Alister McGrath

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alister McGrath, 2008

Alister Edgar McGrath (Belfast, 23 gennaio 1953) è un teologo, biologo ed educatore britannico.

Attualmente professore di Teologia, Ministero e Formazione al King's College London e direttore del Centre for Theology, Religion and Culture. McGrath è stato precedentemente professore di Teologia Storica alla University of Oxford, e rettore del Collegio Teologico di Wycliffe Hall, Oxford fino al 2005.

McGrath è noto per le sue opere di teologia storica, sistematica e scientifica, come anche per i suoi saggi sull'apologetica cristiana e la sua opposizione all'antireligionismo. Ha conseguito un DPhil (in biofisica molecolare) e un Dottorato in Divinity presso la University of Oxford.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

McGrath è nato a Belfast, Irlanda del Nord, ed è cresciuto a Downpatrick, County Down, dove ha frequentato la Scuola Superiore di Down. Nel settembre del 1966 divenne allievo al Methodist College di Belfast, dove i suoi studi si sono concentrati sulla matematica, la fisica e la chimica. È poi andato al Wadham College, Oxford, nel 1971 dove si è laureato col massimo dei voti in chimica nel 1975. Ha iniziato la ricerca in biofisica molecolare presso l'Università di Oxford, Dipartimento di Biochimica, sotto la supervisione del Professor George Radda, ha vinto una borsa APE per la ricerca sulle cefalosporine presso il Linacre College, Oxford, per l'anno accademico 1975-6, e una borsa di studio Domus Senior al Merton College di Oxford, per il periodo 1976-8. Durante questi tre anni, ha svolto ricerca scientifica e contemporaneamente ha studiato per una laurea presso la Scuola di Teologia dell'Università di Oxford. Ha conseguito quindi un Dottorato di Ricerca (D.Phil.) in biofisica molecolare (dicembre 1977), e una laurea magistrale cum laude in teologia nel giugno del 1978.[1]

McGrath in seguito ha lasciato Oxford per andare a lavorare presso l'Università di Cambridge, dove ha anche studiato per essere ordinato nella Chiesa anglicana. Nel settembre 1980, è stato ordinato diacono e ha cominciato a lavorare come curato presso la chiesa parrocchiale di San Leonardo in Wollaton, Nottingham. Ordinato pastore a Southwell Minster nel settembre 1981, è stato nominato docente in dottrina ed etica cristiana nel 1983 alla Wycliffe Hall, Oxford, e membro della Facoltà di Teologia dell'Università di Oxford. McGrath ha trascorso il semestre autunnale del 1990 come Visiting Professor di Teologia storica (cattedra Squire Ezra Tipple) presso la Divinity School della Drew University, Madison, New Jersey.[1]

McGrath è stato successivamente eletto Docente Ricercatore in Teologia all'Università di Oxford nel 1993 e ha anche svolto funzioni di professore di ricerca in teologia al Regent College di Vancouver, dal 1993 al1999. Nel 1995, è stato eletto Preside della Wycliffe Hall e nel 1999 si è aggiudicata una cattedra in teologia all'Università di Oxford, con il titolo di "Professore di Teologia Storica". Ha ricevuto un Dottorato di Ricerca in teologia nel 2001 presso Oxford per la sua ricerca in teologia storica e teologia sistematica,[1] ed è stato un membro fondatore della International Society for Science and Religion (Società Internazionale per la Scienza e la Religione). Nel settembre 2008, McGrath ha assunto la cattedra di Teologia, Ministero, e Istruzione presso il Dipartimento di Studi e Formazione Professionale del King's College London.[2], McGrath è stato incluso nella lista The 20 Most Brilliant Christian Professors[3] ed è stato eletto membro della Royal Society of Arts.

Posizioni[modifica | modifica sorgente]

McGrath afferma l'Evoluzionismo teista.[4] McGrath era precedentemente un ateo. Nel suo saggio del 2004, The Twilight of Atheism, McGrath ha indicato come l'ateismo fosse in declino, inoltre criticando molto lo scienziato Richard Dawkins, sottolineando la sua "imbarazzante ignoranza della teologia cristiana". Il suo libro L'illusione di Dawkins - una risposta all'L'illusione di Dio di Dawkins - è stato pubblicato da SPCK[5] nel febbraio 2007, e i due hanno tenuto un dibattito pubblico sul tema, "Il credo religioso danneggia il benessere di una società, o è necessario per fornire i fondamenti morali ed etici di una società sana?"

McGrath ha anche discusso pubblicamente col filosofo Daniel Dennett, al Greer-Heard Point-Counterpoint Forum (febbraio 2007), a New Orleans.[6] È stato intervistato da Richard Dawkins sul suo libro Dawkins' God: Genes, Memes, and the Meaning of Life e la fede in generale, per il documentario televisivo The Root of All Evil? L'intervista a McGrath non è stata inclusa nel montaggio finale, ma il filmato inedito è disponibile online.[7] McGrath afferma di non opporsi all'ateismo di per sé, ma piuttosto al punto di vista sull'ateismo sostenuto da persone come Dawkins.[8]

Opere[modifica | modifica sorgente]

Tra le pubblicazioni più note si annoverano le seguenti:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Cfr. biografia sul sito ufficiale
  2. ^ Cfr. articolo "World-leading Theologian joins King’s" del 21/04/2008.(EN)
  3. ^ Cfr. articolo The 20 Most Brilliant Christian Professors del 04/04/2010.(EN)
  4. ^ Cfr. vari articoli su Christian Evidence: [1], [2], [3], [4] Consultati 13/02/2012(EN) .
  5. ^ ociety for Promoting Christian Knowledge - vedi le rispettive informazioni della SPCK
  6. ^ Cfr. dibattito su NOBTS Consultato 13/02/2012 (EN)
  7. ^ Video dell'intervista inedita.(EN)
  8. ^ Science and Religion: A New Introduction - Google Books (EN)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Chung, S. W. (ed.). Alister E. McGrath and Evangelical Theology: A Dynamic Engagement. Carlisle: Paternoster, 2003. ISBN 978-0-8010-2639-3
  • Keating, James F. "The Natural Sciences as an Ancilla Theologiae Nova: Alister E. McGrath's A Scientific Theology." The Thomist 69 (2005): 127-52.
  • Myers, Benjamin. "Alister McGrath's Scientific Theology." Reformed Theological Review 64 (2005): 15-34.
  • Shipway, Brad. "The Theological Application of Bhaskar's Stratified Reality: The Scientific Theology of A. E. McGrath." Journal of Critical Realism 3 (2004): 191-203.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 26923 LCCN: n/84/115427