Domenico Noviello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Domenico Noviello (San Cipriano d'Aversa, 14 agosto 1943Castel Volturno, 16 maggio 2008) è stato un imprenditore italiano.

Assassinato dalla camorra, è stato insignito della medaglia d'oro al valor civile

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Imprenditore, viene ucciso a colpi di pistola da dei sicari del Clan dei Casalesi, perché si era rifiutato di pagare il pizzo. Un uomo che ha tenacemente, forse ben conscio, lottato contro l'oppressione di un sistema malavitoso che gli imponeva il pagamento di una tassa occulta. La morte di Noviello non è rimasta però un'altra sterile pagina dei giornali perché a Castel Volturno, luogo dell'agguato è stata aperta la prima associazione antiracket del litorale domizio. La pena inflitta dalla Corte d'Assise d'Appello di Napoli è stata riformata in anni 30 (dall'ergastolo in primo grado) per i responsabili dell'omicidio.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor civile
«Vittima di una estorsione, con encomiabile coraggio, denunciava alcuni esponenti della criminalità organizzata, consentendone l'arresto e la successiva condanna. A distanza di alcuni anni dall'evento, mentre era alla guida della propria autovettura, veniva barbaramente assassinato in un vile agguato camorristico. Chiarissimo esempio di impegno civile e rigore morale fondato sui più alti valori di libertà e di legalità.[1]
— 16 maggio 2008 - Castel Volturno (CE)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quirinale - scheda - visto 16 maggio 2009

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]