Rai 3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Rai3)
Jump to navigation Jump to search
Rai 3
Logo dell'emittente
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Tipo generalista
Target 35-64 anni[1]
Versioni Rai 3 576i (SDTV)
(data di lancio: 15 dicembre 1979)
Rai 3 HD 1080i (HDTV)
(data di lancio: 25 ottobre 2013)
Nomi precedenti Terza Rete (1979)
Rete 3/TV3 (1979-1983)
Rai Tre (1983-2010)
Editore Rai
Direttore Franco Di Mare (dal 2020)
Sito rai.it/rai3
Diffusione a livello regionale
Terrestre
Rai
RAI Mux 1
Rai 3 TGR (nome della Regione) (Italia)
DVB-T - FTA
Canale 3 SD

RAI Mux 4
Rai 3 HD (Italia)
DVB-T - FTA
Canale 503 HD
Satellite
Sky Italia
Hot Bird 13D
13.0° Est
Rai 3 (DVB-S - FTA[2])
10992.00 V - 27500 - 2/3
Canale 103 SD
Tivùsat
Hot Bird 13D
13.0° Est
Rai 3 (DVB-S - FTA/FTV)
10992.00 V - 27500 - 2/3
Canale 3 LCN Standard
Canale 103 EasyHD

Hot Bird 13C
13.0° Est
Rai 3 HD (DVB-S2 - FTV)
11766.00 V - 29900 - 3/4
Canale 3 EasyHD
Canale 103 LCN Standard
Via cavo
Naxoo
(Svizzera)
Rai 3
canale 214
Streaming
Rai Rai 3 Rai Play
IPTV
TIMvision Rai 3 (a pagamento - SD)

Rai 3 è il terzo canale televisivo della Rai, l'azienda concessionaria del servizio pubblico radiotelevisivo italiano.

Il canale è di tipo generalista e propone una programmazione improntata all'approfondimento giornalistico e alla cultura, nonché ampi spazi dedicati alle autonomie locali italiane.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Terza Rete inaugura le proprie trasmissioni[modifica | modifica wikitesto]

Prevista in seguito alla riforma della RAI, dopo oltre un anno di sperimentazioni, la Terza Rete iniziò le proprie regolari trasmissioni alle 18:30 del 15 dicembre 1979, mezz'ora prima dell'esordio del TG3. La trasmissione inaugurale fu condotta dalla giovanissima Fabiana Udenio.

Loretta Goggi fu invece la madrina della neonata rete, seppur visibile solo nelle fotografie pubblicate sulla copertina del numero nel dicembre di quell'anno del Radiocorriere TV[3].

All'inizio il servizio raggiungeva tutti i capoluoghi di regione[4] e il 45% della popolazione italiana. La programmazione si aggirava tra le cinque e le sei ore quotidiane, dedicate perlopiù ai programmi a cura del Dipartimento Scuola Educazione.

A dirigere la rete era Giuseppe Rossini. Il TG3 aveva una sola edizione serale di 30 minuti; il direttore (dal quale dipendevano le venti redazioni regionali, che tuttavia fungevano terminali anche per gli altri telegiornali e per il giornale radio) era Biagio Agnes, il condirettore Sandro Curzi e i vicedirettori Alberto La Volpe e Orazio Guerra.

La rete e la testata, oltre alla diretta, facevano largo uso della registrazione video magnetica (RVM). Il TG si apriva con uno spazio di dieci minuti a diffusione nazionale dedicato all'informazione dall'Italia e dall'estero curato dalla redazione centrale ubicata in Roma; seguivano venti minuti prodotti autonomamente da ciascuna delle redazioni regionali e trasmessi solo sul territorio di competenza. La redazione nazionale aveva a disposizione ogni settimana due spazi di un'ora per l'approfondimento (a cura di Cesare Viazzi) e per lo sport (a cura di Aldo Biscardi); sempre Biscardi nel 1980 debutta proprio sulla terza rete con Il processo del lunedì, il più longevo talk-show sportivo della televisione italiana, andato in onda su Rai 3 fino al 1995 e in seguito trasferitosi su altre emittenti e syndication nazionali, facendovi ritorno solo nel 2015. Le sedi regionali, inoltre, avevano a disposizione nel palinsesto della rete complessivamente un'ora a settimana affinché potessero realizzare e diffondere programmi d'interesse locale.

Dal 3 ottobre 1983, circa un anno e mezzo dopo la nascita di Rete 4, per evitare confusione, così come accadde per le altre due reti pubbliche, la Rete 3 fu ribattezzata Rai Tre; contemporaneamente debuttò un nuovo logo, un tetraedro verde, mantenuto fino al 2000.

La riforma del 1987 e l'arrivo di Guglielmi alla direzione della rete[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987, dopo la riforma che equiparò la programmazione di Rai 3 a quelle degli altri due canali Rai, il TG3 fu diviso in due testate indipendenti: il TG3, diretto da Luca Di Schiena, divenne una testata nazionale al pari di TG1 e TG2, mentre per l'informazione regionale nacque una nuova testata autonoma, Rai Regione, sempre diretta da Di Schiena. Rai Regione (poi TGR) ebbe il compito di gestire tutte le redazioni giornalistiche regionali con i rispettivi telegiornali e giornali radio.

Dal 1987, con l'ingresso di Angelo Guglielmi alla direzione di rete (suo vicedirettore era Stefano Balassone) e di Sandro Curzi al telegiornale, il controllo di rete e testata passò di fatto dalla DC al PCI e ci fu la definitiva scissione della testata nazionale da quella regionale[5] dopo l'approvazione del decreto Berlusconi.

Sotto la guida di Guglielmi, la terza rete vide un periodo prolifico dal punto di vista degli ascolti (grazie all'equiparazione alle altre due reti) nonché la nascita di programmi destinati ad avere seguito e l'affermazione di nuovi volti: tra questi, Telefono giallo, programma d'inchiesta sui maggiori fatti di cronaca irrisolti della storia italiana con Corrado Augias in onda dal 1987 al 1992; Chi l'ha visto?, che riprendeva il format della rubrica Dove sei? di Portobello, in onda dal 1989 condotto nella prima edizione da Donatella Raffai e Paolo Guzzanti; Blob, innovativa trasmissione satirica composta da un accurato e caustico montaggio della giornata televisiva precedente usando materiale in onda proveniente dalle maggiori emittenti italiane e talvolta anche straniere, in onda dal 17 aprile 1989 e ideato da Enrico Ghezzi e Marco Giusti.

Con Guglielmi trovano spazio molti programmi satirici: prima tra tutti, Serena Dandini con trasmissioni divenute di culto come La TV delle ragazze, Scusate l'interruzione, Avanzi, Maddecheaò e Tunnel, le quali nel corso degli anni hanno lanciato comici come Corrado e Sabina Guzzanti, Angela Finocchiaro, Francesca Reggiani, Cinzia Leone, Pier Francesco Loche, Antonello Fassari, i Broncoviz e Stefano Masciarelli; Cinico TV, altra trasmissione satirica ancora più surreale e, come da titolo, cinica realizzata da Ciprì e Maresco. Piero Chiambretti si rivela al grande pubblico con programmi come Va' pensiero, Complimenti per la trasmissione, Prove tecniche di trasmissione, Il portalettere, Goodbye Cortina in cui propone una comicità graffiante e irriverente (celebre l'intervista all'allora presidente della repubblica Francesco Cossiga in una puntata de Il portalettere in pieno scandalo Tangentopoli); da ricordare anche Il laureato - viaggio ai confini della facoltà, condotto sempre da Chiambretti con Paolo Rossi ed Enzo Jannacci e dedicato al mondo universitario. Da ricordare anche Magazine 3 di e con Gloria De Antoni, Oreste De Fornari e Daniele Luttazzi.

Si annoverano, inoltre, trasmissioni di servizio pubblico come Mi manda Lubrano (poi diventato Mi manda Raitre), programma che si occupa della difesa dei consumatori condotto da Antonio Lubrano, l'approfondimento giornalistico di Samarcanda, in onda dal 1987 al 1992 e condotto da Michele Santoro, a cui seguiranno Il rosso e il nero e Tempo reale, sempre curati e condotti dal giornalista campano. Non mancano neanche i primi esempi di TV-verità con trasmissioni come Un giorno in pretura di Roberta Petrelluzzi, in onda dal 1988, in cui per la prima volta vengono documentati reali processi penali. Sul fronte culturale e divulgativo, la rete si impone con dei programmi realizzati in collaborazione con il Dipartimento Scuola Educazione (oggi Rai Cultura) come Il circolo delle 12, Parlato semplice e documentari di vario genere trasmessi nel pomeriggio (durante queste trasmissioni apariva sopra il logo del canale la dicitura "DSE").

Un programma di servizio di genere psicologico, in collaborazione col Teatro Stabile di Torino, che Laura Carassai su La Stampa definì il successo teatral-televisivo di fine anno[6], è Da Storia nasce Storia (1991) ideato e condotto da Ottavio Rosati con cui la Rai realizza un progetto già tentato negli anni cinquanta in Francia con Roberto Rossellini e Jacob Levi Moreno, padre dello psicodramma. Guglielmi dichiarerà a proposito: «il programma di Rosati mi sembra una faccenda complicata però lo psicodramma funziona in TV perché parla della vita della gente»[7].

Non mancano programmi leggeri come La piscina con Alba Parietti, che fa capolino nel 1991 nella seconda serata della terza rete.

Nel 1993 nasce un'altra storica trasmissione della Rai, Quelli che... il calcio, che segna l'affermazione definitiva di Fabio Fazio. Con tale programma viene rivoluzionato il modo di proporre il calcio in TV, in un miscuglio tra l'approfondimento sportivo e il varietà; la trasmissione andrà in onda con successo fino alla primavera 1998 per poi trasferirsi dall'autunno dello stesso anno su Rai 2, dov'è tuttora in onda.

Altro programma nato sotto la direzione di Guglielmi è Ultimo minuto, in onda il sabato sera dal 1993 al 1997 e condotto da Simonetta Martone e Maurizio Mannoni: la trasmissione è stata in Italia l'antesignana di programmi odierni come Real TV. Sempre durante la direzione Guglielmi, la rete ospitò l'ultimo spettacolo di Franco e Ciccio con Avanspettacolo, lo spettacolo di Adriano Celentano Svalutation, che totalizzò oltre 13 milioni di telespettatori, e lo storico talk Harem condotto da Catherine Spaak.

Le direzioni Locatelli e Minoli[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 Rai 3 vede l'arrivo alla direzione di Luigi Locatelli, ex direttore di Rai Due. Durante la sua direzione, la rete ha visto l'arrivo de La Domenica Sportiva, che vi è rimasta fino al 1998; per il resto non varierà radicalmente la programmazione ideata dal suo predecessore.

Nel 1996, dopo soli due anni, la rete passa nelle mani di Giovanni Minoli, già direttore di Rai Due e storico conduttore di Mixer. Proprio quest'ultimo programma approda sulla terza rete, insieme all'ex inviata Milena Gabanelli che darà vita a Report, evoluzione di Professione Reporter già in onda sulla seconda rete e condotto dalla stessa Gabanelli.

Sempre nel 1996 Michele Santoro lascerà Rai Tre e l'azienda pubblica, accusandola (insieme all'allora presidente Enzo Siciliano) di averlo maltrattato[8].

Durante l'era Minoli la rete vedrà l'arrivo in prima serata di Elisir di Michele Mirabella e il debutto di Maastricht Italia con Alan Friedman, La grande storia, Per un pugno di libri e della soap opera Un posto al sole.

Minoli abbandona l'incarico a febbraio 1998, dopo la decisione di sostituirlo con Francesco Pinto (sostituzione che avverrà anche a Rai Uno). Con il suo sollevamento dall'incarico chiude definitivamente Mixer e si dimette anche il direttore generale Franco Iseppi.

Nello stesso anno Quelli che il calcio lascia Rai Tre insieme al suo conduttore Fabio Fazio per passare su Rai Due. Anche Serena Dandini lascia la terza rete.

I periodi di Pinto e Cereda[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998 Francesco Pinto prende le redini della rete. Con la ristrutturazione del 1999, Rai 3 fu indirizzata a un'offerta più di servizio e meno schierata, anche in vista della possibile creazione di una rete priva di pubblicità, finanziata dal solo canone (come prevedono due sentenze della Corte costituzionale datate 1994 e 2002, entrambe però disattese).

Dal 1999, inoltre, su Rai Tre si trasferisce la cosiddetta TV dei ragazzi: di conseguenza arriva da Rai Uno il GT Ragazzi. La TV dei ragazzi di Rai Tre era dedicata prettamente a un pubblico prescolare: prova ne è la trasmissione Melevisione, che vide la luce proprio quell'anno.

Sempre lo stesso anno, nella fascia prima occupata da Quelli che il calcio, debutta la trasmissione domenicale dedicata ai viaggi Alle falde del Kilimangiaro. Nella fascia oraria notturna e di prima mattina, invece, trova spazio il simulcast del neonato canale all-news Rai News 24, che prende il posto del TG3 Mattino. Viene lanciata la rubrica tecnologica Neapolis, curata dalla redazione regionale della Campania e condotta da Antonello Perillo.

La staffetta Ruffini-Di Bella[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 viene chiamato a dirigere la rete Paolo Ruffini, ex direttore di Rai Radio 1 e del Giornale Radio Rai. Con Ruffini debuttano il talk-show Ballarò e il programma satirico Il caso Scafroglia, che segna il ritorno di Corrado Guzzanti sulla terza rete Rai; nello stesso periodo, però, viene definitivamente cancellato Harem[9].

A partire dal 2003 torna Fabio Fazio con Che tempo che fa, inizialmente condotto insieme a Ilary Blasi prima e con Filippa Lagerbäck poi, che dopo un inizio in sordina riuscirà a ottenere un grande successo, divenendo così appuntamento stabile del weekend.

Report viene promosso in prima serata sempre la domenica e Sabina Guzzanti ritorna con Raiot - Armi di distrazione di massa, sospeso dopo appena una puntata su decisione della Rai; tale atto verrà interpretato come una censura nei confronti dell'attrice comica. Debutta Le storie - Diario italiano di Corrado Augias e approderà il programma Super Senior, unico reality show della storia della terza rete che non si rivela un successo.

Nell'autunno 2004 ritorna Serena Dandini con Parla con me, inizialmente in onda la domenica. Piero Marrazzo, candidatosi a presidente del Lazio, lascia il timone di Mi manda Raitre ad Andrea Vianello, conduttore di Enigma. Federica Sciarelli lascia il TG3 per condurre Chi l'ha visto? (di cui dal 2009 è anche autrice) al posto di Daniela Poggi.

L'anno successivo torna Lucia Annunziata, dopo la parentesi alla presidenza Rai, con In ½ h, programma d'approfondimento politico in onda la domenica alle 14:30 per mezz'ora, come da titolo. Enrico Bertolino approda con Glob - L'osceno del villaggio in seconda serata.

Nel 2006 debuttano Terzo pianeta, sostituto di Gaia - Il pianeta che vive, e il programma per ragazzi Trebisonda.

L'anno dopo è la volta di Amore criminale, condotto da Camila Raznovich, e del ritorno, dopo cinque anni d'assenza, di Enzo Biagi con RT Rotocalco Televisivo.

Nel 2008 Paola Cortellesi approda con il suo one-woman show Non perdiamoci di vista, che non avrà fortuna anche a causa della forte concorrenza in quella fascia oraria. Primo Piano del TG3 viene sostituito da Linea Notte e Parla con me passa in seconda serata dal martedì al venerdì.

Dal 1º febbraio 2009 prende il via Presa diretta, trasmissione d'inchiesta condotta da Riccardo Iacona che si alterna con Report.

Il 25 novembre seguente il CdA della Rai nomina Antonio Di Bella, già direttore del TG3, a nuovo direttore di rete al posto di Paolo Ruffini. Rimangono pilastri come Ballarò, Parla con me, Che tempo che fa, Chi l'ha visto? e Blob ma allo stesso tempo furono applicati cambiamenti radicali: dall'autunno 2010 chiusero programmi storici come Mi manda Raitre, Ulisse, Per un pugno di libri, Neapolis, Cominciamo bene (che d'ora in poi va in onda solo nella stagione estiva) e tutta la TV dei ragazzi (Gt ragazzi, Trebisonda e Melevisione) a partire dall'11 settembre 2010; i contenuti della TV dei ragazzi traslocano su Rai 2 (fino al 2014), Rai Gulp e Rai YoYo. Anche il daytime viene rinnovato: le prime novità sono Agorà, condotto da Andrea Vianello, e il talk di Michele Mirabella Apprescindere. La fascia pomeridiana è interamente occupata da Geo & Geo che ha così esteso la sua durata, partendo alle 16:00 e concludendosi poco prima del TG3; si è proceduto alla suddivisione in due parti, la prima condotta da Massimiliano Ossini e la seconda da Sveva Sagramola. Il sabato pomeriggio vede, invece, l'arrivo di una nuova trasmissione ideata e guidata dai conduttori radiofonici di Caterpillar.

In prima serata approdano Pippo Baudo con Novecento (già andato in onda su questa rete fino al 2002), Maria Luisa Busi con Articolotre al posto di Mi manda Raitre e Alex Zanardi con E se domani, che sostituisce Ulisse; in seconda serata, invece, arriva Gene Gnocchi con L'almanacco del Gene Gnocco in sostituzione di Glob.

Di Bella mantiene l'incarico fino all'8 giugno 2010, all'indomani della causa vinta da Paolo Ruffini nei confronti della Rai riguardo il suo sollevamento dall'incarico, giustificato solo da motivazioni politiche. Ruffini non stravolge il palinsesto ideato da Di Bella, a parte il mantenimento del GT Ragazzi e il reinserimento di Per un pugno di libri.

L'8 novembre 2010 esordisce la trasmissione Vieni via con me: la prima puntata registra 7.623.000 telespettatori con uno share del 25,48%, vincendo la serata contro il Grande Fratello e segnando il record d'ascolto degli ultimi dieci anni per la rete. Contemporaneamente stessa data la Rai decide di sospendere Articolotre per bassi ascolti (pari al 4% di share).[10]

Il 15 novembre 2010, con la seconda puntata del programma sopracitato, la rete registra il suo ascolto più alto di sempre, superando i 9 milioni di spettatori e il 30% di share. Tale record viene bissato il 22 novembre 2010 con la terza puntata dello show, che registra 9.961.000 telespettatori e uno share del 31,60%. Nonostante l'enorme successo ottenuto, il programma non viene rinnovato dalla Rai (secondo Saviano perché non gradito al centrodestra) per la stagione successiva e il programma trasloca con un nuovo titolo su LA7 nel maggio 2012.

Nel marzo 2011 parte Potere, programma d'approfondimento politico di Lucia Annunziata; a fine stagione, quest'ultima, per dissidi con Ruffini, decide di non voler rinnovare il contratto con la rete e di concludere la sua esperienza lavorativa con la rete, salvo un successivo chiarimento. Il 29 aprile torna Mi manda Raitre, stavolta guidato da Edoardo Camurri e il 6 giugno debutta (con un anno di ritardo rispetto al previsto) Mario Calabresi con Hotel Patria. Dal 27 giugno 2011 in orario mattutino torna Cominciamo bene, seppur solo nel periodo estivo. L'8 luglio è la volta di Blu notte - Misteri italiani di Carlo Lucarelli, che ritorna dopo la sfortunata parentesi di Lucarelli racconta.

Il 6 agosto successivo viene reso noto il passaggio di Ruffini alla direzione di LA7, lasciando Rai 3 a partire dal 10 ottobre. Nonostante un'iniziale riconferma nei palinsesti della nuova stagione, alla fine Parla con me non viene rinnovato, non senza polemiche tra la Dandini, che lascia la Rai, e i vertici aziendali.

In seconda serata la domenica debutta Sostiene Bollani, condotto da Stefano Bollani e Caterina Guzzanti. Per ultimo, il GT Ragazzi passa su Rai Gulp e sotto la gestione della struttura Rai Ragazzi.

Il 28 settembre 2011 la Rai torna nuovamente Antonio Di Bella alla direzione di Rai 3; nello stesso giorno viene reso noto che anche Passepartout non sarebbe stato rinnovato per la nuova stagione, segnando così un'ennesima perdita per il palinsesto della terza rete Rai; il neodirettore ha dichiarato in un'intervista a Rai Radio 2 di voler reintrodurre gli appuntamenti di Daverio e della Dandini (quest'ultima, però, il 14 ottobre ufficializza il suo passaggio a LA7[11]).

In questa stagione esordisce Debora Villa con Lilit - In un mondo migliore, seguito dalla messa in onda della serie TV Boris, entrambi in seconda serata.

La fascia mattutina del weekend vede una novità: il 12 novembre 2011 debutta Paesereale, in onda il sabato mattina con Giovanni Anversa; si tratta di un'evoluzione di Racconti di vita, condotto sempre da Anversa.

Per la prima volta nella storia del programma e della rete che lo ospita, Blob lascia il posto per circa un mese (dal 14 novembre al 16 dicembre 2011) al programma La crisi. In ½ h. La trasmissione di Ghezzi continua comunque ad andare in onda ma dopo il talk di Lucia Annunziata. Il 30 novembre chiude nuovamente Mi manda Raitre a causa di un crollo di ascolti, scesi fino al 2,84% di share.

L'8 gennaio 2012 Veronica Pivetti esordisce alla conduzione di Per un pugno di libri e Philippe Daverio torna con Il Capitale. Il 10 gennaio torna anche Enrico Bertolino in seconda serata con Glob Spread. Dal 21 gennaio la rete vede l'arrivo di un nuovo programma di divulgazione scientifica dal titolo Nanuk - Prove d'avventura con Davide Demichelis e Caterina Guzzanti.

Il 9 febbraio parte in seconda serata il programma Sirene, condotto da Margherita Granbassi, che racconta la cronaca che ha coinvolto le forze dell'ordine.

A marzo Luisella Costamagna, proveniente su LA7, conduce in prima serata Robinson[12] mentre Fabio Volo debutta in seconda serata con Volo in diretta.

Il 24 marzo parte una nuova edizione di Amore criminale, stavolta condotto da Luisa Ranieri (in quanto la Raznovich è passata a LA7).

La stagione successiva (2012-2013) vede alcuni ritorni e qualche novità: il 3 settembre inizia Il viaggio con Pippo Baudo e il 24 settembre è la volta di Codice a barre, programma di inchiesta e approfondimento in onda dal lunedì al venerdì nella tarda mattinata con Elsa Di Gati. Amore criminale viene promosso nella prima serata del venerdì e la puntata del sabato di Che tempo che fa viene trasferita al lunedì in prima serata, con la presenza fissa di Roberto Saviano, dal titolo Che tempo che fa del lunedì; resta invariato l'appuntamento domenicale.

La direzione Vianello[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 novembre 2012, su proposta del direttore generale Luigi Gubitosi, Andrea Vianello viene nominato nuovo direttore di rete, succedendo a Di Bella.

Viene riconfermato Glob di Enrico Bertolino, che torna in seconda serata con tre appuntamenti settimanali (Glob Porcellum martedì e mercoledì, Glob Therapy il venerdì).

Tuttavia, vi sono alcuni nuovi programmi: due di questi sono Metropoli, in prima serata, condotto da Valerio Massimo Manfredi, e in seconda serata Il giallo e il nero, condotto da Cesare Bocci alla sua prima esperienza televisiva.

Il 3 marzo prende il via, in seconda serata, Gazebo, con la conduzione di Diego Bianchi. Il giorno successivo, dopo la nomina di Vianello alla guida di Rai 3, a succedergli alla conduzione di Agorà è Gerardo Greco.

Il 18 marzo esordisce in seconda serata NeriPoppins, nuovo programma di Neri Marcorè.

Il 3 maggio Barbara De Rossi conduce un nuovo ciclo di Amore criminale. Il 13 maggio, invece, esordisce in seconda serata I dieci comandamenti di Domenico Iannacone.

A giugno parte La guerra dei mondi, talk in prima serata di David Parenzo.

Il 25 ottobre 2013 iniziano le trasmissioni della versione HD di Rai 3, in contemporanea con quelle di Rai 1 e Rai 2, seppur inizialmente disponibili solo sulla piattaforma satellitare Tivùsat[13][14].

Il 17 novembre prende il via il talent show letterario Masterpiece.

A febbraio 2014, oltre al ritorno di Per un pugno di libri stavolta collocato al sabato pomeriggio, debutta in seconda serata Stelle nere. Nello stesso mese Achille Bonito Oliva debutta con Fuori quadro, definita «una trasmissione di educazione al gusto del contemporaneo».[15]

Il 1º marzo esordisce in prima serata Il sesto senso di Donato Carrisi, un programma "alla scoperta della mente umana e delle sue infinite potenzialità".[16]

Il 7 aprile, in seconda serata, Corrado Augias torna con Visionari[17] e il 25 aprile torna Carlo Lucarelli in seconda serata con La tredicesima ora.

Il 6 maggio parte in seconda serata Nemico pubblico di Giorgio Montanini che, mediante l'uso di candid camera e con una comicità "politicamente scorretta", affronta temi forti di carattere sociale.[18] L'8 maggio prende il via in seconda serata Quel gran pezzo dell'Italia, programma storico-culturale condotto da Riccardo Bocca sui cambiamenti sociali dell'Italia.[19]

Nella stagione estiva debutta in prima serata il programma d'approfondimento Millennium, condotto da Marianna Aprile, Mia Ceran ed Elisabetta Margonari.[20]

A novembre parte Questioni di famiglia con Marida Lombardo Pijola, sospeso però dopo una sola puntata per bassi ascolti.[21]

Il 10 gennaio 2015 sbarca in prima visione in chiaro Gomorra - La serie, in onda al sabato in seconda serata. La fascia di prima serata del sabato, invece, a partire da febbraio è occupata dalla trasmissione Scala Mercalli del meteorologo e climatologo Luca Mercalli.

Il 27 marzo esordisce in prima serata D-Day. I giorni decisivi di Tommaso Cerno, programma in quattro puntate «per rileggere i momenti cruciali e gli aspetti meno noti del secondo conflitto mondiale».[22]

Il 31 marzo prende il via la striscia serale #TreTre3, dedicata al materiale di repertorio di Rai 3.[23]

In occasione dell'Expo 2015, precisamente dal 1º giugno al 4 settembre, è andato in onda The cooking show - Il mondo in un piatto condotto dalla food blogger Lisa Casali.[24]

Il 14 luglio esordisce in prima serata 47 35 Parallelo Italia con Gianni Riotta.

Dal 9 novembre al 14 dicembre va in onda, ogni lunedì in prima serata, L'erba dei vicini con Beppe Severgnini.[25]

Dal 28 novembre al 19 dicembre va in onda, ogni sabato in prima serata, Teo in the box con Teo Teocoli.

Nel giugno 2015 vanno in onda otto puntate di E lasciatemi divertire, programma condotto da Pino Strabioli in occasione del ritorno in TV dopo 40 anni di Paolo Poli.

La direzione Bignardi[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 febbraio 2016 Daria Bignardi assume la direzione di Rai 3. Tra i suoi primi atti vi è la rinuncia al format Sconosciuti - La nostra personale ricerca della felicità, collocato in access prime time tra Blob e Un posto al sole, e la chiusura definitiva de Il processo del lunedì. Bignardi, inoltre, cancella anche Ballarò, sostituendolo con il talk Politics, condotto da Gianluca Semprini, ex conduttore di Sky TG24, e di durata inferiore; Mi manda Raitre, oltre al consueto appuntamento quotidiano, ne aggiunge uno serale, entrambi condotti da Salvo Sottile che debutta così sul terzo canale.

Alle 11:10 debutta il programma Tutta salute, che inizialmente affianca Elisir per poi sostituirlo definitivamente; al TG3 delle 12:00 segue la striscia quotidiana di Chi l'ha visto? dal titolo Chi l'ha visto? 12:25. Alle 12:45 torna Corrado Augias con Quante storie al posto di Concita De Gregorio e del suo Pane quotidiano.

Tra le altre novità vi è il rilancio di Rischiatutto con Fabio Fazio; quest'ultimo, inoltre, condurrà Che tempo che fa solo la domenica sera insieme a Che fuori tempo che fa, mentre al sabato sera debutta Massimo Gramellini con lo spin-off Le parole della settimana. Al lunedì sera vengono riconfermati Presa diretta e Report. Gad Lerner, dopo più di vent'anni, ritorna sulla terza rete con Islam, Italia. Dopo Blob, nella stessa fascia segue dal martedì al venerdì la striscia quotidiana Gazebo #social news, spin-off di Gazebo, il quale cambia collocazione e passa alla seconda serata del venerdì; l'access prime time del lunedì è invece riservato a Concita De Gregorio con FuoriRoma.

Queste novità sono accompagnate da un cambio d'immagine grafica che, dal 12 settembre, coinvolge la terza rete oltre a Rai 1, Rai 2 e Rai 4.

Dal 7 gennaio 2017 Alberto Matano conduce, in prima serata, Sono innocente.

Nel frattempo il palinsesto della rete subisce modifiche: Politics chiude in anticipo per scarso riscontro Auditel; a Gazebo #social news si aggiunge una puntata il lunedì mentre la versione classica in seconda serata diviene un appuntamento mensile; Agorà esordisce dal 10 gennaio con quattro puntate speciali dal titolo Duemiladiciassette e #cartabianca aggiunge una versione serale, a partire dal 21 febbraio, in onda in prima serata ogni martedì alle 21:15.

La direzione Coletta[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 luglio 2017 Daria Bignardi lascia la direzione di Rai 3; a succederle sarà Stefano Coletta, già vicedirettore della rete.[26]

Il 15 dicembre 2019, in occasione del quarantesimo compleanno della rete, viene mandata in onda una puntata speciale del programma La grande storia.

La "breve" direzione Calandrelli e la direzione Di Mare[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 gennaio 2020, in seguito alla promozione di Coletta alla direzione di Rai 1, arriva Silvia Calandrelli, già vicedirettore di Rai 3 e direttore di Rai Cultura. Sotto la sua gestione, che coincide in buona parte con il periodo di emergenza per la pandemia di COVID-19, la rete viene compresa nell'offerta La scuola non si ferma, promossa dalla stessa Rai e dal Ministero dell'istruzione nell'ambito della didattica a distanza[27].

Dopo soli quattro mesi, il 15 maggio dello stesso anno a prendere il posto di Calandrelli viene nominato Franco Di Mare, già vicedirettore di Rai 1.

Dal 18 dicembre 2020, tutte le versioni regionali di Rai 3 saranno rese disponibili anche sulla piattaforma satellitare Tivùsat.[28]

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Direttori[modifica | modifica wikitesto]

Nome Periodo
Giuseppe Rossini 15 dicembre 1979 – 12 giugno 1987
Angelo Guglielmi 13 giugno 1987 – 31 ottobre 1994
Luigi Locatelli 1º novembre 1994 – 14 aprile 1996
Giovanni Minoli 15 aprile 1996 – 31 maggio 1998
Francesco Pinto 1º giugno 1998 – 18 giugno 2000
Giuseppe Cereda 19 giugno 2000 – 5 maggio 2002
Paolo Ruffini 6 maggio 2002 – 24 novembre 2009
Antonio Di Bella 25 novembre 2009 – 17 giugno 2010
Paolo Ruffini (2ª volta) 18 giugno 2010 – 27 settembre 2011
Antonio Di Bella (2ª volta) 27 settembre 2011 – 28 novembre 2012
Andrea Vianello 29 novembre 2012 – 17 febbraio 2016
Daria Bignardi 18 febbraio 2016 – 26 luglio 2017
Stefano Coletta 27 luglio 2017 – 14 gennaio 2020
Silvia Calandrelli 14 gennaio – 15 maggio 2020
Franco Di Mare dal 15 maggio 2020

Struttura dirigenziale[modifica | modifica wikitesto]

L'attuale struttura dirigenziale vede come direttore Franco Di Mare, e come vicedirettori:

Palinsesto attuale[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Programmi televisivi di Rai 3

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Informazione[modifica | modifica wikitesto]

Factual[modifica | modifica wikitesto]

Divulgazione[modifica | modifica wikitesto]

Intrattenimento[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Soap opera[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Palinsesto del passato[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Soap opera[modifica | modifica wikitesto]

Intrattenimento giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Annunciatrici[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente la terza rete non prevedeva la partecipazione delle annunciatrici storiche Rai (le cosiddette signorine buonasera). Nel 1979 a inaugurare le trasmissioni fu una studentessa quindicenne italo-argentina, Fabiana Udenio, che salutò con familiarissimo «ciao» i telespettatori della neonata emittente. Dal 1981 furono coinvolte invece le annunciatrici degli altri due canali che, dal 1988 al 2000, apparivano in bianco e nero fra grandi virgolette di colore rosso poste in sovraimpressione ai due angoli dello schermo.

Dal 21 settembre 2003, agli annunci del canale sono poi avvicendate Giorgia Würth (fino all'8 novembre 2008) e Alessia Patacconi (fino a giugno 2012). In merito al licenziamento di Patacconi da parte della Rai, in data 12 marzo 2014 il giudice Pangia del tribunale del lavoro di Roma ha ordinato la sua reintegrazione per illegittimo licenziamento; nell'agosto 2014 Patacconi è stata reintegrata in qualità di speaker.

Dal 9 novembre 2008 si aggiunge anche Sarita Agnes Rossi affiancata, a partire dal 5 agosto 2013, da Dalila Pasquariello, entrambe attive fino al 29 maggio 2016, giorno in cui la Rai decide di rinunciare alla figura della signorina buonasera dopo 62 anni.

Orari degli annunci[modifica | modifica wikitesto]

Dal lunedì al venerdì gli annunci andavano in onda alle 15:00 dopo TGR Leonardo. Quelli dei programmi dal lunedì al venerdì mattina venivano anticipati la notte, prima di Fuori orario. Cose (mai) viste. Il sabato e la domenica gli annunci del pomeriggio e della serata venivano anticipati la mattina.

Talvolta gli annunci vengono dati anche alle 21:10, quando c'è in programmazione un film o telefilm adatto al solo pubblico adulto, o in occasione di cambi di palinsesto.

Agli annunci giornalieri si aggiungevano quelli promozionali. Su quelli giornalieri le annunciatrici erano sedute su uno sgabello a gambe accavallate, oppure in piedi a mezzobusto. In quelli promozionali, oppure per annunciare le dirette televisive, le annunciatrici erano solo in piedi a mezzobusto.

Dal 9 dicembre 2007 gli annunci si articolavano su uno sfondo verde con il logo di Rai 3 e con un jingle in sottofondo. Tale grafica subì alcune modifiche il 29 novembre 2010, in particolare nello sfondo, formata da quadrati verdi simili a quelli della grafica promo, e nella parte inferiore alla quale fu aggiornato il logo con quello in uso dal 18 maggio dello stesso anno.

Dal 29 maggio all'11 settembre 2016, dopo la cancellazione della figura delle annunciatrici, sono andate in onda delle grafiche riepilogative che, pur se in onda saltuariamente, mantennero gli stessi orari degli annunci. Queste grafiche, dal 12 settembre 2016, vanno in onda alle 8:00, alle 11:55 e alle 18:50.

Orari delle trasmissioni[modifica | modifica wikitesto]

Durante i primi anni di trasmissione, la Terza Rete iniziava le trasmissioni alle 18:30 circa per terminarle intorno alle 22:30.

Nel corso degli anni '80, la durata delle trasmissioni andò sempre di più allungandosi, tanto che, alla fine del decennio, l'inizio delle trasmissioni fu anticipato all'incirca alle 11:00.

Dal 21 dicembre 1991, Rai Tre ha iniziato a trasmettere 24 ore su 24. Dal 1999 la rete, inizialmente solo tra le 6 e le 8 del mattino, trasmette il segnale del canale all-news Rai News 24; dagli anni 2010, viene trasmesso anche in orario notturno, generalmente verso le 2:00.

Fino al 15 giugno 2012 Rai 3 interrompeva le trasmissioni il terzo venerdì notte del mese con una pausa notturna dalle 4:30 alle 7:00 circa, spazio di tempo in cui veniva proposto un monoscopio di tipo Philips PM5544. Lo stesso sistema vigeva anche per Rai 1 il primo martedì del mese e per Rai 2 il secondo martedì del mese.

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

Share 24h* di Rai 3[29][modifica | modifica wikitesto]

Anno Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Media
anno
1997 9,37%
1998 9,33%
1999 9,07%
2000 9,00%
2001 9,00%
2002 9,71%
2003 9,38%
2004 9,62%
2005 9,75%
2006 9,37%
2007 9,07%
2008 9,07%
2009 9,19% 8,49% - 8,88% 9,63% 9,15% 9,46% 8,32% 8,46% 9,13% 8,86% 8,97% 8,96%
2010 8,48% 7,85% 8,07% 7,94% 9,05% 8,26% 8,41% 8,07% 7,75% 8,81% 9,79% 9,11% 8,46%
2011 8,75% 8,42% 8,68% 8,09% 9,14% 9,11% 8,17% 7,35% 7,81% 8,86% 8,98% 8,58% 8,49%
2012 8,29% 7,96% 7,85% 7,79% 7,89% 7,19% 7,07% 6,20% 6,70% 7,92% 8,21% 8,05% 7,65%
2013 7,54% 7,63% 8,25% 8,06% 8,17% 7,26% 6,52% 5,67% 6,12% 7,25% 7,54% 7,31% 7,35%
2014 7,16% 7,02% 6,87% 6,77% 7,08% 6,23% 6,12% 5,54% 5,78% 6,77% 7,26% 7,18% 6,71%
2015 7,15% 6,91% 6,80% 6,38% 7,00% 6,57% 6,01% 5,46% 5,67% 6,84% 7,28% 7,06% 6,62%
2016 6,81% 6,75% 6,61% 6,74% 6,78% 6,13% 5,76% 4,83% 5,55% 6,84% 7,27% 7,06% 6,47%
2017 7,03% 6,53% 6,59% 6,48% 6,21% 5,97% 6,05% 5,16% 5,54% 6,21% 6,75% 6,83% 6,32%
2018 6,74% 6,63% 6,96% 6,53% 6,54% 6,35% 6,32% 5,80% 6,12% 6,92% 7,53% 7,51% 6,69%
2019 7,50% 6,91% 7,06% 6,89% 6,51% 6,45% 6,12% 5,91% 6,02% 6,67% 7,34% 7,28% 6,77%
2020 6,97% 6,78% 7,15% 6,96% 6,89% 6,45% 5,80% 5,97% 6,33% 7,34%
  • Giorno medio mensile su target individui 4+

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rai Pubblicità si riposiziona su un target più adulto, 35-64 anni (era 25-54). Ecco le novità per tv, cinema ed Expo (INFOGRAFICA), su primaonline.it. URL consultato il 17 ottobre 2015 (archiviato il 15 novembre 2015).
  2. ^ Alcuni programmi sono FTV visibili solo con smart card Tivùsat o attraverso Digital Key.
  3. ^ Radiocorriere TV, su www.radiocorriere.teche.rai.it. URL consultato il 25 maggio 2020.
  4. ^ A causa di una disinformazione, la ricezione dell'allora Terza Rete nella città di Roma era problematica in quanto ogni ricevitore aveva in dotazione due sole antenne orientate verso il trasmettitore di Monte Mario, rispettivamente per le frequenze di Rai 1 e Rai 2. Il segnale disturbatissimo era dovuto alla tipica antenna per la ricezione della banda UHF, in cui trasmettevano le emittenti private dai ripetitori siti in direzione opposta, quindi era necessario l'acquisto di una quarta antenna orientata verso il trasmettitore Rai.
  5. ^ Risale al 1987 l'appellativo di TeleKabul, nato sul palco del congresso PSI di Bari per bocca di Giuliano Ferrara, con riferimento all'allora recente invasione sovietica dell'Afghanistan.
  6. ^ Link all'articolo, su archiviolastampa.it.
  7. ^ Citato in Quattro decenni di Plays, terzo decennio, Plays.it, 1991
  8. ^ Archivio Corriere della Sera, su archivio.corriere.it. URL consultato il 27 ottobre 2020.
  9. ^ Catherine Spaak: «Il mio Harem cancellato dallo sport», su web.archive.org, 13 novembre 2015. URL consultato il 27 ottobre 2020 (archiviato dall'url originale il 13 novembre 2015).
  10. ^ ARTICOLO 3, LA RAI SOSPENDE IL PROGRAMMA: FLOP DI ASCOLTI. E IL MINZO GONGOLA…, su davidemaggio.it. URL consultato il 9 novembre 2010 (archiviato il 12 novembre 2010).
  11. ^ Novità Dandini: in prima serata su La7 - Corriere della Sera, su corriere.it. URL consultato il 16 ottobre 2011 (archiviato il 16 ottobre 2011).
  12. ^ Luisella Costamagna con Robinson da venerdì 9 marzo in prima serata su Rai3
  13. ^ Rai HD, su tvblog.it.
  14. ^ Rai HD sul satellite, su facebook.com.
  15. ^ NEWSRai Archiviato il 25 febbraio 2014 in Internet Archive.
  16. ^ RAI3: IL SESTO SENSO DI DONATO CARRISI Archiviato il 7 marzo 2014 in Internet Archive.
  17. ^ Augias, racconto i Visionari Archiviato l'8 aprile 2014 in Internet Archive. su Ansa del 30 marzo 2014.
  18. ^ Nemico Pubblico: Giorgio Montanini dal 6 maggio su Rai 3 Archiviato il 4 maggio 2014 in Internet Archive. sul sito Tvblog.it
  19. ^ Quel gran pezzo dell'Italia: Riccardo Bocca racconta i cambiamenti del Belpaese su Rai3 sul sito Davidemaggio.it
  20. ^ Scheda di Millennium Archiviato il 9 agosto 2014 in Internet Archive. sul sito Rai
  21. ^ RAI3: SOSPESA TRASMISSIONE "QUESTIONI DI FAMIGLIA" Archiviato il 4 dicembre 2014 in Internet Archive.
  22. ^ RAI3: "D-DAY. I GIORNI DECISIVI", su ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 27 marzo 2015 (archiviato il 2 aprile 2015).
  23. ^ Scheda di #TreTre3
  24. ^ RAI3: AL VIA "THE COOKING SHOW - IL MONDO IN UN PIATTO", su ufficiostampa.rai.it. URL consultato il 5 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2015).
  25. ^ Scheda del programma Archiviato il 17 novembre 2015 in Internet Archive. su Rai.it
  26. ^ Daria Bignardi lascia Rai3, su DavideMaggio.it. URL consultato il 25 luglio 2017 (archiviato il 23 settembre 2017).
  27. ^ Aldo Grasso, La Rai con Telescuola conserva la missione di servizio pubblico, in Corriere della Sera, 15 maggio 2020.
  28. ^ DVB-S2: entro il 2021 la tv sarà solo in HD e 4K - tivùsat, su www.tivusat.tv. URL consultato il 17 novembre 2020.
  29. ^ Dati Auditel, su auditel.it. URL consultato il 29 febbraio 2016 (archiviato il 6 ottobre 2018).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Delio De Martino, Per una storia di Raitre, con una premessa di Raffaele Nigro, Bari, Levante Editori, 2009. ISBN 978-88-7949-531-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN138560096 · LCCN (ENn99044171 · GND (DE4429641-1 · WorldCat Identities (ENlccn-n99044171
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione