Merton College

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 51°45′03.82″N 1°15′07.59″W / 51.751062°N 1.252109°W51.751062; -1.252109

Merton College
Merton College Crest.svg
                     
Università Oxford
Nome completo The House or College of Scholars of Merton in the University of Oxford
Motto Qui Timet Deum Faciet Bona
Origine nome Walter de Merton
Fondato nel 1264
Gemellato con Peterhouse, Cambridge
Warden Sir Martin Taylor
Indirizzo Merton Street
Undergraduates 302
Graduates 298
Sito Homepage
Boat club Boatclub

Il Merton College è uno dei collegi costituenti l'Università di Oxford. Fondato nel 1264, è uno dei più antichi dell'università e fu creato grazie ad una generosa donazione da parte di William de Merton, l'allora Lord cancelliere di Enrico III. Di quel tempo rimangono gran parte degli edifici del primo quadrangle, fra cui la cappella. Il Merton rimane uno dei collegi più ricchi, con un patrimonio stimato di £142 milioni nel 2006.

Il collegio reclama spesso l'onore di essere il primo di Oxford: nonostante il Balliol e l'University furono eretti precedentemente, il Merton fu il primo a possedere lo statuto ufficiale di Collegio ed un senato accademico. Durante la guerra civile inglese, il Merton fu l'unico college a schierarsi dalla parte del governo, e perciò dovette abbandonare temporaneamente la sua sede storica che fu catturata dalla parte opposta ed usata come dimora della corte di Carlo I.

Studenti celebri[modifica | modifica wikitesto]

La prima corte del Merton College

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Mark Thakkar, The Oxford Hutton, Charles Mathematical and Philosophical Dictionary 1795 (PDF) in Oxford Today - Trinity Issue 2007, Merton Physics, 2007, p. 25. URL consultato il 2 novembre 2014 (archiviato il 2 novembre 2014).
    «Richard Swineshead, known simply as ‘the Calculator’».
  2. ^ (EN) Studying History and joint schools at Merton, Merton College. URL consultato il 2 novembre 2014 (archiviato il 19 ottobre 2014).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Edith Sylla - The Oxford Calculators -, In: Kretzmann, Kenny & Pinborg (Hg.) - The Cambridge History of Later Medieval Philosophy -, 1982.
  • John Longeway - William Heytesbury -, In: The Stanford Encyclopedia of Philosophy, 2003.


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]