San Gervasio Bresciano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Gervasio Bresciano
comune
San Gervasio Bresciano – Stemma
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Brescia-Stemma.png Brescia
Amministrazione
Sindaco Giacomo Morandi (lista civica San Gervasio) dal 26/05/2014
Territorio
Coordinate 45°18′26″N 10°08′58″E / 45.307222°N 10.149444°E45.307222; 10.149444 (San Gervasio Bresciano)Coordinate: 45°18′26″N 10°08′58″E / 45.307222°N 10.149444°E45.307222; 10.149444 (San Gervasio Bresciano)
Altitudine 57 m s.l.m.
Superficie 10,5 km²
Abitanti 2 502[1] (30-06-2011)
Densità 238,29 ab./km²
Comuni confinanti Alfianello, Bassano Bresciano, Cigole, Manerbio, Milzano, Pontevico
Altre informazioni
Cod. postale 25020
Prefisso 030
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 017172
Cod. catastale H865
Targa BS
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti sangervasini
Patrono Gervasio e Protasio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Gervasio Bresciano
Posizione del comune di San Gervasio Bresciano nella provincia di Brescia
Posizione del comune di San Gervasio Bresciano nella provincia di Brescia
Sito istituzionale

San Gervasio Bresciano (San Gervàs in dialetto bresciano[2]) è un comune italiano di 2 502 abitanti[3] della provincia di Brescia, in Lombardia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origine del nome

Il Mazza (1986) riporta due ipotesi sulle origini del toponimo. Nella prima, esso deriva dal santo milanese Gervasio, martirizzato con il fratello Protasio. La seconda sostiene che il toponimo fu assegnato in epoca medievale dall'abbazia vallombrosana di San Giacomo al Mella che disponeva di alcune proprietà in zona[4]

Secondo Mazza (1986), i ritrovamenti in loco di epoca romana fanno ritenere probabile la presenza di un insediamento di tale epoca. Sulla base della ricostruzione del Tozzi (1972), a nord del centro abitato attuale passava il 41º decumano, mentre il 26º cardine passava nei pressi[4].

La zona iniziò ad essere abitata dal VII secolo, con la formazione di una corte nelle attuali località di Casacce e Baite[4].

La maggior parte del territorio fu proprietà del capitolo della cattedrale di Brescia, fino al 1797, quando tali beni furono incamerati e venduti dalla Repubblica Cisalpina[5].

Il comune si organizzò nel XV secolo. Nel 1427 giurò fedeltà alla Repubblica di Venezia[4].

Il 1º marzo 1447 il paese subì il saccheggio da parte degli eserciti viscontei; fu occupato brevemente dai milanesi nel giugno 1452, per poi essere liberato dall'esercizio veneziano l'anno seguente[4].

Nel XVI secolo, risulta presente a Roma una colonia di alcuni mercanti provenienti da San Gervasio, tra i quali Bartolomeo Zanca, Defendente Beltrame e Paolo Loda[4].

Al Quattrocento risalgono le origini della famiglia Sangervasio, il cui ultimo discendente, Gerolamo, resse il comune di Brescia durante le Dieci giornate[4].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa parrocchiale dei Santi Gervasio e Protasio[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio originario risale al XVII secolo; fu poi ristrutturato alla fine dell'Ottocento e nel 1940.

Gli affreschi sono riconducibili a due periodi: quelli del 1895-99 sono opera di Luigi Gainetti, mentre quelli 1940 sono di Vittorio Trainini. Sono presenti due croci astili: una del XV secolo e un'altra del XVII secolo[6].

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 549 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2011.
  2. ^ Toponimi in dialetto bresciano
  3. ^ Bilancio demografico mensile anno 2011. URL consultato il 22 novembre 2011.
  4. ^ a b c d e f g Mazza (1986), p. 263
  5. ^ Mazza (1986), p. 263-264
  6. ^ Mazza (1986), p. 264
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Attilio Mazza, Il Bresciano - Volume IV. La pianura, Bergamo, Bortolotti, 1986, pp. 263-264. ISBN non esistente.
  • Pierluigi Tozzi, La romanizzazione del bresciano in Storia padana antica. Il territorio fra Adda e Mincio, Milano, Ceschina, 1972, pp. 73-136. ISBN non esistente.
lombardia Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lombardia