Multinational Specialized Unit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Multinational Specialized Unit
Unità specializzata multinazionale
Carabinieri team.jpg
MSU della KFOR in sfilata per il 2 giugno
Descrizione generale
Attiva 1998 - oggi
Nazione Italia Italia
Servizio Coat of arms of the Carabinieri.svg Arma dei Carabinieri
Compiti polizia militare
ordine pubblico
peacekeeping
assistenza umanitaria
Missioni di peacekeeping SFOR
KFOR
Parte di
Comandanti

Fonti nel testo

Voci su gendarmerie presenti su Wikipedia

L'unità specializzata multinazionale (Multinational Specialized Unit o MSU) è un'unità dell'Arma dei Carabinieri, con funzioni di polizia civile e polizia militare militare in ambito multinazionale, impiegata nelle missioni all'estero.

È costituita da reparti operanti nella 2ª Brigata mobile carabinieri[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Venne creata nel 1998 su richiesta della NATO, come reparto interforze, inquadrato all'interno del 13º Reggimento carabinieri "Friuli-Venezia Giulia" dell'Arma dei Carabinieri.

Il primo impiego è nella missione NATO-SFOR, in Bosnia-Erzegovina, durante il conflitto nei Balcani. Nel 1999 la NATO richiede la presenza di unità operative in Albania e in Kosovo (KFOR)[2], integrate ulteriormente da altre unità nel 2003, e in Iraq, a Nassirya, dove vi fu l'attentato alla sede MSU, dove tra gli altri caddero 12 carabinieri[3].

Compiti[modifica | modifica wikitesto]

Le unità operative della MSU, in stretto coordinamento con l'IPTF (International Police Task Force), assolvono alle funzioni fissate a Petersberg nel 1992: rispondere a disordini e mantenimento dell'ordine pubblico, supportare le forze di polizia locali, monitorare la situazione sotto il profilo della pubblica sicurezza[4]. Oltre ai compiti di soccorso, è consentita la possibilità di effettuare operazioni di peace keeping e anche di missioni di combattimento, con l'obiettivo di mantenere la pace.

Comando[modifica | modifica wikitesto]

Il comando operativo della MSU è affidato al capo di stato maggiore della difesa, che lo esercita tramite il comando del Comando operativo di vertice interforze (COI).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]