Strategia della tensione in Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.


L'ala Ovest della stazione di Bologna, crollata a seguito dell'esplosione dell'ordigno che causò la morte di 85 persone e il ferimento di oltre 200.
L'interno della Banca Nazionale dell'Agricoltura, luogo della strage di piazza Fontana, dopo l'esplosione che uccise 17 persone e ne ferì 88.

La strategia della tensione in Italia è una teoria politica che indica generalmente un periodo storico molto tormentato della storia d'Italia, in particolare negli anni settanta del XX secolo, conosciuto come anni di piombo.

L'arco temporale si concentrerebbe in un periodo storico che andrebbe dalla strage di piazza Fontana (12 dicembre 1969) alla strage di Bologna (2 agosto 1980), sebbene alcuni studiosi retrodatino l'inizio di tale strategia alla strage di Portella della Ginestra (1º maggio 1947) o al Piano Solo (1964), il fallito colpo di Stato progettato dal generale dell'Arma dei Carabinieri Giovanni de Lorenzo[1].

Questo periodo è stato caratterizzato dalla commistione di un terrorismo neofascista molto violento e da un mai chiarito terrorismo di Stato sostenuto da alcuni settori militari e politici che intendevano attuare un colpo di Stato in funzione anticomunista, specialmente dopo il movimento del Sessantotto e l'autunno caldo. Tale terrorismo si espresse soprattutto in stragi rivolte senza movente contro cittadini comuni o contro gruppi di antifascisti e militanti di sinistra (al punto che molti di loro, parlando di "democrazia limitata", optarono per la scelta della lotta armata e del terrorismo, contrapponendosi allo Stato italiano)[2].

Le origini e il contesto storico[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Anni di piombo.

L'espressione «strategia della tensione» è in realtà inglese (strategy of tension): fu coniata dal settimanale britannico The Observer. Apparve per la prima volta in un articolo del giornalista Leslie Finer del 7 dicembre 1969[3], solo cinque giorni prima della strage di piazza Fontana. Nello scritto, basato su alcuni documenti segreti dell'MI6, il servizio segreto britannico, sottratti all'ambasciatore greco in Italia, Finer parla di una strategia politico-militare degli Stati Uniti d'America, spalleggiata dal regime dittatoriale dei colonnelli greci, tesa ad orientare certi governi democratici di alcune nazioni dell'area mediterranea, attraverso una serie di atti terroristici e allo scopo di favorire l'instaurazione di regimi e dittature militari[4].

Nella fattispecie dell'Italia, sempre secondo il giornalista inglese, sarebbe stato in atto un piano, con al centro l'allora Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat, volto ad innalzare il livello dello scontro tra le forze sociali, già in atto a quel tempo, con l'obbiettivo di imporre una chiara svolta politica reazionaria.[5][6]

« Un gruppo di estrema destra e di ufficiali sta tramando in Italia un colpo di stato militare con l'incoraggiamento e l'appoggio del governo Greco e del suo Primo Ministro George Papadopoulos. Elezioni anticipate, liquidazione del centrosinistra, ritorno al centrismo, riforma costituzionale in senso presidenziale, definitiva emarginazione delle sinistre »
(Leslie Finer su Neri![7])

Il movente principale della strategia della tensione sarebbe stato quello di destabilizzare la situazione politica italiana. In tale ottica, tra i moventi di tale strategia, soprattutto in Italia e nel quadro della guerra fredda, sarebbe stato quello di influire sul sistema politico democratico, rendendo instabile la democrazia e bloccare il progressivo spostamento dell'asse politico e governativo verso le forze di estrema sinistra[8][9], che all'indomani del Sessantotto e dell'Autunno caldo avevano migliorato le loro condizioni e rafforzato il loro ruolo nella società italiana[10]. Vi sono molte ipotesi che portarono a sospettare un ruolo del SID in tale strategia per via di alcuni legami emersi con gruppi neofascisti[10][11]: infatti, secondo alcuni storici, tali attentati terroristici avevano lo scopo di seminare il terrore tra la popolazione, in modo da legittimare l'instaurazione di un governo di tipo autoritario o addirittura colpi di stato da parte di forze politiche, o comunque organizzate, generalmente gravitanti nell'area dell'estrema destra.[1][5][11] Sempre secondo alcuni storici e le risultanze giudiziarie, tale strategia golpistica trae origine ideologica fin dalla metà degli anni sessanta, in particolare dal cosiddetto "Piano Solo" (il fallito colpo di stato del 1964) e dal Convegno dell'hotel Parco dei Principi organizzato dall'Istituto di studi militari Alberto Pollio nel maggio 1965 avente come tema la "guerra rivoluzionaria" anticomunista, in cui intervennero personalità del mondo imprenditoriale, alti ufficiali dell'esercito, giornalisti, politici ed esponenti neofascisti (tra cui Pino Rauti, Stefano Delle Chiaie e Mario Merlino)[5][10][11].

All'inizio degli anni novanta il giudice per le indagini preliminari di Savona Fiorenza Giorgi, nel decreto di archiviazione relativo ad un'indagine su alcune bombe esplose in città tra il 1974 ed il 1975, compie un'analisi degli attentati avvenuti nella prima fase della strategia della tensione, in cui, tra le altre cose, cita le coperture garantite dai servizi italiani ad alcune azioni terroristiche ed all'operato di personaggi come Junio Valerio Borghese[11]. Secondo quanto riportato dal giudice:

« Dal 1969 al 1975 si contano 4.584 attentati, l'83 percento dei quali di chiara impronta della destra eversiva (cui si addebitano ben 113 morti, di cui 50 vittime delle stragi e 351 feriti), la protezione dei servizi segreti verso i movimenti eversivi appare sempre più plateale. »
(Tribunale di Savona, ufficio del giudice per le indagini preliminari, Decreto di archiviazione procedimento penale 2276/90 R.G. pag 23 a 25[12])

Attentati e stragi ascrivibili[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cronologia degli anni di piombo e della strategia della tensione.
La strage della Questura di Milano del 17 maggio 1973.
La strage dell'Italicus del 4 agosto 1974.

Si inscrive nella strategia della tensione il periodico verificarsi di stragi od attentati, tendenzialmente compiuti con esplosivi in luoghi pubblici o mezzi di locomozione di massa; la maggioranza non furono rivendicati ma ebbero (come ricostruito) come movente il favorire velleità di golpe o agire come minaccia e intimidazione del fronte antifascista di sinistra (o di magistrati che indagavano sull'eversione nera), con l'eccezione della bomba del 1984, legata alla mafia:

Talvolta sono stati considerati parte di una strategia della tensione o affini ad essa, anche la strage di Alcamo Marina e l'omicidio di Giorgiana Masi[14]. I giudici Vittorio Occorsio e Mario Amato, che indagavano sui rapporti tra neofascismo e stragismo, vennero invece assassinati da due militanti di estrema destra.

Elementi probatori[modifica | modifica wikitesto]

Le prove sono state spesso frammentarie, in parte andate perdute o distrutte (ad arte o involontariamente a seconda delle opinioni). In particolare, fu accertata:

  • L'attiva interferenza di servizi segreti italiani;[15]
  • Da documenti pubblicati sul sito Wikileaks, hackerati dal 2010 al 2013 dai server del governo statunitense, sono emersi i cosiddetti "Kissinger Cables", comunicazioni diplomatiche inviate, tra gli altri, anche dall'ambasciata di Roma, e diretti al Dipartimento di Stato di Washington DC, durante l'ultima parte del segretariato di Henry Kissinger e il periodo immediatamente successivo (1973-1976): da questi cablogrammi emerge l'insofferenza della diplomazia americana per la repressione dei vari progetti eversivi dell'estrema destra neofascista da parte della magistratura italiana, che viene accusata di volere una svolta a sinistra. Emerge inoltre la richiesta fatta al governo italiano di controllare gli apparati dello Stato per impedirne la politicizzazione e penetrazione da parte dei comunisti. Molte comunicazioni riguardano il ruolo dei servizi segreti italiani e del capo del SID Vito Miceli e l'avversione per il ministro democristiano Paolo Emilio Taviani, considerato troppo morbido con l'estrema sinistra, e troppo preoccupato nei confronti del neofascismo.[16]
  • Altri documenti dello stesso sito riguardano un possibile coinvolgimento dell'aviazione statunitense nella strage di Ustica (cablogrammi inviati dall'ambasciatore nel 1992 e nel 2003); in uno l'ambasciatore ribadisce che sosterrebbe l'ipotesi della bomba a bordo, proposta da Carlo Giovanardi, in quanto negherebbe le responsabilità della NATO, se non ci fossero le prove del missile ormai rese pubbliche; l'ambasciatore rivela inoltre del timore americano di una nuova "fuga di notizie".[17]
  • Vincenzo Vinciguerra, terrorista neofascista di Ordine Nuovo e poi di Avanguardia Nazionale, condannato e reo confesso per la strage di Peteano, ha reso dichiarazioni spontanee ai magistrati (non motivate dall'avere sconti di pena come quelle di altri «pentiti» neofascisti sulle stragi, per questo ritenute più attendibili) sui coinvolgimenti dell'estrema destra nella strategia della tensione e, riguardo alla strage di Bologna, ha fatto riferimento alla struttura clandestina anticomunista della NATO in Italia, nota poi come Organizzazione Gladio, e ai suoi settori deviati; queste allusioni e rivelazioni furono da lui ripetute in varie interviste successive. Ha inoltre paragonato la dinamica a quella di una tentata strage, fallita, il 28 agosto 1970 alla stazione di Verona (oltre che a quella del 30 luglio 1980). Ha poi affermato la colpevolezza di Mambro e Fioravanti nella strage del 2 agosto (e quindi il fatto che anche i NAR furono spinti a partecipare alla strategia della tensione, come era accaduto agli altri gruppi di estrema destra, in cambio di protezione), e che, a suo parere, avrebbero avuto coperture politiche anche da parte del MSI e dei suoi eredi diretti. Queste pressioni – di persone che poi avrebbero avuto importanti ruoli governativi e amministrativi negli anni novanta e duemila – attribuì, sempre secondo il suo personale parere, i benefici di legge a loro concessi, nonostante i numerosi ergastoli comminati. Vinciguerra non sarà testimone diretto nel processo di Bologna[18][19][20][21]. Nel 1991 un documento cercò di attribuire la strage del 2 agosto ai «gladiatori»: il testo, datato 19 maggio 1982, era catalogato con un semplice «numero 18», riferiva che l'esplosivo usato proveniva da un deposito di Gladio, e apparivano le firme di Paolo Inzerilli (capo di stato maggiore del SISMI nel 1991) e dell'ammiraglio Fulvio Martini. In seguito si scoprì che il documento era falso, scritto su carta intestata dei servizi segreti e arrivato per vie anonime, poiché nel 1982 Martini non era ancora arrivato ai vertici del controspionaggio militare (era vicesegretario generale della Difesa), mentre Inzerilli non poteva siglare i documenti in quanto era direttore di divisione del SISMI. Un'altra incongruenza riguardava l'uso del materiale esplosivo per Bologna, poiché quello di Gladio era stato ritirato completamente nel 1972[22].

Le condanne[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cronologia delle indagini e degli avvenimenti legati alla strage di Piazza Fontana.
Lapide commemorativa delle vittime della strage di Piazza Fontana, apposta nel decimo anniversario della strage.

Le condanne definitive per tali stragi e attentati sono poche, e tutte relative agli esecutori materiali, a colpevoli marginali e non ai presunti mandanti, sempre assolti o mai definiti come tali da sentenze giudiziarie:

  • Per le bombe sui treni del 1969, precedenti a piazza Fontana e che causarono feriti ma non morti, vennero condannati Franco Freda e Giovanni Ventura, esponenti della cellula veneta di Ordine Nuovo;
  • Per la strage di Piazza Fontana, Franco Freda, Giovanni Ventura e Guido Giannettini (ex agente del SID) vennero assolti per mancanza di prove dall'accusa di strage mentre gli ex ufficiali del SID Gianadelio Maletti e Antonio Labruna vennero condannati per falso ideologico in atto pubblico e favoreggiamento personale nei confronti di Guido Giannettini: tale sentenza venne confermata, nel 1987, dalla Corte di Cassazione. In un altro processo per la strage, dopo un tortuoso percorso giudiziario, vennero assolti definitivamente dall'accusa di strage anche Delfo Zorzi, Carlo Maria Maggi e Giancarlo Rognoni (esponenti e dirigenti della cellula veneziana-mestrina di Ordine Nuovo) mentre fu riconosciuto, nel primo grado di giudizio (divenuto definitivo per la rinuncia all'appello dell'imputato), il coinvolgimento di Carlo Digilio (anch'egli ex militante di Ordine Nuovo e sedicente ex agente segreto), reo confesso di aver partecipato al confezionamento della bomba, ma la cui imputazione fu prescritta grazie ai benefici della collaborazione di giustizia e la pena estinta, prima che la sentenza fosse definitiva[23]. Nel 2005 la Cassazione ha affermato che la strage di Piazza Fontana fu realizzata da «un gruppo eversivo costituito a Padova nell'alveo di Ordine Nuovo» e «capitanato da Franco Freda e Giovanni Ventura», che però non furono più processabili in quanto «irrevocabilmente assolti dalla Corte d'assise d'appello di Bari»[24][25].
  • Per la strage di Gioia Tauro, i neofascisti Vito Silverini, Vincenzo Caracciolo e Giuseppe Scarcella furono riconosciuti esecutori materiali ma tutti deceduti prima della sentenza definitiva[11];
  • Per la strage della Questura di Milano venne condannato l'autoproclamato individualista stirneriano Gianfranco Bertoli, arrestato in flagranza di reato e reo confesso;
  • Per la strage di Peteano vennero condannati Vincenzo Vinciguerra (reo confesso), Ivano Boccaccio (riconosciuto colpevole post mortem) e Carlo Cicuttini. I carabinieri Antonio Chirico, Dino Mingarelli e Giuseppe Napoli sono stati condannati per aver depistato le indagini[26][27]. Nel 1993 il perito balistico Marco Morin (un tempo consulente di fiducia della Procura della Repubblica di Venezia) è stato condannato per peculato e favoreggiamento, insieme ad altri Ufficiali accusati di falsa testimonianza[28];
  • Per la strage dell'Italicus si accertò una responsabilità del movimento Ordine Nero, ma gli imputati (i neofascisti Mario Tuti, Piero Malentacchi e Luciano Franci) furono tutti assolti, vista l'impossibilità di determinarne la colpevolezza specifica[5].
  • Per la strage di piazza della Loggia venne riconosciuta la colpevolezza di Carlo Digilio (reo confesso), e post-mortem di Ermanno Buzzi e Marcello Soffiati, mentre furono assolti gli altri imputati, tra cui Delfo Zorzi; nel 2015, dopo un lungo iter ancora in corso, furono condannati in appello Carlo Maria Maggi come mandante e Maurizio Tramonte (ex informatore del SID con lo pseudonimo di «Tritone») come uno degli esecutori;
Lapide dell'UNESCO alla memoria delle vittime della strage di Bologna.

Ipotesi e teorie del complotto[modifica | modifica wikitesto]

« Giulio Andreotti sarebbe stato il vero “padrone” della Loggia P2? Per carità… io avevo la P2, Cossiga la Gladio e Andreotti l'Anello. »
(Licio Gelli durante un'intervista al settimanale Oggi, Roma, 15 febbraio 2011[34].)
« Il 28 giugno 1980, con una telefonata al “Corriere della sera”, utilizzando la sigla dei Nar e il nome di un confidente di Questura, Marco Affatigato, si avvia il primo depistaggio, quello che pretende che il Dc-9 Itavia sia esploso per la deflagrazione al suo interno di una bomba trasportata dal “terrorista” dei Nar. (...) Le stragi italiane non sono un mistero e, soprattutto, non sono ideologicamente definibili come “fasciste”. Portella della Ginestra, affidata al mafioso Salvatore Giuliano, è riferibile a settori della Democrazia cristiana, Partito liberale e monarchici; quella di piazza Fontana doveva servire, insieme ai sanguinosi incidenti che sarebbero seguiti alla manifestazione indetta dal Msi a Roma il 14 dicembre 1969, a far proclamare dal governo presieduto da Mariano Rumor lo stato di emergenza; la strage compiuta dal confidente del Sid Gianfranco Bertoli il 17 maggio 1973, a Milano, aveva come obiettivo il “traditore” Mariano Rumor; quelle di Brescia (28 maggio 1974), dell'Italicus (4 agosto 1974) e di Savona (20 novembre 1974)[35] sono derivate dallo scontro durissimo e feroce all'interno dell'anticomunismo italiano ed internazionale. La strage di Ustica, impossibile da spiegare all'opinione pubblica perché un aereo civile delle dimensioni di un Dc-9 non si può confondere con un minuscolo caccia militare, era in grado di destabilizzare sia l'ordine pubblico che quello politico. Indirizzare lo sdegno della popolazione nei confronti dello “stragismo fascista” è stato il modo, ritenuto più idoneo, per neutralizzare il pericolo. [...] La strage di Bologna, spostando l'attenzione pubblica sullo “stragismo fascista”, ha consentito di guadagnare tempo, di far lavorare in relativa tranquillità i depistatori militari ed i giudici romani chiamati a paralizzare le indagini sull'abbattimento del Dc-9 ad Ustica, ha avvalorato infine la tesi della bomba che, non a caso, è quella che ha retto per più tempo in contrapposizione a quella del missile. »
(Vincenzo Vinciguerra, ex terrorista nero, autore della strage di Peteano[36].)

Dopo la strage di piazza Fontana alcuni movimenti radicali, in particolare dell'estrema sinistra, adottarono gli slogan «strage di stato» o «terrorismo di stato»[37] per indicare la loro convinzione che vi fosse la partecipazione nascosta (o il benestare) di settori dello Stato in azioni terroristiche ai danni del proprio popolo: tale teoria sarebbe consistita nella divisione, manipolazione e controllo dell'opinione pubblica mediante l'uso di paura, propaganda, disinformazione, manovre psicologiche, agenti provocatori e attentati terroristici compiuti mediante l'utilizzo della tecnica del False flag (cioè congegnati in modo tale da farli apparire ideati ed eseguiti da membri di organizzazioni dell'estrema sinistra o gruppi anarchici)[38][39][40], nei quali era coinvolto un coacervo di forze e soggetti tra loro differenti (gruppi terroristici della destra neofascista, logge coperte della massoneria, parti deviate dei servizi segreti, nonché strutture e organizzazioni segrete, come ad esempio Rosa dei venti, e, talvolta, formazioni paramilitari, finanziate e addestrate direttamente dalla CIA[41] come Gladio, un'organizzazione stay behind nata inizialmente per contrastare le azioni di spionaggio ed un eventuale attacco delle forze del Patto di Varsavia e dell'Unione Sovietica ai paesi della NATO).[42][43]

Il 14 novembre del 1974, il Corriere della Sera pubblicò l'articolo Cos'è questo golpe? Io so, scritto dall'intellettuale e scrittore Pier Paolo Pasolini, in cui accusava la Democrazia Cristiana e gli altri partiti suoi alleati nel governo di essere i veri mandanti delle stragi, a partire da piazza Fontana:

« Io so. Io so i nomi dei responsabili di quello che viene chiamato "golpe" (e che in realtà è una serie di "golpe" istituitasi a sistema di protezione del potere). Io so i nomi dei responsabili della strage di Milano del 12 dicembre 1969. Io so i nomi dei responsabili delle stragi di Brescia e di Bologna dei primi mesi del 1974. Io so i nomi del "vertice" che ha manovrato, dunque, sia i vecchi fascisti ideatori di "golpe", sia i neo-fascisti autori materiali delle prime stragi, sia infine, gli "ignoti" autori materiali delle stragi più recenti. Io so i nomi che hanno gestito le due differenti, anzi, opposte, fasi della tensione: una prima fase anticomunista (Milano 1969) e una seconda fase antifascista (Brescia e Bologna 1974). Io so i nomi del gruppo di potenti, che, con l'aiuto della Cia (e in second'ordine dei colonnelli greci della mafia), hanno prima creato (del resto miseramente fallendo) una crociata anticomunista, a tamponare il '68, e in seguito, sempre con l'aiuto e per ispirazione della Cia, si sono ricostituiti una verginità antifascista, a tamponare il disastro del "referendum".Io so i nomi di coloro che, tra una Messa e l'altra, hanno dato le disposizioni e assicurato la protezione politica a vecchi generali (per tenere in piedi, di riserva, l'organizzazione di un potenziale colpo di Stato), a giovani neo-fascisti, anzi neo-nazisti (per creare in concreto la tensione anticomunista) e infine criminali comuni, fino a questo momento, e forse per sempre, senza nome (per creare la successiva tensione antifascista). Io so i nomi delle persone serie e importanti che stanno dietro a dei personaggi comici come quel generale della Forestale che operava, alquanto operettisticamente, a Città Ducale (mentre i boschi italiani bruciavano), o a dei personaggio grigi e puramente organizzativi come il generale Miceli. Io so i nomi delle persone serie e importanti che stanno dietro ai tragici ragazzi che hanno scelto le suicide atrocità fasciste e ai malfattori comuni, siciliani o no, che si sono messi a disposizione, come killer e sicari. Io so tutti questi nomi e so tutti i fatti (attentati alle istituzioni e stragi) di cui si sono resi colpevoli. Io so. Ma non ho le prove. Non ho nemmeno indizi. Io so perché sono un intellettuale, uno scrittore, che cerca di seguire tutto ciò che succede, di conoscere tutto ciò che se ne scrive, di immaginare tutto ciò che non si sa o che si tace; che coordina fatti anche lontani, che mette insieme i pezzi disorganizzati e frammentari di un intero coerente quadro politico, che ristabilisce la logica là dove sembrano regnare l'arbitrarietà, la follia e il mistero »
(Pier Paolo Pasolini, Corriere della Sera, 14 novembre 1974[44].)

Poi rincarò la dose, e fece i nomi di importanti politici, circa due mesi prima il suo omicidio:

« Andreotti, Fanfani, Rumor, e almeno una dozzina di altri potenti democristiani, dovrebbero essere trascinati sul banco degli imputati. E quivi accusati di una quantità sterminata di reati: indegnità, disprezzo per i cittadini, manipolazione del denaro pubblico, intrallazzo con i petrolieri, con gli industriali, con i banchieri, collaborazione con la Cia, uso illegale di enti come il Sid, responsabilità nelle stragi di Milano, Brescia e Bologna[45]. (almeno in quanto colpevole incapacità di colpirne gli esecutori), distruzione paesaggistica e urbanistica dell'Italia, responsabilità della degradazione antropologica degli italiani, responsabilità dell'esplosione "selvaggia" della cultura di massa e dei mass-media, corresponsabilità della stupidità delittuosa della televisione. Senza un simile processo penale, è inutile sperare che ci sia qualcosa da fare per il nostro paese. È chiaro infatti che la rispettabilità di alcuni democristiani (Moro, Zaccagnini) o la moralità dei comunisti non servono a nulla. »
(Pier Paolo Pasolini, Processare la Dc.)

Il giornalista Roberto Scardova, assieme a Paolo Bolognesi (presidente dell'Associazione tra i familiari delle vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980 e deputato del Partito Democratico)[46], ipotizza un'unica strategia anticomunista internazionale, attuata in Grecia con la dittatura dei colonnelli, in Italia con la strategia della tensione, comprendente falsi golpe di avvertimento e reali stragi, di cui Bologna fu il culmine, e in America Latina con i colpi di Stato (Cile, dittatura argentina) dell'operazione Condor, con mandanti originari uomini dei servizi segreti anglo-americani, importanti politici italiani e stranieri. La strategia della tensione sarebbe partita da prima della fine della seconda guerra mondiale con la costituzione, in ambito fascista, della struttura parastatale denominata Noto servizio o «Anello», il cui capo durante la Repubblica, secondo quanto detto anche da Licio Gelli, sarebbe stato Giulio Andreotti. Lo stragismo avrebbe quindi da sempre usato manovalanza neofascista, neonazista, criminali comuni e mafiosi e avrebbe goduto di finanziamenti esterni provenienti dall'estero (sia dalla NATO, sia dal petrolio della Libia di Gheddafi, in affari segreti con i governi di Andreotti e con l'ENI di Eugenio Cefis) e da faccendieri italiani[47]. Bolognesi e Scardova aggiungono all'elenco dei fatti anche gli omicidi di Pier Paolo Pasolini, Mauro De Mauro ed Enrico Mattei, oltre alla morte di Giangiacomo Feltrinelli (in realtà deceduto mentre preparava un attentato a un traliccio)[48], alcuni aspetti del caso Moro e le bombe mafiose del 1992-93[47].

In particolare, secondo alcuni, Michele Sindona avrebbe finanziato la strategia della tensione dal 1969 al 1974 (il periodo di maggior interesse degli Stati Uniti), mentre tra i successivi finanziatori, tra gli altri, ci sarebbero stati, in un doppio gioco internazionale dell'Italia tra NATO e paesi non allineati, tra CIA e FPLP, lo stesso Mu'ammar Gheddafi[49][50][51][52] (anche azionista di minoranza della FIAT per via del petrolio, e forse coinvolto in un traffico d'armi tra la Libia e la penisola[52] di cui faceva parte anche l'anticomunista Organizzazione Gladio[53], e la cui ascesa venne favorita di nascosto anche dai servizi segreti italiani[54]) ma anche il citato Licio Gelli.[55] Il raìs libico avrebbe anche, con Gelli, finanziato indirettamente le varie "leghe" indipendentiste e alcuni movimenti di estrema destra[54] dal tono apparentemente anti-imperialista (come Ordine Nuovo e Avanguardia Nazionale[54], i principali gruppi coinvolti, con i NAR, nelle bombe stragiste dirette dai servizi deviati), presso cui godeva di grande rispetto[56], così come aveva fatto anche con l'IRA e Settembre Nero.[57]

Alex Boschetti e Anna Ciammitti nel loro libro La strage di Bologna[58] che analizza la strage del 2 agosto 1980 e tutti i riscontri delle indagini, compresi i depistaggi attuati da Licio Gelli, considerano i NAR un punto di snodo nella strategia della tensione insieme con la P2 e la CIA per attuare uno spostamento dell'Italia verso destra con un golpe strisciante aiutato da gran parte dei rappresentanti di governo e servizi segreti (in buona parte iscritti alla loggia coperta P2).

Fu ipotizzato il coinvolgimento della P2 nella Strage dell'Italicus.[59] Alla detta loggia viene inoltre attribuita impronta "atlantica".[60] Destabilizzare per stabilizzare, quindi una presa violenta del Paese così come era teorizzato dal manuale trovato nella valigetta di Gelli[61] "Field Manual" di provenienza CIA che forse finanziò e favorì tale situazione per non permettere l'accesso al governo dei comunisti in Italia, sarebbe stato cioè un coinvolgimento dei servizi segreti italiani, uno dei cui direttori, Vito Miceli, fu arrestato nel 1974.

Secondo il cosiddetto "Memoriale Moro", scritto dall'On. Aldo Moro durante la sua prigionia presso le Brigate Rosse:

« La cosiddetta strategia della tensione ebbe la finalità, anche se fortunatamente non conseguì il suo obiettivo, di rimettere l'Italia nei binari della "normalità" dopo le vicende del '68 ed il cosiddetto Autunno caldo. Si può presumere che Paesi associati a vario titolo alla nostra politica e quindi interessati a un certo indirizzo vi fossero in qualche modo impegnati attraverso i loro servizi d'informazioni. Su significative presenze della Grecia e della Spagna fascista non può esservi dubbio e lo stesso servizio italiano per avvenimenti venuti poi largamente in luce e per altri precedenti [...] può essere considerato uno di quegli apparati italiani sui quali grava maggiormente il sospetto di complicità, del resto accennato in una sentenza incidentale del Processo di Catanzaro ed in via di accertamento, finalmente serio, a Catanzaro stessa ed a Milano.

Fautori ne erano in generale coloro che nella nostra storia si trovano periodicamente, e cioè ad ogni buona occasione che si presenti, dalla parte di [chi] respinge le novità scomode e vorrebbe tornare all'antico.
Tra essi erano anche elettori e simpatizzanti della D.C.[...] non soli, ma certo con altri, lamentavano l'insostenibilità economica dell'autunno caldo, la necessità di arretrare nella via delle riforme e magari di dare un giro di vite anche sul terreno politico. »

(Memoriale Moro[62])

Gian Adelio Maletti, l'ex capo dell'ufficio D del SID (dal 1971 al 1975), ora cittadino sudafricano e con diverse condanne pendenti in Italia (tra cui quelle relative ai depistaggi dei servizi nelle indagini sulla strage di piazza Fontana) il 4 agosto 2000 rilascia un'intervista[63] al quotidiano La Repubblica in cui parla del coinvolgimento della CIA nelle stragi compiute dai gruppi di destra: secondo Maletti non sarebbe stata determinante nella scelta dei tempi e degli obbiettivi, ma avrebbe fornito ad Ordine Nuovo e ad altri gruppi di destra attrezzature ed esplosivo (tra cui, in base a quanto riferisce Maletti sulle indagini effettuate allora dal SID, anche quello impiegato nella strage di piazza Fontana) con lo scopo di creare un clima favorevole ad un colpo di stato simile a quello avvenuto nel 1967 in Grecia e del fatto che al SID, nonostante questo servizio informasse il governo di quanto scoperto, non fu mai chiesto di intervenire.

Gian Adelio Maletti venne ascoltato il 21 marzo 2001 dal tribunale di Milano, relativamente ai processi su Piazza Fontana (evento per cui era stato condannato nel 1981 per depistaggio). Sulla forma della sua deposizione vi fu uno scontro tra difesa e accusa. La difesa sosteneva che dovesse deporre come teste, quindi sotto giuramento e quindi obbligato a dire la verità. L'accusa sostenne invece che dovesse deporre come imputato e quindi senza giuramento e senza il conseguente obbligo di dire la verità. La corte sentenziò a favore delle tesi dell'accusa. Il Maletti depose quindi come imputato e quindi senza obbligo di attenersi al vero nella sua deposizione.[64] Maletti dichiarò che esisteva una "regia internazionale" delle stragi relative alla strategia della tensione. Su domanda della difesa dichiarò tuttavia di non avere prove da poter mostrare[64]. In un'intervista concessa dopo la deposizione Maletti confermerà la sua convinzione che gli Stati Uniti avrebbero fatto di tutto per evitare uno spostamento a sinistra dell'Italia e che simili azioni avrebbero potuto essere state attuate anche in altri paesi.[65] La CIA alcuni mesi dopo respingerà esplicitamente le accuse. Franco Freda ha smentito le tesi di Maletti, affermando l'autonomia ideologica ed operativa di Ordine Nuovo[66]. Altri, senza rinnegare queste ricostruzioni, legano la strategia della tensione alle direttive atlantiche dei servizi segreti, che lasciavano agire, entro certi limiti, i gruppi neofascisti per evitare una crescita eccessiva di quelli comunisti (teoria degli opposti estremismi), ma i neofascisti avrebbero pianificato e agito secondo le loro ideologie eversive, scegliendo obiettivi e modi autonomamente, pur godendo di protezioni e talvolta essendo reclutati. L'ideologia dei gruppi eversivi avrebbe dettato la metodologia stragista o comunque la loro lotta armata, ed essa non fu ordinata dai mandanti occulti in maniera esplicita e diretta.[66] Il giudice Guido Salvini che indagò su piazza Fontana, l'attentato che inaugurò la strategia ha dichiarato che:

« Anche nei processi conclusesi con sentenze di assoluzione per i singoli imputati è stato comunque ricostruito il vero movente delle bombe: spingere l'allora Presidente del Consiglio, il democristiano Mariano Rumor, a decretare lo stato di emergenza nel Paese, in modo da facilitare l'insediamento di un governo autoritario. [...] Erano state seriamente progettate in quegli anni, anche in concomitanza con la strage, delle ipotesi golpiste per frenare le conquiste sindacali e la crescita delle sinistre, viste come il “pericolo comunista”, ma la risposta popolare rese improponibili quei piani. L'on. Rumor fra l'altro non se la sentì di annunciare lo stato di emergenza. Il golpe venne rimandato di un anno, ma i referenti politico-militari favorevoli alla svolta autoritaria, preoccupati per le reazioni della società civile, scaricarono all'ultimo momento i nazifascisti. I quali continuarono per conto loro a compiere attentati[67]. »

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Un giudizio critico del termine «strategia della tensione» fu dato dal giornalista Indro Montanelli, il quale sostenne che si trattava di una locuzione avallata dagli ambienti di sinistra per fornire un alibi al terrorismo rosso[68] e per sostenere che la violenza veniva soltanto da destra[69], bollandola come un «teorema» che non ha mai trovato dimostrazione[70].

Cinema e teatro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Strategia della tensione in Dizionario di storia Treccani
  2. ^ Cesare Medail, Curcio e Piperno, memoria divisa, in Corriere della Sera, 17 marzo 1999. URL consultato il 7 luglio 2012.
  3. ^ (EN) Leslie Finer, 480 held in terrorist bomb hunt, in The Observer, 12 dicembre 1969. cit. in Anna Cento Bull, Italian neofascism: the strategy of tension and the politics of nonreconciliation, Berghanh Books, 2007; ISBN 978-1-84545-335-0
  4. ^ (EN) Leslie Finer, Greek premier plots army coup in Italy, in The Observer, 6 dicembre 1969. (EN) Leslie Finer, 480 held in terrorist bomb hunt, in The Observer, 12 dicembre 1969. cit. in Francesco Biscione, L'Italia repubblicana nella crisi degli anni Settanta, Rubbettino Editore, 2001, pag. 242 e Anna Cento Bull, Italian neofascism: the strategy of tension and the politics of nonreconciliation, Berghahn Books, 2007; ISBN 978-1-84545-335-0
  5. ^ a b c d e f g Relazione della Commissione Parlamentare d'Inchiesta sul fenomeno del terrorismo in Italia e sulle cause della mancata individuazione dei responsabili delle stragi - XIII LEGISLATURA (PDF).
  6. ^ Semprini, 2011, p. 231
  7. ^ Semprini, 2011, p.232
  8. ^ Stragismo: il documento dei Democratici di Sinistra
  9. ^ David Arbel, Ran Edelist, Western Intelligence and the Collapse of the Soviet Union, 1980-1990 : Ten Years that Did Not Shake the World, Routledge, 2003, pp. 137-139.
  10. ^ a b c d I tre anni che sconvolsero l'Italia Corriere della Sera, 16 novembre 2009
  11. ^ a b c d e Ordinanza-sentenza del giudice istruttore Guido Salvini nei confronti di Azzi Nico ed altri (1995) (PDF), archivioguerrapolitica.org.
  12. ^ Tribunale di Savona, ufficio del giudice per le indagini preliminari, Decreto di archiviazione procedimento penale 2276/90 R.G. pag 23 a 25, citato nel libro intervista al generale dei carabinieri Nicolò Bozzo scritto da Ruggiero Michele, Nei secoli fedele allo stato, 2006, Fratelli Frilli Editori, ISBN 978-88-7563-239-7, pag 229
  13. ^ Bertoli uomo dei servizi, in la Repubblica, 21 marzo 1995. URL consultato il 1º dicembre 2008.
  14. ^ Cossiga: «Su Giorgiana Masi ho un segreto che non rivelerò...» A ventisei anni dall'uccisione della studentessa ancora misteri. L'inchiesta concluse: «Ignoti i responsabili del reato»
  15. ^ Articolo sul processo all'attentatore della strage di Milano: "Bertoli era in contatto con ambienti dei servizi francesi e israeliani". Da Repubblica del 22 marzo 1995.
  16. ^ Stefania Maurizi, Gli USA e la strategia della tensione
  17. ^ Wikileaks, Giovanardi chiese aiuto agli Usa. “Dovete supportare la mia tesi”
  18. ^ Gigi Marcucci e Paola Minoliti, Le verità di Vincenzo Vinciguerra sulle stragi, ecn.org, 1º agosto 2005. URL consultato il 4 maggio 2014.
  19. ^ Daniele Ganser, Terrorism in Western Europe: An Approach to NATO's Secret Stay-Behind Armies (PDF), danieleganser.ch, 2005. URL consultato il 4 giugno 2014.
  20. ^ Ed Vulliamy, Secret agents, freemasons, fascists... and a top-level campaign of political 'destabilisation', in The Guardian, 5 dicembre 1990. URL consultato il 26 maggio 2012.
  21. ^ Giuliano Gallo, Gladio, assoluzione per l'ex vertice Sismi: «Non hanno mentito», in Corriere della Sera, 4 luglio 2001. URL consultato il 7 luglio 2012.
  22. ^ Strage di Bologna, Gladio non c'entra il documento è un falso clamoroso, il Giornale, 16 gennaio 1991.
  23. ^ La storia di Carlo Digilio
  24. ^ Piazza Fontana:Colpevoli erano Freda e Ventura, su Corriere della Sera. URL consultato il 1º settembre 2009.
  25. ^ Paolo Biondani, «Freda e Ventura erano colpevoli», in Corriere della Sera, 11 giugno 2005. URL consultato il 29 novembre 2009.
  26. ^ Giorgio Cecchetti, Peteano, l'inchiesta fu deviata, in la Repubblica, 7 maggio 1991. URL consultato il 20 novembre 2015.
  27. ^ Giorgio Cecchetti, La Cassazione su Peteano 'I generali depistarono', in la Repubblica, 22 maggio 1992. URL consultato il 20 novembre 2015.
  28. ^ Giorgio Cecchetti, 'Mentirono sulla strage', in la Repubblica, 29 ottobre 1993. URL consultato il 20 novembre 2015.
  29. ^ Antonella Beccaria, Fioravanti, Mambro e Ciavardini rimangono gli esecutori materiali, in il Fatto Quotidiano.it, 19 agosto 2011. URL consultato l'11 agosto 2013.
  30. ^ Mariateresa Conti, Strage di Bologna, un pentito di mafia: «Fu una vendetta libica contro l'Italia», in il Giornale, 22 agosto 2011. URL consultato l'11 settembre 2014.
  31. ^ Gabriele Paradisi, Gian Paolo Pelizzaro, François de Quengo de Tonquédec, Dossier Strage di Bologna. La pista segreta, Giraldi Editore, 2010, ISBN 978-88-6155-429-0.
  32. ^ Maria Antonietta Calabrò, Strage di Natale, ergastolo al boss, in Corriere della Sera, 25 novembre 1992. URL consultato il 30 aprile 2015.
  33. ^ “I boss dietro la strage Rapido 904” Chiesto il rinvio a giudizio per Riina La Stampa.it
  34. ^ Intervista a Gelli - Corriere della Sera
  35. ^ Una tentata strage, che fece una vittima e alcuni feriti.
  36. ^ Vincenzo Vinciguerra, Bologna 2 agosto 1980: strage di Stato, Archivio Guerra Politica, 22 agosto 2012. URL consultato il 4 luglio 2014.
  37. ^ Anche questa tesi è sostenuta in Sergio Zavoli, cit.
  38. ^ (EN) Intervista con lo storico svizzero Daniele Ganser, 29 dicembre 2006, sul sito di Réseau Voltaire: "È una tattica militare che consiste nel compiere attentati e di attribuirne la responsabilità a qualcun altro. Con il termine tensione ci si riferisce ad una tensione emozionale, la quale crea un sentimento di terrore. Con il termine strategia ci si riferisce a ciò che nutre la paura delle persone nei confronti di un particolare gruppo".
  39. ^ Italia paese senza memoria e verità - InStoria.
  40. ^ Fabrizio Calvi - Fredéric Laurént, Piazza Fontana. La verità su una strage, Ed. Mondadori, Milano 1997, pp. 342
  41. ^ Il terrorismo non rivendicato della NATO, su Rete Voltaire.
  42. ^ Renzo Paternoster, Gladio, il grande segreto della Repubblica
  43. ^ Gianni Barbacetto, L'Italia di Gladio, destabilizzare per stabilizzare
  44. ^ Pier Paolo Pasolini, Cos'è questo golpe?, in Corriere della Sera, 14 novembre 1974. URL consultato il 21 luglio 2013.
  45. ^ Cioè la strage dell'Italicus
  46. ^ Paolo Bolognesi e Roberto Scardova, Stragi e mandanti. Sono veramente ignoti gli ispiratori dell'eccidio del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna?, Roma-Reggio Emilia, Aliberti, 2012.
  47. ^ a b Daniel Agami, Recensione del libro Roberto Scardova e Paolo Bolognesi, Stragi e Mandanti Aliberti editore, Reggio Emilia, culturaeculture.it, 19 marzo 2013. URL consultato il 18 luglio 2014.
  48. ^ Indro Montanelli e Mario Cervi, L'Italia degli anni di piombo, Milano, Rizzoli, 1991. «Bisognò attendere il 1979, quando fu celebrato a Milano, tra febbraio e marzo, un processo per terrorismo. Prima che i giudici entrassero in camera di consiglio per la sentenza gli imputati lessero un «comunicato numero quattro» firmato, tra gli altri, da Renato Curcio, Giorgio Semeria, Augusto Viel. "Osvaldo (sempre il nome di copertura – N.d.A.) non è una vittima – diceva il comunicato – ma un rivoluzionario caduto combattendo. Egli era impegnato in un'operazione di sabotaggio di tralicci dell'alta tensione che doveva provocare un black-out in una vasta zona di Milano al fine di garantire una migliore operatività a nuclei impegnati nell'attacco a diversi obbiettivi. Fu un errore tecnico da lui stesso commesso, e cioè la scelta e utilizzo di orologi di bassa affidabilità trasformati in timers."».
  49. ^ Piera Prister, Terroristi palestinesi antisemiti, brigatisti rossi e agenti del KGB alla corte di Gheddafi
  50. ^ Antonino Arconte ex agente segreto dell'Organizzazione Gladio, che ha fornito documenti e rivelazioni sulla strategia della tensione e sulla strage di Ustica, parla di un Gheddafi coinvolto e dei suoi conti miliardari, depositati anche in Italia, nel romanzo-inchiesta Sulle candide impronte del destino: Bengasi e dintorni, pag. 24 e segg.
  51. ^ Gheddafi figlio nostro. Intervista al capo del controspionaggio italiano Ambrogio Viviani
  52. ^ a b Gheddafi e i massoni? Meglio non parlarne
  53. ^ Ex "gladiatore": «Vendevamo armi a Gheddafi»
  54. ^ a b c Valter Vecellio, Gheddafi e i suoi mille segreti. Berlusconi e le sue acclarate connivenze
  55. ^ Due agosto, "a un passo dai mandanti": la speranza nel giorno della memoria
  56. ^ Nicola Rao, La fiamma e la celtica, pag. 266
  57. ^ Rita Di Giovacchino, Quelle armi di Gheddafi alla Padania...
  58. ^ Alex Boschetti e Anna Ciammitti, La strage di Bologna, Becco Giallo, 2006, ISBN 978-88-85832-18-3.
  59. ^ Relazione di maggioranza della Commissione Parlamentare sulla Loggia P2
  60. ^ Sergio Flamigni - Trame atlantiche
  61. ^ Gli anni del disonore, Mario Guarino, Fedora Raugei. Ed. Dedalo, maggio 2006, pp. 416 - ISBN 978-88-220-5360-2
  62. ^ Interrogatorio di Aldo Moro effettuato e trascritto dalle Brigate Rosse durante la sua prigionia, II tema: La cosiddetta strategia della tensione e la strage di Piazza Fontana., estratti dei documenti delle Brigate Rosse acquisiti dalla Commissione Moro e dalla Commissione Stragi, riportati dal sito Clarence.net
  63. ^ Maletti, la spia latitante La Cia dietro quelle bombe, articolo de "La Repubblica", del 4 agosto 2000
  64. ^ a b Piazza Fontana, matrice estera, articolo de "La Repubblica", del 21 marzo 2001
  65. ^ (EN) Terrorists 'helped by CIA' to stop rise of left in Italy, articolo di "The Guardian", del 26 marzo 2001
  66. ^ a b Michele Brambilla, Io colpevole? Ho attuato il mio credo, intervista a Franco Freda pubblicata su La Stampa di domenica 13 dicembre 2009, pag. 5
  67. ^ La verità su piazza Fontana
  68. ^ La parola ai lettori – Andare controcorrente, il Giornale nuovo, 8 giugno 1978.
  69. ^ Indro Montanelli, I nonni del '68, il Giornale nuovo, 16 gennaio 1979.
  70. ^ La Storia d'Italia di Indro Montanelli – 10 – Piazza Fontana e dintorni, dailymotion.com. URL consultato il 20 novembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]