Coronazione di spine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo dipinto del Caravaggio, vedi Incoronazione di spine (Caravaggio).

La coronazione di spine (o incoronazione di spine) è un episodio della vita di Gesù narrato nei Vangeli di Matteo (27:29), Marco (15:17) e Giovanni (19:2).

L'episodio[modifica | modifica sorgente]

« I soldati, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo e gli misero addosso un mantello di porpora; quindi gli venivano davanti e gli dicevano: "Salve, re dei Giudei!". E gli davano schiaffi. »
(Gv 19,2-3)

La corona di spine è la corona con cui, secondo i testi sacri, fu incoronato Gesù, poco prima della sua condanna a morte, per mano dei soldati romani. I soldati si divertirono ad umiliarlo rivestendolo di un mantello purpureo e facendogli impugnare una canna nella mano destra per ridicolizzare la rivendicazione della sua regalità, e si presero gioco del condannato inscenando la beffarda adorazione di un re, che salutarono con una formula derisoria. Gli scherni e le sofferenze perpetrati a Gesù dai soldati non sono però stati tramandati da Luca che s'interessa piuttosto alle derisioni riservate a Cristo dagli uomini di Erode Antipa.

Iconografia[modifica | modifica sorgente]

Pittura[modifica | modifica sorgente]

L'episodio nella tradizione[modifica | modifica sorgente]

Devozione[modifica | modifica sorgente]

La corona di Spine custodita presso Notre Dame de Paris

La coronazione di spine è il terzo Mistero doloroso del Santo Rosario recitato il martedì e il venerdì.

La reliquia della Corona di Spine è oggi custodita nel Tesoro della Cattedrale di Notre-Dame di Parigi, e viene esposta alla venerazione dei fedeli ogni primo venerdì del mese, nonché tutti i venerdì di Quaresima ed il Venerdì Santo [1].

Dal XIII secolo alla Rivoluzione francese, la corona di spine, tuttavia, era custodita nella preziosa Sainte-Chapelle, appositamente eretta dal devoto re Luigi IX di Francia che portò la reliquia della Passione a Parigi nell'agosto del 1239, avuta dall'Imperatore Latino di Costantinopoli, Baldovino II, come pegno per un ingente prestito in denaro.

Araldica[modifica | modifica sorgente]

La corona di spine compare anche come figura araldica.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Vénération de la Sainte Couronne d’épines | www.notredamedeparis.fr

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]