Commissione regionale antimafia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Commissione d'inchiesta e vigilanza sul fenomeno della mafia in Sicilia
AbbreviazioneCommissione regionale antimafia
Fondazione1991
Sede centraleItalia Palermo
PresidenteItalia Claudio Fava
Lingua ufficialeitaliano

La Commissione d'inchiesta e vigilanza sul fenomeno della mafia in Sicilia è una commissione speciale dell'Assemblea regionale siciliana. Viene promossa con legge regionale all'inizio di ogni legislatura, ed è composta da 15 deputati regionali.

Funzioni e storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la legge istitutiva "Spetta alla Commissione vigilare ed indagare sulle attività dell'amministrazione regionale e degli enti sottoposti al suo controllo, sulla destinazione dei finanziamenti erogati e sugli appalti. Assume inoltre ogni altra iniziativa di indagine e proposta per il migliore esercizio delle potestà regionali in ordine al fenomeno mafioso in Sicilia".

La prima commissione fu istituita nel gennaio 1991 [1].

Alla presidenza della Commissione si sono succeduti: Angelo Ganazzoli (PSI)[2], Giuseppe Campione (DC), Pietro Maccarrone (PCI), Fabio Granata (AN), Carmelo Incardona (AN) e Lillo Speziale (PD). Dal 23 maggio 2013 al novembre 2017 la Commissione è stata presieduta dal deputato regionale Nello Musumeci (La Destra). L'attuale presidente è Claudio Fava (SeL).[3]

Il Parlamento italiano istituisce una Commissione parlamentare antimafia con poteri simili a quelli della magistratura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ doc[collegamento interrotto]
  2. ^ Dal socialista Ganazzoli a Musumeci trent'anni di Antimafia regionale[collegamento interrotto]
  3. ^ Assemblea Regionale Siciliana - La commissione parlamentare