Fratelli di Gesù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

I fratelli di Gesù sono menzionati in alcuni brani del Nuovo Testamento e in alcuni scritti di autori cristiani successivi. Sono quattro maschi (Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda) e un imprecisato numero di sorelle (anonime). Data la sporadicità degli accenni e la polisemia del termine "fratello" nelle lingue semitiche[1] sono state proposte diverse interpretazioni:

  • che fossero figli di Maria e di Giuseppe;
  • che fossero figli di un matrimonio precedente di Giuseppe;
  • che fossero cugini di Gesù.

Dal punto di vista confessionale, sono in genere considerati fratelli dalle Chiese protestanti, fratellastri dagli ortodossi e cugini dai cattolici.

Riferimenti ai fratelli di Gesù nel Nuovo Testamento[modifica | modifica sorgente]

Il Nuovo Testamento cita in alcuni brani i "fratelli" di Gesù[2]. Secondo Robert Funk del Jesus Seminar nel Vangelo secondo Marco la madre e i "fratelli" di Gesù furono inizialmente scettici nel ministero di Gesù ma poi divennero parte del movimento Cristiano[3], tuttavia l'episodio in Marco semplicemente indica che i fratelli e la madre volevano parlare con Gesù mentre stava predicando, e non parlano di un vero e proprio rifiuto esplicito, quindi il testo si presta facilmente a diverse interpretazioni.[1] Gli episodi dell'Annunciazione in 1,28-38 e delle Nozze di Cana in 2,1-5 sembrerebbero escludere una mancanza di fiducia della madre nei confronti del ministero di Gesù. Giacomo, il "fratello del Signore," presiedette la chiesa di Gerusalemme dopo che gli apostoli si dispersero[4]. I parenti di Gesù probabilmente esercitarono qualche forma di leadership tra le vicine comunità cristiane fino a che i Giudei furono espulsi dalla regione con la fondazione di Aelia Capitolina[4].

I passi del Nuovo Testamento in cui si parla esplicitamente di αδελφόι (fratelli) di Gesù sono:

« Giunsero sua madre e i suoi fratelli e, stando fuori, lo mandarono a chiamare. Tutto attorno era seduta la folla e gli dissero: «Ecco tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle sono fuori e ti cercano». Ma egli rispose loro: «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?». Girando lo sguardo su quelli che gli stavano seduti attorno, disse: «Ecco mia madre e i miei fratelli! Chi compie la volontà di Dio, costui è mio fratello, sorella e madre »   (Marco 3,31-34;Mt12,46-50;Lc8,19-21)
  • un altro episodio narrato sinotticamente da Marco e Matteo e in cui sono anche riferiti nomi dei fratelli (nel passo parallelo di Luca 4,22 Gesù è definito semplicemente "figlio di Giuseppe", senza altre indicazioni di parentela):
« Non è costui il falegname, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non stanno qui da noi?». E si scandalizzavano di lui. Ma Gesù disse loro: «Un profeta non è disprezzato che nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua »   (Marco 6,3-4;Mt13,55-56)
  • un accenno e un episodio contenuti in Giovanni:
« Dopo questo fatto, discese a Cafarnao insieme con sua madre, i fratelli e i suoi discepoli e si fermarono colà solo pochi giorni. »   (Giovanni 2,12)
« I suoi fratelli gli dissero: «Parti di qui e va' nella Giudea perché anche i tuoi discepoli vedano le opere che tu fai. Nessuno infatti agisce di nascosto, se vuole venire riconosciuto pubblicamente. Se fai tali cose, manifèstati al mondo!». Neppure i suoi fratelli infatti credevano in lui. Gesù allora disse loro: «Il mio tempo non è ancora venuto, il vostro invece è sempre pronto. Il mondo non può odiare voi, ma odia me, perché di lui io attesto che le sue opere sono cattive. Andate voi a questa festa; io non ci vado, perché il mio tempo non è ancora compiuto». Dette loro queste cose, restò nella Galilea. Ma andati i suoi fratelli alla festa, allora vi andò anche lui; non apertamente però: di nascosto. »   (Giovanni 7,3-10)
« Gesù le disse: «Non trattenermi, perché non sono ancora salito al Padre; ma va' dai miei fratelli, e di' loro: "Io salgo al Padre mio e Padre vostro, al Dio mio e Dio vostro"». Maria Maddalena andò ad annunciare ai discepoli che aveva visto il Signore, e che egli le aveva detto queste cose. »   (Giovanni 20,17-18)
« Tutti questi erano assidui e concordi nella preghiera, insieme con alcune donne e con Maria, la madre di Gesù e con i fratelli di lui. »   (Atti 1,14)
« Non abbiamo il diritto di portare con noi una donna credente, come fanno anche gli altri apostoli e i fratelli del Signore e Cefa? »   (1 Corinzi 9,5)
« degli apostoli non vidi nessun altro, se non Giacomo, il fratello del Signore. »   (Galati 1,19)

(Secondo la versione della Bibbia di Re Giacomo, la Nuova Riveduta ed alcune delle più importanti traduzioni conosciute, in uso presso i protestanti o presso i Testimoni di Geova, nella Prima lettera ai Corinzi 9,5 si fa riferimento alle mogli dei "fratelli di Gesù" e degli apostoli. Nella traduzione biblica CEI a cura della Conferenza Episcopale Italiana, in uso presso la Chiesa cattolica, il versetto di Paolo di Tarso fa riferimento ad alcune donne che svolgevano la funzione di collaboratrici degli apostoli).

Un esame limitato a questi passi del Nuovo Testamento conduce alle seguenti considerazioni:

  • i nomi dei quattro fratelli sono Giacomo, Ioses (variante ellenista di Giuseppe), Giuda e Simone;
  • fratelli e sorelle appaiono sempre in compagnia di Maria, madre di Gesù. Di loro però non viene mai indicata una parentela diretta con Maria o Giuseppe. Solo Gesù viene indicato come "figlio di Maria", "il figlio di Maria" o "figlio di Giuseppe"[5].

Riferimenti in Giuseppe Flavio[modifica | modifica sorgente]

Giuseppe Flavio fu uno storico ebreo naturalizzato romano del I secolo, che scrisse le Antichità giudaiche, opera di grande importanza per conoscere gli eventi della storia ebraica dell'epoca. Giuseppe cita Giacomo come fratello di Gesù nel libro XX, capitolo 9, in cui, parlando del processo a Giacomo il Giusto, scrive:

« Anano [...] convocò i giudici del Sinedrio e introdusse davanti a loro un uomo di nome Giacomo, fratello di Gesù, che era soprannominato Cristo, e certi altri, con l'accusa di avere trasgredito la Legge, e li consegnò perché fossero lapidati. »
(Flavio Giuseppe, Antichità giudaiche, xx.200)

Riferimenti negli autori paleocristiani[modifica | modifica sorgente]

Oltre al Nuovo Testamento, altre citazioni dell'espressione "fratelli di Gesù", o comunque riferite a suoi presunti parenti, si ritrovano in Eusebio di Cesarea nella sua Storia ecclesiastica, scritta in greco e databile tra il 323 e il 326.

Nella sua opera, fondamentale nello studio della storia della Chiesa primitiva, Eusebio riporta quanto scritto da due autori cristiani più antichi, Egesippo, vissuto nel II secolo in Palestina, e Sesto Giulio Africano.

Egesippo, citato da Eusebio, parla di Cleofa fratello di Giuseppe (il padre di Gesù nda)[6], ed in seguito aggiunge[7]:

'καὶ μετὰ τὸ μαρτυρῆσαι Ἰάκωβον τὸν δίκαιον'
e dopo l'essere martirizzato Giacomo il Giusto,
'ὡς καὶ ὁ κύριος ἐπὶ τῷ αὐτῷ λόγῳ'
come anche il Signore, secondo lo stesso racconto,
'πάλιν ὁ ἐκ θείου αὐτοῦ'
ancora il (figlio nda) dello zio di lui (del Signore nda),
'Συμεὼν ὁ τοῦ Κλωπᾶ καθίσταται ἐπίσκοπος'
Simeone, il (figlio nda) di Clopa, sedette vescovo,
'ὃν προέθεντο πάντες'
il quale proposero tutti,
'ὄντα ἀνεψιὸν τοῦ κυρίου δεύτερον'.
essendo cugino del Signore secondo (Traduzione letterale)[8][9][10][11][12][13][14][15][16].

Sesto Giulio Africano, uno scrittore dell'inizio del terzo secolo, fa riferimento ai presunti parenti di sangue di Gesù, che erano a quel tempo ancora vivi, chiamandoli desposini (dal greco δεσπόσυνοι, plurale di δεσπόσυνος, che significa "di o appartenente al maestro o al signore"[17]). Alcuni di questi desposini, secondo Sesto Giulio Africano e altri autori paleocristiani, hanno occupato, anche in una fase relativamente tardiva, posizioni di speciale prestigio nella Chiesa cristiana delle origini.

Un'altra citazione in merito è rintracciabile in San Girolamo che, rispondendo a Elvidio per cui i 'fratelli' erano fratelli carnali, scrive nel suo De Viris illustribus: «Giacomo, chiamato fratello del Signore, soprannominato il Giusto, alcuni ritengono che fosse figlio di Giuseppe con un'altra moglie ma a me pare piuttosto il figlio di Maria sorella della madre di nostro Signore di cui Giovanni fa menzione nel suo libro». [2]

Dichiarazioni di Sesto Giulio Africano[modifica | modifica sorgente]

I riferimenti di Sesto Giulio Africano ai Desposini sono conservati nella Storia ecclesiastica di Eusebio di Cesarea:[18]

« Poiché i familiari carnali di nostro Signore, o per il desiderio di vantarsi, o semplicemente desiderando dichiarare un fatto, ma in ogni caso fedelmente, hanno tramandato il seguente racconto... Ma dato che erano state conservate negli archivi fino a quel momento le genealogie degli Ebrei così come di coloro che fanno risalire la loro linea di sangue fino ai proseliti, come Achior l'Ammonita e Ruth la Moabita, e a coloro che si erano mescolati agli Israeliti ed erano fuggiti dall'Egitto con essi, Erode, poiché la linea di sangue degli Israeliti non costituì alcun vantaggio per lui, e dato che egli fu incitato dalla coscienza della propria vile estrazione, bruciò tutti i documenti relativi alla propria genealogia, ritenendo che potesse apparire di nobile origine se nessun altro fosse stato in grado, attraverso i registri pubblici, di far risalire la propria linea di sangue indietro nel tempo fino ai patriarchi o ai proseliti, e a quelli mescolati con essi, che erano chiamati Geore. Alcuni dei più attenti, avendo ottenuto i registri privati da loro stessi, sia ricordando i nomi o prelevandoli in qualche altro modo dai registri, sono orgogliosi di preservare la memoria della loro nobile estrazione. Tra questi ci sono quelli già citati, chiamati Desposini, per i rapporti con la famiglia del Salvatore. Provenienti da Nazara e Cochaba, villaggi della Giudea, ed essendosi diffusi in altre parti del mondo, essi ricavarono la predetta genealogia dalla memoria e dal libro delle registrazioni giornaliere quanto più possibile fedelmente. Se quindi il fatto è questo o meno nessuno è in grado di fornire una spiegazione migliore, in base alla mia opinione, e quella di un'altra persona sincera. E questo deve bastarci, poiché, sebbene noi possiamo reclamare alcuna testimonianza a suo sostegno, non abbiamo niente di meglio o di più vero da offrire. Ad ogni modo i Vangeli affermano la verità. " E alla fine della stessa epistola egli aggiunge queste parole: "Matthan, che discendeva da Salomone, generò Giacobbe. E quando Matthan morì, Melchi, che discendeva da Nathan generò Elia dalla stessa donna. Elia e Giacobbe furono pertanto fratelli uterini. Elia morì senza figli, per cui Giacobbe procreò a lui dei, generando Giuseppe, suo figlio per la natura, ma figlio di Elia per la Legge. Così Giuseppe fu figlio di entrambi." »
(Eusebio)

Dichiarazioni di Egesippo[modifica | modifica sorgente]

Eusebio preservò anche un estratto da un'opera di Egesippo (c.110-c.180), che scrisse cinque libri (andati perduti tranne che per qualche citazione riportata da Eusebio) di Commentari sugli Atti della Chiesa. L'estratto fa riferimento al periodo che va dal regno di Domiziano (81-96) a quello di Traiano (98-117):[19]

« Dei congiunti del Signore, sopravvivevano ancora i due nipoti di Giuda, che era considerato suo parente carnale. Essi furono denunciati come appartenenti alla famiglia di Davide, ed Evocato li condusse davanti a Domiziano Cesare: perché quell'imperatore temeva l'avvento di Cristo, come era capitato a Erode.

Egli chiese dunque loro se erano parte della famiglia di Davide; ed essi confessarono di esserlo. Quindi egli chiese loro che proprietà avessero o quanto denaro possedessero. Entrambi risposero che possedevano solo 9000 denari tra tutti e due, ciascuno di essi possedendo metà della somma; ma dissero anche che non li possedevano in liquidi, ma come stima di un terreno che essi possedevano, consistente in 100 plethra (pari a circa 3500 metri), dalla quale dovevano pagare le tasse, e che mantenevano con il loro lavoro. A questo punto essi sporsero in fuori le loro mani mostrando, come prova del loro lavoro manuale, la ruvidezza della loro pelle, e i calli cresciuti sulle loro mani a causa del loro costante lavoro.

Richiesti quindi di parlare di Cristo e del Suo regno, quale fosse la sua natura, e quando e dove sarebbe apparso, essi dissero che esso non era di questo mondo, né della terra, ma appartenente alla sfera del cielo e degli angeli, e che avrebbe fatto la sua comparsa alla fine dei tempi, quando Egli sarebbe tornato in gloria, a giudicare i vivi e i morti e a rendere a ciascuno secondo il corso della propria vita.

A questo punto Domiziano non li condannò, ma li trattò con disprezzo, perché troppo poco degni di considerazione, e li mandò liberi. Contestualmente emise un ordine, e mise fine alle persecuzioni contro la Chiesa.

Quando essi furono rilasciati essi divennero capi delle chiese, come era naturale nel caso di coloro che erano al contempo martiri e congiunti del Signore. E, dopo la restituzione della pace alla Chiesa, le loro vite si prolungarono fino al regno di Traiano. »

(Eusebio)
Giacomo il Giusto, il cui giudizio fu adottato nel Decreto Apostolico di Atti 15:19-29. c. 50 d.C.

La dichiarazione di Egesippo dice che i due Desposini che vennero portati davanti a Domiziano divennero " capi delle chiese ". Anche in un'epoca precedente, Giacomo, noto come "fratello del Signore",[20] e che si dice fu premiato con una speciale apparizione da parte di Gesù risorto,[21] fu, con San Pietro un capo della chiesa a Gerusalemme e, quando Pietro partì, Giacomo appare come la principale autorità e fu tenuto in grande considerazione dai Giudeo-cristiani.[22] Egesippo riporta che egli fu giustiziato dal Sinedrio nel 62.[22]

È possibile che altri eventuali parenti di Gesù godessero di qualche forma di responsabilità all'interno delle vicine comunità Cristiane, fino a che tutti i Giudei furono espulsi dalla regione dopo la rivolta Giudea durante il regno di Adriano.[4]

Vi è inoltre un'altra citazione nella Storia Ecclesiastica di Eusebio, riferita a Giacomo:

« In quel tempo Giacomo, detto fratello del Signore, poiché anch'egli era chiamato figlio di Giuseppe - e Giuseppe era padre di Cristo e la Vergine sua promessa sposa, la quale, prima che fossero venuti a stare insieme, si trovò incinta per opera dello Spirito Santo, come insegna il sacro testo evangelico -, questo stesso Giacomo, dunque, soprannominato dagli antichi anche il Giusto in virtù dei suoi meriti, fu il primo, dicono, ad occupare il trono episcopale della Chiesa di Gerusalemme »

Visione generale[modifica | modifica sorgente]

Una deduzione che si potrebbe ricavare dalla lettura del Nuovo Testamento è che i fratelli di Gesù fossero figli di Maria e Giuseppe nati dopo Gesù[23]. Tertulliano[24] ed Elvidio esaminarono questo punto di vista[23]. Egesippo e San Girolamo[23] ribadivano che questi uomini erano figli del fratello di Giuseppe (Egesippo) o della "sorella" di Maria (San Girolamo), anch'ella chiamata Maria, come si evince dal testo neotestamentario[25]. Epifanio di Salamina e la Chiesa orientale considerano questi fratelli come figli di Giuseppe avuti da un precedente matrimonio[23] Una proposta moderna considera questi uomini come figli di Clopa (fratello di Giuseppe secondo Egesippo) e un'altra Maria (non identificata con la sorella della madre di Gesù).[23].

Nel credo originario cattolico e ortodosso, Maria soltanto viene considerata genitrice di sangue, esprimendo la verità di fede della Verginità perpetua di Maria, Giuseppe solo un padre putativo, e il resto come parenti stretti, come fratellastri o cugini[26]. Secondo l'impostazione protestante, i desposini comprendono sua madre Maria, suo cugino Giovanni Battista (Luca), e i suoi possibili fratelli. Nel credo ebionita, Giuseppe fu considerato come padre biologico di Gesù[senza fonte].

I cristiani danno interpretazioni divergenti di su quali potessero essere i rapporti tra i membri della famiglia di Gesù nominati in 13:55 e 6:3. La Chiesa Cristiana d'Oriente, seguendo Eusebio e Sant'Epifanio, ritiene che essi fossero figli di Giuseppe avuti da una (non tramandata) prima moglie[27]. All'interno della Chiesa Cattolica Romana, molti concordano che essi fossero cugini di Gesù, figli dell'altra Maria, moglie di Cleopa, quelli appunto menzionati sulla base di 15:40, 16:1, 19:25 e 1. Egesippo disse che Clopa era il fratello di Giuseppe, e Simone era cugino di Gesù. I simboli di fede originali concordano con la tradizione secondo la quale Maria rimase perpetuamente vergine[28], non avendo pertanto altri figli biologici prima o dopo Gesù. Mentre i riformati Lutero[29] Calvino[30] e Zwingli[31] così come dal fondatore del Metodismo Wesley[32] hanno affermato la verginità perpetua di Maria, la maggior parte dei Protestanti del XXI secolo ritiene che questi familiari fossero figli biologici di Maria e Giuseppe[33][34].


Il dibattito nei primi secoli[modifica | modifica sorgente]

Il riferimento all'espressione “fratelli di Gesù” fu utilizzato, a partire dalla seconda metà del IV secolo, in relazione al dogma della perpetua verginità di Maria. Le comunità che svilupparono questa teoria, contrassegnate successivamente come eretiche dai Padri della Chiesa[35][36][37], sostenevano l'esistenza di veri fratelli carnali di Gesù, quindi figli di Maria. Tertulliano fu verosimilmente tra i primi autori a mettere in discussione la perpetua verginità di Maria, madre di Gesù, ed è citato da vari autori moderni come un probabile[38] o "aperto"[39] sostenitore dell'esistenza dei fratelli di Gesù[40][41]. Tuttavia dalla traduzione delle sue opere Contro Marcione[42], La carne di Cristo[43], Sulla monogamia[44], Sulla velazione delle vergini[45], non si ravvisano espliciti riferimenti ai fratelli di Gesù intesi come figli di Maria, il che lascia supporre che la diatriba non sorse prima della seconda metà del IV secolo. Tra le prime predicazioni che confutavano la verginità di Maria attribuendogli altri figli, appunto fratelli di Gesù, si ricorda infatti quella di Eunomio, vescovo di Cizico ed uno dei principali esponenti dell'arianesimo che, nel 360[46], riconosceva a Gesù fratelli e sorelle carnali incontrando la confutazione teologica di San Basilio prima e di sant’Epifanio dopo[47]. Altro esponente vicino all'arianesimo[48] che sostenne la tesi dei fratelli di Gesù fu Elvidio, classificato tra gli eretici da Sant’Agostino[49], la cui predicazione, partendo dall'assunto che Maria aveva avuto parecchi figli, intendeva dimostrare che la verginità non è superiore al matrimonio, e che quindi Maria andrebbe lodata anche come “madre di famiglia esemplare”[47]. La confutazione delle tesi di Elvidio avvenne, tra gli altri, ad opera di San Girolamo[50]. Sempre nel IV secolo Bonoso[51], vescovo Naisso, negò la perpetua verginità di Maria, madre di Gesù, incontrando l'opposizione di sant'Ambrogio[52], il quale scrisse nel merito anche una lettera ai vescovi dell'Illiria[47]. Successivamente Gioviniano[53] rilanciò le stesse argomentazioni e fu contrastato da sant'Ambrogio[54] e da Agostino[55].

I "fratelli di Gesù" dal Medioevo alla Riforma protestante[modifica | modifica sorgente]

Successivamente alla contestazione degli eretici, l'interpretazione dei “fratelli di Gesù” come cugini restò dominante nella Chiesa occidentale a partire dalla fine del IV secolo[56]. Cassiodoro (485-580) considera questa interpretazione come acquisita, e i teologi del Medioevo la accolsero con poche eccezioni (alcuni, nel Seicento, argomentarono che Giacomo il Giusto non era la stessa persona di Giacomo figlio di Alfeo, ma non sembra avessero elaborato una teoria chiara e completa sui fratelli di Gesù)[27]. Solo con la Riforma Protestante l'interpretazione sui fratelli carnali di Gesù riemerse, ma non subito. I primi riformati infatti mantennero la tradizionale posizione della Chiesa Cattolica e quindi di San Girolamo, con le sole eccezioni di Ugo Grozio (che preferiva la soluzione dei fratellastri di Epifanio in auge nella Chiesa orientale) e Hammond (1660)[27]. Fu quindi nel XVIII secolo che l'interpretazione dei fratelli di Gesù come cugini fu messa in discussione dai riformati, che riproposero la teoria di Elvidio dei fratelli carnali[27], fino ad arrivare a Theodor Zahn[57]. Quasi tutte le chiese del variegato mondo protestante e dei Testimoni di Geova avallano questa posizione.

Il dibattito nell'esegesi moderna[modifica | modifica sorgente]

L'esegesi moderna si è occupata a lungo della diatriba[58].

Tra gli autori favorevoli all'ipotesi dell'esistenza dei fratelli di Gesù il teologo inglese Joseph Barber Lightfoot[59] e il teologo protestante tedesco David Friedrich Strauss, secondo il quale non esistono motivi concreti per negare questa possibilità[60]. Strauss precisa che sotto la croce, “sia per circostanze esterne sia per ragioni interne e morali, Gesù poteva preferire di affidare sua madre a Giovanni anziché ai fratelli suoi”, confutando quindi uno degli argomenti degli esegeti che negano l'esistenza dei “fratelli di Gesù” intesi come fratelli carnali.

Gli studiosi Mauro Pesce e Adriana Destro[61] parlano dei “fratelli di Gesù” come fratelli di sangue, in quanto “nessun testo canonico precisa che non si tratti dei figli di Maria e Giuseppe”.

John P. Meier[62] ritiene che "l'opinione più probabile sia che i fratelli e le sorelle di Gesù fossero fratelli veri".

Robert Eisenman concorda con questa posizione, ritenendo che Gesù ebbe dei fratelli il più noto dei quali era Giacomo il Giusto[63].

Ernest Renan[64] ritenne inizialmente che “Gesù aveva fratelli e sorelle, di cui pare egli fosse l'anziano”, salvo poi ritrattare la sua posizione[65].

Anche lo studioso e teologo Hans Küng[66] sostiene la lettura dei 4 fratelli carnali di Gesù: "Il fratello del Signore Giacomo, così denominato perché era probabilmente il più anziano dei quattro fratelli carnali di Gesù - da non confondere con Giacomo figlio di Zebedeo, fratello di Giovanni, che apparteneva ai Dodici e verso il 43 era stato Giustiziato da Erode Agrippa".

Altri studiosi ed esegeti rigettano questa tesi.

Tra loro Rudolf Schnackenburg, secondo cui "la totalità degli studiosi protestanti" identifica i fratelli di Gesù come "veri e propri fratelli e sorelle carnali, ma vi sono forti motivi per pensare che invece siano intesi dei parenti in senso più largo, come possono essere cugini e cugine"[67].

Secondo il biblista francese Frédéric Manns[5], "solo Gesù nei vangeli è detto figlio di Maria", e i cosiddetti fratelli di Gesù "non vengono mai chiamati figli e figlie di Maria". Lo stesso autore sottolinea come "Gesù non avrebbe mai affidato sua madre a Giovanni ai piedi della croce se avesse avuto altri fratelli di sangue". Inoltre se Maria avesse avuto altri figli "non avrebbe mai potuto lasciare i suoi per stabilirsi coi discepoli". Probabilmente, conviene Manns, i “fratelli di Gesù” erano “figli di una Maria che non era la madre di Gesù”.

Sulla stessa falsariga il teologo Francesco Trisoglio, secondo cui i "fratelli di Gesù" sarebbero i figli di Cleopa, fratello di San Giuseppe e, poiché Giuseppe morì presto, "Maria e Gesù si unirono alla famiglia del parente più prossimo", i cui figli, "cresciuti insieme a Gesù, furono naturalmente dalla popolazione chiamati fratelli e sorelle anche perché in aramaico mancava un termine proprio per indicare i cugini"[37].

Altri autori hanno tentato di analizzare il testo greco dei vangeli presupponendo un originale aramaico alla loro base. Tra loro Josè Miguel García della "scuola di Madrid"[68], il quale fa notare che in 2,12 la congiunzione greca kai è determinante. Nel passo giovanneo ("Dopo questo, Egli discese a Capernaum con sua madre, i suoi fratelli e (kai) i suoi discepoli; ed essi rimasero lì pochi giorni") Garcia sottolinea che il kai corrisponde al waw aramaico, "che spesso corrisponde alla congiunzione copulativa 'e'. Ma in questo caso - scrive l'autore - era esplicativo e il suo equivalente italiano deve essere ‘cioè, vale a dire, ossia, ecc.’. Questa particella ci fa vedere tutto in modo diverso"[68]. Per Garcia anche nell'episodio del processo di Gesù alla congiunzione greca kai corrisponde il waw aramaico, in 15,1: “Al mattino i sommi sacerdoti, con gli anziani, gli scribi e (kai) tutto il sinedrio, dopo aver tenuto consiglio, misero in catene Gesù, lo condussero e lo consegnarono a Pilato”. Tuttavia è nell'episodio dell'apparizione a Maddalena che, secondo Garcia, si troverebbe un indizio importante utile al dibattito sui fratelli di Gesù. Il passo è 20,17-18: “«Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va dai miei fratelli e dì loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro». Maria di Màgdala andò subito ad annunziare ai discepoli: «Ho visto il Signore» e anche ciò che le aveva detto”. Secondo Garcia “Giovanni non potrebbe essere più chiaro sull'identità tra fratelli di Gesù e discepoli”[68].

Anche il teologo belga Jean Galot[47] ha preso posizione nel dibattito: secondo questo autore "se i fratelli di Gesù non fossero stati dei cugini avrebbero dovuto essere più giovani di Gesù", in quanto il vangelo lo definisce primogenito, mentre "si consta che essi si comportano da fratelli maggiori soprattutto quando esprimono l'intenzione di ricondurre a casa Gesù (Mc 3,21.21-35)". Galot sottolinea come Gesù è chiamato "il figlio di Maria" come se ve ne fosse uno solo (Mc 6,3), e "due dei fratelli, Giacomo e Simone, sono figli di un'altra Maria (Mt 27,56 e Mc 15,40)". Per Galot è probabile che Maria madre di Giacomo e Giuseppe sia identica a Maria moglie di Cleofa (Gv 19,25): ella era cognata di Maria madre di Gesù, “infatti, secondo le informazioni fornite da Egesippo, bene al corrente della tradizione di Gerusalemme, Cleofa era il fratello di Giuseppe. Giacomo e Giuseppe sarebbero quindi cugini di Gesù, e sembra probabile che Simone e Giuda appartengano alla stessa famiglia benché non si possa avere certezza su questo punto”[47][69].

Per Roberto Coggi, teologo domenicano[70], “che i fratelli di Gesù siano cugini risulta da numerosi indizi”, e cita, tra gli altri, il fatto che “i fratelli risultano formare un gruppo numeroso: in 13,55 si parla di 4 fratelli e di 'tutte le sue sorelle'. L'espressione 'tutte', come fa notare San Girolamo, si dice solo di una moltitudine”. Coggi sottolinea che Giacomo e Giuseppe “fratelli di Gesù” (Mt 13,55) “sono figli di una Maria discepola di Cristo (Cfr Mt 27,56) la quale è designata in modo significativo come ‘l'altra Maria’ (Cfr. Mt 28,1)”[70].

Tra gli autori, i biblisti e gli esegeti russi, o comunque riconducibili al mondo degli ortodossi, trova invece ampio riscontro la tesi di Epifanio, secondo cui Giuseppe, padre di Gesù, ebbe almeno 6 figli in un suo precedente matrimonio. Tra gli autori russi che si ritrovano su questa posizione si ricordano Bieliaev, il vescovo Alexis Novoslov, Jaroscevsky, Glubokovsky, Orlin ed altri[27].

Questioni preliminari[modifica | modifica sorgente]

Uso del termine "fratello" e derivati nella Bibbia[modifica | modifica sorgente]

Il termine 'fratello' e derivati è largamente usato nella Bibbia e non sempre con lo stesso significato.

Testo masoretico[modifica | modifica sorgente]

Nei 39 libri che compongono il testo masoretico, detto anche Antico Testamento ebraico, il termine ebraico e aramaico אח ('ah, si veda l'omofono e omologo arabo ﺍﺥ e siriaco ܐܚ) compare 635 volte, includendo i derivati (plurale, stato costrutto singolare e plurale, forma con suffisso pronominale). Secondo il Lexicon Hebraicum et aramaicum veteris testamenti dello Zorell, il termine può avere 12 significati diversi (l'ebraico biblico contiene numerosi esempi di parole ampiamente polisemiche, cioè dai più significati). In particolare:

  • "fratellastro", cioè fratello dello stesso padre ma madre diversa: ad esempio i dodici figli che Giacobbe ebbe da quattro donne diverse (Genesi 35,22-26;37,4;42,3;42,4;42,13);
  • "parente" o "cugino", cioè generico appartenente alla cerchia familiare (cugino di vario grado, nipote = figlio del figlio, nipote = figlio del fratello): ad esempio Abramo chiamava 'fratello' suo nipote (figlio del fratello) Lot (Genesi 11,27;13,8;14,14;14,16), e lo stesso dicasi per Labano verso suo nipote Giacobbe (Genesi 29,15). In 1 Cronache 23,22 il termine 'fratelli' viene usato per indicare i figli del fratello del padre, cioè i cugini di primo grado; in Levitico 10,4 indica i figli del cugino di primo grado;
  • "prossimo", cioè individuo di pari grado sociale verso il quale si hanno precisi obblighi morali: ad esempio Geremia 9,3; Ezechiele 47,14;

Settanta[modifica | modifica sorgente]

Nel greco classico precristiano (v. ad esempio Euripide, Erodoto, Platone, Senofonte), lingua molto più complessa ed articolata dell'ebraico biblico, il termine αδελφός e derivati (in particolare il femminile αδελφή, sorella) occupa un campo semantico molto limitato, indicando solitamente i figli degli stessi genitori o, al più, con un solo genitore comune (italiano 'fratellastro'). L'etimologia è connessa a δελφύς (utero) + α da indoeuropeo *sm̥ "uno, unico, stesso", quindi lett. 'figli dello stesso utero'. Già nel greco classico, tuttavia, il significato è più ampio, similmente all'italiano 'fratello': non indica solo i figli della stessa madre, ma anche quelli dello stesso padre. Se il termine è applicato fuori dall'immediata sfera familiare lo è con intento elogiativo o iperbolico.

È fondamentale evidenziare che tale accezione semantica ristretta del termine αδελφός e derivati propria del greco classico potrebbe non essere applicata in toto ai successivi testi redatti in greco ellenistico di matrice semita, in primis la Settanta (o LXX, traduzione greca del testo masoretico più altri scritti, detti deuterocanonici, realizzata tra III e I secolo a.C.) e soprattutto il Nuovo Testamento. In tali opere infatti il testo è impregnato di semitismi, vale a dire particolari fenomeni sintattici, linguistici, morfologici propri delle lingue semitiche (ebraico e aramaico), ma estranei alla lingua greca. Si potrebbe dire che gli scrittori della Settanta e del Nuovo Testamento hanno interpretato, con lettere e parole greche, frasi e significati semitici.

Come esempi dei vari significati del termine αδελφός nella LXX, che compare 926 volte al maschile e 122 al femminile, possono essere pertanto esaminati gli stessi loci esemplificativi indicati a proposito del testo masoretico, in quanto nei restanti libri deuterocanonici il termine non si colora di altre sfumature particolari.

Nuovo Testamento[modifica | modifica sorgente]

I 27 libri del Nuovo Testamento, al pari della LXX, sono scritti in un greco ellenistico caratterizzato da numerosi semitismi. In essi il termine αδελφός e derivati compare 343 volte, il femminile αδελφή 26 volte.

Circa il significato che tale parola riveste nei vari contesti occorre, come visto anche per la LXX, tenere conto della polisemia che caratterizza il termine semitico. In particolare può indicare:

  • "parente" o "cugino": nel Nuovo Testamento non si trova alcun esempio che possa essere chiaramente ed esplicitamente ricondotto a tale significato, come avviene ad esempio nel caso di Abramo e Lot nella LXX che sono esplicitamente descritti come 'fratelli' (Genesi 13,8 nonostante la parentela sia indiretta Genesi 11,27). Secondo l'interpretazione cattolica, nel Nuovo Testamento un esempio implicito è presente in Giovanni 19,25, dove è menzionata la presenza sotto la croce della "madre di Gesù e la sorella (αδελφή) della madre di lui Maria di Cleofa e Maria Maddalena". Essendo improbabile che due sorelle si chiamassero entrambe Maria, per quanto il nome fosse diffusissimo all'epoca, ne deriverebbe che fossero appunto 'parenti' o 'cugine';

Oltre al termine "fratelli" nel greco del Nuovo Testamento sono presenti anche altri termini indicanti legami di parentela di vario tipo:

  • συγγεννής (singhenès), 12 volte nel Nuovo Testamento, letteralmente 'con-nato' (v. l'italiano 'cognato'), cioè della stessa stirpe, parente. Indica ad esempio la parentela tra Maria ed Elisabetta (Luca 1,36). Quando Giuseppe e Maria smarriscono Gesù a Gerusalemme e lo cercano tra i 'parenti' (Luca 2,44). In senso più ampio è ad esempio usato da Paolo per indicare l'intero popolo d'Israele, suoi 'parenti' secondo la carne (Romani 9,3). Il sostantivo astratto derivato singhèneia ricorre 3 volte, ad esempio quando Elisabetta e Zaccaria volevano chiamare loro figlio Giovanni e i vicini e i parenti fecero notare loro che non c'era nessuno con quel nome nel 'parentado' (Luca 1,61). In alcuni loci (ad esempio Luca 21,16) il termine 'parenti' è chiaramente distinto da 'fratelli';
  • ανεψιός (anepsiós), tradotto solitamente con "cugino" ma indicante una parentela più o meno remota non chiaramente definita. Compare tre volte nella LXX. Nel Libro di Tobia (Tobia 7,2;9,6) indica la parentela tra Tobi e Gabael. Tale parentela, di grado appunto non definibile, era sicuramente lontana, almeno dal punto di vista geografico: Tobi risiedeva a Ninive, in Mesopotamia, mentre Gabael a Ecbatana, nella Media. In Numeri 36,11-12 il termine 'cugini' indica generici appartenenti alla stessa tribù di Manasse. Notare come in 1 Cronache 23,22 LXX, nel caso di veri e propri cugini di primo grado non viene usato ανεψιός ma αδελφόι. Nel Nuovo Testamento il termine è usato una sola volta in Colossesi 4,10, dove è indicata la parentela di Marco e Barnaba. Anche in tale caso, come nel Libro di Tobia, la parentela non è definita ma comunque lontana: Marco (suo nome latino) o Giovanni (suo nome ebraico) risiede a Gerusalemme (Atti 12,12), mentre Barnaba (epiteto di Giuseppe) è originario di Cipro (Atti 4,36).

Le tre Marie[modifica | modifica sorgente]

Prima di esaminare i possibili passi impliciti relativi ai 'fratelli' di Gesù, occorre affrontare una questione apparentemente marginale ma che si dimostra importante nella delineazione di un quadro d'insieme: l'identificazione sinottica delle donne presenti al momento della crocifissione (Matteo 27,56;Marco 15,40;Giovanni 19,25, Luca 23,49 ne registra la presenza ma senza fornire nomi):

Matteo 27,56 Marco 15,40 Giovanni 19,25
tra le quali c'era(no) c'erano poi anche delle donne da lontano osservanti tra le quali anche stavano poi presso la croce di Gesù
Maria Maddalena Maria Maddalena sua madre
e Maria madre di Giacomo e di Giuseppe e Maria madre di Giacomo il Minore e di Ioses e la sorella di sua madre Maria di Cleofa
e la madre dei figli di Zebedeo e Salome e Maria Maddalena

Il testo di Giovanni 19,25 indica che le discepole presenti al momento della crocifissione di Gesù sono tre donne, tutte di nome Maria. Può apparire strano che l'evangelista non citi Salome, identificabile con la madre dei figli di Zebedeo[71], cioè la madre dello stesso evangelista Giovanni. Tale 'dimenticanza' può essere intesa come una tacita accettazione dell'invito di Gesù a Giovanni a prendere con sé Maria come madre (Giovanni 19,26-27): l'evangelista non testimonia la presenza di sua madre Salome perché in quel momento Maria era sua madre.[senza fonte] Si può anche notare che, ove fossero esistiti altri figli di Maria Madre di Gesù, costoro non avrebbero presumibilmente accettato la reciproca adozione tra Maria come nuova Madre e Giovanni, un estraneo, come nuovo figlio, ma avrebbero verosimilmente rivendicato di provvedere loro per diritto di nascita alla loro madre[72]. Non lo fecero, secondo alcuni autori[5], perché non esistevano.

Stando a Giovanni dunque le tre Marie sono:

  • Maria madre di Gesù
  • Maria Maddalena
  • Maria di Cleofa, che il testo dice 'sorella' di sua madre. L'assenza della congiunzione greca και tra 'sorella della madre di lui' e 'Maria di Cleofa' (Cfr. dal testo greco: ἡ μήτηρ αὐτοῦ καὶ ἡ ἀδελφὴ τῆς μητρὸς αὐτοῦ Μαρία ἡ τοῦ Κλωπᾶ καὶ Μαρία ἡ Μαγδαληνή) ne implicherebbe, secondo alcuni autori[73], l'identificazione (negli antichi manoscritti greci, come anche ebraici, non esistevano segni di punteggiatura che potessero supplire a tale congiunzione paratattica). Secondo questa interpretazione, essendo improbabile che due sorelle possano chiamarsi entrambe Maria, il termine αδελφή va inteso come 'parente' o 'cugina'[74]. Dal confronto con i passi paralleli Maria di Cleofa risulterebbe così essere madre di Giacomo il Minore (detto in Matteo 10,3;Marco 3,18;Luca 6,15;Atti 1,13 'figlio di Alfeo') e di Giuseppe-Ioses suo fratello (Matteo 27,56;Marco 15,40). L'identificazione delle tre Marie sotto la croce è sostenuta da vari autori[39][68][75], tuttavia, secondo alcune confessioni religiose[76], questa identificazione tradizionale non reggerebbe: Giacomo fratello/parente di Gesù non può essere Giacomo di Alfeo (il figlio di questa Maria) dato che i fratelli/parenti di Gesù durante il suo ministero terreno non credevano in lui Giovanni 7,5 e lo consideravano instabile mentalmente Marco 3,21 mentre invece Giacomo di Alfeo era uno dei dodici apostoli. Anche tra i dodici apostoli si possono però ravvisare esempi di sfiducia in Gesù narrati nei vangeli: in Tommaso 20,24-29, in Giuda Iscariota 26,14-16, o negli stessi apostoli in 16,28-33, e in 18,25-27.

L'interpretazione delle tre donne viene quindi contestata dagli esegeti protestanti[67][77] e da qualche esegeta cattolico[78] così come dal fondatore del Metodismo Wesley[79]. Anche la cattolica "Bible de Jerusalem" la considera solo una delle tante identificazioni possibili. Secondo l'esegesi protestante le donne di Giovanni 19,25 sono quattro: la "sorella di Maria" e "Maria di Cleofa" sono due persone diverse[80], poiché è impossibile che due sorelle abbiano lo stesso nome, ed è improbabile che l'autore sacro usi il termine "sorella" per indicare una parente, dato che altrove nel Nuovo Testamento quando si parla di un nipote o di un cugino non è usato il termine adelfòs: per indicare Elisabetta "parente" (singhené) di Maria viene fatto esplicitamente (Luca 1,36), in Luca 21,16 compaiono i termini syggenòs (parente, come un cugino) e adelfòs (fratello), a indicare che questi vocaboli non sono usati in modo vago o indiscriminato nelle Scritture Greche. In Colossesi 4:10 Paolo chiama Marco “cugino di Barnaba”, il termine greco qui usato (anepsiòs) significa letteralmente “cugino di primo grado”. Tale termine ricorre anche nella Settanta in Numeri 36:11, che traduce l'espressione ebraica del testo masoretico resa letteralmente “figli dei fratelli del loro padre”[81][82].

L'identificazione di Alfeo con Cleofa si basa sul corrispettivo aramaico e consonantico del nome Hlpy: può essere traslitterato fedelmente all'aramaico in 'Alfaios con spirito aspirato iniziale (non reso nella comune translitterazione latina), dittongo ai con valore fonetico 'e lunga', suffisso maschile greco os; oppure può essere ellenizzato[83] nell'omoconsonantico Klopas che in italiano si traduce "Cleopatro". Il nome al maschile è caduto in disuso mentre è più conosciuto, per motivi storici, il nome al femminile Cleopatra.

Possibile quadro d'insieme[modifica | modifica sorgente]

Per una corretta interpretazione della questione è fondamentale un esame comparato dei personaggi nominati nel Nuovo Testamento che possono essere implicitamente identificati con i 'fratelli' esplicitamente indicati (Giacomo, Ioses-Giuseppe, Giuda, Simone).

Tra parentesi occorre notare che varie informazioni attinenti alla questione potrebbero essere tratte dal testo apocrifo detto Protovangelo di Giacomo. Siccome tale opera però si dimostra palesemente errata in alcuni punti verificabili (ad esempio l''asilo' femminile per bimbe meritevoli presente nel tempio di Gerusalemme), difficilmente le altre affermazioni non verificabili possono essere assunte come storicamente valide.

L'esame dei "fratelli" e degli omonimi presenti nel Nuovo Testamento non appare semplice per due motivi:

  • il Nuovo Testamento non è interessato a fornire informazioni parentali circa Gesù, se non con limitati e disorganici accenni, ma a descrivere il suo ministero salvifico;
  • i quattro nomi in questione erano diffusissimi nella Palestina di quel tempo, e lo stesso dicasi per il femminile Maria.

Venendo propriamente ai 'fratelli' di Gesù, gli omonimi personaggi del Nuovo Testamento sono:

Giacomo[modifica | modifica sorgente]

Giuseppe[modifica | modifica sorgente]

Giuda[modifica | modifica sorgente]

  • Giuda "fratello" di Gesù (Marco 6,3-4;Matteo 13,55-56). Eusebio di Cesarea ne parla dicendo "che si dice (verbo kalèo) fosse fratello (αδελφός) del Signore secondo la carne (κατὰ σάρκα)".[87]
  • Giuda Apostolo, indicato nelle elencazioni degli apostoli come "Taddeo" (Matteo 10,2-4;Marco 3,16-19) e "Giuda di Giacomo" (Latino: Iudas Iacobi; Greco: Ιούδας Ιακώβου) (Luca 6,14-16;Atti 1,13). Il "di Giacomo" va inteso sicuramente come parentela. Solitamente il genitivo applicato a un nome proprio, sul calco delle lingue semitiche, indica la paternità (genitivo patronimico), dunque "Giuda (figlio) di Giacomo". Nel caso presente tuttavia vari autori, anche sulla base della speculazione di San Girolamo[88][89], ritengono che Luca abbia voluto esplicitare un legame di parentela con il Giacomo 'fratello' del Signore di cui sopra[90], che godeva di un'ottima fama e autorità tra i cristiani, e ritengono preferibile questa opzione in accordo con l'attribuzione della neotestamentaria Lettera di Giuda, nell'incipit della quale l'autore si identifica come «Servo di Gesù Cristo, fratello di Giacomo»[91]. A sostegno di questa ipotesi il fatto che gli altri apostoli sono identificati non con epiteti patronimici ma con l'esplicitazione del legame fraterno: Andrea fratello di Pietro (Matteo 10,2;Luca 6,14), Giovanni fratello di Giacomo (Matteo 10,2;Marco 3,17). Altri autori insistono invece sulla segnalazione patronimica, e quindi "Giuda di Giacomo" andrebbe inteso come "Giuda (figlio) di Giacomo"[92]. Anche alcune importanti e diffuse versioni protestanti delle Sacre Scritture, come la Nuova Versione di Re Giacomo, la versione American Standard Version e la Bibbia della Chiesa Cattolica CEI, edizione 2008[93], a differenza della precedente versione CEI del 1974 (Cfr. 6,16), rendono il passo di Luca 6:16 come Giuda, figlio di Giacomo[94][95][96] Altre versioni in uso tra i protestanti, come la Diodati e la Nuova Diodati, traducono invece "Giuda (fratello) di Giacomo" (Cfr. 6,16).
  • Giuda, "servo di Gesù Cristo, fratello di Giacomo" (1,1), autore della Lettera di Giuda, è generalmente identificato come "fratello" di Gesù[97][98][99], ma l'autore potrebbe essere anche l'apostolo Giuda Taddeo[91][100] o, nell'ipotesi di una pseudoepigrafia, un anonimo cristiano[97].
  • Giuda Iscariota, il traditore.

Simone[modifica | modifica sorgente]

  • "Simone" 'fratello' di Gesù. Eusebio di Cesarea ne fornisce informazioni particolarmente utili: succedette a Giacomo nella guida della comunità di Gerusalemme; fu figlio di Klopa (=Alfeo-Clèofa); soprattutto, "fu cugino (ανεψιός), come dicono (verbo femì), del Salvatore, infatti Egesippo ricorda che Clopa fu fratello di Giuseppe"(St. Eccl. 3,11,2 en). Le stesse informazioni sono contenute in St. Eccl. 4,22,4 en dove Eusebio cita ancora Egesippo, secondo il quale dopo il martirio di Giacomo il Giusto "Simone, il figlio dello zio del Signore, Klopa, fu nominato vescovo successore. Tutti lo proposero come secondo vescovo poiché era cugino (ανεψιός) del Signore". Secondo alcuni protestanti l'informazione di Eusebio circa questa parentela non è ritenuta attendibile, per altri protestanti invece si tratterebbe di un'omonimia tra parenti: c'era un Simone figlio di Clopa, ed un Simone figlio di Giuseppe e di Maria.
  • Simone Apostolo, indicato nelle elencazioni degli apostoli come "Cananeo" (Matteo 10,4;Marco 3,18) e "Zelota" (Luca 6,15;Atti 1,13). Questi due epiteti sono il medesimo: 'Cananeo' non va inteso come 'abitante di Cana', come ritennero alcuni antichi autori come Girolamo, ma è la traslitterazione ellenizzata dell'aramaico qen'ana' corrispondente al greco zeloten, 'dotato di zelo', 'zelante'. Nelle elencazioni degli apostoli, escludendo Giuda Iscariota in ultima posizione, compare sempre associato a Giuda Taddeo e Giacomo il Minore, cosa che potrebbe suggerire, senza però alcun indizio storicamente fondato, un particolare legame con loro (fratelli?).

Possibili interpretazioni[modifica | modifica sorgente]

La questione dell'interpretazione degli αδελφόι di Gesù, data la frammentarietà e ambiguità delle fonti, è controversa e dunque motivo di discussione tra storici, biblisti e teologi delle varie confessioni e tali discussioni non possono muoversi che sul piano delle ipotesi.

Giacomo il Giusto, con tutta probabilità lo stesso “Giacomo” definito da Paolo di Tarso “fratello del Signore” e “apostolo” ([3]), coincide con il vescovo di Gerusalemme indicato da Eusebio di Cesarea (St. Eccl. 1,12,1;1,12,4 en; St Eccl. 2,23,4 en) e da Egesippo citato da Eusebio. Lo stesso Egesippo, nato e vissuto nella Palestina del II secolo, in sintonia con Giuseppe Flavio ( Antichità giudaiche, XX.200), ci fornisce informazioni sul suo martirio, avvenuto probabilmente nel 62.

Studiosi, esegeti, biblisti e teologi, protestanti e cattolici, concordano con poche eccezioni sull'identificazione di Giacomo il Giusto con il Giacomo vescovo di Gerusalemme e martire, ma, nonostante le indicazioni bibliche di Paolo di Tarso (Gal 1,19), i protestanti sostengono che Giacomo il Giusto non sia uno dei dodici apostoli[101]: si tratterebbe invece di uno dei “fratelli di Gesù” indicati nei vangeli, ed evidenziano qui un primo caso di omonimia[102].

Se fosse l'apostolo, come sembra sostenere Paolo di Tarso e come sostiene la Chiesa Cattolica[103], sarebbe Giacomo il Minore, indicato come “figlio di Alfeo” dal Nuovo Testamento ([4]) e figlio di un’altra Maria evidentemente non la madre di Gesù (Cfr. anche 15,40).

Quest’altra Maria, lo si evince dal testo neotestamentario, è certamente la moglie di Alfeo/Clopa[104] citata da Giovanni apostolo ed evangelista ai piedi della croce ([5]), ed ha almeno due figli, di nome Giacomo (il Minore) e Giuseppe. Egesippo, nel suo celebre passo riportato da Eusebio, definisce un certo Simeone, eletto vescovo al posto di Giacomo il Giusto, come “cugino del Signore” (ὄντα ἀνεψιὸν τοῦ κυρίου), “ancora il figlio dello zio di lui (del Signore nda)” (πάλιν ὁ ἐκ θείου αὐτοῦ), cioè di Clopa, a sua volta “zio di Gesù”. Su questa prima parte del passo di Egesippo pochissimi sollevano obiezioni.

La maggior parte degli esegeti (citando casi simili di identificazione tra i nomi Simeone/Simone[105][106]), ritiene che il Simeone nominato da Egesippo possa essere identificato con il Simone “fratello di Gesù” presente nei vangeli[107]. Per i teologi protestanti si tratta tuttavia di un secondo caso di omonimia, perché il Simone “fratello di Gesù” è figlio di Maria madre di Gesù, e quindi non può essere il vescovo di Gerusalemme indicato da Egesippo come “figlio di Clopa” (Συμεὼν ὁ τοῦ Κλωπᾶ) e “cugino di Gesù”.

Essendo Giacomo il Minore e Giuseppe figli di Maria e di Alfeo/Clopa (che secondo Egesippo è il fratello di San Giuseppe), sono a loro volta fratelli del Simeone citato come vescovo di Gerusalemme: si tratta insomma di tre cugini carnali di Gesù, figli di Alfeo/Clopa e dell'altra Maria[108].

Giacomo, Giuseppe e Simeone/Simone sono però i tre nomi anche dei “fratelli di Gesù”, uno dei quali, se fosse l'apostolo come sostiene Paolo di Tarso, sarebbe il Giacomo di Alfeo pure denominato Giacomo il Minore nei vangeli. Secondo i teologi protestanti si tratta di un terzo caso di omonimia, perché Giacomo, Giuseppe e Simone “fratelli di Gesù” sono figli di Maria madre di Gesù. Ammettendo i casi di omonimia, tre “fratelli di Gesù” (Giacomo, Giuseppe e Simone) hanno lo stesso nome dei cugini carnali di Gesù, ovvero Giacomo e Giuseppe, identificati dai vangeli come figli di Alfeo/Clopa e dell' “altra Maria” (anche detta “di Clopa”, Cfr. Gv19,25: Μαρία ἡ τοῦ Κλωπᾶ), e Simeone (identificato da Egesippo come cugino di Gesù e figlio di Clopa).

Egesippo, però, sempre citato da Eusebio, sembra sostenere che Simeone fu fatto vescovo perché era un “secondo cugino del Signore”, e quindi implicitamente fratello di Giacomo il Giusto vescovo martirizzato. A questo punto i teologi protestanti (tra cui Painter[101], Butz[109], Schaff[110]), con una discussa interpretazione del testo greco, sostengono la necessità di tradurre le ultime righe del passo greco di Egesippo (ὃν προέθεντο πάντες, ὄντα ἀνεψιὸν τοῦ κυρίου δεύτερον) in “tutti lo proposero come secondo (vescovo nda) essendo cugino del Signore”, invece di “tutti lo proposero, essendo un secondo cugino del Signore”.

Tre sono dunque le ipotesi in campo, secondo le quali il termine greco αδελφόι può corrispondere a:

  • fratelli;
  • fratellastri, cioè figli di Giuseppe con una prima moglie di cui sarebbe rimasto vedovo prima di risposarsi con Maria;
  • cugini o parenti.

Una quarta ipotesi, contemporanea, è sostenuta dalla Scuola esegetica di Madrid:

  • collaboratori nel ministero apostolico.

Fratelli[modifica | modifica sorgente]

L'interpretazione esplicita di αδελφόι come fratelli carnali nella Chiesa compare, nei documenti a noi giunti, nel IV secolo, ad opera di Elvidio vescovo ariano di Milano dal 355 al 374. Egli entrò in contrasto con Girolamo, criticando i voti monastici femminili e affermando la superiorità del matrimonio sul celibato. Elvidio sostenne che Maria era vissuta con Giuseppe e aveva avuto da lui dei figli, dopo la nascita verginale di Gesù Cristo.

Sostenitori[modifica | modifica sorgente]

Quasi tutte le Confessioni protestanti evangeliche e riformate, i testimoni di Geova ed altri esegeti contemporanei di altre Confessioni, concordano con la tesi di Elvidio, ritenendo che gli αδελφόι siano effettivi figli di Maria e quindi fratelli di Gesù[111]. Pur non accettando la credenza tradizionale della verginità perpetua di Maria, non viene rifiutato il "concepimento" e la "nascita verginale" di Gesù, derivata in Isaia 7,14 e presente sia in Matteo 1,18-25 sia in Luca 1,26-38. Anche alcuni studiosi cattolici, in contrasto con il magistero della Chiesa, (ad esempio lo statunitense John Paul Meier[112]) ritengono sicura, stando alla lettera del testo, l'interpretazione di αδελφόι come 'fratelli'. Secondo Meier quando nel Nuovo Testamento troviamo scritto che "Giacomo è il fratello di Gesù" Galati 1,19, non vi è necessità di interpretare "Giacomo cugino di Gesù" più di quanto sia necessario interpretare "Andrea cugino di Simon Pietro" quando troviamo scritto "Andrea fratello di Simon Pietro" Marco 1,16. Il principio protestante di Sola scriptura non ammette la validità di nessuna Tradizione né autorità che surclassa o integra i principi delle Sacre Scritture. Secondo tale principio l'insegnamento della Chiesa deve basarsi solo su quanto asserisce la Bibbia.[113] Per gli evangelici ed i protestanti in genere, i credenti dovrebbero limitarsi ad insegnare le dottrine che le Scritture ci insegnano, senza aggiungere e togliere nulla ad esse.[113]

Fratelli di Gesù (protestanti).jpg

I sostenitori di questa teoria notano come non si comprenda il senso e lo scopo di un "matrimonio bianco" quando la predicazione apostolica raccomandava vivamente i rapporti tra i coniugi 1 Corinzi 7,5. Un evento raro come questo, sarebbe stato probabilmente esplicitato, come è avvenuto per il concepimento soprannaturale di Cristo.[senza fonte]

Analisi[modifica | modifica sorgente]

L'ipotesi degli αδελφόι come fratelli appare più semplice e immediata: il significato del termine nel greco classico è sicuramente quello di 'fratelli' in senso proprio, che precluderebbe la verginità di Maria. E su questa immediatezza semantica del testo insistono appunto i sostenitori di tale teoria. A questa ipotesi semplificata viene obiettato che il greco della Bibbia, Settanta e Nuovo testamento, è il greco della Koiné scritto da una popolazione semitica, tanto è vero che il termine αδελφός è utilizzato nella traduzione greca dei Settanta in senso esteso per indicare una parentela tra le persone.

Secondo alcuni esegeti protestanti resta la difficoltà dell'omonimia tra i Giacomo e Ioses di Marco 6,3 e quelli di Marco 15,40 (per i cattolici sono le stesse persone) ma essa potrebbe essere spiegata tenendo conto che, nel mondo ebraico, il numero di nomi era limitato e si possono trovare parecchi omonimi.

Alcuni esponenti della Riforma protestante, come il pastore battista inglese del XVIII secolo John Gill, hanno fatto notare che nel passo del Vangelo secondo Giovanni Giovanni 7,5, uno dei passi sui "fratelli di Gesù", potrebbe vedersi realizzata la profezia messianica di Salmi 69,8, in cui il Messia è presentato come "un estraneo per i figli di sua madre"[114].

Nonostante l'informazione di Egesippo citato da Eusebio (St. Eccl. 3,11,2 en; St. Eccl. 4,22,4 en), secondo la quale Alfeo-Cleofa era zio di Gesù, aggiunta ai dati biblici, per i protestanti Gesù avrebbe avuto quattro fratelli di nome Giacomo, Giuseppe-Ioses, Giuda e Simone, ed almeno due sorelle, che sarebbero distinti da altri tre personaggi, cioè Simone/Simeone cugino di Gesù e figlio di Clopa, citato da Egesippo, ed i fratelli Giacomo e Giuseppe-Ioses, figli di un altro Alfeo-Cleopa e sua moglie Maria.

Questa coincidenza nei nomi appare improbabile, tuttavia gli esegeti protestanti mettono in rilievo che nessuna testimonianza storica se non la singola di Egesippo, dice che il Cleofa/Alfeo del Vangelo fosse fratello di Giuseppe.[senza fonte] Inoltre, anche in questo caso, non sarebbe dimostrato che il Simone figlio di Clopa sia lo stesso Simone di Marco 6,3, ma soltanto che Simone fratello di Gesù (e Gesù stesso) avevano un cugino anch'egli di nome Simone. L'omonimia quindi potrebbe riguardare solo i due Giacomo ed i due Ioses (bisogna considerare però che molti, allora, portavano il nome di Giacomo, come dice sempre Egesippo St. Eccl. 2,23,4 en), perché resta appunto aperta la possibilità che il Simeone fratello di Gesù di Marco 6,3 non si identifichi con il Simeone cugino di Gesù di (St. Eccl. 3,11,2 en). L'obiezione su questo punto è che comunque Egesippo costituisce una testimonianza e che questa è la condizione testimoniale per moltissimi episodi storici del passato; appare quindi azzardato non tenerne conto. Inoltre l'identificazione di cui sopra poggia anche su indicazioni interne. Per questo motivo la sua testimonianza di Giacomo figlio di Giuseppe, depone contro la teoria dei cugini, ed è a favore dell'ipotesi del primo matrimonio di Giuseppe o dei fratelli di Gesù quali figli di Giuseppe e Maria. Secondo gli studiosi protestanti non è corretto dal punto di vista epistemologico interpretare "fratello" come "cugino".[senza fonte]

Anche Giuseppe Flavio parla di Giacomo fratello di Gesù nella sua opera principale, usando altrove nella sua opera il termine cugino: "Anano convocò il sinedrio a giudizio e vi condusse il fratello di Gesù, detto il Cristo, di nome Giacomo, e alcuni altri, accusandoli di trasgressione della legge e condannandoli alla lapidazione."[115]. L'obiezione è che questa citazione di Giuseppe Flavio non aggiunge alcun indizio all'ipotesi fratelli perché è perfettamente normale che, dovendo riferirsi ad un personaggio da lui non conosciuto, Giuseppe Flavio utilizzasse lo stesso termine (αδελφός) utilizzato nell'ambito della comunità che si rifaceva a lui.

Le suddette interpretazioni, che si rifanno come detto all'originaria posizione del vescovo ariano Elvidio del IV secolo, rappresentano (e in antitesi con le posizioni dei riformatori del XVI secolo che accettavano la lettura di αδελφός come cugino) l'interpretazione della stragrande maggioranza delle Chiese evangeliche. La risposta protestante a questa obiezione è che all'epoca il processo di purificazione della Chiesa era appena iniziato e che quindi sarebbe stato inevitabile che ci fossero ancora degli errori dovuti alla tradizione cattolica.[senza fonte]

Fratellastri[modifica | modifica sorgente]

L'ipotesi dei 'fratelli' di Gesù come fratellastri, cioè figli di Giuseppe avuti da un precedente matrimonio con Maria, è quella più antica: è attestata per la prima volta nel Protoevangelo di Giacomo, risalente a circa il 150. In esso viene descritta la miracolosa scelta di Giuseppe sposo di Maria tramite la fioritura del bastone, alla quale Giuseppe obietta: "Ho già figli e sono vecchio, mentre lei è giovane. Non voglio apparire ridicolo tra i figli di Israele" (cap. 9,8en).

Sostenitori[modifica | modifica sorgente]

Oltre a tale opera apocrifa l'ipotesi compare in altri scrittori successivi: Eusebio di Cesarea (St. Ecc. 2,1,2 en ); Clemente di Alessandria; Origene; Ilario di Poitiers; Ambrosiaster; Gregorio di Nissa; Epifanio; Ambrogio; Cirillo di Alessandria.

Sostenitori di tale teoria sono gli esegeti di matrice ortodossa[27] (vedi anche per esempio l'avventista Ángel Manuel Rodríguez).

Analisi[modifica | modifica sorgente]

Questa ipotesi riscosse scarso successo per l'assenza di prove d'appoggio[37]. Altra obiezione mossa a questa ipotesi[da chi?] è che in Luca 2,1-6 lo stesso Luca dice che Giuseppe si fece registrare al censimento con sua moglie Maria, senza fare alcun accenno ad altri figli. Il fatto che il Vangelo di Luca, una fonte più antica del protovangelo di Giacomo, non li nomini, fa ritenere ai sostenitori di questa obiezione[chi sono?] che non siano mai esistiti.

Cugini paterni[modifica | modifica sorgente]

Secondo questa ipotesi i 4 fratelli possono essere identificati con i figli di Alfeo-Cleofa, zio paterno di Gesù, e sua moglie Maria di Cleofa. αδελφόι indicherebbe dunque cugini di primo grado.

Fratelli di Gesù (tradizionale).jpg

Sostenitori[modifica | modifica sorgente]

Principale sostenitrice della teoria dei fratelli-cugini è la Chiesa cattolica (vedi in particolare Catechismo della Chiesa Cattolica n. 500[116]).

Il più antico e sistematico enunciatore di tale teoria è Girolamo che, rispondendo a Elvidio per cui i 'fratelli' erano fratelli carnali (vedi dopo), scrive nel suo De Viris illustribus:

« Giacomo, chiamato fratello del Signore, soprannominato il Giusto, alcuni ritengono che fosse figlio di Giuseppe con un'altra moglie ma a me pare piuttosto il figlio di Maria sorella della madre di nostro Signore di cui Giovanni fa menzione nel suo libro. »

La teoria di Girolamo è sostenuta anche da Martin Lutero: consapevole delle diverse possibilità per intendere l'espressione 'fratelli' di Gesù, non ritenne che si trattasse di fratelli carnali, né che Giuseppe avesse avuto figli da un matrimonio precedente, né che Giuseppe avesse simultaneamente due mogli.[117] Lutero credeva alla verginità perpetua di Maria: "durante e dopo il parto, come era vergine prima del parto, così lei rimase".[118] In particolare in una sua opera si legge:[119]

« Cristo ... è stato l'unico figlio di Maria, e la vergine Maria non ha avuto altri figli oltre a lui ... "fratelli" significa in realtà cugini, poiché la sacra scrittura e gli ebrei chiamano sempre fratelli i cugini... Egli, Cristo, il nostro salvatore, fu il frutto reale e naturale del grembo verginale di Maria... Ciò avvenne senza cooperazione dell'uomo, ed ella rimase vergine anche dopo. »
(Martin Lutero. Sermone sopra Giovanni, capitoli 1-4. 1537-39)

Anche gli altri riformatori protestanti del XVI secolo, tra cui Calvino e Zwingli, mantennero questa posizione. In particolare, Calvino scrive:

« Secondo il costume ebraico si chiamano fratelli tutti i parenti. E tuttavia Elvidio si è mostrato troppo ignorante, nel dire che Maria ha avuto diversi figli perché in qualche punto si è fatta menzione di fratelli di Cristo »
(Calvino, Commento in Matteo 13,55)

Analisi[modifica | modifica sorgente]

Nei confronti della secolare interpretazione dei 'fratelli' come cugini sono state mosse negli ultimi secoli molte obiezioni. Queste sono state avanzate soprattutto dall'ampia parte del mondo riformato che su questo punto si è scostato dall'insegnamento di Lutero, intendendo αδελφός come 'fratello' in senso proprio e non come 'cugino'.

Argomenti per l'interpretazione di αδελφός in senso proprio come 'fratello' Argomenti di risposta per l'interpretazione di αδελφός in senso lato come 'cugino'
Etimologicamente αδελφός significa co-uterino, il che fa pensare a figli della stessa madre. Nel greco ellenistico, come già nel greco classico, il campo semantico del termine si è svincolato dall'originaria connotazione materna, indicando anche 'fratelli' o fratellastri paterni (stesso padre, madre diversa).
Secondo Matteo 1,25 Giuseppe non 'conobbe' (sessualmente) Maria "finché partorì un figlio", il che rende molto poco probabile l'intenzione dell'autore di escludere la perpetua verginità. La Bibbia TOB (usata come referenza) non è riconosciuta come ufficiale e liturgica da nessuna confessione cristiana. Il versetto vuole sottolineare il concepimento verginale prima del parto, senza alcun intervento umano, e non implica necessariamente che dopo Giuseppe 'conobbe' Maria[120]; Template:Quote necessaria
Secondo Luca 2,7 Maria diede alla luce il suo figlio primogenito. Se avesse voluto dire che Gesù è stato figlio unico, avrebbe evidentemente indicato Gesù come figlio unigenito. La parola "unigenito" è usata in Ebrei 11,17 [6] in riferimento ad Isacco, figlio di Abramo, ed anche Gesù è indicato come unigenito figlio di Dio diverse volte nel vangelo di Giovanni, non si capisce dunque perché Luca non abbia indicato Gesù come unigenito, in luogo di primogenito. In tutte le lingue il primo nato è sempre detto primogenito, indipendentemente dal fatto che seguano altri figli o meno. Presso gli Ebrei in particolare il primo nato era sempre detto primogenito e tale rimaneva, perché al primo nato erano riservati particolari diritti di famiglia (vedi Deuteronomio 21,15-17). Infine, particolarmente preziosa risulta la scoperta del 1922 di una lapide nella necropoli ebraica di Tell el-Jehudi, presso Leontopolis in Egitto, databile al 5 a.C. In essa una certa Arsinoe ricorda: "Nei dolori del parto del mio primogenito la sorte mi condusse al termine della vita".[121] È palese che in tal caso 'primogenito' indica 'unigenito'[122]
In greco, la lingua in cui il NT è stato scritto, il termine αδελφός indica inequivocabilmente fratello in senso proprio. Il NT è scritto in greco ellenistico da persone di madrelingua ebraico-aramaica che hanno interpretato, con lettere e morfologia greca, idiomi e costruzioni semantiche di tipo semitico, caratterizzando dunque il testo con continui semitismi. Un professore di greco classico che correggesse il NT lo riempirebbe di segni rossi. È ipotizzabile, non esistendo testi biblici scritti in ebraico-aramaico, che sia stato tradotto il proto-termine ebraico-aramaico 'ah, che soggiace al meta-termine greco αδελφός. Tale termine è caratterizzato da una polisemia così ampia da coprire non solo i legami familiari propriamente fraterni, ma più in generale tutti i rapporti paritari abbastanza stretti di tipo parentale (parenti, cugini), sociale (connazionale, amico, collega), religioso (compagno nella fede).
Nel caso dei fratelli di Gesù, se si fosse trattato di cugini gli scrittori del NT avrebbero usato il greco ανεψιός. In greco classico ανεψιός rappresenta effettivamente i cugini, ma nell'uso che se ne fa nella LXX e nel NT indica una parentela non definibile ma più o meno lontana dal punto di vista geografico ed esistenziale. I 'cugini' di Gesù, a stretto contatto geografico ed esistenziale, non potevano essere definiti ανεψιόι, sebbene dal punto di vista del greco classico lo fossero.[non chiaro] Si tenga conto che si tratta di persone presumibilmente ancora in vita al tempo di composizione dei vangeli e ben rispettate all'interno della comunità cristiana.
In Marco 3,21;Giovanni 7,5 è scritto che i 'fratelli' non avevano fede in Gesù, fede che maturarono solo dopo la resurrezione, come scritto in Atti 1,14, quindi è ipotizzabile che abbia affidato la madre all'apostolo Giovanni per questo. Gesù morente in croce (Giovanni 19,26-27) affida sua madre all'apostolo Giovanni, non ai 'fratelli'.
I 'fratelli', durante il ministero terreno di Gesù, non avevano fede in lui (vedi Marco 3,21;Giovanni 7,5), pertanto non possono essere identificati (seppure parzialmente) con alcuni apostoli, già descritti al fianco di Gesù durante il suo ministero prima della risurrezione. I 'fratelli' inizialmente non avevano fede in Gesù. Giacomo, l'unico 'fratello' di cui abbiamo esplicite notizie nel NT, divenne poi vescovo di Gerusalemme: questo fa ragionevolmente supporre che maturò una successiva fede in Gesù, al pari di molti altri che si convertirono a contatto con il ministero del Salvatore. In Atti 1,14 inoltre è testimoniata la presenza dei 'fratelli' nella comunità dei credenti post-pasquale, confermandone la maturazione della fede. Il concetto di "avere fede per essere apostoli" è alquanto discutibile: Giuda Iscariota era infatti uno dei dodici, eppure tradì Gesù facendolo arrestare, e Tommaso non credette alla risurrezione fino all'apparizione del Risorto.
Sia (Marco 3,16-19;3,31-35) sia (Matteo 10,2-4;12,46-50) presentano prima la lista degli apostoli, quindi l'episodio del 'rigetto' di Gesù verso i suoi fratelli. I 3 apostoli Giacomo, Giuda e Simone non possono quindi essere identificati con i fratelli di Gesù, che ancora non avevano fede in lui. Potrebbe trattarsi di un inserimento discronico della lista stereotipata dei 12 apostoli all'inizio del ministero di Gesù, quando in realtà i 3 fratelli-apostoli non ne facevano ancora parte (vedi un altro esempio di discronia in Atti 5,36, che riporta come già avvenuta una rivolta non ancora verificatasi al tempo della narrazione). Rispettando la reale sequenza storica degli eventi, interesse non preponderante nei vangeli, Marco e Matteo avrebbero dovuto illustrare la chiamata dei primi (9?) apostoli, presentando una lista non tradizionale e incompleta, quindi descrivere l'episodio dei fratelli, quindi riportare il loro successivo ingresso tra gli apostoli. Storicamente corretto, ma redazionalmente ridondante (si noti in particolare il silenzio circa la conversione degli apostoli Giacomo, Simone e Giuda).
Ammettendo l'apostolicità di Giacomo, Giuda e Simone, in Atti 1,13-14 il plurale 'fratelli' indicherebbe al più il solo Giuseppe-Ioses. L'elencazione corretta da parte di Luca avrebbe dovuto in effetti distinguere i 9 apostoli, quindi i 3 fratelli-apostoli, quindi il fratello non apostolo più altri eventuali fratelli-parenti condiscepoli, tra cui le sorelle. Questa precisione sarebbe conforme alla nostra sensibilità moderna ma stonerebbe nel contesto della narrazione neotestamentaria.
In Marco 6,3-4;Matteo 13,55-56 che importanza poteva avere l'elenco nominativo dei cugini di Gesù insieme alla madre? Parimenti, l'antitesi presentata in Marco 3,31-34;Matteo 12,46-50;Luca 8,19-21 perderebbe la sua forza intendendo 'cugini' in luogo di 'fratelli'. I legami parentali ed esistenziali dei cugini all'interno della società rurale e patriarcale caratteristica della Palestina di Gesù erano infinitamente più prossimi di quelli tipici della nostra società, prevalentemente nucleare, frammentata e urbana.
In Salmi 69,8 (il salmo 69 è attribuito a Gesù secondo diversi padri della Chiesa[123]), si parla esplicitamente di figli della madre del messia. Salmo 119:139 parla invece di "zelo" in senso generico, non di zelo specifico per la casa di Dio come fa Salmi 69,8 quindi non è attinente. Un'altra conferma della applicazione a Gesù del salmo in questione la abbiamo in Giovanni 15,25 che cita Salmo 69,4. Inoltre non può riferirsi ai fratelli di Davide, in quanto furono sempre suoi alleati. In realtà, in tutto il Nuovo Testamento non viene mai citato il versetto del Salmi 69,8 ma solo una parte del verso successivo citato dal Vangelo in Giovanni 2,17 (ma potrebbe anche trattarsi una citazione del Salmo 119,139). È ipotizzabile che l'apostolo non abbia citato questo verso come conferma dell'adempimento delle profezie messianiche (nemmeno in Giovanni 7,5 dove sarebbe stato assolutamente adatto e conforme alla prassi di evidenziare l'avverarsi delle profezie del Vecchio Testamento) perché Gesù non aveva fratelli carnali.
Flavio Giuseppe[124], che usa nella sua opera (della quale il Testimonium Flavianum è una parte che non interessa questo specifico passo, ritenuto autentico da quasi tutti gli accademici[125]) i termini greci fratello e cugino distintamente, parla di Giacomo fratello di Gesù. Analogamente anche Tertulliano[126] che scrive in latino (lingua che usa termini distinti per fratello e cugino) parla di fratelli carnali. Il Testimonium Flavianum è un testo a sua volta oggetto di indagine per la sua autenticità nei passi riguardanti la figura storica di Gesù. Comunque questo argomento sarebbe invalidato dal fatto che è perfettamente normale che, dovendo riferirsi ad un personaggio da lui non conosciuto, Giuseppe Flavio utilizzasse lo stesso termine (αδελφός) utilizzato nell'ambito della comunità che si rifaceva a lui.

Per quanto riguarda Tertulliano, che il termine αδελφός fosse usato nel senso semitico indicato dalla Chiesa Cattolica è ipotizzabile sia deivato dalla sua ortodossia per quel che concerne la cristologia.

Se in Marco 6,3-4;Matteo 13,55-56 fossero elencati i cugini di Gesù, avrebbe dovuto essere presente Giovanni Battista, vivente al tempo della crocifissione. È ipotizzabile che si parli di fratelli carnali data la sua assenza. I brani in questione si riferiscono ad un episodio avvenuto in Galilea, nella sinagoga di Nazareth, mentre è noto che Giovanni Battista era nato e vissuto in una città della Giudea (Vangelo di Luca). È quindi del tutto naturale che gli abitanti di Nazareth si riferissero ai cugini di Gesù da loro conosciuti; sarebbe piuttosto strano il contrario.
Se αδελφός significasse anche cugino oltre che fratello, avrebbero dovuto esserci dubbi circa la parentela tra Simone detto Pietro ed Andrea, specificata in Matteo 4,18, la parentela tra i due invece è sempre stata interpretata, secondo la tradizione cattolica, come fratelli carnali Nel caso di Pietro e Andrea vi sono chiare indicazioni che fossero fratelli perché sono nominati, sia nelle liste degli apostoli sia nei fatti narrati, nello stesso modo di Giacomo e Giovanni, che erano entrambi figli di Zebedeo. In particolare, nella lista degli apostoli solo questi quattro sono citati con il riferimento ai rispettivi fratelli, cosa che invece non accade per Giacomo il Minore
Luca evangelista usò nel suo vangelo (Luca 1,36), riferendosi alla parentela (cugine) tra Elisabetta e Maria, il termine syggenòs (traducibile in parente, quale appunto cugina); anche altrove (Luca 1,58, Luca 2,44, Luca 14,12, Luca 21,16) dimostrò di usare termini indipendenti per fratelli in senso proprio e altre parentele, essendo tradizionalmente considerato un autore filo-romano[127][128][129][130][131][132][133] e perciò conoscendo la lingua greca. Perché, dunque, avrebbe dovuto usare il termine adelfòs se non stesse dicendo fratelli carnali? Per autori quali gli apostoli Matteo e Giovanni, testimoni diretti dei fatti narrati, che evidentemente parlavano l'aramaico e l'ebraico, il ragionamento va capovolto: in ebraico non c'è una parola per designare i cugini[37][70] ed è quindi possibile, anche se le uniche copie del Nuovo Testamento a noi pervenute sono scritte in Greco, che intendessero, con il termine "fratelli", indicare parenti stretti di Gesù,
Secondo i cristiani evangelici [134] in 20,17-18 Gesù parla della fratellanza spirituale tra lui ed i discepoli diventati figli di Dio in virtù della sua risurrezione e non ha alcun collegamento con la loro eventuale fratellanza biologica. Nell'episodio dell'apparizione a Maddalena 20,17-18 si trova un indizio circa la parentela: "«Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va dai miei fratelli e dì loro: Io salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro». Maria di Màgdala andò subito ad annunziare ai discepoli: «Ho visto il Signore» e anche ciò che le aveva detto»”. Secondo Josè Miguel García “Giovanni non potrebbe essere più chiaro sull'identità tra fratelli di Gesù e discepoli”[68].

Contro lo schema sinottico sopra riportato, che rappresenta l'interpretazione della secolare tradizione cattolica, possono essere mosse osservazioni che non ledono lo 'zoccolo duro' dell'ipotesi (fratelli=cugini). In particolare:

  • Giacomo 'fratello' (cugino) del Signore potrebbe essere distinto dall'apostolo Giacomo il Minore figlio di Alfeo: il Giacomo fratello del Signore che si dichiara autore della neotestamentaria Lettera di Giacomo non si autoidentifica come 'apostolo', mentre se lo fosse stato lo avrebbe probabilmente indicato. Di contro, in Galati 1,19 Paolo indica Giacomo come apostolo (per la distinzione Giacomo Minore/fratello vedi ad esempio i cattolici Ugo Vanni,[135] Pasquero Fedele[136]; a favore invece dell'identificazione tradizionale Giacomo Minore = 'fratello' ovvero cugino di Gesù[137], vedi ad esempio Giuseppe Ricciotti[138] o Salvatore Garofalo[139]).
  • Similmente, anche Giuda fratello di Giacomo, e dunque fratello di Gesù, potrebbe essere distinto dall'apostolo Giuda Taddeo, poiché nell'incipit della Lettera di Giuda non si autoidentifica come 'apostolo' (v. i cattolici Pasquero Fedele,[140] Salvatore Garofalo;[141] a favore invece dell'identificazione tradizionale dei Giuda Taddeo e 'fratello', vedi ad esempio Giuseppe Ricciotti[142]).

Va fatto notare che tali scissioni (Giacomo fratello/Giacomo Minore; Giuda fratello/Giuda Taddeo) si basano sulla loro mancata autoidentificazione come apostoli, e la validità del silentium come argumentum non è molto solida.

Cugini paterni e materni[modifica | modifica sorgente]

Lo studioso cattolico tedesco Josef Blinzler nel 1967[143] ha proposto un'ipotesi secondo la quale i 4 'fratelli' sono cugini di primo grado di Gesù, ma 2 per parte di madre e 2 per parte di padre.

Fratelli di Gesù (Blinzler).jpg

L'argomentazione di Blinzer si fonda sull'ipotesi delle quattro donne in Giovanni 19,25, distinguendo la 'sorella' di Maria (zia di Gesù, madre di Giacomo e Giuseppe-Ioses, cugini materni di Gesù) da Maria di Cleofa (Cleofa era fratello di Giuseppe, zio di Gesù, padre di Simone e Giuda, cugini paterni di Gesù). Altri presupposti di tale tesi sono la non apostolicità dei fratelli-cugini Giacomo e Giuda, derivante dalla loro mancata autoidentificazione come tali, e la scissione di Cleofa e Alfeo, essendo indimostrabile con assolutezza tale identità.

Sostenitori[modifica | modifica sorgente]

Oltre a Josef Blinzler tale ipotesi è ripresa ad esempio da Rinaldo Fabris nel suo Gesù di Nazareth (p. 398-399) e da Vittorio Messori nel suo Ipotesi su Maria (p. 520).

Analisi[modifica | modifica sorgente]

La proposta può apparire non del tutto convincente in quanto:

  • soprattutto, nel testo greco di Giovanni 19,25 nulla autorizza a scindere le due donne;
  • circa la non apostolicità delle lettere di Giacomo e Giuda e dei rispettivi autori, 'fratelli' di Gesù, non è storicamente corretto trarre conclusioni probanti da silenzi;
  • il fatto che l'identificazione di Cleofa e Alfeo non sia dimostrabile con assolutezza non preclude a priori la verosimile eventualità che sia possibile.

Collaboratori[modifica | modifica sorgente]

Una quarta ipotesi è stata formulata dai biblisti della scuola esegetica di Madrid. Presupposto di partenza è che i testi evangelici si basino su fonti originali aramaiche (vedi teoria della Priorità aramaica), e sulla base di una dettagliata analisi dei passi in questione[68], ritengono che l'espressione "fratelli di Gesù" venisse usata in realtà per designare i suoi collaboratori, cioè gli apostoli e gli altri discepoli che lo seguivano e aiutavano. Allo stesso modo, la "sorella della madre di Gesù" sarebbe stata una donna che assisteva Maria. Alcuni passi che, nel testo greco dei Vangeli, sembrano contraddire questa spiegazione (Luca 8,19-21;Giovanni 7,5) secondo questi biblisti si spiegano con errori di traduzione da una fonte originale in lingua aramaica.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Nella Bibba ebraica i termini "fratello" e "sorella" designano spesso parenti di grado anche molto più lontano del primo, tanto più che nell'ebraico antico non si ritrova un preciso vocabolo per indicare esclusivamente il cugino. Cfr. Giuseppe Ricciotti, Vita di Gesù Cristo, Mondadori, 1962.
  2. ^ I fratelli appaiono in Marco 6:3, Giovanni 7:3, Atti 1:14, e 1 Corinzi 9:5. Citato in "fratelli del Signore." Cross, F. L., ed. The Oxford dictionary of the Christian church. New York: Oxford University Press 2005.
  3. ^ Funk, Robert W. cofondatore del Jesus Seminar in Gli atti di Gesù: la ricerca delle autentiche gesta di Gesù. HarperSanFrancisco. 1998. "Cosa sappiamo veramente di Gesù" p. 527-534.
  4. ^ a b c "Jerusalem." Cross, F. L., ed. The Oxford Dictionary of the Christian Church. Oxford University Press. 2005
  5. ^ a b c Frédéric Manns, "Trenta Domande (e Trenta Risposte) Su Maria e la Nascita Di Gesù", Vita e Pensiero, 2007, p. 31
  6. ^ Eusebio, Storia Ecclesiastica III, 11,2
  7. ^ Eusebio, Hist. Eccl. 3,11
  8. ^ Secondo il teologo John Painter l'aggettivo "secondo" può essere riferito al sostantivo "cugino", indicando quindi un "secondo cugino" o "un altro cugino", o riferita a "vescovo", e quindi Simeone fu "secondo vescovo di Gerusalemme". Contro la prima ipotesi, per Painter, "c'è l'evidenza che mai San Girolamo si appella a questo passaggio di Egesippo per giustificare la sua posizione che vedeva nei cosiddetti fratelli di Gesù i suoi cugini". La seconda interpretazione, per Painter, "è supportata dal resoconto di Eusebio sul martirio di Simeone, in cui Simeone è definito secondo vescovo di Gerusalemme" (Cfr. John Painter, Just James: The Brother of Jesus in History and Tradition, Continuum International Publishing Group, 2005, pagina 153). Altri autori sono invece convinti che l'aggettivo "secondo" (δεύτερον) vada invece riferito a "cugino" (Cfr. Josef Blinzler, I fratelli e le sorelle di Gesù, Paideia, 1974, pp. 125-129)
  9. ^ Secondo Georges Gharib "i testi di Egesippo, riferiti da Eusebio, sono importanti in quanto testimoni di una tradizione non apocrifa che vede nei 'fratelli di Gesù' i cugini del Signore tramite Giuseppe sposo di Maria. [...] Il tono narrativo di Egesippo esclude che si tratti di una tesi per provare la perpetua verginità di Maria" (Cfr. anche Georges Gharib, Testi Mariani del primo millennio: Padri e altri autori greci, Città Nuova, 1988, p. 140)
  10. ^ Cfr. anche Jean Galot, Maria la Donna Nell'opera Di Salvezza, Gregorian Biblical BookShop, 1991, p.181: "Secondo le informazioni fornite da Egesippo, bene al corrente della tradizione di Gerusalemme, Cleofa era il fratello di Giuseppe. Giacomo e Giuseppe sarebbero quindi cugini di Gesù, aventi Giuseppe come zio. Sembra più probabile che Simone e Giuda appartengano alla stessa famiglia, benché non si possa avere alcuna certezza su questo punto"
  11. ^ Cfr. anche Enrico Cattaneo, I ministeri nella Chiesa antica: testi patristici dei primi tre secoli, Paoline, 1997, p.111 nota 4
  12. ^ Enrico Dal Covolo, A. Serra, “Storia della mariologia”, Volume 1, Città Nuova, 2009, p.266
  13. ^ Francesco Maria Gaetani, “Il protestantesimo in Italia: conferenze del giovedì nel corso pubblico di apologia della religione”, Gregorian Biblical BookShop, 1950, p.237 nota 1
  14. ^ Armand Puig i Tàrrech, Jesus: An Uncommon Journey : Studies on the Historical Jesus, pag. 120s
  15. ^ Robert Lee Williams, Bishop Lists: Formation of Apostolic Succession of Bishops in Ecclesiastical, Gorgias Press LLC, 2005, p.108
  16. ^ Vedi anche Edward Burton, secondo cui, un'antica tradizione, risalente tra gli altri ad Egesippo, supporterebbe l'ipotesi che Giacomo il Giusto sia il cugino di Gesù. (Cfr. "Lectures upon the ecclesiastical history of the first century, Lectures upon the ecclesiastical history of the first century", Oxford University, 1831, p.105)
  17. ^ Henry George Liddell, Robert Scott, A Greek-English Lexicon
  18. ^ Il testo originale può essere reperito al seguente link: www.hs-augsburg.de/~harsch/graeca/Chronologia/S_post04/Eusebios/eus_hi01.html Bibliotheca Augustana]
  19. ^ Il teso originale di questo passaggio può essere reperito al link: Bibliotheca Augustana
  20. ^ Galati 1:19
  21. ^ 1 Corinti 15:7
  22. ^ a b "James, St." Cross, F. L., ed. The Oxford Dictionary of the Christian Church. Oxford University Press. 2005
  23. ^ a b c d e "fratelli del Signore." Cross, F. L., ed. The Oxford dictionary of the Christian church. New York: Oxford University Press. 2005
  24. ^ In Tertulliano tuttavia non appare un esplicito riferimento ai fratelli di Gesù intesi come figli di Maria
  25. ^ "fratelli del Signore." Cross, F. L., ed. The Oxford dictionary of the Christian church. New York: Oxford University Press. 2005. Vedi Marco 15:40.
  26. ^ Catechismo della Chiesa Cattolica n. 500
  27. ^ a b c d e f James H. Ropes, Epistle of St. James, Volume 41 di “International critical commentary on the Holy Scriptures of the Old and New Testaments International Critical Commentary”, Continuum International Publishing Group, 2000, pp.55-59s
  28. ^ e.g., Origen's Commentary on Matthew, §10.17
  29. ^ Vedi citazioni dalle opere di Lutero in Martin Luther on Mary's Perpetual Virginity
  30. ^ Armonia di Matteo, Marco e Luca, sec. 39 (Ginevra, 1562), / Dai commentari di Calvino, tr. William Pringle, Grand Rapids, MI: Eerdmans, 1949: "Elvidio mostrò una grande ignoranza nel concludere che Maria avesse dovuto avere molti figli, perché i 'fratelli' di Cristo sono talvolta citati" (vol. 2, p. 215); "[Su Matteo 1:25:] La deduzione cui giunse [Elvidio] partendo da queste letture, fu che Maria rimase vergine solo fino al primo figlio e poi ebbe altri figli da suo marito. ... Da queste parole non è possibile dedurre alcunché di corretto e solido . . . su ciò che accadde dopo la nascita di Cristo. Egli è chiamato 'primogenito'; ma al solo scopo di informarci che egli nacque da una vergine. . . Di ciò che avvenne dopo gli storici non ci informano . . . Nessuno si ostinerebbe a sostenere l'argomento, se non per un amore eccessivo della disputa" (vol. I, p. 107).
  31. ^ "Io ritengo fermamente che [Maria], secondo le parole del vangelo fu una pura vergine e portò in seno per noi il Figlio di Dio e nella nascita e dopo la nascita rimase una vergine perpetuamente pura e intatta". ((DE) Ulrich Zwingli, Egli, Emil; Finsler, Georg; Zwingli-Verein, Georg; Zürich, Eini Predigt von der ewig reinen Magd Maria. in Huldreich Zwinglis sämtliche Werke, vol. 1, C. A. Schwetschke und Sohn, 1905, p. 385. URL consultato il 1º luglio 2008.
  32. ^ "Io credo che Egli si fece uomo, riassumendo in sé la natura umana e la natura divina in una sola persona; essendo concepito da una sinfola operazione dello Spirito Santo, e nato dalla beata Vergine Maria, che, prima e dopo che ella portò in grembo, rimase una vergine pura e immacolata" (The Works of the Rev. John Wesley p. 112)
  33. ^ Treccani on line: I primi protestanti per lo più ammisero il concepimento verginale di Gesù (che altri, specie anabattisti, negarono), ma sostennero comunemente che M. avrebbe avuto, dopo Gesù, altri figli da naturale matrimonio con Giuseppe, e cioè Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda, chiamati fratelli di Gesù, e altre innominate sorelle (Matteo, XIII, 55-56): argomento questo, che già era stato addotto dagli antidicomarianiti, da Bonoso e Gioviniano
  34. ^ In altre parole, secondo questo punto di vista, essi condividevano un genitore (Maria) con Gesù. "Così Giacomo, secondo questo punto di vista, sarebbe il fratellastro minore di Gesù." Witherington, Ben III, "La famiglia allargata di Gesù," Bible Review, 19:3, pg.30–31. Inoltre, il Nelson Study Bible (NKJV) elenca gli autori tradizionali delle lettere di Giacomo e Giuda come "Giacomo, fratellastro di Gesù, tradizionalmente chiamato "il Giusto" (pag. 2102) e "Giuda il fratello di Giacomo e fratellastro del Signore Gesù" (pag. 2156). Il termine "fratellastro" viene usato per denotare una parentela, non genetica. Da questo punti di vista, gli altri fratelli e sorelle elencati nei passaggi del Vangelo avrebbero gli stessi rapporti con Gesù. Tuttavia, alcuni protestanti rigettano il termine "fratellastro" perché è troppo specifico; il Vangelo si riferisce a questi parenti come parenti di Gesù.
  35. ^ Sant'Agostino, Maria: "dignitas terrae", Città Nuova, 1988, p. 9
  36. ^ David Friedrich Strauss, La vita di Gesù o esame critico della sua storia, F. Sanvito, 1863, pp. 199
  37. ^ a b c d Francesco Trisoglio, Il Vangelo di Marco alla luce dei Padri della Chiesa, Città Nuova, 2006, p. 84-85
  38. ^ Roberto Coggi, La beata Vergine. Trattato di mariologia, Edizioni Studio Domenicano, 2004, p.70
  39. ^ a b Georges Gharib, Testi Mariani del primo millennio: Padri e altri autori greci, Città Nuova, 1988, p.255-299s
  40. ^ Secondo Tertulliano infatti Maria perse la verginità dopo il parto di Gesù (Cfr. Jean Galot, “Maria la Donna Nell’opera Di Salvezza, Gregorian Biblical BookShop, 1991, p. 165)
  41. ^ Cfr. anche De Carne Christi, XXIII: "et virgo quantum a viro, non virgo quantum a partu"
  42. ^ Scrive Tertulliano: 6. Veniamo all'argomento controverso circa la nascita del Signore. Lui stesso, dicono [i seguaci di Apelle, che negava la nascita materiale e carnale dell'eone divino Gesù] che non è nato, poiché dice: Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli? (Mt 12,48) Gli eretici dirigono sempre in tale maniera la nuda e semplice frase nella direzione che vogliono, oppure ancora dissolvono la semplicità con speciali condizioni e ragioni, come in questo passo. 7. Noi al contrario affermiamo in primo luogo che non gli poteva essere annunciato che la madre e i suoi fratelli stavano fuori chiedendo di vederlo se non avesse avuto madre e fratelli, e colui che annunciava il messaggio li conosceva o da lungo tempo o dal momento che desideravano parlare con lui [Gesù]. A questa prima proposizione si può rispondere: E se il messaggio gli fosse stato annunciato per tentarlo? Ma la scrittura non dice questo, e lo specifica quando viene fatto per tentare [Gesù] (ecco il dottore della legge si alzò per tentarlo, e nella questione del tributo [a Cesare], e vennero a lui i farisei per tentarlo), dunque quando non si fa menzione di tentazione non è ammessa l'interpretazione di una tentazione. 8. [..] 10. Dimmi, tutti coloro che sono nati hanno la madre vivente? Tutti coloro che sono nati hanno anche fratelli nati con loro? Non è più verosimile avere padre e sorelle [viventi], piuttosto che nessuno? Ed è noto che un censimento fu fatto in Giudea da Senzio Saturnino, e possono indagare circa la sua [di Gesù] nascita. In nessun modo questo costituisce motivo di tentazione, e veramente la madre e i suoi fratelli stavano fuori (vere mater et fratres eius foris stabant). Rimane da indagare il senso non semplice della frase: Chi sono mia madre e i miei fratelli? [Gesù] sembra negare parentela e nascita, ma a causa della necessità e della condizione [la priorità dettata dal ministero missionario]. 11. Mentre queste persone prossime (proximas personas) stavano fuori, [Gesù] era dentro con degli estranei attenti alle sue parole, e ancor di più cercavano di chiamarlo via da questa solenne opera, e fu comprensibilmente indignato. Non li ha negati, ma trascurati. E dopo aver premesso: Chi sono mia madre e i miei fratelli?, aggiungendo: Quelli che ascoltano le mie parole e le fanno, trasferisce la parentela di sangue (sanguinis nomina) agli altri, che giudica più prossimi a motivo della fede. 12. Nessuno però trasferisce qualcosa da qualcuno se questo non ha ciò che si trasferisce. Se dunque [Gesù] fece sua madre e suoi fratelli quelli che non lo erano, come può aver negato coloro che lo erano? Evidentemente [lo ha fatto] a causa dei meriti [degli estranei che lo ascoltavano], non per negare i parenti prossimi, dato che lui stesso ha detto che chi antepone il padre o la madre alla parola di Dio non è degno di essere discepolo. Per il resto, va riconosciuto ancor più chiaramente [che aveva] madre e fratelli poiché non voleva riconoscerli. 13. Adottando altre persone, confermava coloro che negò perché lo avevano offeso, le quali [altre persone] sostituì non perché più vere ma perché più degne. In definitiva preferì [legami di] fede a [legami di] sangue, i quali [alcuni dicono] che non aveva (Contro Marcione, 4,19,6-13, Cfr. Roberto Reggi, "I fratelli di Gesù", EDB 2010, pp. 162-163)
  43. ^ Scrive Tertulliano: 1. Quando si parla della natività [di Gesù] tutti coloro che la rigettano, pregiudicando la verità della carne di Cristo, [lo fanno affermando che] lo stesso Signore volle negare di essere nato, poiché disse: Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli? (Mt 12,48) Che Apelle ascolti la risposta che abbiamo già dato a Marcione nell'opera dedicata al suo vangelo [Contro Marcione], prendendo in considerazione questa argomentazione. 2. In primo luogo, nessuno gli [a Gesù] avrebbe annunciato che sua madre e i suoi fratelli stavano fuori se non fosse stato certo che aveva la madre e i fratelli dei quali gli annunciava, o perché li conosceva da prima o perché li ha conosciuti in quel momento. È per questo che questa eresia ha tolto dal vangelo il riferimento alla ben nota conoscenza di suo padre putativo, l'artigiano Giuseppe, e della madre Maria, e dei fratelli e delle sorelle, da parte di coloro che erano meravigliati della sua dottrina. 3. [Ribattono gli eretici:] Ma gli hanno annunciato la madre e i fratelli, che non aveva, per tentarlo. Ma la scrittura non dice questo, e non tace [l'accenno alla tentazione] le altre volte che è tentato per le sue opere [..] 5. [..] Noi tutti nasciamo, anche se non tutti abbiamo madre o fratelli. 6. [Uno o Gesù?] può avere ancora il padre piuttosto che la madre, degli zii piuttosto che dei fratelli. Dunque non è verosimile la tentazione sulla natività, che può esserci senza che siano nominati madre o fratelli. È più facile che, certi che [Gesù] aveva madre e fratelli, lo abbiano potuto tentare sulla divinità piuttosto che sulla natività, [per vedere] se stando dentro poteva conoscere chi era fuori annunciandogli mendacemente la presenza [di madre e fratelli], mentre non erano presenti. Ma anche così lo stratagemma della tentazione sarebbe vano: 7. Sarebbe potuto succedere che quelli che erano annunciati come stanti fuori, li sapeva [Gesù] essere assenti, o per salute, o per affari, o per viaggi di cui era a conoscenza. Nessuno tenta in tale modo senza che l'onta della tentazione ritorni [sul tentatore]. 8. Non c'è dunque fondamento [all'ipotesi] di tentazione, va ammessa la sincerità dell'annunciatore che [diceva] la madre e i suoi fratelli essere sopraggiunti veramente (vere mater et fratres eius supervenissent). Ma [sentiamo] la risposta secondo la quale Apelle nega la madre e i fratelli: 9. i fratelli non credevano in lui (Gv 7,5), come anche è scritto nel vangelo pubblicato prima di Marcione. Anche la madre non sembra aver aderito a lui, mentre Marta e l'altra Maria lo frequentavano nella sua attività. In questo appare la loro incredulità: quando Gesù insegnava la via della vita, quando predicava il regno, quando operava per guarire infermità e vite, degli stranieri lo seguivano mentre i [parenti] prossimi (proximi) erano assenti. 10. Dunque arrivano e stanno fuori, non entrano, evidentemente non considerando cosa stava facendo dentro, non attendono nemmeno, come se gli dovessero portare qualcosa mentre era massimamente impegnato, ma lo vogliono richiamare da opere tanto importanti. Ti chiedo Apelle, oppure a te, Marcione: se mentre ti stai divertendo a tavola, o con un intrattenitore, o con un auriga, tu fossi richiamato con tale annuncio, forse non diresti: Chi sono mia madre e chi i miei fratelli? 11. Mentre Cristo predicava e mostrava Dio, adempiendo la legge e i profeti, disperdendo tanti secoli di caligine, non era forse opportuna questa risposta per rimproverare l'incredulità di coloro che stavano fuori e per rigettare l'inopportunità di essere richiamato da tale opera? D'altro canto, se avesse voluto negare la sua natività avrebbe scelto un altro luogo, tempo e parole, non [parole] che si possono riferire a colui che ha madre e fratelli. Quando l'indignazione fa negare i parenti (parentes), non li nega ma li rimprovera. 12. Dunque preferì altri indicando la causa della preferenza, cioè coloro che ascoltavano la parola, dimostrando in che senso ha negato madre e fratelli: infatti adottò coloro che aderivano a lui e rinnegò coloro che gli stavano lontani. Cristo metteva in pratica quello che insegnava ad altri. 13. Come sarebbe stato [possibile] infatti che, insegnando a non preferire madre o padre o fratelli alla parola di Dio, abbandonasse [l'insegnamento nella casa] per gli annunciati madre e fratelli? Negò dunque i parenti nel modo che insegnava a negarli a favore dell'opera di Dio. E c'è un altro simbolo: la sinagoga nella madre assente, e i giudei nei fratelli increduli. Fuori, in loro, c'era Israele, invece dentro i nuovi discepoli, che ascoltavano e credevano a aderivano a Cristo, rappresentavano la Chiesa, la quale annunciò essere la madre preferita e i fratelli più degni, ripudiando la generazione carnale [carnali genere]. Con lo stesso senso risponde a loro [alla folla] con l'esclamazione: Mentre diceva questo, una donna alzò la voce di mezzo alla folla e disse: "Beato il ventre che ti ha portato e il seno da cui hai preso il latte!". Ma egli disse: "Beati piuttosto coloro che ascoltano la parola di Dio e la osservano!", Lc 11,27-28, non negando l'utero e il seno materno, ma indicando come benedetti quelli che ascoltano la parola di Dio» (La carne di Cristo 7, Cfr. Roberto Reggi, "I fratelli di Gesù", EDB 2010, pp. 164-165)
  44. ^ Scrive Tertulliano: "1.Tornando ora alla legge propriamente nostra, cioè il vangelo, quali esempi troviamo coi quali possiamo pervenire a leggi? Ecco subito, quasi sulla soglia, si presentano a noi due sacerdotesse della santità cristiana, la monogamia e la continenza. Una modesta, nel sacerdote Zaccaria, una intatta, in Giovanni il precursore; una apprezzante Dio, una predicante Cristo; una predicante un sacerdote integro, una mostrante [una persona che è] più di un profeta, cioè colui che non ha soltanto predicato o indicato ma anche battezzato Cristo. 2. Chi infatti era più degno di iniziare [col battesimo] il corpo del Signore che una carne [il Battista] simile a quella [di Maria] che lo concepì e partorì? E Cristo fu partorito da una vergine, la quale doveva sposarsi una sola volta dopo il parto, affinché entrambi i titoli di santità [continenza e monogamia] fossero adempiuti, con la nascita di Cristo, con una madre, vergine e sposata a un solo uomo" (Sulla monogamia 8,1-2, Cfr. Roberto Reggi, "I fratelli di Gesù", EDB 2010, p. 165)
  45. ^ Scrive Tertulliano: «1. Vediamo ora se l'apostolo [Paolo] mantiene il significato che questo vocabolo [donna] ha nella Genesi, riferito al genere sessuale [e non alla condizione coniugale], cosicché la vergine Maria sia chiamata donna [mulier] come anche Eva nella Genesi. Scrive ai Galati: Dio inviò il suo figlio, nato da una donna (Gal 4,4), la quale è considerata vergine, sebbene Ebion dissenta. 2. So anche che l'angelo Gabriele fu inviato a una vergine, ma quando la benedice non la include tra le vergini: Benedetta tu tra le donne (Lc 1,28). L'angelo sapeva bene che 'donna' è anche detto 'vergine'. 3. Ma contro questi due [argomenti] ce n'è uno che appare ingegnoso: Maria è fidanzata, per questo è detta 'donna' dall'angelo e dall'apostolo, dato che 'fidanzata' è in qualche modo 'sposata'. Però tra 'in qualche modo' [quodammodo] e 'veramente' [verum] c'è differenza, almeno in questo passo (infatti in altri casi può essere ragionevolmente così [la stessa cosa]). 4. Ora, non è quando era già sposata che Maria è detta 'donna', ma da principio, quando era ancora non sposa, lo è detta. Questo [titolo] infatti ha una qualità [l'indicazione della femminilità] dalla quale deriva la forma [l'attribuzione del titolo]. 5. Quanto al resto circa questo passo, se qui Maria è uguagliata a 'fidanzata' ed è chiamata 'donna' non perché femmina ma perché sposata, allora Cristo non è nato da una vergine, cioè da una 'fidanzata', perché questo nome [donna] fa cessare la verginità. Ma se è nato da una vergine, cioè una fidanzata integra [nella verginità], riconosci che 'donna' è anche [usato per] 'vergine', integra. 6. Non si può certamente vedere niente di profetico quando l'apostolo dice nato da donna, in quanto [Maria era una] futura donna sposata. Non poteva infatti chiamare [Maria] futura donna [sposata], poiché non aveva patito da uno sposo dal quale Cristo poteva nascere. Ma [Paolo] l'ha chiamata come era in quel momento, vergine [quanto alla generazione di Gesù] e donna [quando al genere femminile]» (Sulla velazione delle vergini, 6, Cfr. Roberto Reggi, "I fratelli di Gesù", EDB 2010, p. 166)
  46. ^ Filostorgio, Storia ecclesiastica, v.3.
  47. ^ a b c d e Jean Galot, “Maria la Donna Nell'opera Di Salvezza, Gregorian Biblical BookShop, 1991, p.181s
  48. ^ Giulia Sfameni Gasparro, La coppia nei Padri, Paoline, 1991, p. 287
  49. ^ Agostino da Ippona, De Haeresibus, 82 e 84, PL 42, 45-46
  50. ^ San Girolamo, Adversum Haelvidium, PL 23, 183-206
  51. ^ Enrico Dal Covolo, A. Serra, Storia della mariologia, Volume 1, Città Nuova, 2009, p.310
  52. ^ Sant’Ambrogio, De Bonoso, PL 16, 1172-1174
  53. ^ Nicolas Silvestre Bergier, "Dizionario enciclopedico della teologia, della storia della chiesa, degli autori che hanno scritto intorno alla religione, dei concilii, eresie, ordini religiosi (etc.)", Carlo Turati, 1843, p.76
  54. ^ Sant’Ambrogio, Adversus Jovinianorum
  55. ^ Sant’Agostino, De Haeresibus, 82 e 84, PL 42, 45-46 e 46
  56. ^ Jean Galot, “Maria la Donna Nell'opera Di Salvezza, Gregorian Biblical BookShop, 1991, p.182: "A partire da quest’epoca si può parlare di un possesso tranquillo, nella Chiesa, dell'affermazione di Maria sempre vergine”
  57. ^ Theodor Zahn, "Brüder und Vettern Jesu", Leipzig, 1900, pp. 225-364
  58. ^ Guido Pagliarino, Gesù, nato nel 6 "a.C." crocifisso nel 30: un approccio storico al Cristianesimo, Scrittore G. Pagliarino, 2003, p. 118
  59. ^ Joseph Barber Lightfoot, Saint Paul's Epistle to the Galatians, Macmillan and Company, limited, 1869, pp. 258s
  60. ^ David Friedrich Strauss, La vita di Gesù o esame critico della sua storia, F. Sanvito, 1863, pp. 198s
  61. ^ Mauro Pesce, Adriana Destro, L'uomo Gesù, Edizioni Mondadori, 2010, p. 231
  62. ^ John P. Meier, A marginal Jew: rethinking the historical Jesus, Doubleday, 2001
  63. ^ Robert H. Eisenman, Giacomo, il fratello di Gesù. Dai Rotoli di Qumran le rivoluzionarie scoperte sulla Chiesa delle origini e il Gesù storico, Piemme, 2008
  64. ^ Ernest Renan, Vita di Gesù, Newton Compton Editori, 2012
  65. ^ Francesco Maria Gaetani, Il protestantesimo in Italia: conferenze del giovedì nel corso pubblico di apologia della religione, Gregorian Biblical BookShop, 1950, p.236: "Dopo aver negato, nell'edizione del 1867 de La vita di Gesù la perpetua verginità di Maria, nell'edizione del 1877 (Renan nda) si domanda: "Questi fratelli di Gesù erano anche figli e figlie di Maria? Questo non è probabile...Gesù nella sua giovinezza fu designato a Nazareth col nome di figlio di Maria... ciò suppone che egli fu per lungo tempo conosciuto come figlio unico di madre vedova"
  66. ^ Hans Küng, Cristianesimo, Bur, 1994, pag. 95
  67. ^ a b Rudolf Schnackenburg, Vangelo secondo Marco, Città Nuova, 2002, p. 84
  68. ^ a b c d e f Josè Miguel García, "La vita di Gesù: Nel testo aramaico dei Vangeli, Bur 2005
  69. ^ Cfr. anche Eusebio, Hist. Eccl. 3,11. Eusebio parla di Simeone figlio di Cleofa designato come successore di Giacomo a Gerusalemme
  70. ^ a b c Roberto Coggi, 'Studi introduttivi a S. Tommaso', Edizioni Studio Domenicano, 2004, pag. 141
  71. ^ La Salome di Mc non può essere identificata con la "Maria madre di Giacomo e Giuseppe" di Matteo: in tal caso sarebbe madre di Giovanni (l'evangelista); Giacomo 'Maggiore' fratello di Giovanni; Giuseppe-Ioses; Giacomo 'Minore' fratello di Giuseppe-Ioses. Avrebbe dunque due figli di nome Giacomo.
  72. ^ Guido Pagliarino, "Gesù, nato nel 6 "a.C." crocifisso nel 30: un approccio storico al Cristianesimo", Scrittore G. Pagliarino, 2003, p.118
  73. ^ John J. Gunther, "The family of Jesus", "The Evangelical Quarterly" 46, gennaio-marzo 1974, pp. 25-41. Scrive tra l'altro Gunther: "Quali informazioni su "Cleofa" possono essere raccolte da Giovanni 19, 25? Questo versetto presenta il problema dell'accertamento del numero di Marie sotto la croce. "Stavano presso la croce di Gesù sua madre e (kai) la sorella di sua madre, Maria di Cleofa, e (kai) Maria Maddalena". Dall'omissione della congiunzione kai tra "la sorella di sua madre" e "Maria di Cleofa" è giusto dedurre che l'autore intendeva un'equazione piuttosto che una distinzione. Kai è una congiunzione usata abbondantemente, se non eccessivamente, dall'evangelista. In altre liste di persone (2:12 e 21:2) ogni membro è collegato dalla congiunzione. [...] Da ciò concludiamo che "Maria di Cleofa" va identificata come la sorella della madre di 'Nostro Signore'"
  74. ^ Enciclopedia Treccani online
  75. ^ S. De Fiores, Luigi Gambero, Testi mariani del secondo millennio: Autori moderni dell'Occidente secoli XVI-XVII, Città Nuova, 2003, p. 506
  76. ^ Chi sono i nostri fratelli e le nostre sorelle?, Pubblicazione dei Testimoni di Geova, cap. 43 pp. 222-226
  77. ^ Guido Pagliarino, Gesù, nato nel 6 "a.C." crocifisso nel 30: un approccio storico al Cristianesimo pagina 118, Scrittore G. Pagliarino, 2003, p. 385.
  78. ^ Si veda per esempio Brown (Cfr. Brown et al., Mary in the New Testament: A Collaborative Assessment by Protestant and Roman Catholic Scholars, 1978, tr. it Maria nel Nuovo Testamento, 1985) Tuttavia lo stesso autore sottolinea come il termine "fratello" nella Bibbia abbia un significato più ampio di quello di figlio della stessa madre: "È noto che nel Nuovo Testamento adelphos indica a volte altri rapporti di relazione [...]. Nell'Antico Testamento greco adelphos è volte utilizzato nel senso più ampio di congiunto, parente"
  79. ^ La nota a Giovanni 19:25 della Bibbia di Wesley riporta: "His mother's sister - But we do not read she had any brother. She was her father's heir, and as such transmitted the right of the kingdom of David to Jesus: Mary, the wife of Cleopas - Called likewise Alpheus, the father, as Mary was the mother of James, and Joses, and Simon, and Judas"
  80. ^ Wilhelm Schneemelcher, Robert McLachlan Wilson, "New Testament Apocrypha: Gospels and Related Writings", Westminster John Knox Press, 1991, p.482
  81. ^ http://mlbible.com/numbers/36-11.htm Numeri 36:11
  82. ^ LXX Numeri 36:11 και εγενοντο θερσα και εγλα και μελχα και νουα και μααλα θυγατερες σαλπααδ τοις ανεψιοις αυτων
  83. ^ L'ellenizzazione dei nomi semiti era comune in epoca ellenista: vedi ad esempio. Sila = Silvano; Gesù-Giosuè = Giasone; Saulo = Paolo...
  84. ^ Il fatto che la lingua greca usata da Eusebio non sia di matrice semitica come quella della LXX e del Nuovo Testamento può portare a pensare che quando lo storico usa il termine αδελφός nel caso di Giacomo intenda un fratello in senso proprio, altrimenti adotterebbe ανεψιός, come infatti usa per Simone (v. dopo). Tuttavia è verosimile che applicando tale epiteto parentale abbia voluto riproporre il titolo neotestamentario che si è tramandato tradizionalmente: ad esempio quando indichiamo il santo di Assisi come Francesco, non significa che ignoriamo che il suo effettivo nome di battesimo era Giovanni, semplicemente lo indichiamo così perché da secoli è conosciuto in tale maniera.
  85. ^ "Anano […] convocò il sinedrio a giudizio e vi condusse il fratello di Gesù, detto il Cristo, di nome Giacomo, e alcuni altri, accusandoli di trasgressione della legge e condannandoli alla lapidazione" (Antichità Giudaiche 20,200).
  86. ^ "Giacomo, chiamato fratello del Signore, soprannominato il Giusto, alcuni ritengono che fosse figlio di Giuseppe con un'altra moglie ma a me pare piuttosto il figlio di Maria sorella della madre di nostro Signore di cui Giovanni fa menzione nel suo libro".
  87. ^ Storia ecclesiastica 3,20,1 en).
  88. ^ James H. Ropes, Epistle of St. James, Volume 41 di “International critical commentary on the Holy Scriptures of the Old and New Testaments International Critical Commentary”, Continuum International Publishing Group, 2000, p.57s
  89. ^ Johannes Heinrich August Ebrard, "The Gospel history: a compendium of critical investigations in support of the historical character of the four gospels", T. and T. Clark, 1863, p.272: "But as such a genitive is certainly used by no means infrequently to denote the fraternal relation, we find in this combination an additional proof of the identity of the "person with three names"
  90. ^ Giovanni Pietro Secchi, "La cattedra Alessandrina di Marco Evangelista e martire conservata in Venezia entro il tesoro Marciano delle reliquie, la Biblioteca Pubblica Bavarese, 1853, p.154
  91. ^ a b Enciclopedia Cattolica: Most Catholic commentators identify Jude with the "Judas Jacobi" ("Jude, the brother of James" in the D.V.) of Luke 6:16 and Acts 1:13 — also called Thaddeus (Matthew 10:3: Mark 3:18) — referring the expression to the fact that his brother James was better known than himself in the primitive Church. This view is strongly confirmed by the title "the brother of James", by which Jude designates himself in the address of his Epistle. If this identification is proved, it is clear that Jude, the author of the Epistle, was reckoned among the Twelve Apostles. This opinion is most highly probable
  92. ^ Johann Peter Lange, Philip Schaff, "A commentary on the Holy Scriptures: critical, doctrinal, and homilectical, with special reference to ministers and students", Volume 9, C. Scribner & co., 1867, p.5
  93. ^ Tuttavia la Bibbia di Gerusalemme, testo CEI, con le introduzioni, le note, i quadri cronologici e riassuntivi e gli indici tematici della La Bible de Jérusalem, nella nota a Luca 6:16 riporta "Giuda, figlio di Giacomo": lett.: «Giuda di Giacomo», ma che si potrebbe anche intendere: «fratello di Giacomo» (cf. Mt 10,2+)
  94. ^ Versioni delle Sacre Scritture
  95. ^ Luca 6:16 nella edizione 2008 della CEI
  96. ^ Oltre alle Bibbie Interconfessionali, anche le protestanti New Living Translation, Revised Standard Version e New Revided standard , la Peshitta - Lamsa Translation, Miles Coverdale Bible (1535) e la Tyndale New Testament (1526) traducono figlio di Giacomo, mentre la Traduzione del Nuovo Mondo delle Sacre Scritture dei Testimoni di Geova traduce con lo stesso senso, ma con parentesi quadre a il figlio: Giuda [il figlio] di Giacomo
  97. ^ a b Mercer Dictionary of the Bible (a cura di Watson E. Mills,Roger Aubrey Bullard), Mercer University Press, 1990
  98. ^ Thomas R. Schreiner, First, Second Peter, Jude, B&H, 2003.
  99. ^ Daniel Keating, First and Second Peter, Jude, Baker Academic, 2011.
  100. ^ Thomas R. Schreiner, "First, Second Peter, Jude" Volume 37 di New American Commentary New Testament, B&H Publishing Group, 2003, p.429. Scrive Schreiner: "Giuda 17 non comporta di per se la dimostrazione che Giuda non sia un apostolo. Il confronto con la Seconda Lettera di Pietro è istruttivo"
  101. ^ a b John Painter, “Just James: The Brother of Jesus in History and Tradition”, Continuum International Publishing Group, 2005
  102. ^ In merito alla distinzione o all'identificazione Giacomo il Minore/Giacomo il Giusto vedi anche Ugo Vanni (Commento a Gal 1,19 in La Bibbia Nuovissima versione dai testi originali, Edizioni S. Paolo 1987, p. 1779), Pasquero Fedele (Introduzione alla lettera di Giacomo in La Bibbia Nuovissima versione dai testi originali, Edizioni San Paolo 1987 p. 1847), Giuseppe Ricciotti (La sacra Bibbia annotata da Giuseppe Ricciotti, A. Salani, 1993; Introduzione alla lettera di Gc in La Sacra Bibbia annotata da Giuseppe Ricciotti, Ed. Salani 1993, p. 1719), Salvatore Garofalo
  103. ^ Catechismo della Chiesa Cattolica n. 500: "Giacomo e Giuseppe, 'fratelli di Gesù' (Mt13,55) sono i figli di una Maria discepola di Cristo, la quale è designata in modo significativo come 'l'altra Maria' (Mt28,1)"
  104. ^ In merito alla controversa identificazione Alfeo/Clopa vedi Cleofa
  105. ^ Vedi per esempio Richard Bauckham, “The names on the Ossuaries”, in Charles L. Quarles, “Buried Hope Or Risen Savior?: The Search for the Jesus Tomb”, B&H Publishing Group, 2008, p.72
  106. ^ Alban Butler, “Butler's Lives of the Saints: April”, Continuum International Publishing Group, 1999, p.190
  107. ^ Vedi anche Frederick J. Cwiekowski, The Beginnings of the Church, Paulist Press, 1988, p.149
  108. ^ Herbert Thorndike, A Discourse of the Right of the Church in a Christian State, W. J. Cleaver, 1841, p.72
  109. ^ Jeffrey J. Bütz, "The Secret Legacy of Jesus: The Judaic Teachings That Passed from James the Just to the Founding Fathers", Inner Traditions / Bear & Co, 2009
  110. ^ Philip Schaff, "Eusebius Pamphilius: Church History, Life of Constantine, Oration in Praise of Constantine", CCEL, cap.XXII,4 "Hegesippus and the events which he mentions"
  111. ^ Treccani on line: I primi protestanti per lo più ammisero il concepimento verginale di Gesù ma sostennero comunemente che Maria avrebbe avuto, dopo Gesù, altri figli da naturale matrimonio con Giuseppe, e cioè Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda, chiamati fratelli di Gesù, e altre innominate sorelle (Matteo, XIII, 55-56)
  112. ^ John Paul Meier, Un ebreo marginale, [[Queriniana (casa editrice)|]], (tr. it. di Jesus: a Marginal Jew, Anchor Bible Reference Library, Doubleday), vol. 1, p. 324.
  113. ^ a b Sito dell'Unione delle Chiese Evangeliche : A Brief Articulation of Sola Scriptura
  114. ^ Cfr. Gill's Exposition of the Entire Bible, Psalm 69:8 (
  115. ^ Giuseppe Flavio, Antichità Giudaiche 20, 200.
  116. ^ Nel paragrafo, che parla della verginità di Maria, si legge: "Giacomo e Giuseppe, 'fratelli di Gesù' (Mt13,55) sono i figli di una Maria discepola di Cristo, la quale è designata in modo significativo come 'l'altra Maria' (Matteo 28,1)". Non accennando alla figliolanza di Simone e Giuda, il Catechismo della Chiesa Cattolica lascia aperta la possibilità dei cugini paterni e materni, secondo l'ipotesi avanzata da Josef Blinzler.
  117. ^ Martin Luther, Luther's works, vol. 54, ed. J. J. Pelikan, H. C. Oswald & H. T. Lehmann (Philadelphia: Fortress Press, 1999)
  118. ^ Martin Luther, “Sermon on the Presentation of Christ in the Temple,” Luthers Werke 52:688- 99,quoted in Jaroslav Pelikan, Mary Through The Ages
  119. ^ (EN) Martin Luther’s Theology of Mary
  120. ^ V. Bibbia TOB, nota a Mt1,25.
  121. ^ Testo pubblicato da J.B. Frey, Biblica, 11 (1930), pp. 369-390, cit. da Alain de Benoist [1].
  122. ^ Si veda in proposito Joseph Ratzinger, "L'infanzia di Gesù", Rizzoli 2012, p.84
  123. ^ Commento dei padri della Chiesa al salmo 69
  124. ^ Antichità giudaiche XX, 200
  125. ^ Louis H. Feldman, "Josephus" Anchor Bible Dictionary, Vol. 3, pp. 990-1
  126. ^ Adversus Marcionem, 4, 19 e De Virginibus velandis, 6
  127. ^ Corrado Augias, Mauro Pesce, Inchiesta su Gesù, Oscar Mondadori, ISBN 978-88-04-57132-2, pag 172
  128. ^ Archibald Robertson, The Origins of Christianity, International Publishers, 1954, rev. ed. 1962, cap 7
  129. ^ Gerd Lüdemann, Acts of Impropriety: The Imbalance of History and Theology in Luke-Acts, Toronto Journal of Theology 28.1 (2008): 65-79.
  130. ^ Paul W. Walaskay, And so we Came to Rome: The Political Perspective of St Luke, Volume 49 of Society for New Testament Studies Monograph Series, Cambridge University Press, 2005, ISBN 978-0-521-02056-5, pag 22 e seg
  131. ^ Kazuhiko Yamazaki-Ransom, The Roman Empire in Luke's Narrative, Volume 404 of Library of New Testament Studies, Continuum International Publishing Group, 2010, ISBN 978-0-567-36439-5, pag 2
  132. ^ Harold W. Attridge, Holland Lee Hendrix, Helmut Koester, L. Michael White, The Gospel of Luke, dal sito della PBS
  133. ^ Udo Schnelle, The History and Theology of the New Testament Writings, p. 259.
  134. ^ Commentario del Nuovo Testamento del Rev. Roberto Gualtiero Stewart, http://www.laparola.net/testo.php?riferimento=gv+20.17&versioni[]=Commentario
  135. ^ Nel commento a Gal 1,19 in La Bibbia Nuovissima versione dai testi originali, Edizioni S. Paolo 1987, p. 1779.
  136. ^ Vedi introduzione alla lettera di Giacomo in La Bibbia Nuovissima versione dai testi originali, Edizioni San Paolo 1987 p. 1847.
  137. ^ Giuseppe Ricciotti, La sacra Bibbia annotata da Giuseppe Ricciotti, A. Salani, 1993
  138. ^ V. introduzione alla lettera di Gc in La Sacra Bibbia annotata da Giuseppe Ricciotti, Ed. Salani 1993, p. 1719.
  139. ^ Per Garofalo "Giacomo è detto il Minore per distinguerlo dall'omonimo apostolo figlio di Zebedeo e fratello dell'evangelista Giovanni. Si tratta di Giacomo parente di Gesù a capo della comunità di Gerusalemme"
  140. ^ Vedi introduzione alla lettera di Gd in La Bibbia Nuovissima versione dai testi originali, Edizioni San Paolo 1987 p. 1866.
  141. ^ Vedi introduzione alla lettera di Giuda in La Sacra Bibbia Edizione ufficiale della CEI, ed. Paoline 1980, p. 1227
  142. ^ V. introduzione alla lettera di Giuda in La Sacra Bibbia annotata da Giuseppe Ricciotti, ed. Salani 1993, p. 1757.
  143. ^ Die Brüder und Schwestern Jesu. Stuttgarter Bibelstudien 21, Stuttgart 1967. Tr. it. I fratelli e le sorelle di Gesù, Paideia, Brescia 1974.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Bibliografia su Gesù.
  • Josef Blinzler, I fratelli e le sorelle di Gesù, traduzione di Gino Cecchi, titolo originale Die Bruder und Schwestern Jesu , Stoccarda 1967 - Paideia Editrice, Brescia 1974 ISBN 978-88-394-0799-3
  • Jean Gilles, I «fratelli e le sorelle» di Gesù. Per una lettura fedele dei Vangeli, Claudiana, Torino 1985
  • Roberto Nisbet, cap. XI I fratelli e le sorelle di Gesù in Ma il Vangelo non dice così, Claudiana, Torino
  • Renato Romizi, Greco Antico - Seconda edizione - Vocabolario Greco/Italiano Etimologico e ragionato, Zanichelli, Bologna 2005 ISBN 88-08-07695-4
  • Claudio Gianotto, Giacomo, fratello di Gesù, Il Mulino, Bologna 2013 ISBN 978-88-15-24525-0

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Siti non confessionali:

Siti evangelici e protestanti:

Siti cattolici: