William Booth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
William Booth

William Booth (Nottingham, 10 aprile 1829Londra, 20 agosto 1912) è stato un predicatore inglese metodista.

Nel 1865, insieme alla moglie Catherine Mumford, fondò il movimento con scopi evangelistici ed umanitari denominato 'Esercito della Salvezza (ingl. Salvation Army), del quale nel 1878 divenne il primo "generale", incarico che mantenne fino alla sua morte, nel 1912.

L'Inno di William Booth[modifica | modifica sorgente]

O Boundless Salvation, l' Inno del Fondatore William Booth (trad. di Enrico Revel) [1]

  • SALVEZZA INFINITA qual fiume senza riva,
  • Tu lavi e guarisci dovunque il flutto arriva;
  • Nel mondo che muore a Te mi volgo ognor.
  • Deh! Vieni e m'inonda.
  • Purifica il mio cuor.
  • IL gran tentatore m'insidia senza posa;
  • eppure dal cielo quest'alma è desiosa.
  • Son vani i miei pianti se non guardo a Te.
  • O fiume potente.
  • Ti vieni gettar su me.
  • Vacilla il mio cuore ed a peccar mi spinge,
  • l'antico serpente nel male ancor mi stringe;
  • Ma Tu sei capace di vincerlo, mio Re.
  • O fiume deh, vieni,
  • Riversati su me.
  • Lodiamo il Signore che in croce l'agonia
  • sofferse, e morendo ci aprì del ciel la via.
  • La gloria e l'onore per sempre al Re dei re;
  • Sua grazia è bastante
  • Per voi sì che per me

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ David Armistead, Cristiani in divisa, op. cit.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • David Armistead, Cristiani in divisa: un secolo di storia dell’Esercito della Salvezza fra gli italiani (1887-1987), Torino, Claudiana, 1987.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 49290120 LCCN: n50044544