Brigata paracadutisti "Folgore"

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati del termine folgore, vedi Folgore.
Brigata paracadutisti "Folgore"
CoA of the Folgore Brigade.svg
Stemma della Brigata
Descrizione generale
Attiva 1º gennaio 1963 - oggi
Nazione Italia Italia
Alleanza Flag of NATO.svg NATO
Servizio Coat of arms of the Esercito Italiano.svg Esercito Italiano
Tipo paracadutisti
Dimensione brigata
Guarnigione/QG Livorno
Pisa
Pistoia
Siena
Grosseto
Bracciano
Legnago
Soprannome "La Folgore"
Patrono San Michele Arcangelo
Santa Gemma Galgani
Motto Come Folgore dal cielo... Come Nembo di tempesta
Marcia Come folgore dal cielo
Battaglie/guerre El Alamein
Anniversari 23 ottobre 1942 (El Alamein)
Decorazioni vedi qui
Reparti dipendenti
Comandanti
Comandante attuale Generale di brigata Giovanni Maria Iannucci
Degni di nota Alberto Li Gobbi
Giuseppe Palumbo
Franco Angioni
Bruno Loi
Marco Bertolini
Carmine Masiello
Simboli
Basco amaranto, tipico dei paracadutisti Basco amaranto.jpg
Fregio e mostreggiature Par fremost.jpg
Brevetto per paracadutista militare Me par mil.jpg

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

La Brigata paracadutisti "Folgore" è l'unica grande unità aviotrasportata dell'Esercito Italiano, posta alle dipendenze del Comando delle forze operative terrestri.

Istituita il 1º gennaio 1963 a Pisa, per trasformazione del preesistente Centro Militare di Paracadutismo, la Brigata ha il suo quartier generale a Livorno ed è dislocata con la maggior parte dei suoi reparti in Toscana (Siena, Pisa, Grosseto, Pistoia) con l'8º Reggimento guastatori paracadutisti a Legnago e con il 185º Reggimento artiglieria paracadutisti a Bracciano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La creazione[modifica | modifica wikitesto]

La storia delle unità di fanteria paracadutista in Italia ha origine nel 1938, con la costituzione del Battaglione paracadutisti libici Fanti dell'Aria, ma fu solo dopo i successi delle unità paracadutiste tedesche nella fase iniziale della II Guerra Mondiale che lo Stato maggiore del Regio Esercito italiano autorizzò la formazione di una prima divisione, la Folgore, seguita dalla 184ª Divisione paracadutisti Nembo e dalla incompiuta 183ª Divisione paracadutisti Ciclone.

Alla fine del conflitto, la sola unità ancora operante fu il Reggimento paracadutisti Nembo, già inquadrato nel Gruppo di Combattimento Folgore che, dopo anni di guerra come unità di fanteria convenzionale, non disponeva più di effettive capacità di aviolancio. Anche le qualifiche di brevetto non erano più conseguibili, in quanto le condizioni di pace precludevano alle forze armate italiane di disporre di unità di paracadutisti (il Reggimento venne infatti convertito di lì a poco in una unità di fanteria convenzionale).

Il secondo dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Tuttavia, già nel 1946 venne formato a Roma il Centro di esperienze per il paracadutismo militare, rinominato l'anno successivo Centro militare di paracadutismo, che, con mezzi di recupero e nonostante numerose difficoltà, riuscì a riprendere una limitata attività addestrativa di paracadutismo militare.

Nel corso del 1948, con il progressivo allentarsi delle restrizioni imposte dalle condizioni di pace, il Centro si trasferì a Viterbo ed attivò una Compagnia sperimentale paracadutisti, seguita da una seconda, che nel 1952 diedero vita al Battaglione paracadutisti. Gli anni successivi videro una progressiva espansione del Centro, con l'attivazione di un Reparto carabinieri paracadutisti, di un Reparto sabotatori paracadutisti e di altre unità di supporto, e nel 1957 il Battaglione paracadutisti diede vita al 1º Gruppo tattico paracadutisti.

I paracadutisti militari italiani risultarono a quel punto così organizzati:

  • Centro militare di paracadutismo, su:
    • Comando e Compagnia comando
    • Reparto addestramento reclute
    • Ufficio servizi
    • Compagnia aviorifornitori
  • Compagnia carabinieri paracadutisti
  • Compagnia sabotatori paracadutisti
  • 1º Gruppo tattico paracadutisti
  • 1ª Batteria artiglieria paracadutisti

In occasione di questa riorganizzazione, ai paracadutisti fu concesso l'uso del basco grigioverde (in memoria del basco della 184ª Divisione paracadutisti "Nembo") in sostituzione del basco cachi all'epoca in uso nell'Esercito Italiano.

La I Brigata paracadutisti[modifica | modifica wikitesto]

Il generale Aldo Magri primo comandante della ricostituita brigata paracadutisti

Il 1º gennaio 1963, a seguito di una ulteriore espansione dei reparti, venne ufficialmente attivata la Brigata paracadutisti, così organizzata:

  • Comando e compagnia comando
  • Compagnia carabinieri paracadutisti (Battaglione dal 15 luglio 1963)
  • Battaglione sabotatori paracadutisti
  • 1º Reggimento paracadutisti (su 2 battaglioni)
  • Gruppo artiglieria da campagna paracadutisti (su 2 batterie)
  • Sezione elicotteri (dal 1966)
  • Centro addestramento paracadutismo (dal 1964 Scuola militare di paracadutismo), su:
    • Comando e Compagnia comando
    • Battaglione addestramento reclute
    • Ufficio servizi
    • Compagnia aviorifornitori
Divisa originale di un paracadutista della divisione Folgore nel 1942
Una paracadutista della "Folgore", equipaggiata con un Beretta SC 70/90, in servizio d'ordine durante i XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006

La I Brigata paracadutisti venne inquadrata nel VI Corpo d'armata di Bologna in cui erano inquadrate le brigate di fanteria Friuli e Trieste.

Primo comandante della ricostituita brigata paracadutisti fu il generale Aldo Magri

La riorganizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 giugno 1967 alla Brigata venne concesso il nome di Folgore, e dal 1º luglio successivo il colore del basco divenne amaranto, come segno di pacificazione tra la cittadinanza di Livorno sede del comando brigata e i suoi abitanti. Infatti nel marzo 1960 erano avvenuti scontri e tafferugli nel centro della città innescati il giorno precedente da un diverbio tra militari in libera uscita e giovani livornesi per apprezzamenti sulle ragazze del loro gruppo. Ci vollero i caroselli della "Celere" e la saggezza delle autorità cittadine per riportare la calma ma non la pace. Fu il nuovo sindaco Dino Raugi, comunista ed ex partigiano, che decretò la riconciliazione fra le due comunità - quella civile e quella militare, concedendo che il colore del basco dei parà fosse lo stesso della bandiera della città e della squadra di calcio: amaranto appunto. Il basco originale era grigio-verde mentre quello dei paracadutisti di altri paesi era rosso dunque fu questa l'occasione per avvicinarsi anche agli usi di quegli eserciti.

Dopo lo scioglimento del VI Corpo d'armata, avvenuto il 1º aprile 1972 la Brigata paracadutisti Folgore le due brigate di fanteria Friuli e Trieste, passarono alle dipendenze della VII Comando militare territoriale - Regione Militare Tosco-Emiliana costituitosi in seguito all'unificazione del VI Comando Militare Territoriale di Bologna e del VII Comando Militare Territoriale di Firenze. Nel 1975, con l'abolizione del livello divisionale nell'ambito della generale ristrutturazione e razionalizzazione dell'Esercito Italiano, la Brigata paracadutisti "Folgore" venne così riorganizzata:

  • Comando e Compagnia comando
  • 1º Battaglione carabinieri paracadutisti Tuscania, su:
    • Compagnia comando e servizi
    • Compagnia carabinieri paracadutisti
    • Compagnia allievi carabinieri paracadutisti
  • 2º Battaglione paracadutisti Tarquinia, su:
    • Compagnia comando e servizi Aquile
    • 4ª Compagnia paracadutisti Falchi
    • 5ª Compagnia paracadutisti Pipistrelli
    • 6ª Compagnia paracadutisti Grifi
    • Compagnia Ar.Sos. (Armi di Sostegno) Mortaisti
  • 5º Battaglione paracadutisti El Alamein, su:
    • Compagnia comando e servizi Sorci Verdi
    • 13ª Compagnia paracadutisti Condor
    • 14ª Compagnia paracadutisti Pantere Indomite
    • 15ª Compagnia paracadutisti Diavoli Neri
    • Compagnia Ar.Sos. (Armi di Sostegno) Mortaisti Vampiri
  • 9º Battaglione d'Assalto Col Moschin (ex Battaglione sabotatori), su:
    • Compagnia comando e servizi
    • Compagnia d'assalto paracadutisti
    • Compagnia allievi d'assalto paracadutisti
  • 185º Gruppo artiglieria paracadutisti Viterbo, su:
    • Batteria comando e servizi Leoni
    • 1ª Batteria artiglieria paracadutisti Draghi
    • 2ª Batteria artiglieria paracadutisti Aquile
    • 3ª Batteria artiglieria paracadutisti Diavoli
  • 26º Gruppo squadroni aviazione leggera esercito (ALE) Giove, su:
    • Squadrone comando e servizi
    • 426º Squadrone elicotteri
    • 526º Squadrone elicotteri
    • Squadrone mantenimento
  • Battaglione logistico paracadutisti Folgore, su:
    • Compagnia comando e servizi
    • Compagnia rifornimenti Cobra
    • Compagnia mantenimento Castori
    • Compagnia trasporti Canguri
  • Compagnia esploratori paracadutisti Folgore
  • Compagnia controcarri paracadutisti Folgore
  • Compagnia genio pionieri paracadutisti Folgore
  • Scuola militare di paracadutismo, su:
    • Comando e Compagnia comando
    • Reparto servizi
    • Compagnia Aviorifornimenti Pellicani
    • Compagnia Aviolanci e mautenzione Ragni
    • 3º Battaglione paracadutisti Poggio Rusco (ex Battaglione addestramento reclute), su:
      • Compagnia comando e servizi
      • 7ª Compagnia paracadutisti Pantere
      • 8ª Compagnia paracadutisti Gazzelle
      • 9ª Compagnia paracadutisti Tigre
      • 10ª Compagnia paracadutisti Canguri, in seguito 16ª Grifi[1]

Nell'ottobre 1976 vennero consegnate ai battaglioni della Brigata le bandiere di guerra:

Il 185º Gruppo artiglieria conservò la bandiera del 186º Reggimento Fanteria Paracadutisti della Divisione "Folgore", già in suo possesso, mentre il Battaglione Carabinieri ed il Battaglione logistico ricevettero bandiere nuove.

Dal 1979 una compagnia per ciascun battaglione Fanteria paracadutista venne meccanizzata con l'assegnazione di veicoli blindati VCC-2. Nel corso del 1980 la Compagnia genio pionieri venne trasformata in Compagnia genio guastatori[2] e venne costituita la Musica d'Ordinanza delle Aviotruppe presso la Scuola militare di paracadutismo. L'anno successivo le compagnie Esploratori e Controcarro vennero sciolte ed il loro personale ripartito direttamente tra i battaglioni operativi nelle compagnie 10ª Draghi (trasferita dal 3º al 2º Battaglione) ed 11ª Peste (di nuova costituzione ed assegnata al 5º Battaglione). Nel 1984 i Mortai pesanti che precedentemente equipaggiavano le Compagnie armi di sostegno dei battaglioni vennero riassegnati al 185º Gruppo artiglieria come armamento alternativo rispetto agli obici da 105/14, mentre i battaglioni vennero riequipaggiati con mortai medi.

La struttura generale della Brigata restò successivamente immutata fino al 1991, quando venne riorganizzato ed inserito nella brigata il 183º Battaglione paracadutisti Nembo, che dopo la fine della guerra era stato trasformato in Battaglione di Fanteria ed inquadrato nella Divisione Meccanizzata Folgore). Nello stesso anno, iniziò una nuova riorganizzazione dell'Esercito Italiano, con la progressiva reintroduzione del livello reggimentale. I battaglioni continuarono ad esistere, ma inseriti come elemento operativo all'interno di un Reggimento, come segue:

Nal 1997 la brigata passava alle dipendenze del Comando delle forze operative di proiezione, costituito in quell'anno nell'ambito dei provvedimenti connessi con l'attuazione del Nuovo modello di difesa. Nel 1998 veniva sciolto il 3º Battaglione paracadutisti Poggio Rusco, che non aveva assunto la struttura reggimentale e l'anno successivo la Scuola militare di paracadutismo divenne il Centro addestramento paracadutismo.

Gli anni 2000[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 il 185º Reggimento artiglieria modificò radicalmente le proprie funzioni, divenendo il 185º Reggimento artiglieria terrestre paracadutisti acquisizione obiettivi (dal 2004 185º Reggimento paracadutisti ricognizione acquisizione obiettivi Folgore - RAO) e alla fine dello stesso anno con la riconfigurazione del Comando delle forze operative di proiezione, la Brigata paracadutisti "Folgore" passava alle dipendenze del 1º Comando delle forze di difesa insieme alla Brigata aeromobile "Friuli". Nel 2001 gli elicotteristi del 26º Gruppo squadroni Giove lasciarono la Brigata e venne sciolta la Compagnia genio guastatori potenziando la componente del genio prima a livello battaglione (8º Battaglione guastatori paracadutisti Folgore - 1º giugno 2001) e poi reggimento (8º Reggimento genio guastatori paracadutisti Folgore - 13 ottobre 2004).

Nel 2002 il 1º Reggimento carabinieri paracadutisti Tuscania esce dai ranghi della Brigata a seguito della separazione dell'Arma dei Carabinieri dall'Esercito Italiano.

Nel 2013, nell'ambito della successiva riorganizzazione della Forza Armata, la Brigata transita alle dirette dipendenze di COMFOTER e vede mutare nuovamente la sua composizione. Entrano nella grande unità il 3º Reggimento Savoia Cavalleria, il 6º Reggimento logistico Folgore e il neo ricostituito 185º Reggimento artiglieria paracadutisti. Lasciano invece la Folgore il 9º Reggimento paracadutisti d'assalto Col Moschin e il 185º Reggimento paracadutisti ricognizione acquisizione obiettivi Folgore, entrati a far parte dal 2014 del Comando delle forze speciali dell'Esercito, alle dirette dipendenze del sottocapo di Stato maggiore.

I comandanti[modifica | modifica wikitesto]

I Brigata paracadutisti

Brigata paracadutisti "Folgore"[5]

  • Gen. B. Alberto Li Gobbi
  • Gen. B. Ferruccio Brandi[6]
  • Gen. B. Vitaliano Gambarotta[7]
  • Gen. B. Tito Salmi
  • Gen. B. Gaetano Pellegrino
  • Gen. B. Francesco De Vita
  • Gen. B. Ambrogio Viviani
  • Gen. B. Lucio Innecco
  • Gen. B. Antonio Milani
  • Gen. B. Aldo Sagnelli
  • Gen. B. Franco Monticone
  • Gen. B. Bruno Loi
  • Gen. B. Bruno Viva
  • Gen. B. Luigi Cantone
  • Brig. Gen. Enrico Celentano
  • Brig. Gen. Pierluigi Torelli
  • Brig. Gen. Marco Bertolini
  • Brig. Gen. Pietro Costantino
  • Gen. B. Antonio Satta
  • Gen. B. Maurizio Fioravanti
  • Gen. B. Rosario Castellano
  • Gen. B. Federico D'Apuzzo
  • Gen. B. Carmine Masiello
  • Gen. B. Massimo Mingiardi
  • Gen. B. Lorenzo D'Addario
  • Gen. B. Giovanni Maria Iannucci

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione attuale.
  • CoA of the Folgore Brigade.svg Comando Brigata paracadutisti Folgore con sede a Livorno[8]
  • CoA of the Folgore Brigade.svg Reparto comando e supporti tattici Folgore con sede a Livorno[9], su:
    • Compagnia comando e supporti logistici Camaleonti
    • Compagnia trasmissioni Gufi
    • Sezione maggiorità e personale
    • Sezione logistica
    • Sezione operazioni, addestramento e informazioni
    • Centro addestrativo multifunzione
    • Reparto alla sede
  • CoA mil ITA rgt paracadutisti 183.png 183º Reggimento paracadutisti Nembo con sede a Pistoia[10], su:
  • Compagnia comando e supporto logistico Orsi
  • 1º Battaglione fanteria paracadutisti Grizzano, su:
    • 18ª Compagnia fucilieri paracadutisti Leoni
    • 19ª Compagnia fucilieri paracadutisti Linci
    • 20ª Compagnia fucilieri paracadutisti Puma
    • 12ª Compagnia supporto alla manovra paracadutisti Leopardi
  • 5º Battaglione fanteria paracadutisti El Alamein su:
    • 13ª Compagnia fucilieri paracadutisti Condor
    • 14ª Compagnia fucilieri paracadutisti Pantere Indomite
    • 15ª Compagnia fucilieri paracadutisti Diavoli Neri
    • 11ª Compagnia supporto alla manovra paracadutisti Peste
  • CoA mil ITA rgt paracadutisti 187.png 187º Reggimento paracadutisti Folgore con sede a Livorno[12], su:
    • Compagnia comando e supporto logistico Aquile
    • 2º Battaglione fanteria paracadutisti Tarquinia, su:
      • 4ª Compagnia fucilieri paracadutisti Falchi
      • 5ª Compagnia fucilieri paracadutisti Pipistrelli
      • 6ª Compagnia fucilieri paracadutisti Grifi
      • 10ª Compagnia supporto alla manovra paracadutisti Draghi
  • CoA mil ITA rgt cavalleria 03.png Reggimento Savoia Cavalleria (3°) con sede a Grosseto[13], su:
    • Squadrone Comando e Supporto Logistico
    • 1º Gruppo Squadroni Esplorante, su:
      • 1º Squadrone esplorante Cap. Abba
      • 2º Squadrone esplorante Cap. Marchio
      • 3º Squadrone esplorante Cap. De Leone
      • Squadrone blindo pesanti
  • CoA mil ITA rgt artiglieria 185.png 185º Reggimento artiglieria paracadutisti con sede a Bracciano[14], su:
    • Batteria comando e supporto logistico
    • Gruppo operativo, su:
      • 1ª Batteria mortai pesanti Diavoli Gialli
      • 2ª Batteria mortai pesanti Sparvieri
      • Batteria sorveglianza e supporto tecnico
Il 187° in sfilata
  • CoA mil ITA rgt genio 08.png 8º Reggimento guastatori paracadutisti Folgore con sede a Legnago[15] (VR), su:
    • Compagnia comando e supporto logistico Leoni
    • 8º Battaglione guastatori paracadutisti Folgore, su:
      • 21ª Compagnia guastatori paracadutisti Giaguari
      • 22ª Compagnia guastatori paracadutisti Angeli Neri
      • 23ª Compagnia guastatori paracadutisti Cinghiali
      • 24ª Compagnia guastatori paracadutisti Tigri
  • CoA mil ITA btg logistico folgore.png Reggimento logistico Folgore con sede a Pisa[16], su:
    • Compagnia Comando e Servizi
    • Battaglione mantenimento
    • Battaglione rifornimenti
  • CoA mil ITA centro paracadutismo.png Centro addestramento paracadutismo con sede a Pisa[17], su:
    • Ufficio addestramento e lanci
    • Ufficio studi ed esperienze
    • Centro sanitario aviotruppe
    • Centro sportivo esercito - sezione paracadutismo
    • Compagnia comando e servizi
    • Compagnia trasporti
    • Battaglione avioriformimenti
    • Reparto corsi

Reparto comando e supporti tattici Folgore[modifica | modifica wikitesto]

Costituito a Livorno il 1º ottobre 1963 quale Quartier generale della ricostituita Brigata paracadutisti Folgore, assume la denominazione di Reparto comando e trasmissioni il 1º ottobre 1975. La Compagnia trasmissioni che ne fa parte dal settembre 1977 ha ereditato le tradizioni della 185ª Compagnia genio collegamenti della Divisione Folgore. Dal 1º gennaio 1994 ingloba a sé la Compagnia genio guastatori paracadutisti Folgore, assumendo così la denominazione attuale di Reparto comando e supporti tattici e mantenendo tale denominazione anche dopo lo scioglimento della suddetta compagnia a seguito dell'inquadramento nella brigata dell'8º Reggimento genio guastatori paracadutisti. Il Reparto, inquadrato nella Brigata paracadutisti Folgore è un'unità di supporto fondamentale destinata al sostegno logistico ed alla sicurezza del Comando Brigata, alla gestione del sistema di trasmissioni dell'intera brigata, a soddisfare le esigenze di mobilità delle varie unità che compongono la Grande Unità elementare. Ha partecipato a tutte le operazioni "fuori area" nelle quali è stato presente il Comando Brigata paracadutisti Folgore.

183º Reggimento paracadutisti Nembo[modifica | modifica wikitesto]

183º Reggimento in sfilata il 2 giugno 2006 a Roma

La 184ª Divisione paracadutisti Nembo venne costituita nel 1943 come seconda Divisione paracadutisti con l'impiego di nuovi reparti e del 185º Reggimento, già della Divisione Folgore. La Nembo fu inviata alla vigilia dell'8 settembre 1943 in Sardegna dove sarà decimata dalla malaria. Reimpiegata, salvo elementi del III e XII Battaglione che aderirono alla Repubblica Sociale Italiana, nella guerra di liberazione italiana trova la sua maggiore gloria nella battaglia di Filottrano, in quella di Case Grizzano e nell'operazione Herring (queste ultime nel Gruppo di Combattimento Folgore, da essa costituito dopo la riconfigurazione della Divisione).

Alla fine della seconda guerra mondiale diverrà il 183° Nembo e sarà utilizzato, come Reggimento prima e Battaglione poi, nella fanteria meccanizzata, passando per le sedi di Brunico, Arezzo, Pistoia, Belluno, Villa Vicentina, Cervignano del Friuli e Gradisca d'Isonzo. In quest'ultima sede rimarrà fino al 1991, anno in cui si è ricostituito il 183º Battaglione paracadutisti Nembo, inquadrato questa volta nella Brigata paracadutisti Folgore. La Folgore stessa era stata ricostituita negli anni sessanta con istruttori provenienti proprio dal Nembo, inquadrato all'epoca nella Divisione meccanizzata Folgore di Treviso. Nel 1993 il battaglione è promosso al rango di Reggimento, e dal 1991 in poi ha partecipato a tutte le missioni internazionali che hanno visto impiegati l'Italia ed i paracadutisti.

185º Reggimento paracadutisti ricognizione acquisizione obiettivi Folgore[modifica | modifica wikitesto]

Il 185º Reggimento Paracadutisti R.A.O. Folgore è inquadrato nella Brigata paracadutisti Folgore il 21 giugno 2013. Il reggimento in tale data ha assunto Bandiera di Guerra e tradizioni del 1º reggimento paracadutisti, unità capostipite sia della Folgore che della Nembo, cedendo la Bandiera di Guerra e le tradizioni del 185° d'artiglieria sulla base del quale si è sviluppato dal 2000. Attualmente è una delle unità che fa parte delle Forze per Operazioni Speciali dell'Esercito italiano, in quanto i suoi compiti principali sono divenuti la ricognizione, l'acquisizione obiettivi e la guida laser di ordigni "intelligenti" lanciati da aeromobili, attività da svolgere eventualmente in territorio ostile. Il Reggimento è quindi impiegato per operazioni speciali relative alla funzione operativa dell'intelligence militare e al controllo del fuoco finalizzato all'ingaggio di obiettivi ad alta priorità. L'unità rientra nel cosiddetto "bacino FOS" (Forze per Operazioni Speciali), più correttamente Combat Support dedicato alle OS (Operazioni Speciali).

Il personale operativo dell'unità è reclutato attraverso concorsi interni banditi dall'Esercito riservati solamente a VFP-4 (volontari in ferma prefissata di 4 anni), VSP (volontari in servizio permanente), sottufficiali ed ufficiali che vi partecipano, a domanda, previo verifica dei requisiti psicofisici richiesti, provenendo quindi da altre unità dell'Esercito con almeno già un anno di servizio. Non è previsto l'accesso diretto per i VFP-1 (volontari in ferma prefissata di un anno) nemmeno se rinnovata, eccetto che per compiti complementari logistici od amministrativi. Per poter conseguire l'abilitazione di "Acquisitore" è previsto un iter di addestramento molto impegnativo della durata di circa due anni che prevede obbligatoriamente il conseguimento del brevetto militare di paracadutismo.

Il Reggimento, di stanza a Livorno, è stato impegnato con successo in Afghanistan e in Iraq, dove il sergente maggiore Salvatore Marracino ed il maggiore Nicola Ciardelli del Reggimento hanno perso tragicamente la vita.

186º Reggimento paracadutisti Folgore[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: 186º reggimento paracadutisti "Folgore".

Incidenti e fatti d'arme[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni gravi incidenti o fatti d'arme hanno segnato la storia della brigata, in esercitazioni come in missioni operative o di pace. Tra questi:

  • Il 25 giugno 1967 la strage di Cima Vallona, dove una bomba piazzata da terroristi altoatesini a Sega Digon di Comelico Superiore uccise il capitano dei carabinieri del battaglione paracadutisti Tuscania Francesco Gentile e due incursori del battaglione Col Moschin, il Sottotenente Mario Di Lecce e il Sergente Olivo Dordi. Un altro incursore del Col Moschin, sergente Marcello Fagnani, rimase ferito gravemente[18].
  • Il 9 novembre 1971 la tragedia della Meloria, in cui un Lockheed C-130 della Royal Air Force parte di una formazione di dieci aerei da trasporto che carichi di truppe si recava a Villacidro in Sardegna si schiantò sul mare nella zona degli scogli della Meloria; l'aereo era contrassegnato col gesso sulla fiancata dal numero progressivo 4, ed era in volo a bassissima quota per motivi tattici; morirono 46 paracadutisti italiani e 6 membri dell'equipaggio inglese; inoltre un incursore del reggimento Col Moschin, il sergente maggiore Giannino Caria, moriva durante le ripetute immersioni tese al recupero dei corpi alle quali aveva volontariamente partecipato, e verrà insignito della medaglia d'oro alla memoria; il nome in codice col quale l'aereo era noto era "Gesso 4" per le modalità sopra descritte[19].
  • Il 2 luglio 1993, la battaglia del Check Point Pasta a Mogadiscio, Somalia, durante la missione di pace Restore Hope. A seguito di un agguato preparato da miliziani somali, e dopo un violento scontro a fuoco che coinvolse blindati ed elicotteri d'attacco, tre italiani morirono, tra cui due paracadutisti[20].

Aspetti controversi[modifica | modifica wikitesto]

L'operazione Restore Hope: torture ed abusi in Somalia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Operazione Restore Hope.

Nel 1997 suscitò scalpore la pubblicazione di una foto, riferita al 1993 e scattata nel campo di Johar, nella quale un sottufficiale della brigata, Valerio Ercole, era ritratto mentre torturava un civile somalo, posizionando sui genitali due elettrodi, composti dai fili di un telefono da campo. Il militare, condannato in primo grado nel 2000, fu prosciolto per intervenuta prescrizione.[21]

Furono inoltre pubblicate, da parte del settimanale Panorama, notizie concernenti presunte violenze subite da diversi cittadini somali da parte di alcuni paracadutisti della "Folgore". Tuttavia, secondo quanto successivamente riportato dal quotidiano l'Unità, la fonte addotta dal settimanale si rivelò inattendibile: il paracadutista Benedetto Bertini, che aveva millantato di essere a conoscenza di maltrattamenti inferti alla popolazione somala, ritrattò le sue stesse affermazioni e affermò di aver mentito mentito per fini personali[22].

A seguito di tale servizio fu tuttavia aperta un'inchiesta presso la Procura della Repubblica di Livorno e fu attivata una commissione parlamentare d'inchiesta (la commissione Gallo, dal nome del suo presidente) che sentì varie testimonianze. La commissione, pur riconoscendo alcuni episodi di violenza perpetrati a danno di alcuni miliziani somali, ritenne inattendibili la gran parte dei testimoni auditi, bollando non solo come non veritiere, ma come "inverosimili", alcune delle dichiarazioni rese dai testimoni. In particolare, fu coinvolto un alto ufficiale della brigata, con l'accusa di aver seviziato e ucciso un tredicenne somalo presso l'ambasciata italiana a Mogadiscio; anche in questo caso, fu provata la mendacità della dichiarazione (peraltro, resa da un civile che, in gioventù, aveva frequentato l'Accademia navale di Livorno e dalla quale era stato a suo tempo allontanato per motivi di salute, con la diagnosi di note neurotoniche nevrasteniche). La stessa magistratura ordinaria appurò la falsità della dichiarazione, stigmatizzando peraltro come i vertici militari non avessero collaborato alle indagini "per negligenza o altro".

Furono intanto convocati in Italia alcuni civili somali, che rendessero dichiarazioni utili alle indagini[23]. Proprio in tale occasione, uno dei cittadini somali, Ahmed Ali Rage, detto "Gelle", riconobbe un suo connazionale, Hashi Omar Hassan, anch'egli convocato in Italia, quale esecutore del duplice omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin; peraltro, Ali Rage si rese irreperibile nel corso del processo a carico di Hassan, con la conseguenza che le sue dichiarazioni, precedentemente rese a carico di Hassan, poterono essere utilizzate ai fini del giudizio, senza contraddittorio e senza esame incrociato.[24]In relazione a questo episodio, buona parte della stampa ha ventilato l'ipotesi di un depistaggio di Stato,[25] specie dopo che Ali Rage, contattato da alcuni giornalisti, ebbe affermato di essere stato indotto ad accusare Hassan e di essere stato pagato per mentire.[26] Più in generale, la vicenda Alpi-Hrovatin sarebbe stata stigmatizzata dal procuratore di Roma Pititto, allorché le indagini furono avocate dal procuratore capo Vecchione[27].

Gli episodi di nonnismo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Nonnismo.

L'unità militare è stata protagonista anche di alcuni episodi di nonnismo. Tra questi viene talvolta ricordata la tragica morte di Emanuele Scieri, caduto dalla Torre d'ardimento della SMIPAR nell'agosto 1999 (sebbene le indagini della procura non si siano concluse con alcuna ipotesi di reato) sino ad alcuni casi nel 2001.[28]

Le missioni di peacekeeping[modifica | modifica wikitesto]

Il Presidente Pertini in visita ai militari italiani in Libano nel 1983

La Brigata è stata impiegata in numerose missioni di "peacekeeping" negli anni recenti.

  • Libano (1982-1984), ITALCON, una delle prime missioni internazionali di pace.
  • Iraq, Kurdistan iracheno (1991), un gruppo tattico paracadutisti opera nel quadro della missione di soccorso umanitario "ITALFOR Airone".
  • Sicilia (1992), la brigata fornisce effettivi all'operazione "Vespri Siciliani" per il controllo del territorio e la difesa di obiettivi sensibili.
  • Somalia (28 dicembre 1992 - 3 settembre 1993), operazione "Restore Hope" (ITALFOR Ibis).
  • Bosnia ed Erzegovina (a partire dal 1996), missione IFOR poi SFOR.
  • Kosovo, missione KFOR.
  • Albania (1997), partecipazione alla forza di pace FMP.
  • Timor Est (1999)
  • Afghanistan (luglio 2003 - febbraio 2004), missione Enduring Freedom
  • Iraq (aprile - settembre 2005), operazione Antica Babilonia.
  • Sudan, missione Leone.
  • Libano (aprile 2007), operazione Leonte 2 sotto egida dell'ONU (risoluzione 1701), a seguito della guerra tra Israele ed Hezbollah dell'estate del 2006.|
  • Afghanistan (aprile - ottobre 2009), la Brigata paracadutisti schiera il Comando e le Task Forces del Regional Command West e il contingente italiano in Kabul. Nel corso della missione i paracadutisti sono impegnati in operazioni contro i guerriglieri Talebani rimanendo coinvolti in diversi conflitti a fuoco ed attentati con IED sepolte nel terreno o autobomba. Il 17 settembre 2009, un attentatore suicida, alla guida di un'auto imbottita con 150 kg di esplosivo, si è fatto esplodere contro un convoglio di ritorno dall'aeroporto di Kabul, causando la morte di 6 paracadutisti che si trovavano sui due blindati Lince coinvolti nell'esplosione.[29] I paracadutisti della Folgore sono stati i primi Italiani ad essere videoripresi in combattimento in Afghanistan (6 ottobre 2009), grazie al giornalista Rai Nico Piro. Immagini mai viste prima e discordanti con lʼetichetta di missione di pace data alla missione italiana in Afghanistan. Il video della battaglia di Parmakan è stato ripubblicato da diversi siti di informazione[30][31], quotidiani[32] e rilanciato dallʼagenzia di stampa ANSA e APCOM[33].
  • Afghanistan (aprile - ottobre 2011), Comando e Task Forces del Regional Command West.
  • Iraq, Kurdistan iracheno (2015), Operazione "Prima Parthica"

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine militare d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare d'Italia
«187ºReggimento Paracadutisti "Folgore"»
— Khost (Afghanistan), 15 giugno 2003 - 15 settembre 2003
Cavaliere dell'Ordine militare d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare d'Italia
«9ºReggimento Paracadutisti d'assalto"Folgore"»
— Alto Adige/Sudtirolo in operazioni anti terrorismo etnico di matrice tedesco-autonomista (1967-1971) Sardegna (1992) Libano (1982-1984) Irak e in Turchia (1991), Somalia (1992-1993)
Cavaliere dell'Ordine militare d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare d'Italia
«9ºReggimento Paracadutisti d'assalto "Folgore"»
— prima guerra mondiale
Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«185ª Divisione paracadutisti "Folgore"»
— Depressione di El Qattara, 4 novembre 1942
Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«185º Reggimento artiglieria paracadutisti "Folgore"»
— Africa Settentrionale, 22 luglio - 12 ottobre 1942
Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«186º Reggimento paracadutisti "Folgore"»
— Africa Settentrionale, 22 luglio - 12 ottobre 1942
Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«187º Reggimento paracadutisti "Folgore"»
— Africa Settentrionale, 22 luglio - 12 ottobre 1942
Medaglia d'oro al valor dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor dell'Esercito
«9º Reggimento paracadutisti d'assalto "Folgore"»
— Somalia, 27 dicembre 1992 - 7 settembre 1993
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«9º Reggimento paracadutisti d'assalto "Folgore"»
— Col Moschin, 15 giugno 1918; Col della Berretta, 20 ottobre 1918
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«9º Reggimento paracadutisti d'assalto "Folgore"»
— Colli al Volturno, Guardiagrele, Cingoli, Musone, Esino, 11 febbraio - 25 luglio 1944
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«9º Reggimento paracadutisti d'assalto "Folgore"»
— Guerra per la liberazione d'Italia, 20 marzo - 30 aprile 1945
Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
«183º reggimento paracadutisti "Nembo"»
— Tossignano, marzo-aprile 1945; Case Grizzano. 19 aprile 1945: zona di Poggio Rusco, 23 aprile 1945
Medaglia d'argento al valor dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor dell'Esercito
«183º reggimento paracadutisti "Nembo"»
— Somalia, 21 maggio 1993 - 7 settembre 1993
Medaglia d'argento al valor dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor dell'Esercito
«9º Reggimento paracadutisti d'assalto "Folgore"»
Medaglia d'argento al valor dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor dell'Esercito
«186º Reggimento paracadutisti "Folgore"»
— Somalia, 27 dicembre 1992 - 8 giugno 1993
Medaglia d'argento al valor dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor dell'Esercito
«187º Reggimento paracadutisti "Folgore"»
— Somalia, 27 dicembre 1992 - 8 giugno 1993
Medaglia d'argento al valor dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor dell'Esercito
«185º Reggimento paracadutisti "Folgore"»
— Somalia, 29 aprile 1993 - 7 settembre 1993
Medaglia d'argento al valor dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor dell'Esercito
«187º Reggimento paracadutisti "Folgore"»
— Sarajevo 3 luglio 1996 - 24 marzo 1997
Medaglia d'argento al valor dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor dell'Esercito
«186º Reggimento paracadutisti "Folgore"»
— Dakovica, Belo Polje, Decane, Bica, Grabac (Kosovo) 17-18 marzo 2004
Medaglia d'argento al valor civile - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor civile
«183º reggimento paracadutisti "Nembo"»
— Vajont, ottobre 1963
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
«8º Reggimento genio guastatori paracadutisti "Folgore"»
— Valli Santerno, Senio, Sillaro, marzo-aprile 1945 - C.Grizzano, 19 aprile 1945
Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
«183º reggimento paracadutisti "Nembo"»
— Filottrano, 9 luglio 1944
Medaglia di bronzo al valor dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor dell'Esercito
«183º Reggimento paracadutisti "Nembo"»
— Friuli, 6 -15 maggio 1976
Medaglia di bronzo al valor dell'Esercito - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor dell'Esercito
«8º Reggimento genio guastatori paracadutisti "Folgore"»
— Friuli, 6 - 15 maggio 1976
Croce di guerra al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra al valor militare
«183º Reggimento paracadutisti "Nembo"»
— Filottrano, 8-9 luglio 1944

Riepilogo Medaglie Brigata Folgore[modifica | modifica wikitesto]

CoA of the Folgore Brigade.svg Brigata paracadutisti "Folgore"
Numerico Medaglia
3 Cavaliere dell'Ordine militare d'Italia
4 Medaglia d'oro al Valore Militare
1 Medaglia d'oro al valore dell'esercito
4 Medaglia d'argento al valor militare
7 Medaglia d'argento al valor dell'esercito
1 Medaglia d'argento al valore civile
2 Medaglia di bronzo al valor militare
2 Medaglia di bronzo al valor dell'esercito
1 Croce di guerra al valore militare

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal 1981, dopo il trasferimento della 10ª Compagnia (ribattezzata Draghi) al 2º Battaglione.
  2. ^ Con base a Lucca presso la caserma MOVM Orlando Lorenzini.
  3. ^ Medaglia d'argento al valor militare.
  4. ^ Medaglia d'oro, due Medaglie d'argento e due Medaglie di bronzo al valor militare.
  5. ^ http://www.esercito.difesa.it/organizzazione/aree-di-vertice/comando-delle-forze-operative-terrestri/Brigata-Paracadutisti-Folgore/Pagine/I-Comandanti.aspx
  6. ^ Medaglia d'oro al valor militare.
  7. ^ Medaglia d'argento al valor militare.
  8. ^ Caserma MOVM Gerardo Lustrissimi.
  9. ^ Caserma MOVM Fabio Rugiadi.
  10. ^ Caserma MOVM Giovanni Marini.
  11. ^ Caserma MOVM Roberto Bandini.
  12. ^ Caserma MOVM Paolo Vannucci.
  13. ^ Caserma MOVM Emanuele Beraudo di Pralormo.
  14. ^ Caserma MOVM Giuseppe Romano.
  15. ^ Caserma MOVM Donato Briscese.
  16. ^ Caserma MOVM Alberto Bechi Luserna.
  17. ^ Caserma MOVM Gian Paolo Gamerra
  18. ^ http://www.brigatafolgore.com/25-giugno-1967-lattentato-di-cima-vallona.html.
  19. ^ http://www.brigatafolgore.com/9-novembre-1971-i-caduti-della-meloria.html.
  20. ^ http://www.brigatafolgore.com/2-luglio-1993.html.
  21. ^ la Repubblica/cronaca: Torture in Somalia condannato Ercole, repubblica.it. URL consultato il 6 dicembre 2009.
  22. ^ (PDF)La strage in Somalia era una bufala Panorama ingannato dall'ex parà da l'Unita, 27 giugno 1997
  23. ^ Scandalo Somalia, parlano le vittime da archiviostorico.corriere.it, 12 gennaio 1998
  24. ^ Alpi-Hrovatin, il caso | Ilariaalpi.it.
  25. ^ Famiglia Cristiana, caso Alpi a Chi l'ha visto.
  26. ^ Omicidio Ilaria Alpi, tutti i dubbi sul processo: il superteste ritratta, l'autista era inaffidabile
  27. ^ Famiglia Cristiana, Il mistero dell'indagine "sottratta"
  28. ^ Folgore. Parà molto "speciali" Storie di nonnismo, morti misteriose, lanci assassini, torture da ecn.org (tratto da "Umanità Nova" n. 4 del 3 febbraio 2002).
  29. ^ Attentato a Kabul, colpiti due nostri blindati: morti 6 parà della Folgore - Corriere della Sera.
  30. ^ “Herat, la folgore sotto attacco” Repubblica Tv, 6 ottobre 2009.
  31. ^ “L'attacco ai parà in Afghanistan” Corriere TV, 6 ottobre 2009.
  32. ^ Cento talebani uccisi sabato, ma Obama ripensa la strategia Il Sole 24 Ore, 7 ottobre 2009.
  33. ^ La battaglia di Pamakan Tashakor, 6 ottobre 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]