Bombe di Savona

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bombe di Savona
Bombe di Savona.png
Immagine di uno degli edifici danneggiati delle bombe scoppiate a Savona
Stato Italia Italia
Luogo Savona e località limitrofe
Data varie date dal 30 aprile 1974 al 26 maggio 1975
Tipo Esplosione
Morti 1
Feriti 20
Responsabili Ignoti appartenenti a Ordine Nero
Motivazione Eversione; Strategia della tensione; terrorismo neofascista

Con l'espressione bombe di Savona si fa riferimento ad una serie di attacchi terroristici che tra l'aprile 1974 e il maggio 1975 colpirono la città di Savona e il suo circondario.

L'esito di questi attentati di matrice ignota provocò, oltre a ingenti danni a edifici pubblici e privati, venti feriti e la morte di Fanny Dallari. In questo contesto almeno due stragi furono evitate per pura casualità e per la pronta reazione dei cittadini presenti.

Cronologia degli attentati[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Evento
30 aprile 1974 Savona, Via Paleocapa Bomba nel portone di un edificio
9 agosto 1974 Vado Ligure Due ordigni vengono lanciati contro una centrale Enel
9 novembre 1974 Savona Bomba davanti al Palazzo della Provincia
12 novembre 1974 Savona, via Machiavelli Bomba davanti all'atrio di una scuola
16 novembre 1974 Savona, località Santuario Bomba sul viadotto ferroviario
16 novembre 1974 Savona, via dello Sperone Bomba in uno stabile
20 novembre 1974 Savona, via Giacchero Bomba nel portone di un palazzo
23 novembre 1974 Varazze Bomba davanti alla stazione dei carabinieri
23 novembre 1974 Quiliano, località Cadibona Bomba sull'autostrada Savona-Torino
24 febbraio 1975 Savona Bomba dietro il palazzo della Prefettura
25 febbraio 1975 Savona, località Madonna degli Angeli Bomba contro un traliccio dell'Enel
26 maggio 1975 Savona Bomba contro la Fortezza di Monte Ciuto

Il contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Il 1974 è un anno fondamentale per la vita politica italiana visto la prevista scadenza elettorale del referendum sul divorzio che si sarebbe tenuto il 12 maggio.

Le 12 bombe[modifica | modifica wikitesto]

I primi attentati[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 aprile 1974 quando, alla vigilia dei festeggiamenti per il primo maggio una bomba al plastico esplode nel centro di Savona, a poca distanza da una sala cinematografica dove veniva trasmesso il film di Lizzani Mussolini: Ultimo atto. L'ordigno, collocato nell'ingresso dell'edificio dove abitava il senatore democristiano Franco Varaldo, provoca ingenti danni allo stabile ma non coinvolge nessun cittadino. All'iniziale paura fa seguito la reazione indignata delle forze democratiche e antifasciste cittadine e pochi giorni dopo l'attentato si individua la responsabilità dell'organizzazione terroristica di estrema destra Ordine Nero.[1]

Il 9 agosto viene portato un pericolosissimo attacco contro la centrale Enel di Vado Ligure. Due bombe al plastico esplodono a poca distanza da un trasformatore di tensione e soltanto per poco viene sfiorata una tragedia.[2] Il 9 novembre dieci chili di esplosivo vengono fatti esplodere nel locale caldaie di Palazzo Nervi, sede della Provincia di Savona. L'unico ferito è il custode dell'edificio, che viene ricoverato all'ospedale in stato di shock, ma i danni all'edificio sono enormi e le dimensioni dello scoppio allarmano l'intera popolazione che si riversa nelle strade cittadine. Nel mattino dello stesso giorno era stato inaugurato un cippo partigiano in memoria di una strage nazifascista e le prime dichiarazioni collegano i due eventi. La cittadinanza risponde convocando una manifestazione di protesta per il giorno seguente.[3]

Appena tre giorni dopo, nel tardo pomeriggio del 12 novembre, cinque chili di tritolo scoppiano nell'atrio della Scuola Media Bartolomeo Guidobono, vicino alla locale Camera del Lavoro. La sera stessa una imponente manifestazione si snoda per le strade della città richiamando partecipanti da tutta la provincia.[4] L'attacco portato contro la città e la sua provincia sembra aumentare ancora di intensità il 16 novembre, quando ben due bombe vengono fatte esplodere a poche ore una dall'altra.

A sei chilometri dal centro del capoluogo, in località Santuario, un primo ordigno divelle due metri di binario sopra un viadotto della ferrovia poco prima della stazione locale. Le conseguenze potrebbero essere drammatiche perché poco dopo lo scoppio sta per transitare in quel tratto il treno proveniente da Alessandria e la tragedia viene evitata soltanto dalla prontezza di un uomo, Quinto Quirini, che si trovava nelle vicinanze e, capita l'urgenza della situazione, corre incontro alla locomotiva costringendo il macchinista a bloccare la corsa. Due ore più tardi in città scoppia un'ennesima bomba davanti alla porta di un appartamento ubicato in via dello Sperone. I savonesi sono però tutt'altro che intimiditi e la loro reazione è tanto immediata quanto inaspettata: nel corso della stessa serata alcuni cittadini organizzano spontaneamente la vigilanza popolare sulla città. L'iniziativa viene in seguito allargata ai Consigli di Quartiere e riceve l'appoggio di partiti, sindacati e istituzioni.[5]

Il Comitato civico[modifica | modifica wikitesto]

Lelio Speranza (FIVL) ed il senatore Giovanni Urbani (ANPI) presiedono il Comitato della provincia di Savona (comprendente tutti i partiti, le organizzazioni sindacali, le associazioni Partigiane, la Curia Vescovile, le amministrazioni Comunali e l'Amministrazione Provinciale) che coordina l'azione di difesa durante gli attentati dinamitardi.

La morte di Fanny Dallari[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 novembre Savona è nuovamente vittima di un brutale attentato. Una bomba deflagra nell'atrio del portone di via Giacchero 22 provocando crolli interni e 13 feriti, tra cui Fanny Dallari, una donna di 82 anni che viene ricoverata in condizioni gravissime per essere caduta dal primo piano in seguito al crollo del pavimento; morirà il giorno dopo in ospedale rendendo vano ogni tentativo di salvarla[6].

Gli ultimi ordigni[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 novembre a Varazze un'autobomba salta in aria a pochi metri dalla caserma dei carabinieri e a Quiliano, in località Cadibona, un ordigno ad alto potenziale esplode sull'autostrada Savona-Torino a poca distanza dalla sede stradale, proiettando ovunque frammenti di guard-rail distrutto. È logico ritenere che l'ennesima strage sia stata evitata per pura casualità.[7]

Dopo una pausa di qualche mese l'eversione nera torna a portare il proprio attacco nel febbraio 1975. Il giorno 24 una bomba detona in prossimità della Prefettura causando otto feriti e il pomeriggio successivo l'esplosivo abbatte un traliccio dell'alta tensione in località Madonna degli Angeli. La rivendicazione, captata dalla frequenze televisive cittadine è chiara: Qui Ordine Nero. Vi faremo a pezzi!. Il 26 maggio l'ultimo scoppio colpisce la storica Fortezza di Monte Ciuto, fortunatamente senza causare ulteriori vittime.

La reazione della città[modifica | modifica wikitesto]

Analisi successive hanno sottolineato come l'attacco rivolto alla vita democratica savonese venne respinto con grande dignità, compostezza e senso di partecipazione popolare e come accanto al potenziale di democrazia dal basso che si espresse attraverso la vigilanza di quartiere, si affermò anche l'autorevolezza e la capacità di mobilitazione delle istituzioni e del sindacato.[8]. L'Istituto Storico della Resistenza e dell'Età Contemporanea della Provincia di Savona ha richiamato quella esemplare vicenda di mobilitazione, di lotta, di vigilanza popolare ricordando che nel 1978 il Presidente della Camera dei Deputati Pietro Ingrao, alla consegna della Medaglia d’oro al valor militare per la Resistenza a Savona, volle citare la profonda coscienza antifascista, democratica, civile che ha caratterizzato la storia contemporanea di Savona e la grande capacità organizzativa di un tessuto democratico e di partecipazione fatta di Consigli di Quartiere, di organizzazioni sindacali di base, di Sezioni dei Partiti, delle associazioni della Resistenza, di Società di Mutuo Soccorso, di Parrocchie, di associazioni culturali, dello sport e del tempo libero[9].

Le indagini e gli esiti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Le indagini sui fatti subirono pesantissimi ritardi e, dopo quattro anni di silenzio e immobilità, furono aperte soltanto nel 1979. La loro conclusione risale al 7 luglio 1991 con il decreto di archiviazione firmato del Gip Fiorenza Giorgi su richiesta del Pubblico Ministero Tiziana Parenti. Gli 8 neofascisti sospettati di essere implicati negli attentati, sono stati scagionati dalle accuse sebbene gli elementi raccolti in precedenza, e sviluppati dall'indagine del magistrato Francantonio Granero e dal successore Maurizio Picozzi, confermassero i loro legami con logge coperte e contatti internazionali. Rimanevano quindi senza nome i responsabili del terrore.

Nel 1995, su iniziativa del deputato Michele Del Gaudio, tutti gli atti istruttori legati alla vicenda furono acquisiti dalla Commissione Stragi della Camera dei deputati, presieduta dall'onorevole Pellegrino ma la conclusione anticipata della legislatura impedì di portare avanti il lavoro Commissione, che non è stato ripreso nelle legislature successive.

Nel marzo 2006 l'inchiesta è stata riaperta dopo un esposto di un avvocato del foro di Bologna; attualmente (settembre 2008) è in corso l'audizione, da parte del Procuratore Capo del tribunale di Savona Vincenzo Scolastico, di esponenti di movimenti politici di estrema destra negli anni settanta, che potrebbero sapere qualcosa sui fatti savonesi.

Il Comitato per la verità sulle stragi[modifica | modifica wikitesto]

Il 23 marzo 2006 nasce il "Comitato per la verità sulle stragi e tentate stragi nel savonese nel 1974-1975" con lo scopo di collaborare alla tutela legale delle persone offese e dei parenti delle vittime nei procedimenti giudiziari, di cui promuove la riapertura, e per salvaguardare la memoria storica e la ricerca della verità sugli eventi accaduti in quel periodo. Nel novembre dello stesso anno la Giunta comunale di Savona ha deliberato l'adesione al Comitato[10].

Il 12 dicembre 2009, in occasione del quarantesimo anniversario della strage di Piazza Fontana a Milano, Il Giudice Fiorenza Giorgi, intervistata dal quotidiano on line Savonanews.it, rivela gli aspetti controversi che caratterizzarono le indagini sulle bombe di Savona[11]

Altre ipotesi[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni dietrologi hanno sostenuto che le bombe di Savona furono collocate dai servizi segreti statunitensi per distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica dalla base militare USA di Pian dei Corsi, Situata nel territorio del comune di Calice Ligure, su una delle sommità del Colle del Melogno, nell'entroterra diretto di Finale Ligure. Questa era, secondo i giornalisti dell'epoca, una base missilistica e una base militare statunitense che controllava il territorio per prevenire ed evitare l'avvento politico di estremisti alla guida del paese.

In realtà era solo un centro comunicazioni che ospitava antenne radio. L'installazione, presidiata dalla 59th Company U.S. Army Signal(Corpo delle Trasmissioni) appartenente al 509th Battaglione del Signal Corps, era in stretta comunicazione con alcune stazioni della Germania. In Europa si contavano una quarantina di installazioni analoghe. Questa rete però, tra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90, con l'avvento della tecnologia satellitare cessò di essere utilizzata e, con essa, molte basi vennero dismesse, compresa quella di Pian Dei Corsi.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articoli del Secolo XIX e del Lavoro del 1º maggio 1974
  2. ^ Il Secolo XIX del 10 agosto 1974
  3. ^ Il Secolo XIX del 10 novembre 1974
  4. ^ Il Secolo XIX del 13 novembre 1974
  5. ^ Il Secolo XIX del 17 novembre 1974
  6. ^ Comune di Savona - 20 novembre 2006 - Cerimonia per ricordare gli attentati del 1974 e 1975 a Savona
  7. ^ Il Secolo XIX del 24 novembre 1974)
  8. ^ Articolo di Franco Astengo pubblicato dal Manifesto dell'8 novembre 2004
  9. ^ Presentazione dei Quaderni Savonesi del novembre 2009
  10. ^ Articolo del quotidiano on-line Il Vostro Giornale
  11. ^ Dal sito Savonanews.it