Protestantesimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Protestanti)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima trasmissione televisiva, vedi Protestantesimo (programma televisivo).
Questa voce è parte della serie
Lutherrose.svg
Luteranesimo

Lutero alla Dieta di Worms, dipinto di Anton von Werner, 1877

Il protestantesimo è una forma di cristianesimo sorta nel XVI secolo per riformare la Chiesa cattolica, considerata nella dottrina e nella prassi non più conforme alla parola di Dio, a seguito del movimento politico e religioso noto come Riforma protestante[1], derivato dalla predicazione dei riformatori, fra i quali i più importanti sono Martin Lutero, Huldrych Zwingli, Giovanni Calvino e John Knox.

Il protestantesimo trae le sue origini in Germania e si pensa sia iniziato nel 1517, quando Lutero pubblicò le sue 95 tesi, una breve critica contro le dottrine, le pratiche e gli abusi medievali della Chiesa cattolica, soprattutto per quanto riguarda l'ecclesiologia, la simonia, il culto dei santi, l'intercessione presso i santi defunti, l'invenzione del purgatorio e la teoria delle indulgenze (queste ultime due basate quasi completamente sulla Divina Commedia di Dante). Le varie denominazioni protestanti condividono un rifiuto dell'autorità papale (percepito come una sorta di anticristo) e negano la dottrina cattolica della transustanziazione, anche se sono in disaccordo tra loro circa la dottrina della presenza di Cristo nell'Eucaristia. I cristiani protestanti enfatizzano il sacerdozio di tutti i credenti, la salvezza eterna ottenuta per fede in Gesù Cristo e non tramite le opere umane (principio della sola fide) e l'importanza della Bibbia, invece che della tradizione cattolica, in quanto autorità suprema in materia di fede e di morale (principio della sola scriptura).

Il termine "protestante" è nato in seguito alla lettera di protesta dei principi luterani contro la proclamazione della dieta di Spira nel 1529, in cui la Chiesa cattolica ribadì l'editto della dieta di Worms, condannando gli insegnamenti di Martin Lutero come eresia[2]. Tuttavia, il termine è stato usato in molti sensi differenti, spesso come un termine generale per riferirsi al cristianesimo occidentale che non è soggetto della autorità papale, comprese alcune chiese che non fanno parte del movimento protestante originale; una "branca" del cristianesimo[3].

A partire dal XVI secolo i cristiani luterani fondarono chiese luterane in Germania e nella Scandinavia, mentre le chiese riformate di Ungheria, Scozia, Svizzera e Francia furono stabilite principalmente da Calvino, Zwingli e Knox. La Chiesa d'Inghilterra dichiarò l'indipendenza dall'autorità papale nel 1534, dando vita all'anglicanesimo, e fu influenzata da alcuni valori della Riforma protestante, in particolare durante il regno di Edoardo VI. Esistevano comunque movimenti di riforma differenti nell'Europa orientale, conosciuti come "Riforma radicale", i quali diedero vita all'anabattismo, al moravianesimo e al pietismo.

Origine del termine[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Riforma protestante.

La diffusione in Germania delle famose 95 tesi di Lutero del 1517 causò l'apertura a Roma di un processo di eresia contro il monaco agostiniano già nei primi mesi del 1518. Dopo una battuta d'arresto coincisa con i negoziati per l'elezione del successore di Massimiliano I al trono dell'impero, il processo giunse al termine con la condanna papale sancita dalla bolla Exsurge Domine, che ingiungeva la ritrattazione delle tesi, e della Decet romanum pontificem, nella quale Lutero venne scomunicato. La sentenza fu eseguita dalla Dieta imperiale riunita a Worms nel 1521 alla presenza dell'imperatore Carlo V[4]. Ma l'idea imperiale di un'unità religiosa dell'impero non aveva nessuna possibilità di concretizzarsi; al contrario, il movimento luterano si estendeva con l'appoggio di numerosi principi territoriali, che nella prima Dieta di Spira, nel 1526, riuscirono ad introdurre una tacita tolleranza religiosa. Nella seconda Dieta di Spira del 1529, il partito cattolico sancì il ripristino del bando del 1521[5]. In quell'occasione, i principi della Germania, che si erano schierati a fianco di Lutero e della Riforma, redassero un documento comune che dichiarava come inviolabili i diritti della coscienza e della parola di Dio, di cui i principi avrebbero garantito la libera predicazione nel Sacro Romano Impero. Tale documento iniziava con la parola protestamur, ovvero "dichiariamo solennemente", e questo termine venne a indicare per estensione le chiese che ebbero fondamento ed origine dalla riforma protestante, e il cui diritto di esistenza veniva riconosciuto proprio grazie a quel protestamur. Nel 1555, con la Pace di Augusta, venne sancito il principio del cuius regio, eius religio, secondo il quale luteranesimo e cattolicesimo diventavano religioni di stato soggette ai voleri del principe.

Teologia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Cinque sola.

Dal punto di vista teologico, il protestantesimo, come il cattolicesimo e l'ortodossia, accetta le confessioni di fede della chiesa antica, la definizione di Calcedonia, il simbolo niceno-costantinopolitano e il simbolo apostolico. Le divergenze si sviluppano su questioni che non sono esplicitamente trattate nelle antiche confessioni di fede, in particolare: il ruolo della grazia, la relazione che intercorre tra la fede e le opere (cioè l'azione, la vita pratica), e quella tra la Parola e il magistero della Chiesa[6]. Infatti, sono comuni alle varie chiese appartenenti alla famiglia protestante i princìpi qui elencati:

Le 95 tesi di Lutero
  • Solus Christus: dal momento che Dio è amore, può agire il suo amore in totalità e libertà attraverso la grazia. L'essere di Dio che liberamente si dona è Gesù Cristo. Gesù è quindi la parola vivente di Dio che perdona i nostri peccati[7]. Visto dalla parte dell'uomo, Dio può essere compreso solo attraverso Cristo; nessuna promessa della salvezza può essere intesa correttamente se non in relazione alla vita, morte e resurrezione di Gesù[8]. In questo senso, in Gesù, ed esclusivamente in Gesù, si concentra l'interesse, lo sguardo, la riflessione, la teologia del credente.
  • Sola Gratia: l'uomo, essendo costituzionalmente peccatore, per quanto si sforzi di operare rettamente non arriverà mai a meritare la salvezza, ma Dio la offre gratuitamente per amore.[9] Non esiste alcuna cooperazione da parte dell'uomo, né predisposizione, "tutto, nell'evento salvifico, è affidato all'iniziativa di Dio in Cristo soltanto."[10] Dio perdona l'uomo; la giustificazione uccide l'uomo vecchio e solo da questo momento nasce l'uomo nuovo, secondo quanto riportato nella lettera ai Romani 6,12-23. Il credente è sempre peccatore e costantemente salvato di nuovo: "peccatore di fatto, ma giusto nella speranza; peccatore nella realtà, ma giusto agli occhi di Dio e in virtù della sua promessa"[11]. L'uomo nuovo sarà indotto a ben operare, spinto dall'amore di cui Dio lo ha ricolmato, anche se immeritatamente, ma rimarrà consapevole che non sono le sue buone opere a salvarlo, ma solo la Grazia del Signore.
  • Sola Fide: la fede consiste non solo nel credere nelle Scritture ma nella fiducia nel fatto che Cristo ci è stato mandato per compiere la nostra salvezza[12]. "La fede mette a disposizione dei credenti Cristo stesso e i suoi benefici, ossia il perdono, la giustificazione e la speranza"[13]. La giustificazione per fede consiste, secondo Lutero, nel fatto che Dio fornisce tutto il necessario per la salvezza e l'essere umano compie solo l'atto passivo di riceverla[14]. Ma chi è giustificato, non per questo è immune dal peccato; si ha qui la dottrina del simul iustus et peccator: il riformatore, rifacendosi a Romani 7, 14-25, sostiene che "l'evangelo (...) mi dice che sono giusto, ma, nello stesso tempo, mi rende consapevole di essere un peccatore. (...) Il peccato esiste ed è all'opera, ma non è la forza decisiva che governa l'esistenza."[15]
  • Sola Scriptura: la Bibbia è l'unica autorità per il cristiano, in quanto viene ricevuta come se Dio parlasse in essa[16]. L'autorità dei papi e dei concilii è subordinata a quella della Bibbia, anzi si misura sulla base della sua fedeltà alla Scrittura[17]. Tale principio si pone in forte contrasto con il ruolo della tradizione nella dottrina cattolica. Il concetto di "tradizione" viene ad assumere notevole importanza nel tardo Medioevo: se nella chiesa del II secolo, in risposta a varie controversie, in particolare allo gnosticismo, si era delineata l'idea di una interpretazione "legittima" delle Scritture, nel XIV e XV secolo la tradizione viene intesa come un'altra fonte di rivelazione, separata, che va aggiunta alla Scrittura; la dottrina, dunque, si basa su una fonte scritta (la Bibbia) ed una non scritta (la tradizione)[18]. Solo la corrente più radicale della Riforma (anabattismo) applicò in maniera assoluta il rigetto della tradizione; la maggior parte dei riformatori, temendo l'individualismo di una lettura del tutto personale della Bibbia, accettò la tradizione patristica e si limitò a criticare gli aspetti in cui la teologia e la prassi della chiesa cattolica contraddicevano o travalicavano la Scrittura[19]. C'è da notare che vi sono alcune differenze tra il canone cattolico romano e quello delle bibbie protestanti: i libri deuterocanonici, compresi nella Septuaginta ma non nel canone ebraico, non fanno parte del canone delle bibbie protestanti. Non c'è quindi solo una divergenza sul valore della Scrittura ma anche su cosa sia da considerare Scrittura[20].
Santa Cena in una chiesa protestante
* Soli Deo Gloria: A Dio soltanto ed al Suo Cristo deve andare la gloria per la salvezza, per la fede, e per le opere buone eventualmente compiute. "Così parla il Signore: «Il saggio non si glori della sua saggezza, il forte non si glori della sua forza, il ricco non si glori della sua ricchezza: ma chi si gloria si glori di questo: che ha intelligenza e conosce me, che sono il SIGNORE. Io pratico la bontà, il diritto e la giustizia sulla terra, perché di queste cose mi compiaccio», dice il Signore" (Geremia 9:23-24). Il Soli Deo gloria si contrappone così all'esagerata esaltazione di una qualsiasi creatura o prodotto umano, quale che sia la sua elevata condizione, che possa divenire oggetto d'idolatria. Non ci sono quindi "santi", autorità religiose o civili, ideologie o realizzazioni umane che possano vantare alcunché di per sé stesse, perché tutto ciò che hanno e sono deriva da Dio, al quale solo va rivolto il culto, la lode, le preghiere. A nessuno è consentito di "essere elevato alla gloria degli altari". Al riguardo del Cristo la Scrittura dice: "Perciò Dio lo ha sovranamente innalzato e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni nome, affinché nel nome di Gesù si pieghi ogni ginocchio nei cieli, sulla terra, e sotto terra, e ogni lingua confessi che Gesù Cristo è il Signore, alla gloria di Dio Padre" (Filippesi 2:9-11).

Relativamente all'interpretazione della Scrittura, uno degli aspetti che favorirono enormemente la diffusione del Protestantesimo in ambienti sia colti che popolari fu il fatto che affermava il diritto di tutti a leggere ed interpretare la Bibbia[21], mentre il Concilio di Trento ribadiva il divieto ai laici di possedere e leggere la Bibbia in lingua volgare o testi che trattino dell'interpretazione delle Scritture senza permesso[22].

  • Sacramenti: se per la chiesa cattolica sono segni sensibili ed efficaci della grazia, attraverso i quali viene elargita la grazia[23], per il protestantesimo invece non hanno alcuna sacralità ma sono semplicemente segni[24], che rendono tangibili le promesse di Dio attraverso oggetti d'uso quotidiano per rassicurare la debolezza della fede degli esseri umani[25]. Fin dai primi riformatori, vengono riconosciuti solamente il battesimo e l'eucaristia, in quanto «solo in questi vediamo un simbolo istituito da Dio e la promessa della redenzione dei peccati»[26]. Per approfondire la concezione dell'eucaristia nel protestantesimo, si veda la voce Santa Cena.
  • Sacerdozio universale: non esiste la figura di un mediatore tra l'essere umano e Dio. Gesù è il sacerdote che riconcilia definitivamente Dio all'uomo (come espresso in Ebrei 7, 24) ed al contempo, «svuotando il sacerdozio delle prerogative di casta, (...) ha instaurato il Sacerdozio universale di tutti i credenti, uguali fra loro in dignità e importanza, pur nelle diverse vocazioni e nei diversi servizi»[27]
  • Ecclesia semper reformanda: la chiesa dev'essere costantemente in movimento, riformandosi continuamente per rimanere fedele alle Scritture.

Relazioni con lo Stato[modifica | modifica wikitesto]

Una caratteristica delle chiese sia cattoliche che protestanti dal periodo dalla Riforma alle guerre di religione è stato lo stretto legame con lo Stato, secondo il principio del cuius regio eius religio. Queste forme anacronistiche sopravvivono ancora oggi nel protestantesimo nelle chiese di Stato dei paesi scandinavi, in Olanda, in qualche cantone svizzero, nella Landeskirche tedesca e in Inghilterra, dove il sovrano è ancora supremo governatore della Chiesa anglicana (seppure si tratti ormai di un ruolo puramente formale). Tuttavia, nella pratica di fede, l'ecclesiologia tipica delle chiese riformate, come già indicato da Calvino nel quarto libro dell’Istituzione della religione cristiana, prescrive ai credenti una netta separazione tra vita spirituale e potere secolare[28].

La relazione fra potere politico e religione è stata, al contrario, violentemente conflittuale per la cosiddetta "ala radicale" del protestantesimo (anabattisti, quaccheri). Inoltre, fu conflittuale in quei Paesi, come la Francia e gran parte dell'Italia nel XVI e XVII secolo, dove la convenienza politica spingeva i sovrani al potere a schierarsi dalla parte del papato. Quindi, persecuzioni, stermìni e carcerazioni di massa furono occasionalmente o permanentemente attuate contro gruppi aderenti alla Riforma: è questo per esempio il caso dei valdesi (che avevano aderito alla Riforma nel 1532) nelle Alpi occidentali, in Calabria e in Linguadoca[29], dei gruppi luterani, calvinisti o anabattisti in tutte le principali città italiane[30], o degli ugonotti in Francia[31].

Un principio accomuna tanto le chiese che collaborano con il contesto socio-politico che quelle che vi si oppongono: il protestantesimo non ha mai come obiettivo quello di "cristianizzare" la società civile, al contrario auspica l'autonomia della sfera religiosa da quella politica, in una forma ben sintetizzata dal motto del teologo e filosofo svizzero Alexandre Vinet, ripreso da Cavour, "Libera chiesa in libero Stato"[32].

Denominazioni protestanti[modifica | modifica wikitesto]

Sotto il termine "protestantesimo" si riunisce un variegato universo di chiese ed organizzazioni ecclesiastiche, alcune delle quali molto diverse tra loro; inoltre, una stessa chiesa può presentare notevoli differenze nell'organizzazione delle comunità e nella liturgia a seconda delle diverse zone geografiche.

Chiese storiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel protestantesimo contemporaneo, tre famiglie di chiese si pongono in continuità con la Riforma del '500: luterani, riformati e anglicani. Queste sono anche dette "chiese storiche". I loro princìpi confessionali ed organizzativi si fondano sul pensiero dei principali riformatori europei: Martin Lutero, Ulrico Zwingli, Giovanni Calvino, Thomas Cranmer, John Knox. Queste chiese sono caratterizzate da alcuni aspetti comuni: innanzitutto, presentano solidi fondamenti dottrinali, che affondano le loro radici negli scritti dei riformatori del XVI e XVII secolo; tali fondamenti sono tuttavia affiancati da uno spiccato interesse per l'elaborazione teologica. Alcuni tra i maggiori teologi moderni, il cui pensiero travalica i confini di carattere confessionale, provengono da queste chiese: si pensi ad esempio al riformato Karl Barth o ai luterani Dietrich Bonhoeffer e Paul Tillich. Inoltre, vi si ritrova un forte interesse per le questioni sociali, che si manifesta sia nell'elaborazione teorica che nell'impegno politico. Infine, le chiese storiche sono caratterizzate da una particolare sensibilità ecumenica: infatti, nell'ambito di queste chiese è stato istituito il Consiglio Ecumenico delle Chiese e la Comunione delle Chiese Protestanti in Europa (Concordia di Leuenberg)[33].

Chiesa luterana[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Luteranesimo.
Lutero ritratto da Lucas Cranach il Vecchio nel 1543

Le chiese appartenenti a questa famiglia preferiscono essere chiamate semplicemente "evangeliche", o "chiese della Confessione di Augusta", tanto più che Lutero stesso aveva vietato di dare il suo nome alle comunità ispirate dal suo pensiero, tuttavia la dizione "Chiesa luterana" è ormai entrata nell'uso comune.

« (...) Per la vera unità della Chiesa è sufficiente l‘accordo sull‘insegnamento dell’Evangelo e sull’amministrazione dei sacramenti. Non è invece necessario che siano ovunque uniformi le tradizioni istituite dagli uomini, cioè i riti o le cerimonie (...) »
(Confessione augustana, parte I, articolo VII "La Chiesa")

Tale articolo della Confessione definisce molto chiaramente che l'unità della chiesa è un elemento fondante della testimonianza cristiana. La sostanza della chiesa secondo la visione luterana consiste nella predicazione del Vangelo (consistente strettamente nella spiegazione di brani biblici) e nell'amministrazione dei sacramenti, che sono due, come in tutte le altre chiese evangeliche: battesimo e Santa Cena. Non è contemplata, invece, alcuna forma di sottomissione ad un'autorità religiosa. Inoltre, tale impostazione consente una grande varietà e libertà di espressioni liturgiche ed organizzative[34].
La quasi totalità delle chiese luterane fa parte della Federazione Mondiale Luterana (Lutherischer Weltbund), fondata nel 1947, con sede a Ginevra. La Federazione ha funzioni di collegamento e si occupa in particolare di elaborazione teologica e di rappresentare il mondo luterano a livello mondiale nei confronti di altre organizzazioni religiose[35].

Chiese riformate[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Calvinismo, Zwinglismo e Teologia federale.
Ritratto di Calvino attribuito ad Hans Holbein il Giovane

Le chiese riformate, diversamente da quelle luterane e anglicane, sono composte oggi da un mosaico composito di realtà diverse tra loro. Tutte affondano le loro radici nell'attività riformatrice di Giovanni Calvino e Ulrico Zwingli.

Sono presenti in 108 paesi del mondo e contano 80 milioni di aderenti, distribuiti tra chiese Presbiteriane, Riformate, Congregazionaliste, Unite o Unificate, aderenti alla World Communion of Reformed Churches[36]. La diffusione maggiore si ha fuori dell'Europa, in particolare in Africa (25 milioni), ed Asia (20 milioni, concentrati soprattutto in Corea del Sud ed Indonesia); in Europa i riformati sono 18 milioni, la maggior parte dei quali in Germania, Olanda e Svizzera, mentre in America del Nord sono 14 milioni.

Dal punto di vista dell'organizzazione ecclesiastica, un forte accento è posto sulla comunità locale (che si considera "chiesa" a tutti gli effetti), retta da un concistoro o consiglio di chiesa. In ciascuna chiesa vi è una larga pluralità di ministeri non gerarchici: pastore, anziano o presbitero, diacono. Le chiese più antiche o di formazione missionaria sono rette da sinodi, mentre quelle più recenti, soprattutto in Africa, prediligono il modello congregazionalista[37].

I riformati condividono le principali affermazioni dottrinali di luterani ed anglicani.

Il culto, incentrato sull'annuncio della parola di Dio, dà anche ampio spazio al canto, come espressione dell'assemblea dei fedeli, seppure in forma particolarmente austera. La Cena del Signore è generalmente celebrata a scadenza mensile o addirittura solo nelle principali festività; in essa, la presenza reale di Cristo è intesa in senso spirituale e non materiale.

Per quel che riguarda il battesimo, sono praticati correntemente sia il pedobattismo che il battesimo dei credenti adulti; tuttavia, non è condizione sufficiente per essere considerati membri di chiesa: occorre una dichiarazione pubblica e consapevole di fede.

In Italia, la principale chiesa riformata è la Chiesa valdese, che tuttavia nel 1975 si è unita attraverso un Patto d'integrazione con la Chiesa metodista d'Italia, creando l'Unione delle chiese metodiste e valdesi[38].

Comunione Anglicana[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Anglicanesimo e Scisma anglicano.
Enrico VIII ritratto da Joos van Cleve

L'appartenenza delle chiese della Comunione Anglicana al protestantesimo è ancora oggi oggetto di dibattito. Se le radici dell'autonomia della chiesa d'Inghilterra si ritrovano nella Magna Carta (1215), che sanciva l'indipendenza della sede arcivescovile di Canterbury sia dal papa che dal re, questa venne affermata con l'Atto di Supremazia (1534), nel quale il Parlamento dichiarava il re Enrico VIII (e dopo di lui i suoi eredi e successori) "capo supremo della Chiesa d'Inghilterra"[39]. Solo successivamente, gradualmente ed in forma parziale, penetrarono nella sua teologia alcuni principi del protestantesimo. Dopo il 1688, una grande parte degli anglicani inglesi partirono, formando altri gruppi (presbiteriani, congrezionalisti, battisti, quaccheri e successivamente metodisti); all'interno dell'anglicanesimo rimasero solo le parti più moderate e conservatrici[40].
La formalizzazione della Comunione Anglicana (Anglican Communion), sotto la presidenza dell'arcivescovo di Canterbury, avvenne nel 1811.
La sua diffusione si può dividere in due fasi: la prima, nel XVII secolo, fu caratterizzata dalla diffusione in Gran Bretagna e nelle colonie (America del Nord, Australia, Nuova Zelanda); la seconda, risultato dell'opera missionaria, nel resto del mondo (America del Sud, Africa, Asia).

Oggi, la chiesa anglicana è presente in 160 paesi e conta più di 70 milioni di membri; solo 26 milioni vivono in Gran Bretagna e Irlanda, mentre ben 42 milioni sono africani[41]. Afferma ancora Gajewski: "il vero centro della Comunione anglicana non si trova più in Inghilterra. Non è casuale che oggi l'anglicano più celebre nel mondo sia l'arcivescovo sudafricano Desmond Tutu."[41]

In Italia, vi sono una ventina di comunità appartenenti alla Diocesi Anglicana in Europa, più alcune comunità episcopali (Episcopaliane), frequentate in gran parte da cittadini inglesi[42]

Chiese battiste[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Battismo.

Il Battismo nasce nel puritanesimo inglese del XVII secolo, sebbene si colleghi idealmente all'Anabattismo, un movimento di riforma radicale della chiesa che, nato a Zurigo nel 1525, si era diffuso in Svizzera, Germania centro-meridionale, Tirolo, Paesi bassi, Moravia, ed aveva avuto varie diramazioni, tra cui in Veneto[43].
Dal punto di vista dottrinale, i battisti mantengono un legame con le loro origini puritane attraverso il biblicismo, la moralità, l'anticlericalismo. Vi è inoltre un aspetto caratteristico: la chiesa dev'essere composta da credenti convinti e consapevoli; questo elemento di base si esplicita nella pratica del battesimo dei credenti (ovviamente adulti), che è al tempo stesso testimonianza della fede personale e segno della grazia di Dio[44].
Le chiese battiste sono congregazionaliste: le comunità locali sono tutte uguali fra loro e, in linea di principio, indipendenti. Esistono "unioni" o "convenzioni" di varie chiese, che esprimono assemblee generali con potere decisionale e comitati direttivi che le amministrano, ma si tratta appunto di libere unioni di soggetti indipendenti, e non di una chiesa unitaria divisa in "parrocchie". La chiesa battista si regge sulle offerte volontarie dei credenti, ed ha sempre affermato la necessità di una separazione tra Chiesa e stato per poter conservare la libertà religiosa[45].
Molte chiese aderiscono all'Alleanza mondiale battista (Baptist World Alliance, BWA), che contava, al dicembre 2012, 172.948 chiese aderenti in 121 paesi di tutti i continenti, per un totale di 39.584.294 membri[46]. A questi numeri, tuttavia, vanno aggiunte le cifre delle chiese che non aderiscono all'Alleanza, che per Bouchard (2006) compongono un totale di circa 110 milioni di credenti[47].

Chiese dissidenti, deviate o revivaliste[modifica | modifica wikitesto]

Movimento metodista[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Metodismo.

Il metodismo è un’espressione del protestantesimo e ha dato vita ad una delle chiese evangeliche più diffuse nel mondo (circa 70 milioni di fedeli), caratterizzandosi ovunque per profonda spiritualità, dinamismo evangelico e marcata sensibilità verso i problemi etici, sociali e politici; questo movimento venne iniziato dal pastore anglicano John Wesley nel XVIII secolo.

Assemblee dei fratelli[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa Avventista del 7º giorno[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Avventismo.

Ha le sue origini nel millerismo, uno dei vari movimenti della rinascita spirituale statunitense del XIX secolo, formatosi a partire dagli anni '30 intorno a William Miller, un predicatore battista che aveva fissato la data del ritorno di Gesù nel periodo 1843-44[48]; in seguito al mancato avveramento della predizione, i milleriti di dispersero ma uno dei gruppi formò la Chiesa Avventista del 7º giorno, istituita formalmente a Battle Creek (Michigan) nel 1863. Fra i suoi fondatori c'era Ellen Gould White, (1827-1915), una donna cui è riconosciuto un particolare dono di profezia, che svolse un ruolo fondamentale nella formazione della chiesa avventista e nello sviluppo della sua azione evangelistica negli Stati Uniti e in Europa e i cui scritti sono tenuti ancora oggi in grande considerazione[49].
La Chiesa avventista non è riconosciuta come evangelica o protestante dall'Alleanza Evangelica Mondiale[50], a causa di alcuni aspetti teologici divergenti dagli altri membri dell'Alleanza: il "giudizio investigativo", l'autorità data agli scritti di Ellen G. White e il fatto di considerare il sabato come giorno del riposo per i cristiani[51]. Tuttavia, in Italia è considerata una chiesa evangelica dallo stato italiano[52] e nonostante le divergenze teologiche, dialoga e collabora in progetti comuni con le chiese appartenenti alla Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (FCEI)[53].
Oggi è una chiesa diffusa in quasi tutto il mondo; conta (secondo stime interne risalenti all'anno 2010) 16 milioni e 600.000 membri[54], è presente in oltre 200 paesi[49] ed i dati confermano una crescita costante. L'Africa è il continente con il maggior numero di avventisti, anche se la crescita maggiore si riscontra in America Latina. Molti avventisti, tra i quali numerosi pastori, specie negli Stati Uniti d'America provengono dall'Ebraismo[55].

Movimento pentecostale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Pentecostali.

Chiesa apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Etica protestante[modifica | modifica wikitesto]

L'etica protestante deriva dal concetto teologico della salvezza per sola grazia, che i riformatori Lutero e Calvino desumono dalle lettere di Paolo di Tarso (specialmente la lettera ai Romani) e dagli scritti dei padri della Chiesa, in particolare sant'Agostino.

Il credente, che sa di essere nella condizione di peccatore, conosce la salvezza per la sola grazia di Dio, mediante gli esclusivi meriti di Gesù Cristo; non sono le opere umane che determinano la salvezza; tuttavia, in forza di questa certezza che il credente percepisce per fede, egli si sente chiamato a rispondere all'amore gratuito di Dio mediante un comportamento che cerca di porsi alla sequela del Cristo, pur nella consapevolezza della continua fallibilità umana.

Le esperienze fondamentali della vita etica del credente sono la conversione, la rigenerazione e la santificazione: quest'ultima è una condizione possibile per ogni essere umano, non solo per alcuni, nel momento in cui riesca a volgere il proprio comportamento in senso etico. Si evidenzia anche un prevalere di regole comportamentali non dogmatizzate ma lasciate alla coscienza del singolo.

La predestinazione, nell'ambito di questa dottrina della salvezza per grazia, è il riconoscimento della libertà assoluta di Dio riguardo al destino degli esseri umani: perciò non compete all'uomo la capacità di giudicare il destino degli altri esseri umani. Piuttosto, la certezza di essere salvato conduce l'uomo ad un personale impegno nel mondo, vissuto nella libertà e nella responsabilità; questo impegno si traduce anche nella scoperta di una vocazione che non deve essere vissuta esclusivamente nell'ambito religioso, ma piuttosto si deve esprimere pienamente, sia per i religiosi che per i laici, nella quotidianità della vita e nel lavoro.

Nell'epoca contemporanea alcune grandi personalità hanno dato esempi di testimonianza dell'etica protestante vissuta come impegno nel mondo: il medico e teologo riformato Albert Schweitzer, fondatore di un ospedale nel Gabon, premio Nobel per la pace nel 1953; il teologo luterano Dietrich Bonhoeffer, che con la fondazione della Chiesa confessante si oppose al nazismo e perciò fu incarcerato e giustiziato; il pastore battista Martin Luther King, premio Nobel per la pace nel 1964, che combatté con metodi nonviolenti la segregazione razziale e morì assassinato; il presidente Nelson Mandela (metodista), premio Nobel per la pace nel 1993, e il vescovo anglicano Desmond Tutu, premio Nobel per la pace nel 1984, che hanno combattuto l'apartheid in Sudafrica.

Quadro storico e ramificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Protestant branches.svg
Non-denominational Christian-centered genealogy

Ad oggi esistono 33.000 denominazioni protestanti e i fedeli sono 700 milioni. Il protestantesimo, essendo un movimento eterogeneo e variegato, soprattutto per ciò che riguarda le questioni teologiche e dottrinali, può essere suddiviso in tre gruppi fondamentali:

Protestantesimo storico[modifica | modifica wikitesto]

Protestantesimo in tutto il mondo

Le chiese che ne fanno parte vengono appunto dette "storiche", in quanto sono caratterizzate da radici dirette nella Riforma protestante.

Luteranesimo[modifica | modifica wikitesto]

Calvinismo[modifica | modifica wikitesto]

Anglicanesimo[modifica | modifica wikitesto]

  • Origini: XVI secolo, Inghilterra. Rottura con il papa per opera di Enrico VIII e adesione alla Riforma protestante.
  • Dottrina: via media tra protestantesimo e cattolicesimo.
  • Sacramenti: battesimo e Santa Cena.
  • Diffusione: 80 milioni di fedeli.

Protestantesimo radicale[modifica | modifica wikitesto]

Riforma radicale, diffusa nell'Europa dell'Est; si differenzia dalla Riforma protestante vera e propria perché si concentra sul battesimo degli adulti.

Battismo[modifica | modifica wikitesto]
  • Origini: XVI secolo, Europa orientale. Erede dell'anabattismo.
  • Dottrina: battesimo per immersione, riservato solo agli adulti.
  • Sacramenti: battesimo e Cena del Signore (solo simbolico).
  • Diffusione: 100 milioni di fedeli.

Movimenti dissidenti, deviati o revivalisti[modifica | modifica wikitesto]

Metodismo[modifica | modifica wikitesto]

  • Origini: XVIII secolo, Inghilterra. John Wesley si allontana dal calvinismo e dall'anglicanesimo per dettare i propri insegnamenti.
  • Dottrina: conversione e predicazione del Vangelo.
  • Sacramenti: battesimo e Santa Cena.
  • Diffusione: 70 milioni di fedeli.

Evangelicalismo[modifica | modifica wikitesto]

  • Origini: XVIII secolo, USA. Influenzato dal metodismo e dal Risveglio.
  • Dottrina: interpretazione letterale della Bibbia, predicazione ed "effusioni dello Spirito Santo".
  • Sacramenti: battesimo e Cena del Signore (solo simbolico).
  • Diffusione: 90 milioni di fedeli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Protestantesimo su "Dizionario di Storia" (2011), a cura di Gianni Long, Treccani.
  2. ^ Protestantesimo su "Enciclopedia del Novecento" (1980), a cura di Heinz-Horst Schrey, Treccani.
  3. ^ (EN) Definizione di "protestante" sul dizionario Merriam-Webster
  4. ^ Campi, p. 14-17
  5. ^ Campi, p. 21-22
  6. ^ Ferrario, Gajewski, p. 74
  7. ^ Ferrario, Jourdan, p. 9
  8. ^ Ferrario, Jourdan, p. 42
  9. ^ Lutero citato in Atkinson, p. 125-136
  10. ^ Ferrario, Jourdan, p. 54
  11. ^ Lutero, citato in McGrath, p. 138
  12. ^ McGrath, p. 126-127
  13. ^ McGrath, p. 128
  14. ^ McGrath, p. 129
  15. ^ Ferrario, Jourdan, p. 68
  16. ^ McGrath, p. 172
  17. ^ McGrath, p. 172-174 Afferma Calvino, citato da McGrath: "La differenza tra noi e i papisti sta nel fatto che essi credono che la chiesa non possa essere la colonna e il fondamento della verità se essa non signoreggia la Parola di Dio. Ma noi, al contrario, afferiamo che, solo in quanto essa si inchina reverente dinanzi alla Parola di Dio, può preservarla e trasmetterla ad altri".
  18. ^ McGrath, p. 164-165
  19. ^ McGrath, p. 174-176
  20. ^ McGrath, p. 171
  21. ^ McGrath, p. 181
  22. ^ McGrath, p. 187
  23. ^ Catechismo della Chiesa Cattolica
  24. ^ Penna, Ronchi, p. 257-258
  25. ^ McGrath, p. 191-193
  26. ^ Martin Lutero, La cattività babilonese della chiesa (1520) in G. Panzieri Saija (a cura di), Scritti politici, 2ª ed., Torino, UTET, 1959.
  27. ^ Penna, Ronchi, p. 256
  28. ^ Ferrario, Gajewski, p. 95
  29. ^ Tourn 1977, p. 79-174
  30. ^ Campi, p. 70-74
  31. ^ Campi, p. 56-57
  32. ^ Tourn 1992, p. 10
  33. ^ Ferrario, Gajewski, p. 83-84
  34. ^ Ferrario, Gajewski, p. 84-85
  35. ^ Ferrario, Gajewski, p. 87
  36. ^ http://www.wcrc.ch/ World Communion of Reformed Churches (WCRC)
  37. ^ Ferrario, Gajewski, p. 94
  38. ^ http://www.chiesavaldese.org/pages/credo/patto_integraz.php Chiesa evangelica valdese - Patto d'integrazione
  39. ^ Ferrario, Gajewski, p. 88
  40. ^ Ronchi, p. 218-219
  41. ^ a b Ferrario, Gajewski, p. 89
  42. ^ Le religioni in Italia: la Comunione anglicana (cesnur.org). URL consultato il 2 aprile 2013.
  43. ^ Bouchard, p. 63
  44. ^ Bouchard, p. 69
  45. ^ Bouchard, p. 69-70
  46. ^ Baptist World Alliance - Statistics. URL consultato il 18 dicembre 2013.
  47. ^ Bouchard, p. 71
  48. ^ Origini della Chiesa Avventista - Gli Avventisti Rispondono, Chiesa Cristiana Avventista del 7º giorno. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  49. ^ a b Scheda - La Chiesa cristiana avventista del settimo giorno, FCEI. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  50. ^ (ES) La Alianza Evangélica Mundial no considera `evangélica´ a la Iglesia Adventista (Protestante digital). URL consultato il 4 ottobre 2013.
  51. ^ Punti dottrinali, Avventisti.it. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  52. ^ Gianni Long, Le intese con le chiese evangeliche. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  53. ^ Primo convegno nazionale del percorso interculturale LINFA, Agenzia stampa NEV - Notizie Evangeliche. URL consultato il 4 ottobre 2013.
    Pubblicazioni della Settimana della libertà, FCEI. URL consultato il 4 ottobre 2013.
  54. ^ Ansel Oliver, Secretary: Now 16.6 Million Members, But Challenging Regions Loom Large, Adventist News. URL consultato il 30 ottobre 2013.
  55. ^ Intervista a Richard Elofer, presidente della Chiesa avventista israeliana, Radio voce della speranza. URL consultato il ottobre 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emidio Campi, Nascita e sviluppi del protestantesimo (secoli XVI-XVIII). in Giovanni Filoramo; Daniele Menozzi (a cura di), Storia del cristianesimo. L'età moderna, 3ª ed., Roma-Bari, Laterza, 2008, ISBN 978-88-420-6560-9.
  • Martin Lutero, Divi Pauli apostoli ad romanos Epistola, manoscritto, 1515-1516.
  • Valdo Vinay, La Riforma protestante, Flero, Paideia, 1970.
  • Roland H. Bainton, La Riforma protestante, Torino, Einaudi, 1980.
  • Aurelio Penna, Sergio Ronchi, Il protestantesimo - La sfida degli evangelici in Italia e nel mondo, Milano, Feltrinelli, 1981.
  • James Atkinson, Lutero - La parola scatenata, 2ª ed., Torino, Claudiana, 1983.
  • Salvatore Caponetto, La Riforma protestante nell'Italia del Cinquecento, Torino, Claudiana, 1992.
  • Alister E. McGrath, Il pensiero della Riforma, 3ª ed., Torino, Claudiana, 1999.
  • Fulvio Ferrario, William Jourdan, Per grazia soltanto. L'annuncio della giustificazione, Torino, Claudiana, 2005, ISBN 88-7016-596-5.
  • Fulvio Ferrario, Pavel Gajewski, Il protestantesimo contemporaneo, Roma, Carocci, 2007, ISBN 978-88-430-4335-4.
  • Giorgio Tourn, I Valdesi. La singolare vicenda di un popolo-chiesa, Torino, Claudiana, 1977.
  • Ermanno Genre, Sergio Rostagno; Giorgio Tourn, Le chiese della Riforma. Storia, teologia, prassi, Cinisello Balsamo, San Paolo, 2001.
  • Giorgio Bouchard, Chiese e movimenti evangelici del nostro tempo, Prefazione di Giorgio Tourn, 3ª ed., Torino, Claudiana [1992], 2006, ISBN 978-88-7016-670-5.
  • Heinz-Horst Schrey, Protestantesimo, Enciclopedia del Novecento (1980), Treccani.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]