Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Dipartimento della Amministrazione Penitenziaria (D.A.P.) è uno dei quattro dipartimenti in cui si divide il Ministero della giustizia italiano. Da esso dipende il Corpo di polizia penitenziaria.

Istituzione e funzioni[modifica | modifica wikitesto]

Il dipartimento fu istituito con la legge 5 dicembre 1990 n. 395, in sostituzione della precedente Direzione generale degli istituti di prevenzione e pena.

Il compito del DAP è quello di provvedere a garantire l'ordine e la sicurezza all'interno degli istituti penitenziari, lo svolgimento dei compiti inerenti all'esecuzione della misura cautelare della custodia in carcere, delle pene e delle misure di sicurezza detentive, delle misure alternative alla detenzione.

Provvede inoltre all'attuazione della politica dell'ordine e della sicurezza degli istituti e servizi penitenziari e del trattamento dei detenuti e degli internati, nonché dei condannati ed internati ammessi a fruire delle misure alternative alla detenzione; al coordinamento tecnico operativo ed alla direzione e amministrazione del personale penitenziario, nonché al coordinamento tecnico-operativo del predetto personale e dei collaboratori esterni dell'Amministrazione; alla direzione e gestione dei supporti tecnici, per le esigenze generali del Dipartimento medesimo.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Alle dipendenze del DAP vi sono:

Il capo del dipartimento[modifica | modifica wikitesto]

Il capo del dipartimento dell'Amministrazione penitenziaria, di solito scelto nei ruoli della magistratura, beneficia della indennità prevista per il capo della Polizia, il comandante generale dei Carabinieri ed il Comandante Generale della Guardia di Finanza, ed è membro effettivo del Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza.

Dal dicembre 2014 capo del dipartimento è il magistrato Santi Consolo[1].

Cronotassi dei capi dipartimento[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ministero della Giustizia (pagina web ufficiale)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]