Opinione pubblica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'opinione pubblica è l'aggregato delle attitudini di pensiero collettive o delle convinzioni mantenute dalla popolazione adulta.

L'opinione pubblica può essere influenzata dalle pubbliche relazioni e dai mezzi di comunicazione di massa. In aggiunta, i mass media utilizzano un'ampia gamma di tecniche pubblicitarie per diffondere il proprio messaggio e cambiare l'idea delle persone. Viene frequentemente misurata usando i metodi del sondaggio a campione ed è oggetto di studio della demodoxalogia.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Essa esprime la somma delle opinioni dei singoli, che la comunicano nei modi più disparati utilizzando gli strumenti di comunicazione tipici degli esseri umani: in questo modo ogni singola persona diventa artefice delle decisioni di chi li rappresenta. È responsabilità dei cittadini ed è loro interesse formarsi un'opinione il più possibile chiara ed obiettiva, visto che la propria singola opinione ha il potere, in ultima analisi, di far decidere a chi li governa quali decisioni prendere.

L'importanza dell'opinione pubblica diventa cruciale durante il periodo delle elezioni politiche, ma non solo: l'opinione pubblica in democrazia influenza e determina sempre le decisioni della politica, dei governi e talvolta anche dell'economia.

L'importanza nella democrazia[modifica | modifica wikitesto]

È importante che in una democrazia esista una opinione pubblica attenta e informata. Infatti la democrazia prevede che i cittadini operino delle scelte e prendano delle decisioni:

  • direttamente, ad esempio tramite referendum;
  • indirettamente, cioè scegliendo alle elezioni i propri rappresentanti fra i diversi programmi e candidati proposti dai molteplici partiti politici.

I cittadini in democrazia esprimono la propria opinione anche in altri modi, sanciti dalla Costituzione, quali ad esempio: lo sciopero o le manifestazioni. L'espressione della propria opinione fa parte dei diritti fondamentali dell'individuo ed è libera, come lo sono il pensiero o la parola. In uno Stato libero la singola opinione concorre a formare l'opinione pubblica.

Il diritto di informazione[modifica | modifica wikitesto]

Il diritto di informazione importante per formare l'opinione pubblica.

È fonndamentale che il cittadino possa discutere e confrontare liberamente le proprie idee con quelle degli altri e che possa essere informato nel modo più completo possibile su quello che accade nelle sedi pubbliche e su quello che pensano gli altri anche tramite più organi di informazione come radio, TV, giornali liberi e non sottoposti a censura o che diventino strumento di propaganda.

La nascita e lo sviluppo della televisione ha profondamente influenzato la sua formazione ed informazione, ad esempio di un cattivo uso delle televisioni è quello di mostrare alcune persone un numero molto elevato di volte, inducendo il pubblico a ritenere che quelle determinate persone siano molto importanti anche se in realtà rappresentano un numero esiguo di cittadini, mentre al contrario il fatto di mostrare poco o nulla persone che al contrario rappresentano un numero molto elevato di cittadini (ad esempio i rappresentanti dei Consumatori o di Associazioni del terzo settore che rappresentano i cittadini in genere) induce i cittadini stessi a pensare che il peso di queste ultime persone sia nullo o quasi n

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F.H. Allport, "Toward a Science of Public Opinion", in M. Livolsi, "Comunicazioni e cultura di massa", Milano, Hoepli, 1970 [ed. orig. 1954].
  • Jurgen Habermas, "Storia e critica dell'opinione pubblica", Bari, Laterza, 1971.
  • Walter Lippmann, "L'opinione pubblica", Milano, Ed. di Comunità, 1963 [nuova ediz. Roma, Donzelli, 1999; ed orig. 1922].
  • Elisabeth Noelle-Neumann, "La spirale del silenzio. Per una teoria dell'opinione pubblica", Roma, Meltemi, 2002.
  • Vincent Price, "L'opinione pubblica", Bologna, Il mulino, 2004
  • Vitaliano Rovigatti, "Scienza dell'opinione pubblica", Torino, Edizioni S. Paolo, 1985.
  • Ferdinand Tönnies, "Kritik der öffentlichen Meinung" (Critica dell'opinione pubblica), [1922], Berlino/New York: Walter de Gruyter, ²2002
  • Mascia Ferri, Come si forma l'Opinione pubblica. Il contributo sociologico di Walter Lippmann, Milano, FrancoAngeli, 2006, ISBN 88-464-7627-1.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4043152-6