Collebeato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Collebeato
comune
Collebeato – Stemma
Collebeato – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Brescia-Stemma.png Brescia
Amministrazione
Sindaco Antonio Trebeschi[1] (centrosinistra) dal 16/05/2011
Territorio
Coordinate 45°35′00″N 10°13′00″E / 45.583333°N 10.216667°E45.583333; 10.216667 (Collebeato)Coordinate: 45°35′00″N 10°13′00″E / 45.583333°N 10.216667°E45.583333; 10.216667 (Collebeato)
Altitudine 200 m s.l.m.
Superficie 5,27 km²
Abitanti 4 705[2] (31-10-2013)
Densità 892,79 ab./km²
Comuni confinanti Brescia, Cellatica, Concesio
Altre informazioni
Cod. postale 25060
Prefisso 030
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 017057
Cod. catastale C850
Targa BS
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti collebeatesi
Patrono san Paolo
Giorno festivo 25 gennaio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Collebeato
Posizione del comune di Collebeato nella provincia di Brescia
Posizione del comune di Collebeato nella provincia di Brescia
Sito istituzionale

Collebeato (Cobiàt in dialetto bresciano[3][4]) è un comune italiano di 4 705 abitanti[2] della provincia di Brescia, nella bassa Val Trompia, in Lombardia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Le zone ovest e nord-ovest di Brescia viste dal castello con sullo sfondo le colline di Collebeato

Collebeato, nell'hinterland nord di Brescia è racchiuso all'interno della conca dei monti Picastello, Campiani, Peso, Dosso Boscone e Sasso nella parte in cui la bassa Val Trompia si incontra con la pianura padana, sul confine più orientale della Franciacorta, bagnato dal Fiume Mella.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Mappa della zona contenuta nei Musei Vaticani, in cui si riconosce Coniat.

In epoca romana il territorio di Collebeato era una zona collinare poco abitata a ridosso delle paludi create dal fiume Mella. Vi sono stati rinvenuti pochissimi reperti: quattro cippi sepolcrari di età imperiale e i resti dell'antico tracciato romano che da Brixia attraverso il Ponte Crotte portava alla Valle Trompia salendo sulle colline.

Nel 958 nel diploma di Berengario II e Adalberto una chiesa dedicata a San Paolo risulta come proprietà dell'Abbazia di Leno, si tratta probabilmente del primo riferimento alla comunità di Collebeato.

Nel 1014 il nome Cubiadum (Cubiado) compare in modo esplicito per la prima volta fra le proprietà dell'Abbazia di Leno nel diploma imperiale di Enrico II. L'etimologia del nome deriva dal latino "copulatum" e sta a significare "accoppiato". Il nome ricorre anche nel diploma di Enrico II del 1019 e poi in quelli di Corrado II del 1026 e 1036 e risulta presente in bolle papali e diplomi imperiali fino al 1434. I monaci benedettini di Leno provvedono ad ampie bonifiche delle paludi del Mella. A fianco dei territori gestiti dagli abati sorge una vicinia comunale nelle terre da cui trae le decime il vescovo di Brescia.

Dal 1186 al 1194 risulta attivo il notaio Gerardus de Cubiado, nominato dall'imperatore Federico Barbarossa. Ci sono pervenuti otto documenti da lui firmati.

Nel 1194 (15 novembre) si tiene un processo per determinare se le proprietà terriere di Cubiado fossero sotto l'Abate di Leno o sotto il Vescovo di Brescia. Testimoniano i due capofamiglia anziani di Cubiado Villano di Fra Le Corti e Alberto da Pozzo.

Nel 1274 Padre Giovanni da Cobiado è direttore del complesso ospitaliero della Chiesa di San Giacomo al Mella, sulla via che da Brescia porta a Milano.

Nel 1280 Cobiato è annoverato tra i comuni che debbono mantenere il Ponte delle Crotte sulla strada verso Brescia.

Nel 1483 il nobile veneziano Marco Sanuto descrive nel suo itinerario nella terraferma veneziana il "giardino bellissimo" del nobile conte Antonio Martinengo. Nel secolo XV Collebeato diviene luogo di villeggiatura per nobili e religiosi della città di Brescia per la stagione estiva, sono edificate importanti ville e due monasteri (Santa Croce e Santo Stefano).

Nel 1512 Collebeato subì assedio militare da parte di soldatesche francesi che attaccavano la veneziana Brescia. Mariotto Martinengo, ispirato dalla distruzione delle battaglie, scrive il poemetto in volgare italiano "Il Pianto del dio Pan per la rovina del Colle beato", utilizzando per la prima volta il nome poetico "Colle-beato" in vece del più medievale "Cobiato". Nel clima rinascimentale e di umanesimo portato dai nobili che villeggiavano a Collebeato, oltre allo sviluppo di ville e palazzi, nascono anche maestranze artistiche locali, tra queste risulta attivo nel XVI secolo un pittore e decoratore nativo del paese Jacobino da Cobiato, di cui però non si conoscono opere.

Nel 1554 Galeazzo dagli Orzi, segretario di Mariotto Martinengo, pubblica a Brescia una prima edizione del poema in volgare bresciano "La massera da bé" (la brava massaia) primo libro che nobilita la lingua bresciana come lingua letteraria. La protagonista del libro è la massaia Flor da Coblat. Nel 1565 esce la versione veneziana del libro.

Nel 1609 il veneziano Giovanni Da Lezze descrive nel Catastico Bresciano il territorio di Cobiato, le ville e gli edifici religiosi.

Nel 1640 il Comune di Cobiato si dota di precisi statuti per l'amministrazione delle acque e per regolare la vita comune.

Nel 1701 inizia l'uso ufficiale del nome Collebeato sulle cartine francesi e dal 1779 sulle carte lombardo-venete il nome resterà ufficialmente questo.

Dal 1770 al 1794 risulta attivo a Collebeato il notaio Bartolomeo Mattanza.

Dal 1737 al 1800 risulta attivo il notaio Gaetano Bonera.

Nel 1833 il patrimonio dei Conti Martinengo, alla morte di Girolamo Silvio Martinengo, nobile veneziano (traduttore nel 1801 del Paradiso Perduto di Milton), passò al cugino Alessandro Molin e attraverso la figlia di questi, Maria ai conti friulani Panciera di Zoppola tuttora possessori dei giardini e della splendida villa.

Nel 1850 il Conte Giuseppe Torre presso i giardini della sua villa (l'attuale Parco 1ºMaggio) seleziona un nuovo tipo di fiore, la Camelia Japonica "Vergine di Collebeato", un particolarissimo tipo di camelia bianca a spirali concentriche, descritto e ammirato nel 1857 dallo statista Giuseppe Zanardelli in una sua lettera.

Dal 1851 al 1856 Collebeato fu centro dei moti risorgimentali bresciani, vi si rifugiavano i mazziniani ospitati e nascosti presso le ville e le corti del paese; vi era installata una stamperia clandestina. Il patriota Tito Speri radunava e allenava le truppe rivoluzionarie antiaustriache presso i campi del paese.

Nel 1889 nasce a Collebeato il sacerdote, scrittore e intellettuale Pietro Rigosa. Ebbe come allievo e amico Giovan Battista Montini (futuro papa Paolo VI), scrisse molti racconti, tra questi Il leone di Brescia (Gatti, Brescia 1932) romanzo ambientato a Collebeato e dedicato alla vita di Tito Speri.

Nel 1910 l'industriale e benefattore Filippo Rovetta importa dalla Louisiana piantine di pesco americano e nel 1919 avvia una produzione di pesche su larga scala, dissodando ampi appezzamenti di terreno nella zona nord del paese, frutteti ancora oggi esistenti. L'esempio fu seguito ben presto da tutti i proprietari terrieri del paese trasformando l'agricoltura locale in modo radicale. Collebeato fu il principale produttore di pesche nel bresciano fino agli anni Quaranta e tra i principali a livello nazionale producendo oltre novanta specie diverse di pesche. Nel 1936 il "Dopolavoro" organizza la prima Sagra delle Pesche, festa per cui ancora oggi il paese è rinomato nella provincia di Brescia.

Dal 1956 al 1965 fu attiva la cava e la fabbrica del cementificio CEMBRE, attività che portò al declino della peschicoltura per l'incompatibilità ambientale tra le due attività produttive che insistevano sullo stesso territorio. Nel dopoguerra iniziò l'espansione edilizia del paese, prima con i villaggi delle cooperative bianche di padre Ottorino Marcolini negli anni Cinquanta e Sessanta e negli anni successivi con cooperative rosse. Oggi il territorio pianeggiante è quasi completamente costruito di ville e condomini con ampio giardino. L'abitato residenziale di pregio è inserito nel locale "Parco delle Colline"[5].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Panciera di Zoppola[modifica | modifica wikitesto]

Unico palazzo a Collebeato ancora oggi abitato dai diretti discendenti della nobile famiglia Martinengo è quello dei conti Panciera di Zoppola, una grande proprietà in zona pedecollinare con boschi, giardini e un bellissimo vigneto storico prospiciente l'ingresso principale.

Altre architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

  • Palazzo Conti Martinengo, già Maggi Via (XV e XVI secolo);
  • Villa Nobili Quaglieni (XV - XIX secolo);
  • Palazzo ex-Congrega Apostolica, già Villa Conti Durandi (XV - XVII secolo);
  • Municipio, già Villa Nobili Ferrari (XV - XX secolo);
  • Villa Peschiera (XVIII secolo);
  • Villa Del Bono, già Conti Torre (XIX secolo);
  • Villa Rota, già Rovetta (XVII secolo);
  • Villa Trebeschi, già Uberti (XIX secolo);
  • Palazzo Galesi (XIX secolo).

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Seppur le prime notizie di una comunità a Collebeato siano attestate all'XI secolo, la parrocchia di Collebeato fu costituita, staccandosi dalla Pieve di Concesio, solo nel XV secolo ed intitolata a San Paolo. L'attuale chiesa parrocchiale fu costruita ingrandendo la precedente a fine XIX secolo e inaugurata nel 1901. Essa contiene opere d'arte del XVI/XX secolo tra le quali i cicli di affresco del Rubagotti sulla Conversione di San Paolo e un Sant'Antonio Adorante opera di Piero Agnetti (1982).

Più antiche le fondamenta del Santuario della Madonna della Calvarola con resti pavimentali del XII secolo. L'attuale edificio è una costruzione settecentesca al cui interno sono presenti affreschi di Pietro Scalvini.

Edifici ecclesiali presenti nel territorio:

  • chiesa parrocchiale Conversione di San Paolo (XIX secolo);
  • santuario Madonna della Calvarola (XVIII secolo);
  • cappella di Sant'Antonio ai Campiani (XVIII secolo);
  • cappella cimiteriale dei sacerdoti defunti(XIX secolo);
  • cappella del Ricovero Comini (XX secolo);
  • monastero di Santo Stefano (XV secolo).

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Nel mese di aprile si tiene ogni anno il Festival Intercomunale del Cinema Amatoriale (F.I.C.A.) presso il Salone la Serra del parco Primo Maggio, rassegna competitiva di cinema amatoriale e strettamente non professionistico, la quale nacque nel 1999 e vede ospiti personaggi del mondo "cult", "trash" e "indi" del cinema nazionale.

La sede storica del Festival, il Salone La Serra di Collebeato, all'apertura della XV Edizione nel 2014

Nel mese di luglio si tiene la Sagra delle Pesche, dove i carri effettuano un giro del paese promuovendo le pesche prodotte dai collebeatesi. Le prime edizioni risalgono al 1936 e al 1937, organizzate dal CRAL ferroviario. In seguito fu ripresa nel 1948 grazie alle ACLI, all'ENAL e al Comune, interrotta nuovamente per il venire meno delle aziende agricole, riprese con continuità nel 1982.

Persone legate a Collebeato[modifica | modifica wikitesto]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

L'economia agricola di Collebeato, principalmente basata nel Novecento sulla coltivazione delle pesche, oggi si trova ad essere quasi completamente soppiantata dall'edilizia privata. Sono presenti numerosi agriturismi e trattorie tipiche bresciane, nonché ristoranti noti per la qualità dei prodotti. La parte produttiva più consistente è però data dal tessuto artigianale e dalla piccola industria, collocata nella zona sud del paese. Molto attivi anche alcuni noti marchi di pasticceria e abbigliamento che hanno la loro sede nel paese.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1860 1887 n.p. Sindaco
1887 1891 Gaspare Uberti Sindaco
1891 1912 (lacunoso) Francesco Rovetta, Santo Carrara, Silvio Clinger Sindaci
1912 1918 Conte Emilio Panciera di Zoppola Sindaco
1918 1923 n.p. Sindaco
1923 1924 Emilio Maganiello Commissario Prefettizio
giugno 1924 dicembre 1924 Silvio Clinger Partito Liberale Sindaco
1925 1926 Giovanni Piovani PNF Podestà
1927 1942 Francesco Rigosa PNF Podestà
1942 1944 Pomentale e Zorzi Commissari Prefettizi RSI
febbraio 1945 aprile 1945 Luigi Pedrotti Commissario Prefettizio RSI
maggio 1945 agosto 1945 Luigi Del Bono Sindaco
novembre 1945 aprile 1946 Luigi Pedrini Sindaco
aprile 1946 ottobre 1946 Luigi Del Bono Sindaco
1946 1951 Luigi Frassine DC Sindaco
1951 1953 Luigi Pedrotti DC Sindaco
1953 1956 Firmo Bolpagni DC Sindaco
1956 1960 Antonio Rosati DC Sindaco
1961 1970 Gianfranco Fontana DC Sindaco
giugno 1970 marzo 1971 Ernesto Bonera DC Sindaco
aprile 1971 giugno 1971 Salvatore Palmiri Commissario Prefettizio
1971 1982 Domenico Andreoli Alleanza Democratica Popolare (PSI e PCI ) Sindaco
1982 1993 Gianfranco Barbieri Alleanza Democratica Popolare (PCI e PSI) Sindaco
1993 2001 Laura Roncaglio Sacchetti Ulivo DS Sindaco [7]
2001 2011 Giovanni Marelli civica "Unione Democratica" (PD) Sindaco
2011 in carica Antonio Trebeschi civica "Unione Democratica per Collebeato" (centrosinistra) Sindaco

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Collebeato è gemellata con:

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio del paese è la Polisportiva Collebeato 1984 che milita nel girone E lombardo di 2ª Categoria. È nata nel 1984.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ministero dell'Interno - Elezioni comunali del 15-16 maggio 2011 Collebeato. URL consultato il 16 maggio 2011.
  2. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile anno 2013.. URL consultato il 24 marzo 2014.
  3. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani, Milano, GARZANTI, 1996, p. 219.
  4. ^ Toponimi in dialetto bresciano
  5. ^ S. Agnetti, F. Maffezzoni, Breve storia di Collebeato, Centro Culturale 999, Collebeato 2002
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ La legislatura 1995-1999 durò solo quattro anni, secondo i termini fissati dalla Legge 25 marzo 1993, n. 81. Il mandato fu riportato a cinque anni in seguito alle modifiche introdotte dal Decreto Legislativo 167/2000.
  8. ^ Gemellaggio Bivona-Collebeato. URL consultato il 30 marzo 2009.
  9. ^ Continua il gemellaggio tra Collebeato e Bivona - Anno 2006. URL consultato il 30 marzo 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • D. Andreoli, Il Sacro a Collebeato, Fondazione Civiltà Bresciana, Collebeato 2011.
  • S. Agnetti, F. Maffezzoni, Breve storia di Collebeato, Centro Culturale 999, Collebeato 2002.
  • S. Agnetti, F. Maffezzoni, Nel giardino all'ombra dei cachi, Fondazione Civiltà Bresciana, Collebeato 2004.
  • S. Agnetti, F. Maffezzoni, Report. Conosco il mio territorio?, Centro Culturale 999, Collebeato 2004.
  • C. Aggrotti, La civiltà contadina nel Bresciano, Edizioni del Moretto, Brescia 1984.
  • Amministrazione Comunale (a cura di), L’Asilo di Collebeato. Breve storia, Collebeato 1980.
  • Amministrazione di Collebeato (a cura di), 1971-76 1976-82 Continuità di una esperienza. Relazione amministrativa, Tipolitografia Fiorucci, Collebeato 1982.
  • Amministrazione di Collebeato (a cura di), Comune di Collebeato 1982-1988. L’amministrazione ricorda, con i suoi cittadini, sei anni di lavoro comune, Tipolitografia Fiorucci, Collebeato 1988.
  • Amministrazione di Collebeato (a cura di), Collebeato 1988-1993. Il Comune di Collebeato in cinque anni di impegno amministrativo al servizio dei suoi cittadini, Tipografia Opera Pavoniana, Collebeato 1993.
  • D. Andreoli, R. Prestini, La Casa di Riposo “Augusto Mario Comini” di Collebeato. Un lungo cammino di dedizione alla Terza Età, Tipografia Camuna, Brescia-Breno 2001.
  • D. Andreoli, Segni e Simboli, lettura di una villa cinquecentesca, Assessorato alla Cultura del Comune di Collebeato, 1976.
  • P. Antonelli, La civiltà contadina di Collebeato nei detti dello zio "Momolo", Tipolitografia Fiorucci/Centro Culturale 999, Collebeato 2003.
  • Assessorato alla Cultura della Regione Lombardia (a cura di), 2. Brescia e il suo territorio. Quaderni di documentazione regionale della rivista «Cronache della Regione Lombardia», Cultura tradizionale in Lombardia, Milano 1975.
  • F. Bolpagni, P. Guerrini, Collebeato cenni storici, Consiglio Pastorale Parrocchiale, Tipografia Pavoniana, Brescia 1980.
  • A. Capponi, Collebeato: cenni sull’azienda agricola dello Spedale maggiore, tip. Restelli, Lovere-Brescia 1938.
  • Cattedra Ambulante di Agricoltura di Brescia, Il territorio Comunale di Collebeato sotto il punto di vista geologico-vitivinicolo, tip. Longhi, Brescia 1910.
  • E. Cassetti Pasini, Ordini e Provisioni del Comun di Cobiato 1640, Fondazione Civiltà Bresciana, Brescia 2004.
  • Cattedra Ambulante di Agricoltura per la Provincia di Brescia, Patto colonico di Gussago, Cellatica e Collebeato, Brescia 1920.
  • M. Cattini, M.A. Romani (a cura di), Dalla famiglia contadina all’impresa moderna. Un secolo di agricoltura bresciana (1880-1980), CAB/Grafo, Brescia 1984.
  • Comune di Collebeato (a cura di), Collebeato: cronache di un anno: resoconti della stampa locale, Comune di Collebeato, Collebeato 1991.
  • Cooperativa “La Vela”, Indagine conoscitiva sulla realtà giovanile di Collebeato, Ente Morale “F. Rovetta”, Collebeato 1992.
  • Direzione didattica di Collebeato. Centro permanente di aggiornamento, La Valle Trompia: aspetti geografici e socio-economici, Dispense, Brescia 1971.
  • A. Fappani (a cura di), Enciclopedia Bresciana, Ed. La Voce del Popolo, Brescia 1989, voll. II-X-XIV.
  • A. Fappani (a cura di), Ricordi di una prima messa. Gli anni giovanili di Paolo VI, CE.DO.C., Brescia 1970.
  • S. Ferrari, F. Francesconi, G. Frassine, Palazzo Panciera di Zoppola già Martinengo, Politecnico di Milano, 1996.
  • F. Frassine, Riverisco, sior cürat. Appunti per un iter storico sull’Oratorio bresciano nel XX secolo. Centro Oratori Bresciani, Brescia 2002.
  • P. Guerrini, Collebeato memorie storiche parrocchiali. Per la consacrazione della chiesa e la visita pastorale, Collebeato 1937.
  • P. Guerrini, I Rovetta nel Bresciano, in A. Fappani, (a cura di) Appunti su argomenti diversi: curiosità linguistiche e dialettali, tradizioni e feste, folclore, nomi e luoghi, notizie e personaggi di storia e cronaca. Grafo, Brescia 1980.
  • F. Lechi, Le dimore bresciane in cinque secoli di storia, Brescia, 1974.
  • R. Lonati, Dizionario dei pittori bresciani, Zanolli Editore, Brescia 1980.
  • F. Maffezzoni, Lo sviluppo prudente. Collebeato tra stato di isolamento e politiche di valorizzazione territoriale, Politecnico di Milano, Milano 2003.
  • F. Nardini, Brescia e i bresciani dalle origini al 1945, Editoriale Ramperto, Brescia 1979.
  • F. Nardini, Storia per date dalla preistoria al 1980, Editoriale Ramperto, Brescia 1982.
  • F. Nardini, P. Pierattini, C. Stella, Atlante Valtriumplino, Edizioni Grafo, Brescia 1982.
  • P. Nastasio (collana diretta da), Itinerari nel Bresciano. La storia del territorio, i valori dell’ambiente, Collebeato e il parco delle colline bresciane, Quaderni del Settore Ecologia della Provincia di Brescia, Grafo, Brescia 1999.
  • S. Onger, M.Taccolini (a cura di), Studi di storia moderna e contemporanea, Grafo / La Voce del Popolo, Brescia 2003.
  • B. Passamani, F. Robecchi, Brescia postromantica e liberty, Grafo, Brescia 1985.
  • M. Pezzi, All’insegna del Moro, quasi due secoli di commercio, Ditta Rovetta, Tip. Apollonio&C, Brescia 1963.
  • R. Poinelli, Il Borgo del Papa, Gruppo Editoriale Delfi, Concesio 1997.
  • L. Roncaglio Sacchetti (a cura di), Collebeato: materiali per una storia, Comune di Collebeato, Collebeato 1991.
  • L. Roncaglio Sacchetti (a cura di), Gli anni della paura e della speranza, Comune di Collebeato, Collebeato 1993.
  • F. Rovetta, In memoria del cav. Giuseppe Rigosa, direttore didattico delle scuole elementari di Brescia, vicepodestà di Collebeato nel trigesimo dalla morte, 22 dicembre 1927, Officine Grafiche Lombarde, Brescia 1927.
  • Unione del lavoro di Brescia e Provincia, Patto colonico per i comuni di Gussago, Cellatica, Collebeato e Urago Mella, Brescia 1920.
  • G. Tonna, La massera da bé (di Galeazzo degli Orzi), Grafo, Brescia 1978.
  • G. Zanardelli, Sulla esposizione bresciana: lettere di Giuseppe Zanardelli, Tip. Antonio Valentini, Milano 1857.
  • M. Zane, Pèrsech de Cobiàt. Il frutto della pesca nella storia di Collebeato, Tipolitografia Fiorucci, Collebeato 1996.
  • M. Zane, R. Rossi, Il frutto della pesca. Profumi e sapori della nostra terra, Pro Loco Collebeato, Collebeato 2004.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Collebeato in Open Directory Project, Netscape Communications. (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all'argomento "Collebeato")

lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia