A Slum Symphony

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
A Slum Symphony
Titolo originaleA Slum Symphony
Lingua originalespagnolo
Paese di produzioneItalia
Anno2010
Durata88
Generedocumentario
RegiaCristiano Barbarossa
ProduttoreLorenzo Torraca, Cristiano Barbarossa
Produttore esecutivoVania Del Borgo
Casa di produzioneVerve Media Company
Distribuzione (Italia)Verve Media Company Raitre
MontaggioMassimiliano Sabini, Cristiano Travaglioli
MusicheAndrea Morricone
Interpreti e personaggi
Premi

A Slum Symphony è un film documentario pluripremiato di Cristiano Barbarossa sul Sistema di Orchestre Infantili del Venezuela, trasmesso da Rai 3, Rai 5, NHK, TVC (azienda) e prodotto dalla Verve Media Company.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A Slum Symphony è il racconto di come ogni giorno oltre 300.000 bambini dei quartieri più violenti del Venezuela si dedicano alla musica classica attraverso il Sistema di Orchestre Infantili del Venezuela. Per cinque anni, dal 2004 al 2009, cinque di loro sono stati seguiti e filmati dal regista Cristiano Barbarossa in questo progetto sociale fondato dal Maestro José Antonio Abreu che da oltre trenta anni offre a questi ragazzi un'alternativa di vita, togliendo, molto spesso, dalle loro mani un'arma, por sostituirla con un violoncello o un clarinetto. Nel film, si alternano le storie di Angelica che a dieci anni sembrava suonasse il violino da sempre, quella di Wilfrido che è stato il primo dei protagonisti a ricevere un'ovazione alla Carnegie Hall, quella di Jonathan che grazie al suo violoncello riesce a sfuggire al destino segnato dalla droga dei suoi fratelli. Un racconto su una sfida quotidiana: quella di Heidi, Valeria e Fabio che supereranno le insidie della vita dei barrios più violenti di Caracas, sempre grazie alla musica. Attraverso gli anni, dall'infanzia all'adolescenza, il film mette in evidenza come la musica abbia cambiato le loro vite, dalle prime lezioni ai concerti con Claudio Abbado, Simon Rattle Lorin Maazel e Gustavo Dudamel, protagonisti, insieme ai ragazzi dei barrios venezuelani, del racconto di questo importante progetto sociale.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

“Lo straordinario lavoro di Barbarossa è stato quello di raccontare non soltanto questa prova di grandezza possibile, ma di farlo per cinque anni, vedendo passare i bambini dall'infanzia all'adolescenza, risate tristezze e lacrime. Che sì, la musica è in grado di asciugare.” Alessandra Comazzi, La Stampa

“Ho visto A Slum Symphony tre volte e mi ha commosso” Raffaella Carrà, intervista, La Repubblica (quotidiano)

“A Slum Symphony: un documentario davvero toccante. Il documentarista non stende soltanto un racconto sentito e partecipe. Cristiano Barbarossa traduce in volti e parole, in suoni le ragioni per cui il Sistema Abreu funziona ” Stefano Miliani, L’Unità

“Lo spettatore si chiede per tutta la durata del film, e anche oltre, se alcuni protagonisti ce la faranno a salvarsi dalla droga rimanendo attaccati al loro violoncello” Elena Martelli, Il Venerdì di Repubblica

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premi: al doc 'A Slum Symphony' di Barbarossa il Flaiano [collegamento interrotto], in Adnkronos, 7 luglio 2011. URL consultato il 26 settembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema