Roccapalumba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roccapalumba
comune
Roccapalumba – Stemma
Roccapalumba – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Sicily.svg Sicilia
Città metropolitanaProvincia di Palermo-Stemma.png Palermo
Amministrazione
SindacoRosamaria Giordano (Lista civica "Svolta comune - Il paese che vorrei - Roccapalumba") dal 10/06/2018
Territorio
Coordinate37°48′N 13°38′E / 37.8°N 13.633333°E37.8; 13.633333 (Roccapalumba)Coordinate: 37°48′N 13°38′E / 37.8°N 13.633333°E37.8; 13.633333 (Roccapalumba)
Altitudine540 m s.l.m.
Superficie31,57 km²
Abitanti2 465[1] (30-11-2016)
Densità78,08 ab./km²
FrazioniRegalgioffoli
Comuni confinantiAlia, Caccamo, Castronovo di Sicilia, Lercara Friddi, Vicari
Altre informazioni
Cod. postale90020
Prefisso091
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT082062
Cod. catastaleH428
TargaPA
Cl. sismicazona 2 (sismicità media)
Nome abitantiroccapalumbesi
Patronosantissimo Crocifisso
Giorno festivo13 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Roccapalumba
Roccapalumba
Roccapalumba – Mappa
Posizione del comune di Roccapalumba all'interno della città metropolitana di Palermo
Sito istituzionale

Roccapalumba (Rrokkaplùmma in siciliano[2]) è un comune italiano di 2.465 abitanti della città metropolitana di Palermo in Sicilia.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Dista dal capoluogo circa 60 km e sorge ai piedi della mole solenne della Rocca, massiccio calcareo che caratterizza il centro abitato. Nelle fenditure della Rocca, alta circa m 600, nidificano le colombe selvatiche (Columba livia). Per tale ragione qualche studioso locale ha ipotizzato l'esistenza nell'antichità del culto dedicato a Demetra a cui detti volatili erano sacri. Tale ipotesi viene sostenuta anche per la presenza, nella fenditura della Rocca, dei ruderi dell'antica chiesa di Santa Maria Caluci, il cui culto, in epoca cristiana, sostituì probabilmente quello di epoca arcaica. A poca distanza alla fine degli anni Cinquanta, venne edificata una nuova chiesa dedicata alla Madonna della Luce. Il paese ha profuso negli ultimi anni impegno nella divulgazione dell'astronomia: in paese c'è un planetario e nel limitrofo borgo di Regalgioffoli, in contrada Pizzo Suaro, è sorto un osservatorio astronomico con un potente telescopio, inserito nella Rete degli Osservatori Popolari d'Italia. Presso la ex scuola elementare di Regalgioffoli è stato aperto un centro di divulgazione astronomica che conserva un elioplanetografo, l'antenato meccanico del planetario: usato a fini didattici, riproduce il moto reale dei pianeti, della Luna e del Sole. relativamente alle costellazioni. Visualizza anche l'alternarsi del giorno e della notte, il succedersi delle stagioni, le eclissi, le fasi della Luna e dei pianeti interni e la precessione degli equinozi.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Il ficodindia[modifica | modifica wikitesto]

Frutto principe stagionale, di grande importanza a livello di economia agricola, ricopre grandi estensioni territoriali, con la nascita di molte microaziende sul territorio. La sagra annuale Opuntia ficus-indica, che si svolge nella prima decade di ottobre, è una festa ormai a rilevanza nazionale.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La Rocca, imponente massiccio dolomitico. Lavatoio pubblico. Mulino idraulico Fiaccati, fatto realizzare da Emanuele Avellone (1880). Planetario. Osservatorio astronomico.

Elenco dei manufatti di interesse storico artistico del Centro Storico Urbano[4]

  • Chiesa Madre (S. Croce), XVIII secolo (rimaneggiamenti del XX secolo).
  • Palazzo F. Platamone principe di Larderia (poi Avellone), XVIII secolo (rimaneggiamenti dei secoli successivi).
  • Palazzo Avellone, XIX secolo
  • Magazzini Avellone, XIX secolo
  • Palazzo Cannata, XIX secolo
  • Palazzo Avellone, prima metà XX secolo
  • Palazzo Avellone, XVIII secolo (rimaneggiamenti del XIX secolo)
  • Palazzo Fazio, XIX secolo
  • Palazzo Avellone, XIX secolo
  • Casa Saladino, XIX secolo
  • Ex chiesa della Madonna della luce (demolita e ricostruita)
  • Ex Palazzo L. Avellone, poi Municipio, XIX secolo (in parte demolito e ricostruito)
  • Palazzo A. Avellone, 1830
  • Palazzo L. Avellone, XIX secolo
  • Magazzini Avellone, XIX secolo
  • Palazzo P. Avellone, XIX secolo (rimaneggiamenti)
  • Palazzo Nicosia (poi Caserma Carabinieri), XIX secolo
  • Chiesa di S. Rosalia, XIX secolo (rimaneggiamenti XX secolo).

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l'U.S.D. Roccapalumba 1969 che milita nel girone B siciliano di 1ª Categoria. È nata il 29 settembre 1969.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
4 giugno 1985 15 settembre 1989 Filippo Saladino Democrazia Cristiana Sindaco [5]
15 settembre 1989 6 giugno 1990 Giovanni Di Cara Comm. straordinario [5]
6 giugno 1990 10 febbraio 1994 Raffaele De Vincenzi Partito Comunista Italiano Sindaco [5]
13 giugno 1994 25 maggio 1998 Giacomo Balsano lista civica Sindaco [5]
25 maggio 1998 27 maggio 2003 Raffaele De Vincenzi lista civica Sindaco [5]
27 maggio 2003 17 giugno 2008 Giovanni Giordano lista civica Sindaco [5]
17 giugno 2008 11 giugno 2013 Giovanni Giordano Unione di Centro Sindaco [5]
11 giugno 2013 in carica Guglielmo Rosa lista civica Sindaco [5]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Vi ha trovato ambientazione il celebre romanzo di Simonetta Agnello Hornby: La Mennulara.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2016.
  2. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, Garzanti, 1996, p. 546.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ G. Gangemi, in Provincia Regionale di Palermo, PPT-Piano Territoriale Provinciale, Dossier dei Comuni: Roccapalumba, ottobre 2009, p. 7
  5. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pro Loco Osservatorio Astronomico Ufficio Turismo

Controllo di autoritàVIAF (EN242766327 · GND (DE7518330-4
Sicilia Portale Sicilia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Sicilia