Dio Figlio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dio Figlio
Raffigurazione del Cristo Pantocratore nel duomo di Cefalù
Raffigurazione del Cristo Pantocratore nel duomo di Cefalù

Seconda persona della Santissima Trinità

Nella teologia cristiana Dio Figlio è una delle persone della Trinità. Per Agostino la Sacra Trinità è un'essenza divina, in cui si possono distinguere tre persone – ognuna consustanziale, coeterna e uguale alle altre (Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo).[1][2]

Il termine Dio Figlio è distinto dal termine Figlio di Dio:

In latino, greco, francese, inglese ed ebraico:
  • Deus Filius, Dieu le Fils, God the Son; Theos ho Huios (Θεός ο Υιός), Elohim ha-Ben (אלוהים הבן )
  • Filius Dei, le fils de Dieu, the son of God; ho huios tou Theou (Ο γιος του Θεού), ben Elohim (בן אלוהים)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gregorianum: 77 Pontificia Università gregoriana – 1996 "... nel Padre perché il Figlio e il Padre sono uno, hanno la stessa proprietà, la stessa familiarità e la stessa identità della natura. C'è, dunque, un'unica divinità distinta in Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo; una natura in ..."
  2. ^ F. Donald Logan A history of the church in the Middle Ages S.9-10 2002 "The Christian orthodoxy that emerged held to a Trinity: one God and three divine persons. It was later to be summed up in the Athanasian Creed: Ita deus pater, deus filius, deus spiritus sanctus, Et tamen non tres dii, sed unus est deus. (Thus, God the Father, God the Son, God the Holy Spirit, Yet not three gods but one God.)"
Cristianesimo Portale Cristianesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cristianesimo