Gruppo XXII Ottobre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gruppo XXII Ottobre è la denominazione giornalistica attribuita a una organizzazione della Sinistra extraparlamentare, attiva a Genova tra il 1969 ed il 1971, intenzionalmente rivoluzionaria, evolutasi a organizzazione terroristica. L'impostazione ideologica era di natura marxista-leninista. Fu il primo gruppo a passare decisamente alla azione terroristica, seguiti dai GAP, Gruppi d'Azione Partigiana, dell'editore Giangiacomo Feltrinelli, e furono in certo senso dei precursori delle Brigate Rosse.

Leader fu Mario Rossi, suoi maggiori esponenti furono Augusto Viel, Rinaldo Fiorani, Giuseppe Battaglia, Adolfo Sanguineti, Gino Piccardo, Diego Vandelli, Aldo De Sciciolo e Cesare Maino.

Il nome del gruppo, che fu creato dalla stampa, faceva riferimento alla data di un biglietto ferroviario trovato nelle tasche di Mario Rossi; i suoi affiliati venivano chiamati anche, dai giornalisti dell'epoca, con la denominazione di i tupamaros della Val Bisagno[1].

Azioni rilevanti[modifica | modifica wikitesto]

1^ fotografia della sequenza della rapina
2^ fotografia della sequenza della rapina
  • 24 aprile 1970, a Genova attentato alla sede del Partito Socialista Unitario (PSU) in via Teano.
  • 8 maggio 1970, a Genova, attentato alla sede del consolato USA, non riuscito perché il personale di guardia spense la miccia.
  • 5 ottobre 1970, a Genova, sequestro con riscatto ottenuto di 200 milioni di Sergio Gadolla.
  • 24 dicembre 1970, a Genova, attentato contro un automezzo in dotazione del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri.
  • 6 febbraio 1971 attentato al deposito della Ignis di Sestri Ponente.
  • 18 febbraio 1971 attentato dinamitardo alla raffineria petrolifera costiera ERG di Arquata Scrivia (AL).

Rapina ed uccisione di Alessandro Floris[modifica | modifica wikitesto]

  • 26 marzo 1971, a Genova, rapina per autofinanziamento all'Istituto Autonomo Case Popolari (IACP), effettuata da due militanti del gruppo, con l'aiuto di un complice interno, che comportò l'uccisione da parte di Mario Rossi del commesso Alessandro Floris, il quale portava la borsa con il denaro da rapinare e resistette cercando di bloccarne la fuga, venendo per questo perciò ucciso. Di aiuto alle indagini furono le foto scattate da un cittadino fotoamatore, Ilio Galletta, che, spettatore della scena per un caso fortuito, riuscì, con i suoi scatti da una finestra, a documentare i momenti culminanti dell'omicidio[1].

Mario Rossi fu arrestato il giorno stesso, da due brigadieri; l'altro terrorista, Augusto Viel, fu individuato dagli inquirenti con l'aiuto delle foto scattate e venne arrestato a Milano nel 1972, in un appartamento dei GAP, (Gruppi d'Azione Partigiana).[2]

Il 18 aprile 1973 la Corte d'Assise condannò Mario Rossi all'ergastolo.

Dissoluzione del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alle serrate indagini seguite alla rapina il gruppo si sbandò, una parte fu arrestata, una parte dei rimasti liberi aderì ai GAP, Gruppi d'Azione Partigiana, dell'editore Giangiacomo Feltrinelli, alcuni altri aderiranno più tardi alle Brigate Rosse.

Durante e dopo il processo, gli imputati di questo gruppo ebbero la solidarietà di un apposito comitato francese ("Comité aux camarades du XXII ottobre").

Rapporti con le Brigate rosse[modifica | modifica wikitesto]

Comunicato durante il rapimento Sossi[modifica | modifica wikitesto]

Di grande effetto mediatico fu, in seguito, la richiesta intimata dalle Brigate Rosse in occasione del sequestro del giudice Mario Sossi, in cui, come contropartita della liberazione del giudice, si chiedeva l'uscita dal carcere di 8 membri del Gruppo XXII Ottobre, Mario Rossi, Giuseppe Battaglia, Augusto Viel, Rinaldo Fiorani, Silvio Malagoli, Cesare Maino, Gino Piccardo, Aldo De Scisciolo.[3] La Corte d'assise d'appello di Genova il 20 maggio 1974 diede parere favorevole alla libertà provvisoria e Sossi fu liberato a Milano il 22 maggio 1974. Il procuratore della Repubblica di genova, Francesco Coco, che si era opposto al mantenimento dell'impegno estorto dalle BR, verrà poi ucciso da queste a Genova, l'8 giugno 1976, insieme a due uomini della scorta.

Comunicato delle Brigate Rosse durante il rapimento Moro[modifica | modifica wikitesto]

Durante il rapimento di Aldo Moro, fu le Brigate rosse diffusero un comunicato (il numero 8 del 24 aprile 1978) in cui chiedevano di nuovo la liberazione di elementi del gruppo terroristico;

«Con questo comunicato le Brigate Rosse chiedono il rilascio di alcuni carcerati, tra cui Mario Rossi, Giuseppe Battaglia, Augusto Viel i quali appartengono al Gruppo XXII Ottobre, rinnovando la richiesta già fatta in occasione del sequestro Sossi. Viene chiesto il rilascio di Sante Notarnicola, Mario Rossi, Giuseppe Battaglia, Augusto Viel, Domenico Delli Veneri, Pasquale Abatangelo, Giorgio Panizzari, Maurizio Ferrari, Alberto Franceschini, Renato Curcio, Roberto Ognibene, Paola Besuschio, [...] Cristoforo Piancone»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Franco Manzitti, L'incubo degli anni di piombo e la caccia alla Primula rossa, in la Repubblica, 6 marzo 2004.
  2. ^ Giangiacomo Feltrinelli un rivoluzionario tra le righe Archiviato il 1º febbraio 2009 in Internet Archive.
  3. ^ Soccorso Rosso Militante, Capitolo 15 - Sequestro Sossi, in Brigate Rosse. Che cosa hanno fatto, che cosa hanno detto, che cosa se ne è detto, Giangiacomo Feltrinelli Editore Milano, 1976, pp. 185-252.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN129234051 · LCCN (ENn2008054482