Cristiano Barbarossa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cristiano Barbarossa (Roma, 24 marzo 1968) è un autore televisivo e regista italiano.

Ha vinto il Premio Flaiano, il Premio Ilaria Alpi, il Roma Fiction Fest ed ha ottenuto una Nomination al Globo d'Oro.

Cresciuto tra Italia e Venezuela ha scritto, diretto, curato la fotografia e co-prodotto il film - documentario A Slum Symphony, trasmesso in Italia in prima serata su Rai3 e in Giappone, Paesi Bassi, Spagna, Cina, Australia, Irlanda, Canada e altri paesi ancora. Ha scritto e diretto il film verità L'infiltrato - Operazione clinica degli orrori trasmesso in prima serata sempre su Rai3. Con Indagine Villa Borea, un documentario sui terribili maltrattamenti a danno degli anziani in una casa di riposo di Sanremo ha vinto il Premio Ilaria Alpi (Premio Speciale Auser). Ha scritto, diretto e ideato assieme a Fulvio Benelli il programma di film documentari di prima serata incentrati sui grandi casi giudiziari, Tutta la verità, per Discovery Channel (Italia) in onda su NOVE dell'aprile 2018 con le prime due puntate dedicate alla Strage di Erba e al Delitto di Avetrana. La seconda stagione del 2019 ha visto in onda le puntate "Giallo Pantani" dedicata agli aspetti controversi della sospensione dal Giro d'Italia e della morte del campione di ciclismo Marco Pantani, "Il Delitto di Garlasco" e in due parti “L'Enigma del Mostro di Firenze" dedicato appunto alle vicende del Mostro di Firenze dal 1968 sino agli ultimissimi sviluppi d'indagine.

Come regista e autore del programma televisivo Superquark, RAI1, ha realizzato oltre settanta servizi e reportage di vario genere, dal terremoto a L'Aquila, ai vulcani in Islanda, dal boom economico brasiliano sino ai segreti del Futbol Club Barcelona, dalle coltivazioni di coca in Colombia fino alle scuole in Danimarca e Polonia, dalle tecniche di restauro sino ai temi legati alla Sanità, oltre a numerosi servizi di divulgazione scientifica e tecnologica. Ha inoltre ricevuto un Premio Flaiano per la televisione, il Roma Fiction Fest, il Premio del Pubblico al Festival del Cinema Giovane "Castellinaria", in Svizzera, oltre a una nomination al Globo d'Oro con il film documentario A Slum Symphony: un lungometraggio sul Sistema di Orchestre Sinfoniche Infantili del Venezuela fondato da José Antonio Abreu. Nel 2012 è ideatore e autore di Sirene, in onda su Rai3 per il quale ha realizzato la regia di numerosi reportage sulle differenti mafie, italiane e straniere, presenti nel nostro paese, dalla Mafia cinese, sino alla 'ndrangheta e la camorra. Programma di cui ha curato la nuova edizione nel 2019 in onda su Nove, con un documentario, tra gli altri, dedicato alla mafia nigeriana.

Sempre per Raitre ha diretto "Lo sguardo negato: l'Iraq prima e dopo la guerra" ("Irak, un nouveau regard", Histoire), un documentario sull'Iraq girato tra il periodo immediatamente precedente all'inizio della Seconda Guerra del Golfo e quello successivo alla dichiarazione della fine delle ostilità. Negli anni '90 ha collaborato alla regia con Paolo Brunatto e scritto per Rai3 i documentari Lungo il Fiume sugli indios del fiume Orinoco, nella foresta amazzonica del Venezuela e Angeli & Killer sui baby sicari di Medellín. Sempre in Colombia ha realizzato "Gli Aquiloni" (Rai3), sul quarantennale conflitto tra guerriglia, paramilitari ed Esercito. Per Rai3 ha realizzato "Bananas", girato in Guatemala, sulle difficili condizioni dei lavoratori del settore bananiero. Per La7 ha realizzato "Ultima Leva" un documentario in 4 puntate sull'ultimo anno di Servizio militare di leva in Italia. Nel 2017 ha scritto e diretto "A Single Origin" un documentario di viaggio in quattro puntate per Rai2 realizzato tra Brasile (dove ha vissuto all'inizio degli anni '90) e Perù con l'esploratore Alex Bellini, oltre a Zico e la campionessa di surf Sofía Mulánovich.

Produce, scrive e dirige la docu-fiction Sua Maestà Anatomica - Morgagni Oggi, presentata nel 2019, dedicata alla figura del fondatore dell'anatomia patologica, Giovan Battista Morgagni. Come autore ha iniziato a pubblicare i suoi primi articoli sulla carta stampata nel 1985 all'età di diciassette anni, sul settimanale Ciao 2001 e sul mensile Music per poi passare al settore audiovisivo.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]