Pietro Morici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Morici
Pietro Morici.jpg
NascitaValderice, 21 agosto 1956
MortePalermo, 13 giugno 1983
Cause della morteAttentato da parte di Cosa nostra
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataEsercito italiano
ArmaArma dei Carabinieri
Anni di servizio1970(?) - 1983
GradoCarabiniere
DecorazioniValor civile gold medal BAR.svg Medaglia d'oro al valor civile
Studi militariScuola Allievi Carabinieri Roma
voci di militari presenti su Wikipedia

Pietro Morici (Valderice, 21 agosto 1956Monreale, 13 giugno 1983) è stato un carabiniere italiano, vittima di mafia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Finita la scuola dell'obbligo, Pietro Morici cominciò a gestire insieme alla madre un negozio di alimentari situato accanto alla caserma dei Carabinieri[1]. Lì iniziò a trascorrere le sue giornate.[2]

Divenuto adulto, nonostante i suoi genitori si opponessero, Morici si arruolò, frequentando così la scuola degli Allievi Carabinieri a Roma; terminato il corso di istruzione, dopo qualche tempo fu trasferito a Milano.

Nel 1976 fu trasferito a Palermo ed infine a Monreale, divenendo autista del capitano Basile, che nel 1980 fu ucciso dalla mafia locale.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Emanuele Basile (carabiniere).

Morici venne riconfermato come autista dal nuovo capitano D'Aleo. Il 13 giugno del 1983 Pietro Morici era insieme all'appuntato Giuseppe Bommarito ed al capitano D'Aleo, mentre si recavano a casa di quest'ultimo, quando furono affiancati da due motoveicoli con a bordo due sicari che li freddarono, uccidendoli sul colpo.

Onorificenze e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor civile
«In servizio in una Compagnia Carabinieri operante in zona ad alto indice di criminalità organizzata, pur consapevole dei gravi rischi cui si esponeva con elevato senso del dovere e sprezzo del pericolo svolgeva tenacemente opera intesa a contrastare la sfida sempre più minacciosa delle organizzazioni mafiose. Barbaramente trucidato in un proditorio agguato tesogli con efferata ferocia, sacrificava la sua giovane vita in difesa dello Stato e delle istituzioni. Palermo, 13 giugno 1983»
— 31 agosto 1983[3]
  • Il comune di Valderice, ha intitolato una strada a Pietro Morici.[1]
  • Dall'ottobre del 2010 la caserma della Stazione dei Carabinieri di Valderice è intitolata alla sua memoria.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c TrapaniOGGI, Valderice, un video in memoria di Pietro Morici, carabiniere assassinato dalla mafia, 12 giugno 2012
  2. ^ "Giuseppe Lo Bianco,Francesco Viviani, Vita e storia dei caduti nella lotta contro la mafia,Palermo", Ed.Oggi Comunicazione"
  3. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato., su quirinale.it. URL consultato il 25 febbraio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie