Paratico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima associazione medievale, vedi Corporazioni delle arti e mestieri.
Paratico
comune
Paratico – Stemma
Paratico – Veduta
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Brescia-Stemma.png Brescia
Amministrazione
Sindaco Tengattini Carlo[1] (lista civica Paratico Futur@) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 45°39′40″N 9°57′12″E / 45.661111°N 9.953333°E45.661111; 9.953333 (Paratico)Coordinate: 45°39′40″N 9°57′12″E / 45.661111°N 9.953333°E45.661111; 9.953333 (Paratico)
Altitudine 234 m s.l.m.
Superficie 6,18 km²
Abitanti 4 511[2] (30-03-2013)
Densità 729,94 ab./km²
Comuni confinanti Adro, Capriolo, Credaro (BG), Iseo, Sarnico (BG), Villongo (BG)
Altre informazioni
Cod. postale 25030
Prefisso 035
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 017134
Cod. catastale G327
Targa BS
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti paraticesi
Patrono Santa Maria Assunta
Giorno festivo 15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Paratico
Posizione del comune di Paratico nella provincia di Brescia
Posizione del comune di Paratico nella provincia di Brescia
Sito istituzionale

Paratico (Paràdech in dialetto bresciano[3]) è un comune italiano di 4 511 abitanti[4] della provincia di Brescia all'estremità meridionale del Lago d'Iseo, in Lombardia.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Torre Lantieri, Paratico

Le origini di Paratico sono molto antiche, come testimoniano i resti di insediamenti palafitticoli in riva al lago, risalenti al 2000 a.C. Dopo l'anno Mille, Paratico vide sorgere il castello della famiglia Lantieri, signori del luogo. Esso fu quasi interamente smantellato ai primi del Cinquecento. Oltre all'agricoltura ed alla pesca, ebbero una certa importanza l'attività tessile e quella estrattiva (cave di pietra arenaria).

Secondo un'antica tradizione confermata dalla Cronaca della Famiglia Lantieri de Paratico, presso il castello Lantieri soggiornò Dante Alighieri, che poi usò l'immagine del castello di Paratico per la descrizione del Purgatorio nella sua Divina Commedia.[5]

Dopo che nel 1876 fu completata la ferrovia Palazzolo-Paratico, la cittadina divenne punto di scambio delle chiatte che trasportavano i vagoni ferroviari dei prodotti siderurgici provenienti da Lovere.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[6]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1999 2004 Tengattini Carlo lista civica Sindaco [7]
2004 2009 Tengattini Carlo lista civica Sindaco [8]
2009 2014 Venturi Maria Giulia lista Paratico futur@ (lista civica) Sindaco [9]
2014 in carica Tengattini Carlo lista Paratico futur@ (lista civica) Sindaco [1]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Sono presenti sul territorio comunale svariate associazioni sportive, tra le principali:

Polisportiva Paratico[modifica | modifica wikitesto]

La Polisportiva Paratico è la società sportiva attiva nel calcio e nella pallavolo.

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La principale squadra di calcio della città è l' A.C.D. Paratico 2009 che milita nel girone A bresciano di 3ª Categoria. È nata nel 2009.

Atletica[modifica | modifica wikitesto]

La società sportiva dell'atletica leggera è l' Atletica Paratico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Sito del Ministero degli interni. URL consultato il 26-05-2014.
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2011.
  3. ^ Toponimi in dialetto bresciano
  4. ^ Bilancio demografico Istat al 30/06/2011. URL consultato il 22 novembre 2011.
  5. ^ Fonte: Sito ufficiale del comune di Paratico. URL consultato il 29-06-2014.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ Sito del Ministero degli interni. URL consultato il 26-05-2014.
  8. ^ Sito del Ministero degli interni. URL consultato il 26-05-2014.
  9. ^ Sito del Ministero degli interni. URL consultato il 26-05-2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia