Attentati ai treni dell'estate 1969

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Attentati ai treni dell'estate 1969
Stato Italia Italia
Luogo vari luoghi d'Italia
Obiettivo diversi treni, stazioni e linee ferroviarie
Data 8 e 9 agosto 1969
Tipo Esplosione dovuta a ordigni
Feriti 12
Responsabili Ordine Nuovo, tramite Franco Freda e Giovanni Ventura come mandanti
Motivazione

Gli attentati ai treni dell'estate 1969 furono alcuni attentati terroristici avvenuti in Italia.

Gli attentati[modifica | modifica wikitesto]

L'8 ed il 9 agosto 1969 esplosero otto bombe posizionate in diversi treni, provocando 12 feriti. Altre due bombe verranno ritrovate, inesplose, nelle stazioni di Milano Centrale e di Venezia Santa Lucia.

Le indagini[modifica | modifica wikitesto]

Le indagini vennero indirizzate verso ambienti anarchici. Solo diversi anni dopo per i fatti in oggetto verranno condannati due neofascisti veneti appartenenti a Ordine nuovo, Franco Freda e Giovanni Ventura.[1][2]

Le condanne[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]