Pisogne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Pisogne
comune
Pisogne – Stemma
Pisogne – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Brescia-Stemma.png Brescia
Amministrazione
Sindaco Diego Invernici (centrodestra) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 45°48′39″N 10°06′29″E / 45.810833°N 10.108056°E45.810833; 10.108056 (Pisogne)Coordinate: 45°48′39″N 10°06′29″E / 45.810833°N 10.108056°E45.810833; 10.108056 (Pisogne)
Altitudine 187 m s.l.m.
Superficie 49,23 km²
Abitanti 8 142[1] (30-06-2012)
Densità 165,39 ab./km²
Frazioni Fraine, Govine, Gratacasolo, Grignaghe, Pontasio, Siniga, Sonvico, Toline (Pisogne)
Comuni confinanti Artogne, Castro (BG), Costa Volpino (BG), Lovere (BG), Marone, Pezzaze, Pian Camuno, Riva di Solto (BG), Solto Collina (BG), Tavernole sul Mella, Zone
Altre informazioni
Cod. postale 25055
Prefisso 0364
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 017143
Cod. catastale G710
Targa BS
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica zona E, 2 455 GG[2]
Nome abitanti pisognesi
Patrono san Costanzo
Giorno festivo 12 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pisogne
Posizione del comune di Pisogne nella provincia di Brescia
Posizione del comune di Pisogne nella provincia di Brescia
Sito istituzionale

Pisogne (Pidógne in dialetto camuno[3]) è un comune italiano di 8.142 abitanti[4] della Val Camonica, che sorge sulla sponda nord-orientale del lago d'Iseo, in provincia di Brescia, Lombardia.

Ubicazione di Pisogne sul Lago d'Iseo.
Il territorio di Pisogne in Valle Camonica

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Presso la contrada Grignaghe vi sono ricchi filoni di ferro, con numerosissime miniere.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della Valle Camonica.
Le origini del nome

Secondo l'Olivieri e lo Gnaga il nome risale al nome della gens romana dei Pisonius. Secondo l'Ertani deriverebbe dal gallico Bo (baita) e duno (recinto rurale).[5]

Torre del Vescovo
Piazza centrale di Pisogne

Già abitato in epoca preistorica, nel Medioevo fu un importante centro commerciale fra la Valle Camonica ed il Sebino. Nell'813 il Vescovo di Verona Rataldo possedeva proprietà in Valcamonica, tra cui Pisogne.[6] Il 10 agosto 1132 Pisogne, tramite una bolla di papa Innocenzo II, viene donata al monastero di San Faustino e Giovita di Brescia.[6]

Trovandosi nel mezzo della guerra tra Bresciani e Bergamaschi per la conquista dei castelli di Volpino, nel 1199 verrà incendiata e distrutta dai Bergamaschi.[6] Il 6 marzo 1206 la famiglia Avogadro riceve dal vescovo di Brescia Giovanni da Palazzo l'investituta della corte di Cemmo, , Pisogne e Gratacasolo.[7]

Nel 1229 è per la priva volta citato il mercato di Pisogne.[6] Nel 1287 la grande ribellione camuna guidata dai Federici e dei Celeri contro Brescia porta alla devastazione di Pisogne e all'uccisione di parecchi guelfi ivi residenti. A seguito di questo fatto la cittadina venne fortificata tra il XII ed il XIII secolo e concessa alla nobile famiglia Brusati.[8]

Nel 1291 Tebaldo Brusati è proclamato signore della città.[8] Giovedì 19 giugno 1299 Cazoino da Capriolo, camerario del vescovo di Brescia Berardo Maggi, dopo aver visitato le pievi di Edolo, Cemmo, Cividate e esser tornato a Brescia, giunge a Pisogne per continuare la stesura dei beni vescovili in Valle Camonica. Qui il console della vicinia di Pisogne, di Pontasio, Grignaghe, Fraine e Toline giurano secondo la formula consueta fedeltà al vescovo, e pagano la decima dovuta.[9]

Confermano al vescovo di Brescia notevoli privilegi: che gli oneri della difesa del borgo siano a spese dei pisognesi, che non venisse costruita nella cinta muraria tutim vel domum de batallia seu fortezam, e la concessione dell'esercizio della giustizia civile e criminale. Questa comportaba facoltà di infliggere qualsiasi pena agli abitanti di Pisogne:[10]

(LA)
« specialiter suspendendo homines et eruendo oculos alterius et alia fustigando et alias imberlinando et incarcerando et aliis poenis eos affligendo »
(IT)
« specialmente impiccando gli uomini e cavando loro gli occhi e flagellare, imberlinando e castigandoli con altre punizioni »
(Federico Odorici, Storia Bresciane, pg 263)

Era inoltre proibito costruire nelle vicinanze qualsiasi tipo di fortificazione senza il consenso del vescovo. A questi patti il 21 giugno 147 Vicini giurano fedeltà.[8]

Nel 1305 gli Oldofredi sostituiscono i Brusati nell'esazione delle decime.[11] Nel 1413 Carmagnola occupa Pisogne. Nello stesso anno si risolve la lite tra Pisogne e Pian Camuno per il possesso del Monte Campione.[11] Il 4 dicembre 1462 il comune acquistò dal Vescovo di Brescia Bartolomeo Malipiero tutti i suoi stabilimenti e diritti, eccetto la Torre.[12] Nel 1518 sono condannate al rogo otto streghe.[13] Nel 1665 i forestieri residenti nella Vicinia di Pisogne chiedono gli stessi diritti degli Antichi Originari, ed il Governo Veneto glieli concede.[14]

Il 14 novembre 1727 il notissimo bandito Giorgio Vicario, uno dei più temuti buli della Valle Camonica, nato a Pisogne nel 1695, viene orrendamente assassinato.[14] Nel 1817 viene riempita, con ingente spesa, la palude a nord del paese.[15] Nel 1850 si abbatte sul paese la terribile alluvione del torrente Trobiolo.[16] Nel 1907 Pisogne venne raggiunto dalla linea ferroviaria, ancora oggi funzionante.[17] Nel XIX secolo e nel 1952 vennero scoperte antiche piroghe carbonizzate. Oggi non ne rimane traccia in quanto disperse.[5]

Feudatari locali[modifica | modifica wikitesto]

Famiglie che hanno ottenuto l'infeudazione vescovile dell'abitato:

Famiglia Stemma Periodo
Avogadro 1206 - 1291
Brusati 1291 - 1305
Oldofredi 1305 - 1475

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma di Pisogne si compone dei colori

Stemma

Argento, Azzurro, Nero e di un simbolo, la torre. Quest'ultima si riferisce alla "torre del Vescovo" nel centro storico dell'abitato

« D'azzurro alla torre merlata alla ghibellina d'argento, aperta, finestrata di due e murata di nero e con ornamenti esteriori da Comune. »
(Fonte[18])

Ricorrenze[modifica | modifica wikitesto]

Dall'agosto 2007 si tiene annualmente un concorso di liuteria al termine del quale tutti gli strumenti in gara vengono esposti per una settimana nella Chiesa di Santa Maria della Neve. Ogni anno, nella settimana di ferragosto si tiene la tradizionale "Mostra Mercato" per il centro del paese. L'ultimo week end di settembre è inoltre organizzata la tipica "Festa del Fungo e della Castagna" con un grande mercato dei sapori tipici, caldarroste e spettacoli per tutti i gusti. È organizzata dalla Pro Loco pisognese. Il 12 maggio si celebra la festa patronale di San Costanzo martire. Ogni due anni si tiene il Palio delle Contrade, gara in cui si sfidano le diverse zone del paese in discipline sportive e non, giunto quest'anno alla 5ª edizione.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

  • La Torre del Vescovo che è situata nella piazza principale, del XII secolo.

Sculture[modifica | modifica wikitesto]

Sul lungolago vi è una scultura a forma semicircolare, composta da 10 pilastri sui quali è riportata una frase di Renato Guttuso, dedicata all'artista Romanino

« Romanino ci serva, ci inviti a guardare la realtà e ad avere il coraggio di andarci dentro, anche se essa è grande e terribile »
(Renato Guttuso, L'arte del Romanino e il nostro tempo: dibattito tenuto a Brescia il 7 settembre 1965 in occasione della mostra di Gerolamo Romanino con interventi di Ernesto Balducci, Gian Alberto Dell'Acqua, Renato Guttuso, Pier Paolo Pasolini, Guido Piovene, Brescia 1976)

Società[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchiale di Santa Maria Assunta

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[19]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Gli scotöm sono nei dialetti camuni dei soprannomi o nomiglioli, a volte personali, altre indicanti tratti caratteristici di una comunità. Quello che contraddistingue gli abitanti di Pisogne è Sbògia Butíghe (rompi botteghe) oppure Maia óe (mangia aole),[20] Durmintìne.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Municipio

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Govine: Góen in dialetto camuno, un tempo separata da Pisogne dal torrente Trobiolo. Vi è nei pressi una cascata, chiamata Tufera, dalla portata di 120 litri. La chiesa è dedicata alla Natività di Maria.[21]
  • Fraine
  • Gratacasolo
  • Grignaghe: 909 m s.l.m., secondo il Fontana il nome indicherebbe la ghiaia. Una piccola località che si chiama Siniga, vuole Alessandro Sina, che fosse l'antica corte di Wuassaningo, citata in documenti. Vi è una solida struttura medievale del XV e XVI secolo, che indica floridezza economica. La chiesa parrocchiale è di San Michele[22] Scutum: Barbòtoi
  • Pressò
  • Pontasio: chiesa parrocchiale di San Vittore. Scutum: Gacc - Gnài
  • Sonvico: Summus Vicus, latino, documenti fino al XVII lo chiamano Zanzazio. Tra i proprietari dei terreni vi furono anche i Federici. La chiesa parrocchiale è di San Martino. scutum: Marandì - Nèspoli
  • Toline: i vicini di Toline nel XIV secolo pagavano le decima ai Federici di Erbanno. Il 16 luglio 1713 un'inondazione minacciò il paese, ma passò indenne e sorsero numerosi ex voto a San Rocco, Sebastiano, Defendente, Pantaleone e Madonna del Carmine. La chiesa parrocchiale è di San Gregorio.[23] Scutum: Tiratròle  – Pèla fich
  • Siniga: scutum: Aocàcc

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Pisogne[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Pisogne vanta di 2 squadre sportive di rilievo; la Pallacanestro Pisogne che milita in serie C dilettanti e la New Volley 2000, squadra di pallavolo che disputa il campionato di serie B1 nazionale. Entrambe le formazioni hanno come sponsor principale la Iseo Serrature, che ha sede e stabilimenti nella zona industriale della Rovina.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è aggirato dalla Strada statale 510 Sebina Orientale grazie ad una galleria, a oriente dell'abitato.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

La stazione di Pisogne è una delle principali della Valle Camonica si trova nella parte sud dell'abitato. È una fermata della linea Brescia-Iseo-Edolo.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
24 aprile 1995 14 giugno 2004 Giacomo Lanzini lista civica di centrosinistra Sindaco
14 giugno 2004 26 maggio 2014 Oscar Panigada lista civica di centrosinistra Sindaco
26 maggio 2014 in carica Diego Invernici Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale Sindaco

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gaetano Panazza, Araldo Bertolini, Arte in Val Camonica - vol 3 - II°, Brescia, Industrie grafiche bresciane, 1984.
  • Alberto Bianchi, Francesco Macario, In loco de Pisoneis - Pisogne 1299: il borgo del vescovo, Gianico, La Cittadina, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2012.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Lino Ertani, Dizionario del dialetto camuno e di toponomastica, Artogne, Tipografia M. Quetti, 1980, p. 173.
  4. ^ Dato Istat all'30/06/2011.
  5. ^ a b Gaetano Panazza, Araldo Bertolini, Arte in Val Camonica - vol 3 - II°, Brescia, Industrie grafiche bresciane, 1984, p. 15.
  6. ^ a b c d Gaetano Panazza, Araldo Bertolini, Arte in Val Camonica - vol 3 - II°, Brescia, Industrie grafiche bresciane, 1984, p. 16.
  7. ^ Roberto Celli, Repertorio di fonti medievali per la storia della Val Camonica, Brescia, Tipolitografia Queriniana, 1984, p. 28, ISBN 88-343-0333-4.
  8. ^ a b c Gaetano Panazza, Araldo Bertolini, Arte in Val Camonica - vol 3 - II°, Brescia, Industrie grafiche bresciane, 1984, p. 17.
  9. ^ Gabriele Archetti, Berardo Maggi - Vescovo e signore di Brescia, Brescia, ottobre 1994, p. 340.
  10. ^ Roberto Andrea Lorenzi, Medioevo camuno - proprietà classi società, Brescia, Grafo, 1979, p. 128.
  11. ^ a b Gaetano Panazza, Araldo Bertolini, Arte in Val Camonica - vol 3 - II°, Brescia, Industrie grafiche bresciane, 1984, p. 18.
  12. ^ Tratto da: Marcello Ricardi, Giacomo Pedersoli, Grande guida storica di Valcamonica Sebino Val di Scalve, Cividate Camuno, Toroselle, 1992, p. 600.
  13. ^ Gaetano Panazza, Araldo Bertolini, Arte in Val Camonica - vol 3 - II°, Brescia, Industrie grafiche bresciane, 1984, p. 20.
  14. ^ a b Gaetano Panazza, Araldo Bertolini, Arte in Val Camonica - vol 3 - II°, Brescia, Industrie grafiche bresciane, 1984, p. 21.
  15. ^ Bortolo Rizzi, Illustrazione della Valle Camonica, Bornato, Arti Grafiche Sardini [1870], 1974, pg. 194.
  16. ^ Gaetano Panazza, Araldo Bertolini, Arte in Val Camonica - vol 3 - II°, Brescia, Industrie grafiche bresciane, 1984, p. 26.
  17. ^ Gaetano Panazza, Araldo Bertolini, Arte in Val Camonica - vol 3 - II°, Brescia, Industrie grafiche bresciane, 1984, p. 30.
  18. ^ [1] URL consultato il 2-1-2009
  19. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  20. ^ Lino Ertani, Dizionario del dialetto camuno e di toponomastica, Artogne, Tipografia M. Quetti, 1980, p. 173.
  21. ^ Gaetano Panazza, Araldo Bertolini, Arte in Val Camonica - vol 3 - II°, Brescia, Industrie grafiche bresciane, 1984, p. 418.
  22. ^ Gaetano Panazza, Araldo Bertolini, Arte in Val Camonica - vol 3 - II°, Brescia, Industrie grafiche bresciane, 1984, p. 520.
  23. ^ Gaetano Panazza, Araldo Bertolini, Arte in Val Camonica - vol 3 - II°, Brescia, Industrie grafiche bresciane, 1984, p. 658.
Val Camonica Portale Val Camonica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Val Camonica