Simonetta Agnello Hornby

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Simonetta Agnello

Simonetta Agnello, coniugata Hornby (Palermo, 27 novembre 1945), è una scrittrice italiana naturalizzata britannica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e vissuta negli anni giovanili in Sicilia, nel 1965 ha ottenuto una borsa di studio Fulbright presso la University of Kansas. Nel 1967 ha conseguito il dottorato in giurisprudenza e si è poi specializzata avvocato minorile e giudice in Inghilterra, dove si era trasferita dopo aver sposato un cittadino inglese. Vive a Londra dal 1972 ed è presidente del Tribunale Special Educational Needs and Disability. Ha fondato nel 1979 uno studio legale nel quartiere londinese di Brixton, che si occupa prevalentemente delle comunità immigrate musulmane e nere e che è stato il primo studio in Inghilterra a dedicare un dipartimento ai casi di violenza all'interno della famiglia[1]. Ha insegnato Diritto dei minori all'Università di Leicester.

Ha preso anche la cittadinanza inglese.

Il romanzo d'esordio La Mennulara, bestseller tradotto in 19 lingue, ha ricevuto il 7 giugno 2003 il "Premio Letterario Forte Village"; nello stesso anno, ha vinto il Premio Stresa di Narrativa e il Premio Alassio Centolibri - Un Autore per l'Europa ed è stato finalista del Premio del Giovedì "Marisa Rusconi".

Nel 2014 ha condotto il programma televisivo Il pranzo di Mosé sul canale Real Time.

Nel 2015 è protagonista con il figlio George del docu-reality Io & George, in onda su Rai 3. Il format rappresenta un viaggio da Londra alla Sicilia per sensibilizzare sulle problematiche delle persone disabili.

L'11 settembre 2016, nel pomeriggio di Canale 5, prende parte alla puntata speciale di Forum dal titolo I nuovi diritti in qualità di giudice arbitro nel dirimere una causa.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande ufficiale dell'Ordine della stella d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Grande ufficiale dell'Ordine della stella d'Italia
— 3 giugno 2016[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dalle note biografiche nel sito dell'editore Feltrinelli
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  3. ^ Sulla festa della Vara ambientata a Messina nel 1839 descritta nel romanzo si veda S. Di Giacomo, L'ebbrezza di una festa unica in ogni epoca, in "Gazzetta del Sud", Messina, del 13 agosto 2013
  4. ^ Con un programma che ha coinvolto le donne potenzialmente esposte a violenza e le aziende in cui lavorano, la Global Foundation for the Elimination of Domestic Violence (Edv) ha contribuito a contenere il fenomeno della violenza domestica in Inghilterra. Questo libro ha lo specifico obiettivo di creare una Edv italiana per applicarne il metodo anche in Italia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN88082335 · SBN: IT\ICCU\LO1V\211992 · BNF: (FRcb144495839 (data)