Bombe del 25 aprile 1969

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bombe del 25 aprile 1969
TipoEsplosione dovuta a ordigni
Data25 aprile 1969
19:00
LuogoMilano
StatoItalia Italia
ObiettivoFiera di Milano e stazione centrale (inesplosa)
ResponsabiliOrdine Nuovo, tramite Franco Freda e Giovanni Ventura come mandanti
Motivazione

Le bombe del 25 aprile 1969 furono alcuni attentati terroristici avvenuti in Italia; non provocarono morti ma segnarono l'inizio di una serie di attentati che culminerà con la strage di piazza Fontana.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 aprile del 1969 esplose una bomba nello stand della Fiat alla fiera campionaria di Milano provocando sei feriti; l'esplosione avvenne alle ore 19.00, ossia dopo l'orario di chiusura della fiera al pubblico. Una seconda bomba venne ritrovata, inesplosa, alla stazione centrale.

Nel dicembre dello stesso anno, pochi giorni prima della serie di attentati del giorno 12 che ebbero il loro culmine nella Strage di piazza Fontana, diversi quotidiani e riviste (L'Unità, L'espresso, Paese Sera) pubblicarono un rapporto riservato di un agente segreto greco all'allora primo ministro greco Geōrgios Papadopoulos, uno dei responsabili del colpo di stato che mise al potere la cosiddetta "giunta dei colonnelli". Il testo, datato 15 maggio 1969, sarebbe una copia mandata per conoscenza all'ambasciatore greco a Roma, e sarebbe stato diffuso dal giornalista inglese Leslie Finer. Quest'ultimo, che aveva lavorato ad Atene come corrispondente del settimanale The Observer, l'avrebbe ricevuto da membri della resistenza greca con cui era in contatto. Il testo, tra le altre cose, parla di contatti tra un italiano simpatizzante del governo anticomunista greco con l'esercito italiano e i carabinieri, nonché di possibili operazioni in chiave anticomunista che avrebbero potuto mettere in atto le autorità italiane; inoltre vengono citati quelli che sembrerebbero riferimenti espliciti alle bombe del 25 aprile[2]:

«Le azioni la cui realizzazione era prevista per epoca anteriore non hanno potuto essere realizzate prima del 20 aprile. La modifica dei nostri piani è stata necessaria per il fatto che un contrattempo ha reso difficile l'accesso al padiglione Fiat. Le due azioni hanno avuto un notevole effetto.»

L'ambasciata greca non commentò il documento[3], mentre la maggior parte dei media italiani tesero a minimizzarne il contenuto[2].

Le indagini[modifica | modifica wikitesto]

Le indagini vennero affidate al commissario Luigi Calabresi il quale puntò sulla pista anarchica. Venne per questo accusato di pregiudizi per aver indirizzato su un'unica via le indagini pur senza avere alcuna prova in merito;[3] vennero arrestate quindici persone della sinistra extraparlamentare, che rimaero in carcere per sette mesi prima di venire scarcerate per insufficienza di indizi.[1] Soltanto anni dopo, per i fatti in questione verranno condannati in via definitiva due neofascisti veneti appartenenti a Ordine Nuovo, Franco Freda e Giovanni Ventura.[4][1]

Le condanne[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Quella bomba in Fiera a Milano che aprì la stagione delle stragi, in ilGiornale.it. URL consultato il 14 novembre 2018.
  2. ^ a b Testo integrale del dossier segreto greco, dal libro di Eduardo M. Di Giovanni, Marco Ligini, Edgardo Pellegrini, La strage di Stato. Controinchiesta, Odradek Edizioni, riportato dal sito uonna.it
  3. ^ a b Luigi Calabresi Archiviato l'8 aprile 2008 in Internet Archive., articolo del sito rifondazione-cinecitta.org
  4. ^ Archivio Corriere della Sera, su archiviostorico.corriere.it. URL consultato il 14 novembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]