Cologne (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cologne
comune
Cologne – Stemma Cologne – Bandiera
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Brescia-Stemma.png Brescia
Amministrazione
Sindaco Carlo Chiari (lista civica Cambiamo Cologne) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 45°34′00″N 9°57′00″E / 45.566667°N 9.95°E45.566667; 9.95 (Cologne)Coordinate: 45°34′00″N 9°57′00″E / 45.566667°N 9.95°E45.566667; 9.95 (Cologne)
Altitudine 187 m s.l.m.
Superficie 13 km²
Abitanti 7 657[1] (30-09-2013)
Densità 589 ab./km²
Comuni confinanti Chiari, Coccaglio, Erbusco, Palazzolo sull'Oglio
Altre informazioni
Cod. postale 25033
Prefisso 030
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 017059
Cod. catastale C893
Targa BS
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti colognesi
Patrono santi Gervasio e Protasio
Giorno festivo 19 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cologne
Posizione del comune di Cologne nella provincia di Brescia
Posizione del comune di Cologne nella provincia di Brescia
Sito istituzionale

Cologne (Culogne in dialetto bresciano[2]) è un comune italiano di 7 657 abitanti della provincia di Brescia, in Lombardia.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Territorio[modifica | modifica sorgente]

È situato in Franciacorta, ai piedi del Monte Orfano, distante 25 chilometri a ovest dal capoluogo. Il comune di Cologne fa parte della provincia di Brescia, nella regione della Lombardia. Il territorio si estende nella zona ad ovest della provincia, a sud del bacino idrografico del lago di Iseo, all'inizio della pianura bresciana occidentale e congloba a nord il versante occidentale del Monte Orfano, che delimita le colline moreniche della Franciacorta.

Il comune di Cologne è inserito nella regione agraria provinciale n°12 denominata "pianura bresciana occidentale", unitamente ad altri 23 comuni.

Il territorio comunale confina a nord con il comune di Erbusco, ad est con il comune di Coccaglio, a sud con quello di Chiari e ad ovest con il comune di Palazzolo sull'Oglio.

La principale via di comunicazione è la statale n°573 Rovato-Seriate-Bergamo che attraversa il territorio di Cologne da est ad ovest e la strada provinciale n°17 Chiari-Cologne-Adro, che funge da collegamento verticale nord con l'autostrada A4 e sud con l'autostrada A35 (BreBeMi). Altra infrastruttura di comunicazione è la linea ferroviaria Brescia-Bergamo-Lecco, che attraversa il territorio da est ad ovest a fa scalo nella parte sud del comune.

La superficie territoriale del comune di Cologne misura circa 13,83 Kmq, per la maggior parte pianeggiante ad esclusione dell'area a nord che è caratterizzata dalla dorsale occidentale del Monte orfano, per cui la sua altitudine varia dai 168 m. ai 451 m. sul livello del mare.

Presenza idrograficamente importante nel territorio è la seriola "Fusia" e la sua diramazione chiamata "Mirandola", adibite entrambe a scopi irrigui, la prima taglia il comune da ovest a est e la seconda da nord verso sud.

L'abitato urbano si è nel tempo ampliato a macchia d'olio verso sud, ma rimane sostanzialmente composto dal nucleo storico centrale e da due frazioni, ad oggi maggiormente inglobate, denominate "Macina" e "Mirandola", oltre ad un discreto numero di cascine sparse dislocate sul territorio agricolo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Le origini del nome

Il nome della città ha origini latine, poiché durante il dominio Romano, i primi insediamenti della zona venivano chiamati "colonie" (derivato da coloni che lavoravano la terra). Successivamente il nome, esteso a tutta la zona e soggetto alle evoluzioni della lingua, divenne il definitivo Cologne.[senza fonte]

Periodo preromano e romano[modifica | modifica sorgente]

Attraverso i reperti archeologici ritrovati nella zona, risalenti al IV° sec. a.C., possimao iscrivere a quell'epoca la datazione del primo insediamento stabile del futuro comune di Cologne, fondato dalla tribù gallica dei Cenomani, che si stabilirono in queste zone e sul Monte Orfano per controllare la principale via della Transpadana. Brescia infatti era il loro centro amministrativo, militare ed economico più importante. La zona del convento di S.Giacomo risulta essere stata il loro caposaldo principale unitamente a quello posto sulla cima del Monte Orfano. Successivamente, sotto il dominio romano iniziato nel II° sec. a.C. a terminato nel V° sec. d.C., vennero a stabilirsi numerosi coloni che fecero del lavoro agricolo la principale fonte di ricchezza locale. La politica agraria dei romani favorì l'insediamento di nuovo coloni che edificarono diverse cascine, indicate genericamente con il nome di "colonie", il cui nome in epoca barbarica si trasformò nel toponimo attuale di Cologne. Con la decadenza romana e l'invasione dei barbari del V° e VI° sec. d.C. che sconvolsero i luoghi e l'organizzazione romana, il territorio e l'economia attraversarono un lungo periodo di sottosviluppo che si arrestò solo con l'avanzamento dei Longobardi. Tale popolazione insediò il suo centro giuridico-amministrativo principale nella zona denominata ancora oggi "Sala", termine che deriva dalla terminologia longobarda che significava la presenza di un insediamento stabile e solido, dove si versavano e si immagazzinavano le derrate agricolo e il signore amministrava la giustizia. L'epoca longobarda offrì una nuova formulazione giuridica della proprietà fondiaria.

Periodo medioevale e preindustriale[modifica | modifica sorgente]

Durante il medioevo sorse sul monte un convento detto "dei Cappuccini", per secoli centro di cultura, mentre l'agglomerato di modeste dimensioni continuò a prosperare nell'agricoltura fino alla caduta del Sacro Romano Impero nel IX secolo, che portò tempi di miseria e lotte anche in questi luoghi. Alla fine del XI° sec. con le ricorrenti invasioni degli Unni, per necessità difensive anche nella zona di Cologne ad opera dei grossi feudatari si fortificarono i monasteri, i centri abitati, i casolari isolati, le chiese che inoltre erigono torri di osservazione (che poi diventeranno i campanili delle stesse). Solo dopo l'XI° secolo si ebbe un'effettiva ripresa economica, sotto l'impulso dello sviluppo dell'attività agricola che portò ai colognesi miglioramenti anche sociali e politici. la ripresa economica fa si che il centro abitato di Cologne si sviluppi attorno all'antico "castrum" centrale, ovvero il castello Gnecchi, cintato perimetralmente da un fossato. Dalla seconda metà del XII° sec. iniziò la crisi dei comuni liberi con l'inizio di lotte che portarono ad un lungo periodo di guerre fra Brescia e Bergamo per questioni territoriali. Le guerre si susseguirono fino al XIV° sec. quando iniziò una lenta ripresa di ricostruzione politica ed amministrativa. Ciò fu grazie anche alla realizzazione della roggia "Fusia" tra il 1343 e il 1347 ad opera degli Olofredi, che favorì la costruzione di mulini e lo scambio di merci.

Nei secoli successivi la sorte di Cologne seguirà sempre quella di Brescia, con le dominazioni venete, napoleoniche ed asburgiche.

Il campanile di Cologne risale al 1514 e proprio nel 2014, in data 7 settembre, si sono festeggiati i 500 anni della costruzione. Proprio attorno alla data del 1514 con l'assestamento politico e territoriale, in Cologne viene edificata la prima chiesa parrocchiale con la relativa torre di osservazione, come già scritto.

Il Novecento[modifica | modifica sorgente]

Analizzando le tavole del catasto napoleonico (1809-1864) si nota come l'insediamento abitativo di Cologne fosse composto da un nucleo insediativo situato ai piedi del Monte Orfano, che si sviluppa principalmente intorno alla chiesa parrocchiale, oggi l'attuale centro storico; un secondo raggruppamento di cascine dislocate lungo i piedi del Monte in direzione Coccaglio e Rovato, tale zona è denominata "Cadamocco"; un terzo nucleo abitativo situato nella zona detta la "Sala", in prossimità del canale della "Fusia"; oltre le cascine sparse nella campagna. Tale assetto urbanistico rimane pressoché invariato fino al secondo dopoguerra andando a confrontare le mappe del catasto napoleonico con quelle del 1935 si può vedere che i complessi sorti in quegli anni sono di tipo abitativo e vanno ad inserirsi nelle suddette tre aree che componevano il paese. L'unico edificio sorto in questo periodo che avrà rilevanza di tipo sociale è l'attuale scuola materna S.Antonio, infatti era il 1911 quando si sono aperte le porte della scuola, nata come asilo e mensa per i poveri e per i bambini della scuola stessa. La gestione fu affidata alle suore e lo è tutt'oggi. Per quanto riguarda la scuola elementare, l'unico edificio esistente risale al 1934 e ripristinato nel 1946 in seguito ai danni subiti durante la guerra. L'edifico venne in seguito ampliato nel 1963 e nel 1977. Da questo periodo l'edilizia in generale vede un incremento notevole e sorgono numerose villette e negli anni '50 le prime case popolari su iniziativa comunale.

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, Cologne ha cominciato a svilupparsi nei settori artigianale e della piccola industria, favorendo uno spostamento della popolazione dal settore agricolo a questi. Ciò ha avuto un forte effetto sulla crescita del paese e della sua popolazione, che negli anni ha portato ad un consolidamento della sua posizione sul territorio, complice anche la posizione lungo l'asse Brescia-Bergamo-Milano. Il tessuto urbano, adeguatosi nel tempo alle nuove esigenze, permette oggi collegamenti veloci con i comuni limitrofi quali Palazzolo sull'Oglio, Rovato e Chiari.

Nel 1967 si approva il primo strumento urbanistico, il Piano di Fabbricazione, le cui linee segneranno in modo profondo e per certi versi definitivo lo sviluppo urbanistico del paese. La nuova edilizia residenziale è concepita soprattutto per villette unifamiliari con qualche raro esempio di palazzina con massimo tre piani. Lo stesso per i vecchio nucleo dove si notano edifici di norma su due o tre piani. Il Piano di Fabbricazione tiene particolarmente bassi tanto il numero di piani quanto la densità edilizia. Già in questi anni inoltre alcune ditte locali avevano assunto proporzioni di piccole industrie e nasce quindi la necessità di destinare alcune aree a zone industriali vere e proprie. L'ubicazione di tali zone fu indirizzata a sud della statale e un'altra ad ovest del paese. In questi anni si realizzano anche alcune nuove strutture come la casa di riposo, ampliata nel 1969 e costruito l'ambulatorio comunale; nel 1972 viene edificata la scuola media e quasi contemporaneamente la nuova piazza Europa con la fontana ed edifici annessi; nel 1978 iniziano i lavoro di costruzione dell'asilo comunale e dal 1980 su due aree del comune vengono realizzati su iniziativa dell'amministrazione i villaggi "Vigorelli" e "Mandorleto". Nel 1984 viene approvato il nuovo strumento urbanistico, il Piano Regolatore Generale, che segue le indicazioni ormai chiaramente tracciate dallo strumento precedente, andando ad individuare le nuove aree di insediamento residenziale collegando le zone già edificate. Si destinano ampi spazi a Piani di Lottizzazione in modo da facilitare la realizzazione di servizi necessari ai nuovi insediati. Questo strumento urbanistico è stato fatto oggetto di una variante approvata nel 1990 che ha introdotto i Piani di Recupero per le aree industriali dismesse presenti nel centro del paese e per altri complessi in modo da consentire una riqualificazione. Ha inoltre introdotto il Piano Particolareggiato per l'area dismessa dove sorgeva l'Edera.

Società[modifica | modifica sorgente]

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti[3]

Persone legate a Cologne[modifica | modifica sorgente]

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Sport[modifica | modifica sorgente]

Calcio[modifica | modifica sorgente]

La principale squadra di calcio della città è G.S.O. Cologne Calcio che milita nel girone E lombardo di Seconda Categoria.

Pallamano[modifica | modifica sorgente]

Esiste anche una squadra di pallamano (pallamano cologne) che milita nella serie A2 nazionale e una società l'handball franciacorta che si occupa del settore giovanile arrivando fino all'under 14 (13-14 anni).

Pallavolo[modifica | modifica sorgente]

Il Cologne vanta anche varie squadre di Pallavolo che partono dal Minivollei (dai 6 anni) fino alla seconda divisione sia maschile che femminile.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 settembre 2013.
  2. ^ Toponimi in dialetto bresciano
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Lombardia