12º Reggimento carabinieri "Sicilia"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
12º Reggimento Carabinieri "Sicilia"
Scud Unita Mobili.gif
Stemma unità mobili CC
Descrizione generale
Attiva1934 - oggi
NazioneItalia Italia
ServizioArma dei Carabinieri
TipoReggimento
Caserma Antonio BonsignorePalermo
Parte di
Comandanti
Comandante attualeSalvatore Sgroi
fonte Sito Carabinieri.it
Voci su gendarmerie presenti su Wikipedia

Il 12º Reggimento Carabinieri "Sicilia" è uno dei reparti costituenti l'organizzazione mobile dell'Arma dei Carabinieri, posto alle dirette dipendenze della 1ª Brigata Mobile.

Ha sede a Palermo, nella caserma "Calatafimi", in Corso Vittorio Emanuele 473, all'interno dell'ex "Quartiere militare di San Giacomo" dove si trova anche la caserma "Antonio Bonsignore" (dal 2007 dedicata a Carlo Alberto Dalla Chiesa), sede del Comando Legione Carabinieri Sicilia. Fino al 30 ottobre 2017, era inquadrato come 12º Battaglione Carabinieri “Sicilia”, quando è stato elevato a Reggimento.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sulla destra, la caserma Calatafimi, sede del battaglione

I Battaglioni mobili autonomi Carabinieri vennero previsti con Regio Decreto 1802 dei 2 ottobre 1919, ma istituiti nel numero di diciotto con decreto ministeriale del 2 maggio 1920 "per concorrere con le Legioni territoriali della stessa Arma nei servizi di ordine pubblico e di pubblica sicurezza". Uno di questi ebbe sede a Palermo, ma furono soppressi con il Regio Decreto n. 2980 del 30 dicembre 1923. Nell'ordinamento territoriale per il servizio dell'Arma dei Carabinieri, allegato al Regio Decreto n. 1169 del 14 giugno 1934 venne stabilita la dipendenza di un Battaglione alla Legione CC di Palermo. Nel 1935 questo fu denominato Battaglione Carabinieri "Palermo". Il 1º aprile 1963 venne ridenominato 12° Btg. Carabinieri "Sicilia"[1], composto in gran parte, fino alla sospensione del servizio militare obbligatorio nel 2004, con personale di leva. Il 30 ottobre 2017 da battaglione è stato elevato a Reggimento.

Compiti[modifica | modifica wikitesto]

Il 12º Reggimento Carabinieri" Sicilia" concorre, assieme ai battaglioni e reggimenti della linea mobile[2]:

  • alla difesa integrata del territorio nazionale;
  • assolve ai servizi di ordine pubblico nel corso di grandi manifestazioni ed eventi quali le manifestazioni sportive e concerti;
  • la vigilanza ad obiettivi sensibili militari e a quelli di natura civile definiti, di volta in volta, dall'autorità di Pubblica Sicurezza;
  • il supporto dell'organizzazione territoriale per incrementare il controllo del territorio nelle grandi aree urbane, extra urbane e rurali nelle zone più sensibili sotto il profilo della sicurezza pubblica;
  • alle operazioni di protezione civile in caso di calamità naturali.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 12º Reggimento è suddiviso in un battaglione con tre compagnie, oltre a una Compagnia di intervento operativo istituita formalmente il 1º novembre 2000[3], per servizi di controllo straordinario del territorio, al fine di risolvere criticità emergenti della situazione dell'ordine e della sicurezza pubblica. Si tratta di forza impiegabile per dati periodi di tempo e previo minimo preavviso (24-48 ore).

Unità primo intervento[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1965, per fronteggiare in maniera rapida ed incisiva eventuali eventi calamitosi, sono stati istituiti nell'ambito dei 13 Battaglioni Carabinieri dislocati su tutto il territorio nazionale i cosiddetti “Reparti di Soccorso”, finalizzati a prestare un primo aiuto alle popolazioni colpite, garantendo una cornice di sicurezza. Il battaglione nel 1968 è intervenuto in occasione del terremoto del Belice.

Nel 2006, l'articolazione dei Reparti di Soccorso è stata rimodulata per addivenire alla costituzione delle “U.P.I.” (Unità di Primo Intervento).

La fanfara[modifica | modifica wikitesto]

La Fanfara del reggimento è un complesso artistico formato da 30 esecutori e diretta da un Maresciallo ed oltre a disimpegnarsi nelle classiche marce militari, sinfoniche e inni nazionali, si è esibita in concerti con brani classici e moderni[4]

Comandanti[modifica | modifica wikitesto]

Dal 30 ottobre 2017 il col. Salvatore Sgroi è il primo comandante del 12º Reggimento Carabinieri "Sicilia".[5]

Caduti[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 agosto 1949, dopo un attacco degli uomini del bandito Salvatore Giuliano a una caserma dei Carabinieri, un camion pieno di uomini del Battaglione Mobile Carabinieri di Palermo inviato in rinforzo, salta in aria a Bellolampo su una mina. Morirono 7 carabinieri e 11 restarono feriti.

Nel 1986 il carabiniere ausiliario Stefano Di Bonaventura fu ucciso in uno scontro a fuoco a Palermo. Gli fu concessa la medaglia d'oro al valor militare[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]