio 2010. URL consultato il 15 maggio 2012.
  18. ^ Direzione Distrettuale Antimafia presso il Tribunale di Reggio Calabria, Operazione Crimine: ordinanza di custodia cautelare, volume 1 pagina 82 (PDF), su genovaweb.org. URL consultato il 15 maggio 2012.
  19. ^ a b Senato della Repubblica - Camera dei Deputati, resoconto stenografico, Audizione in Commissione Antimafia del procuratore capo di Reggio Calabria Giuseppe Pignatone (PDF), su stopndrangheta.it, 21 settembre 2010. URL consultato il 15 maggio 2012.
  20. ^ a b Michele Prestipino, Requisitoria processo "Crimine" (PDF), su stopndrangheta.it, 27 settembre 2011.
  21. ^ Giudice per le Indagini Preliminari di Milano Andrea Ghinetti, Operazione Infinito: ordinanza di custodia cautelare, pagina 97 (PDF), su stampoantimafioso.it, 5 luglio 2010. URL consultato il 15 maggio 2012.
  22. ^ Giudice per le Indagini Preliminari di Milano Andrea Ghinetti, Operazione Infinito: ordinanza di custodia cautelare, pagina 154 (PDF), su stampoantimafioso.it, 5 luglio 2010. URL consultato il 15 maggio 2012.
  23. ^ Davide Milosa, ilfattoquotidiano.it: «Expo e ‘ndrangheta, la sicurezza il vero affare. “Qui minimo minimo ci vogliono 500 uomini”», su ilfattoquotidiano.it, 9 luglio 2011. URL consultato il 2 maggio 2012.
  24. ^ cn24.tv: «Maxiprocesso “Infinito”: 110 condanne a boss», su cn24.tv, 20 novembre 2011. URL consultato il 3 maggio 2012.
  25. ^ ordinanza Crimine: volume 1 (PDF), su genovaweb.org., 2 (PDF), su genovaweb.org., 3 (PDF), su genovaweb.org., 4 (PDF), su genovaweb.org.
  26. ^ Redazione online, corriere.it: «Maxi blitz contro la ‘ndrangheta: 304 persone arrestate in tutta Italia», su corriere.it, 13 luglio 2010. URL consultato il 2 maggio 2012.
  27. ^ Redazione online, corriere.it: «Operazione «Infinito», al via il maxi processo contro la ‘ndrangheta», su milano.corriere.it, 11 maggio 2011. URL consultato il 2 maggio 2012.
  28. ^ Francesco Rienzo, paderno7onair.it: «‘NDRANGHETA A PADERNO, IL COMUNE AMMESSO COME PARTE CIVILE NEL PROCESSO ‘INFINITO’. L’AMMINISTRAZIONE: “TUTELIAMO LA LEGALITA’ E LA CIVILTA’ DELLA CITTA’”», su paderno7onair.it, 17 giugno 2011. URL consultato il 3 maggio 2012.
  29. ^ cn24.tv: «‘Ndrangheta: Calabria e Lombardia parti civili nel processo “Infinito”», su cn24.tv, 9 giugno 2011. URL consultato il 3 maggio 2012.
  30. ^ Mario Portanova, ilfattoquotidiano.it: «Milano, anche l’associazione antiracket parte civile al maxiprocesso contro la ‘ndrangheta», su ilfattoquotidiano.it, 14 giugno 2011. URL consultato il 3 maggio 2012.
  31. ^ Morgana Chittari, stampoantimafioso.it: «Infinito, parte quarta. La ‘ndrangheta lombarda alla sbarra.», su stampoantimafioso.it, 11 luglio 2011. URL consultato il 3 maggio 2012.
  32. ^ Luigi Ferrarella, corriere.it: «I Clan condannati “Danno all’ immagine dei Comuni lombardi”», su archiviostorico.corriere.it, 14 settembre 2011. URL consultato il 3 maggio 2012.
  33. ^ stampoantimafioso.it: condanne sentenza "Infinito" - elenco completo (PDF), su stampoantimafioso.it, 19 novembre 2011. URL consultato il 15 maggio 2012.
  34. ^ Cesare Giuzzi, corriere.it: «Il gup sull'operazione "Infinito": "Le cosche in Lombardia ormai autonome dalla Calabria"», su milano.corriere.it, 4 giugno 2012. URL consultato il 5 giugno 2012.
  35. ^ 'Ndrangheta, una notifica sbagliata può far scarcerare alcuni dei boss - Milano - Repubblica.it
  36. ^ Ester Castano, stampoantimafioso.it: «Maxiprocesso Infinito: la sentenza», su stampoantimafioso.it, 6 dicembre 2012. URL consultato il 25 dicembre 2012.
  37. ^ stampoantimafioso.it, stampoantimafioso.it: «Sentenza Processo Infinito: il testo della sentenza», su stampoantimafioso.it, 14 dicembre 2012. URL consultato il 25 dicembre 2012.
  38. ^ radio24-ilsole24ore, radio24-ilsole24ore: «Infinito, 400 anni di carcere alle cosche del Nord» [collegamento interrotto], su radio24.ilsole24ore.com, 6 dicembre 2012. URL consultato il 25 dicembre 2012.
  39. ^ Lucio Musolino, ilfattoquotidiano.it: «‘Ndrangheta, la procura chiude l’inchiesta Crimine sui nuovi assetti delle cosche», su ilfattoquotidiano.it, 24 marzo 2011. URL consultato il 3 maggio 2012.
  40. ^ Nicola Gratteri, Requisitoria processo "Crimine" (DOCX), su stopndrangheta.it, 24 ottobre 2011. URL consultato il 15 maggio 2012.
  41. ^ Lucio Musolino, corrieredellacalabria.it: «”Crimine”, Gratteri chiede 118 condanne», su corrieredellacalabria.it, 24 ottobre 2011. URL consultato il 3 maggio 2012.
  42. ^ corrieredellacalabria.it: «”Crimine”, le richieste di pena», su corrieredellacalabria.it, 24 ottobre 2011. URL consultato il 3 maggio 2012.
  43. ^ corrieredellacalabria.it: «Condanne e assoluzioni: l’elenco», su corrieredellacalabria.it, 8 marzo 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  44. ^ stopndrangheta.it: condanne sentenza "Crimine" - elenco completo (PDF), su stopndrangheta.it, 8 marzo 2012. URL consultato il 15 maggio 2012.
  45. ^ Raffaello Binelli, ilgiornale.it: «Processo “il crimine”: 93 condanne e 34 assoluzioni, su ilgiornale.it, 8 marzo 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  46. ^ ANSA, stopndrangheta.it: «Sentenza Crimine, i commenti dei magistrati», su stopndrangheta.it, 8 marzo 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  47. ^ Claudio Cordova, mnews.it: «Processo ”Crimine”: pm Gratteri invoca oltre 1500 anni di carcere per la ‘ndrangheta della provincia reggina.», su mnews.it, 24 ottobre 2011. URL consultato il 3 maggio 2012.
  48. ^ Lucio Musolino, corrieredellacalabria.it: « Il verdetto di “Crimine”: 34 assoluzioni. Dieci anni a don Mico Oppedisano», su corrieredellacalabria.it, 8 marzo 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  49. ^ Alessio Magro, stopndrangheta.it: «Sentenza Crimine, com’è triste la prudenza!», su stopndrangheta.it, 8 marzo 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  50. ^ Graziella Mastronardo, calabrianotizie.it: «È “una e ‘ndrina”, dobbiamo combatterla», su calabrianotizie.it, 6 marzo 2012. URL consultato il 20 maggio 2012.
  51. ^ Consolato Minniti, calabriaora.it: «Intervista al procuratore Macrì: Crimine? Sbaglia chi la definisce una sentenza epocale», su portale.calabriaora.it, 10 marzo 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  52. ^ Lucio Musolino, ‘Ndrangheta, processo Crimine in Cassazione. 11 nuove assoluzioni, ma tiene il concetto di “‘ndrangheta unitaria”, in il fatto quotidiano, 18 giugno 2016. URL consultato il 19 giugno 2016.
  53. ^ Attilio Bolzoni, repubblica.it, 18 giugno 2016, http://www.repubblica.it/cronaca/2016/06/18/news/la_ndrangheta_esiste_lo_dice_la_cassazione-142284708/. URL consultato il 19 giugno 2016.
  54. ^ Ester Castano, stampoantimafioso.it: «Delitto Novella, Tedesco e Stagno: nuovo maxi processo alla ‘ndrangheta. A Milano.», su stampoantimafioso.it, 1 marzo 2012. URL consultato il 3 maggio 2012.
  55. ^ corrieredellacalabria.it: Corruzione, in manette il magistrato Giancarlo Giusti, su corrieredellacalabria.it, 28 marzo 2012. URL consultato il 7 maggio 2012.
  56. ^ corrieredellacalabria: Arrestati il magistrato Giglio e il consigliere regionale Morelli, su corrieredellacalabria.it, 30 novembre 2011. URL consultato il 7 maggio 2012.
  57. ^ Ndrangheta, favori a imprenditore legato a cosche: arrestato sindaco di Seregno. “Mantovani politico di riferimento”, in ilfattoquotidiano.it, 26-09-2017. URL consultato il 26-09-2017.
  58. ^ 'Ndrangheta, 24 arresti: il sindaco di Seregno ai domiciliari, Mantovani indagato per corruzione, in repubblica.it, 26-09-2017. URL consultato il 26-09-2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Marta Chiavari, La quinta mafia. Come e perché la mafia al Nord oggi è fatta anche da uomini del Nord, Ponte alle Grazie, 2011, ISBN 8862203144.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]