Via Lucis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Matthias Grünewald, Cristo in maestà, dall'Altare di Isenheim (1515)
« Per crucem ad lucem »
(Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, Direttorio su Pietà popolare e Liturgia. Principi e orientamenti, 153[1])

La Via Lucis (dal latino, Via della Luce) è un rito liturgicodevozionale cattolico, nel quale si ricordano e si celebrano gli eventi della vita di Cristo e della Chiesa nascente dalla risurrezione di Gesù alla Pentecoste.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

«Sorta in tempi recenti […] come naturale coronamento della Via Crucis»[2], la Via Lucis ne ricalca la configurazione (in 14 stazioni) e la struttura interna (passo evangelico — commento/meditazione — preghiera del Pater noster — breve responsorio).

Significato spirituale[modifica | modifica sorgente]

Riportiamo la testimonianza della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti:

« Attraverso il pio esercizio della Via lucis, i fedeli ricordano l’evento centrale della fede – la Risurrezione di Cristo – e la loro condizione di discepoli che nel Battesimo, sacramento pasquale, sono passati dalle tenebre del peccato alla luce della grazia. »
(Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, Direttorio su Pietà popolare e Liturgia. Principi e orientamenti, 153)
« La meditazione orante dei misteri gloriosi del Signore – gli eventi compresi tra la Risurrezione e la Pentecoste — ci insegna a camminare nel mondo da "figli della luce", testimoni del Risorto. "La Via Lucis […] è uno stimolo per instaurare una cultura della vita, una cultura cioè aperta alle attese della speranza e alle certezze della fede". »
(idem)

È uso recitare la Via Lucis nel Tempo di Pasqua (ovvero proprio nel periodo dell'anno liturgico che celebra quegli eventi di cui questa liturgia fa memoria).

Struttura[modifica | modifica sorgente]

La struttura della Via Lucis è la seguente:

« Per la risurrezione di Cristo,

/ custodiscici nella luce, o Madre del Signore. »

  • 14 stazioni, ognuna con questa struttura:
    • passo evangelico
    • commento/meditazione del passo letto
    • recita del Padre Nostro (1 volta)
    • responsorio proprio (come sopra)
  • (consigliato) canto dell'Alleluia
  • orazione propria
« O Dio, che nella gloriosa risurrezione del tuo Figlio hai ridato la gioia al mondo intero,

per intercessione di Maria Vergine concedi a noi di godere la luce della vita senza fine.
Per Cristo nostro Signore.
/ Amen. »

  • formula di conclusione
  • benedizione trinitaria
  • (consigliato) canto del Regina Coeli

Le 14 stazioni[modifica | modifica sorgente]

Le stazioni della Via Lucis sono le seguenti:

1. Gesù risorto da morte

« "So che cercate Gesù il crocifisso. Non è qui. È risorto, come aveva detto; venite a vedere il luogo dove era deposto". »   (Matteo 28,5-6)

2. I discepoli trovano il sepolcro vuoto

« Entrò nel sepolcro il discepolo che era giunto per primo, e vide e credette. »   (Giovanni 20,8)

3. Il Risorto si manifesta alla Maddalena

« Gesù le disse: "Maria!". Ella allora, voltatasi verso di lui, gli disse in ebraico: "Rabbunì!", che significa: Maestro!" »   (Giovanni 20,16)

4. Il Risorto sulla strada di Emmaus

« Non bisognava che il Cristo sopportasse queste sofferenze per entrare nella sua gloria? E cominciando da Mosè e da tutti i profeti spiegò loro in tutte le Scritture ciò che si riferiva a lui. »   (Luca 24,26-27)

5. Il Risorto spezza e dona il pane

« Quando fu a tavola con loro, prese il pane, disse la benedizione, lo spezzò e lo diede loro. Allora si aprirono loro gli occhi e lo riconobbero. »   (Luca 24,30-31)

6. Il Risorto si manifesta ai discepoli

« "Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io!" »   (Luca 24,38-39)

7. Il Risorto dà il potere di rimettere i peccati

« Alitò su di loro e disse: "Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi". »   (Giovanni 20,22-23)

8. Il Risorto conferma la fede di Tommaso

« Gesù disse a Tommaso: "Non essere più incredulo, ma credente!". Rispose Tommaso: "Mio Signore e mio Dio!". »   (Giovanni 20,27-28)

9. Il Risorto si manifesta sul Lago di Tiberiade

« Il discepolo che Gesù amava disse a Pietro: "È il Signore!". Allora Gesù si avvicinò, prese il pane e lo diede a loro". »   (Giovanni 21,7.13)

10. Il Risorto conferisce il primato a Pietro

« "Simone di Giovanni, mi vuoi bene più di costoro?". Gli rispose: "Certo, Signore, tu lo sai che ti voglio bene". Gli disse: "Pasci i miei agnelli". »   (Giovanni 21,15)

11. Il Risorto invia i discepoli nel mondo

« "Andate dunque e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo". »   (Matteo 28,19-20)

12. Il Risorto ascende al cielo

« "Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo? Questo Gesù, che è stato di tra voi assunto fino al cielo, tornerà un giorno allo stesso modo in cui l'avete visto andare in cielo". »   (Atti 1,11)

13. Con Maria in attesa dello Spirito Santo

« Gli apostoli erano assidui e concordi nella preghiera, insieme con alcune donne e con Maria, la madre di Gesù e con i fratelli di lui. »   (Atti 1,14)

14. Il Risorto manda lo Spirito Santo (Pentecoste)

« Venne all'improvviso dal cielo un rombo, come di vento che si abbatte gagliardo. Apparvero loro lingue come di fuoco, ed essi furono tutti pieni di Spirito Santo. »   (Atti 2,2-4)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^
    « La Via lucis può divenire altresì un’ottima pedagogia della fede, perché, come si dice, «per crucem ad lucem». Infatti con la metafora del cammino, la Via lucis conduce dalla constatazione della realtà del dolore, che nel disegno di Dio non costituisce l’approdo della vita, alla speranza del raggiungimento della vera meta dell’uomo: la liberazione, la gioia, la pace, che sono valori essenzialmente pasquali. »
    (Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, Direttorio su Pietà popolare e Liturgia. Principi e orientamenti, 153)
  2. ^ Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, Direttorio su Pietà popolare e Liturgia. Principi e orientamenti, 153.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Segretariato Pellegrinaggi Italiani. Insieme verso il Padre. Pellegrinaggi Mariani. Nicolini Editore, Gavirate 2003. ISBN non esistente
  • Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, Direttorio su Pietà popolare e Liturgia. Principi e orientamenti, [1], consultato il 22 marzo 2008

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]