Altofonte

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Altofonte
comune
Altofonte – Stemma Altofonte – Bandiera
Altofonte – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitanaProvincia di Palermo-Stemma.png Palermo
Amministrazione
SindacoAngelina De Luca (lista civica) dal 12/06/2017
Territorio
Coordinate38°03′N 13°18′E / 38.05°N 13.3°E38.05; 13.3 (Altofonte)Coordinate: 38°03′N 13°18′E / 38.05°N 13.3°E38.05; 13.3 (Altofonte)
Altitudine350 m s.l.m.
Superficie35,44 km²
Abitanti10 244[1] (31-03-2017)
Densità289,05 ab./km²
FrazioniBlandino, Piano Maglio
Comuni confinantiBelmonte Mezzagno, Monreale, Palermo, Piana degli Albanesi, Santa Cristina Gela
Altre informazioni
Cod. postale90030
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT082005
Cod. catastaleA239
TargaPA
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Cl. climaticazona C, 948 GG[2]
Nome abitantialtofontini
Patronosant'Anna
Giorno festivo26 luglio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Altofonte
Altofonte
Altofonte – Mappa
Posizione del comune di Altofonte nella città metropolitana di Palermo
Sito istituzionale

Altofonte (Parcu in siciliano[3]) è un comune italiano di 10 244 abitanti[1] della città metropolitana di Palermo in Sicilia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Non molto distante dal capoluogo, circa 12 km, è situato alle pendici del monte Moarda, e si affaccia sulla vallata chiamata "Conca d'Oro". Prevalentemente collinare, il territorio si presta bene alla coltivazione estensiva di olivi e alberi da frutto come nespole, ciliegie ed agrumi. Sul territorio è presente un affluente del fiume Oreto; tuttavia, non è possibile individuare la sua sorgente in quanto è prevalentemente alimentato dagli scarichi fognari. È possibile osservare il torrente nei pressi di Via Piano Modicano, Via IV Novembre e in prossimità del campo sportivo "Don Pino Puglisi".

Clima[modifica | modifica wikitesto]

L'inverno ad Altofonte è molto mite: le minime di gennaio e febbraio si attestano intorno ai 9/10 gradi. Le massime sui 14/15 gradi. L'estate è generalmente calda e umida, decisamente afosa e poco ventilata, e le temperature possono raggiungere anche i 40 °C.

ALTOFONTE Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 15,015,116,118,422,025,128,329,027,023,019,316,015,418,827,523,121,2
T. min. mediaC) 10,210,111,013,016,020,023,024,022,018,014,312,010,813,322,318,116,1
Precipitazioni (mm) 71,665,459,544,125,512,25,113,341,598,094,380,0217,0129,130,6233,8610,5
Giorni di pioggia 9,710,08,76,13,21,60,81,64,18,39,410,830,518,04,021,874,3
Umidità relativa media (%) 737372727272716971727173737270,771,371,8
Vento (direzione-m/s) S
6,2
S
6,3
S
5,9
W
5,6
NE
4,8
NE
4,5
NE
4,4
NE
4,5
NE
4,6
S
5,0
S
6,0
S
6,4
6,35,44,55,25,4

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il centro del comune è ricordato per essere stato residenza e centro di caccia del re normanno Ruggero II, e da ciò prese il nome di Parco (Parcu) in uso fino al 1930 e poi cambiato in Altofonte. Il palazzo Ruggeriano, nato come castello di caccia estivo è situato in un luogo caratterizzato da un paesaggio montuoso, ricco di acque e di selvaggina. Fu trasformato, prima, nel 1307, da Federico II D'Aragona in Abbazia per i monaci cistercensi, poi nel 1633, nella chiesa Madre del paese ad opera dell'abate cardinale Scipione Borghese. Dalla seconda metà in poi del Seicento nacque un agglomerato abitativo, con il conseguente formarsi del comune di Parcu due secoli e mezzo dopo, agli inizi dell'Ottocento, come ci testimonia il Questionario posto con circolare del 28 settembre 1829. Giuseppe Garibaldi pernottò per una notte nel 1860 nel palazzo "Palazzo Vernaci", durante il suo viaggio per l'unificazione dell'Italia. Il 13 dicembre 1957, in seguito a forti venti, crollò una parte del collegio delle suore di Maria, usato come scuola materna. Morirono 8 bambine, una suora, una mamma e i feriti furono una decina. Il comune rese omaggio alle vittime con la statua posta nel cimitero comunale, a perenne ricordo della tragedia, creando uno spazio ricreativo per bambini sul Monte Calvario noto oggi come "Parco Robinson".

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Il paese presenta numerose chiese, tra le quali:

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo Vernaci (qui dormì per una notte Garibaldi)
  • Palazzo Orestano, situato nelle campagne di Altofonte, era una vecchia dimora estiva della famiglia degli Orestano. Al giorno d'oggi, pericolante, è caduta nell'oblio e nell'incuria. Al suo interno è comunque possibile notare numerosi affreschi sulle pareti e riconoscere alcuni ambienti della casa.

Fontane[modifica | modifica wikitesto]

  • Fontana Impero, edificata nel 1900
  • Fontana Borghese, edificata nel 1600 dall'abate Scipione Borghese;
  • Fontana Borbonica, edificata nel 1794 per volere di Ferdinando IV di Borbone.

NB: numerose fontane minori sono presenti sul territorio altofontino, alcune ancora oggi operative ed altre chiuse dalla municipalità nel corso degli anni.

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

  • Parco itinerante della Moarda, situato alle spalle del comune.
  • Parco Robinson, sito sul monte Calvario, è luogo di divertimento per i bambini del luogo, ma poco sfruttato per via della distanza dal centro abitato.

Sorgenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Fontana Grande, situata all'interno del paese, è la principale risorsa d'acqua di tutto il territorio;
  • Fontana Rossa, la seconda risorsa idrica del paese.

Strutture sportive

  • Campo sportivo "Don Pino Puglisi", situato nella zona di Piano Maglio, fu costruito in occasione dei mondiali di calcio del 1990 e fu sede di allenamento di svariate nazionali.Ospita le partite casalinghe dell'ASD Altofonte Football Club che nella stagione 2017-2018 milita nel campionato di Promozione.
  • Ex campo sportivo "Recupero Bruno", un tempo vecchio stadio comunale, oggi è in stato di abbandono nonostante l'affluenza dei ragazzi del luogo.
  • Palazzetto dello Sport "Gen. Goffredo Canino", altrimenti noto come PalaCanino, è situato a pochi metri dal campo sportivo Puglisi ed ospita le partite casalinghe del Real Parco Calcio a 5 e delle squadre di volley del luogo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]


Persone legate ad Altofonte[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia è basata soprattutto sull'agricoltura e sull'artigianato. Rilevante è il settore agricolo per la produzione di agrumi, uva, olive, mandorle e frutta. Si produce olio extravergine d'oliva molto pregiato. A quest'ultimo veniva dedicata ogni anno la "Sagra dell'olio" che si svolgeva tra novembre e dicembre. La maggior parte dei lavoratori di Altofonte è occupata in altre attività soprattutto nel settore secondario e terziario: l'artigianato, le imprese edili ed il piccolo commercio. Per le maestranze locali, una volta soprattutto, esistevano gli artigiani che soddisfacevano i beni di prima necessità tra cui fornai, bottegai, sarti, falegnami, fabbri, ferrai, ciabattini, carbonai ecc.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Grazie ad uno svincolo sulla SS 624 Altofonte è facilmente raggiungibile da Palermo.

Fino agli anni trenta il comune era dotato di una propria stazione ferroviaria (collocata in Via Case Stazione, poco lontana dal campetto di calcio), facente parte della vecchia linea ferroviaria a scartamento ridotto che, dalla Stazione di Palermo Lolli, giungeva fino a Camporeale, mai entrata in funzione poiché con la caduta del Fascismo non fu mai conclusa la posa dei binari. Oggi, la cosiddetta "Linea Ferrata", trasformata in strada a doppio senso, unisce Altofonte con alcuni comuni limitrofi.

La cosiddetta SP 18, interrotta a causa di uno smottamento accorso nell'aprile del 2013 in seguito ad un violento nubifragio, nella primavera del 2015 è stata ripristinata ed aperta al traffico veicolare, garantendo un percorso alternativo e più veloce alla SS 624 per raggiungere il comune montano di Piana degli Albanesi e gli altri limitrofi.

Attualmente il comune è servito da tre diverse compagnie di trasporti urbani su gomma: AST e AMAT che collegano rispettivamente Altofonte, la frazione di Piano Maglio con Palermo la prima; Piano Maglio, Villagrazia e la stazione centrale di Palermo la seconda. Invece le Autolinee Giordano collegano Altofonte con Monreale.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
20 giugno 1988 7 giugno 1993 Giuseppe Castellese Democrazia Cristiana Sindaco [6]
7 giugno 1993 1º dicembre 1997 Vincenzo Di Girolamo lista civica Sindaco [6]
1º dicembre 1997 28 maggio 2002 Salvatore Corsale Polo per le Libertà Sindaco [6]
28 maggio 2002 15 maggio 2007 Vincenzo Di Girolamo lista civica Sindaco [6]
15 maggio 2007 7 maggio 2012 Vincenzo Di Girolamo centro-sinistra Sindaco [6]
10 maggio 2012 11 giugno 2017 Antonino Di Matteo Sindaco [6]
11 giugno 2017 in carica Angelina De Luca Lista Civica Sindaco [6]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 1930 fu chiamato Parco. Nel comune di Altofonte sono state girate alcune scene del film Il muro di gomma di Marco Risi. Però nel film non figura il nome della cittadina, bensì quello di un altro comune calabrese (Castelsilano) dove, per motivi scenici, non è stato possibile girare. È possibile osservare due inquadrature nella pellicola di Risi: quella iniziale, al minuto 80' circa, che riprende il cimitero comunale di Altofonte e la successiva, al minuto 82' circa, in cui si scorge la piazza Falcone e Borsellino Magistrati ed il palazzo municipale.

Altofonte ha associazioni religiose che risalgono ad un periodo compreso tra il Seicento e la metà del Settecento. Durante il periodo pre o post pasquale, la Pro Loco di Altofonte ed altre Associazioni, organizzavano la Passione e la Via Crucis, rappresentante gli ultimi giorni di vita del Cristo. La rappresentazione avveniva per le vie del paese e infine su per il Monte Calvario, con conseguente crocifissione. Oggi non viene più sovvenzionata tale rappresentazione per mancanza di fondi, provenienti dalle casse comunali, e per il mancato sovvenzionamento da parte delle casse clericali del luogo. Stessa sorte ha subito la cosiddetta "Mostra Mercato dei prodotti artigianali e dell'Olio Nuovo del Parco", sospesa per mancanza di fondi comunali.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat al 31/03/2017, su demo.istat.it. URL consultato il 28 luglio 2017.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 24.
  4. ^ Pagina 85, Gaspare Palermo, "Guida istruttiva per potersi conoscere ... tutte le magnificenze ... della Città di Palermo" [1], Volume terzo, Palermo, Reale Stamperia, 1816.
  5. ^ Statistiche I.Stat ISTAT  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ a b c d e f g Anagrafe degli Amministratori Locali e Regionali, su amministratori.interno.it, Ministero dell'interno. URL consultato il 22 ottobre 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN244331300