Pietro Aglieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pietro Aglieri ascolta in aula la sentenza sulla strage di Capaci, Caltanissetta, 26 settembre 1997

Pietro Aglieri (Palermo, 9 giugno 1959) è un mafioso italiano, legato a Cosa nostra e ritenuto uno dei più spietati membri della fazione corleonese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da giovane venne soprannominato "U signurinu" a causa del lusso e dell'elevato costo degli abiti che amava indossare, oltre al fatto che era diplomato al liceo classico. Studiò in un seminario di Monreale e poco dopo prestò servizio militare come paracadutista della Brigata Folgore. Venne affiliato alla famiglia di Santa Maria di Gesù e, durante la seconda guerra di mafia, si legò ai Corleonesi insieme al suo capo Giovanni Bontate.

Nel 1988 i Corleonesi incaricarono Aglieri di eliminare Bontate, che fu ucciso insieme alla moglie, e lo premiarono nominandolo capo della famiglia di Santa Maria di Gesù e anche capomandamento della zona[1]. Essendosi strettamente legato ai Corleonesi, Aglieri venne accusato di essere il mandante di numerosi omicidi (ad esempio il giudice Antonino Scopelliti e il politico Salvo Lima). Per l'omicidio Scopelliti, Aglieri è stato poi assolto in Cassazione.

Coinvolto anche nella strage di Capaci e in quella di via d'Amelio (per le quali fu condannato all'ergastolo), venne arrestato a Bagheria il 6 giugno del 1997[2]: gli agenti della Squadra mobile di Palermo guidati dal commissario Luigi Savina[3] arrivarono a lui seguendo un religioso, padre Mario Frittitta (che venne arrestato per favoreggiamento e poi assolto)[4], ed infatti, nel suo covo, trovarono numerosi libri di filosofia e una cappella con altare[5][6][1]. Poco dopo la cattura sembrò disponibile a collaborare con la giustizia, ma alla fine rinunciò a questa opportunità[7]. Nel 2002 inviò una lettera al procuratore nazionale antimafia, Pierluigi Vigna, e al procuratore capo di Palermo, Piero Grasso, esprimendo la volontà di dissociarsi da Cosa Nostra in cambio di benefici carcerari, proposta che venne rifiutata[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giuseppe D'Avanzo, MA GIÀ L'EREDE È PRONTO, in La Repubblica, 7 giugno 1997. URL consultato il 23 maggio 2019.
  2. ^ IN MANETTE FRATE MARIO 'NEL COVO INSIEME AL BOSS' - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 6 febbraio 2022.
  3. ^ 'RAGAZZI, SI VOLA...' E IL BOSS E' IN TRAPPOLA - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 6 febbraio 2022.
  4. ^ Don Mario Frittitta, il carmelitano scalzo che confessava il padrino latitante, su la Repubblica, 16 marzo 2019. URL consultato il 6 febbraio 2022.
  5. ^ QUELLE MESSE NEL COVO DI AGLIERI - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 6 febbraio 2022.
  6. ^ Pietro Aglieri, su www.ilfoglio.it. URL consultato il 6 febbraio 2022.
  7. ^ L' AVVOCATO DI AGLIERI GIURA 'NE' DISSOCIATO NE' PENTITO' - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 6 febbraio 2022.
  8. ^ MAFIA: GIUFFRE', DISSOCIAZIONE BOSS E' UNA TRAPPOLA, su www1.adnkronos.com. URL consultato il 6 febbraio 2022.
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie